Creato da kiwai il 24/12/2009

c'è tutto un mondo..

impressioni di un aborigeno della Nuova Guinea

 

 

“se tu andrai a san francisco .. raccogli un fiore e portalo con te ..” (S. Mc Kenzie)

Post n°1245 pubblicato il 24 Luglio 2016 da kiwai

 

 

 

"L'inceneritore? Qui non lo faranno mai, dovranno passare sul cadavere di Pizzarotti" 

diceva Beppe Grillo a Parma circa 4 anni fa.

L'inceneritore si è fatto, Pizzarotti non è un cadavere ma un fantasma, sospeso nel limbo dal MoVimento 5 stelle … e a Roma ?

la sindaca Virginia Raggi nomina assessore all'Ambiente Paola Muraro  …

“Perché per noi Roma verso rifiuti zero non è uno slogan, bensì un obiettivo ambizioso e raggiungibile"

 

Il curriculum della Muraro racconta la laurea in Scienze Agrarie, precedenti stagioni quale collaboratrice di giunte di centrosinistra, la presidenza di ATIA-ISWA Italia (associazione in cui sono presenti i massimi costruttori e gestori di inceneritori e discariche in Italia) e di 10 anni come consulente per l’Ama ... insomma:

il “nuovo” e il “diverso” che avanza  !!!

 

Ma le “contraddizioni” non finiscono qui:

se per Virginia Raggi la Muraro sarebbe la donna giusta per importare a Roma il “modello San Francisco”…

ovvero il progetto Rifiuti Zero, di cui uno dei massimi “esperti” è tal Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Europe, (ha vinto il Goldman prize 2013 - il Nobel dell'ecologia - a SanFrancisco), e guru di Pizzarotti ... 

bisognerebbe capire perché Massimo Piras, presidente di Zero Waste Lazio, ha lanciato una petizione per chiedere che non sia Paola Muraro il nuovo assessore all'ambiente:

"Una scelta sbagliata e ingiustificabile da qualunque punto di vista".

UN VERO ASSESSORE "RIFIUTI ZERO" PER ROMA:
NO INCENERITORI! NO A PAOLA MURARO!

 

Al di là dello scarso successo della petizione (1.089 sostenitori) ... il “modello San Francisco” ovvero il progetto Rifiuti Zero non è stato realizzato in nessuna parte del Mondo !!!

 

E proprio la Muraro, in polemica con Ercolini, nel 2014 si è espressa così:

“San Francisco ha deliberato nel 2000 di voler raggiungere l’obiettivo Rifiuti Zero nel 2020, ma ad oggi, pur avendo posto in atto un eccellente sistema di recupero di materie attraverso una efficace raccolta differenziata, smaltisce in discarica ogni anno poco meno di 500 kg di rifiuto per ogni suo abitante: più del doppio di quanto viene smaltito in Italia. Ciò dimostra che un sistema virtuoso come quello di San Francisco non può rinunciare agli impianti di smaltimento, a supporto di quelli di recupero.”

 

Insomma siamo alle solite, la guerra dei lunghi coltelli imperversa … all’ombra dell’ennesima “bufala mediatica”: il modello San Francisco …

per coglionare gli ecologisti, continuare a carezzare le lobbyes dello smaltimento e …

se avanza tempo, raccogliere la “monnezza”!!!

 

 

 
 
 

RIFLESSIONE … estiva (PESANTISSIMA)

Post n°1244 pubblicato il 14 Luglio 2016 da kiwai


Ahi! Ahi! Ahi! Si avvicina il mio ennesimo compleanno … no, non così presto, a dicembre … ma oggi mi è sorto il dubbio di “invecchiare” …

Bella scoperta – direte voi – guarda caso succede a tutti … lo so, ma l’invecchiamento che mi spaventa è quello delle idee ..

Sto scoprendo di essere progressivamente più lontano dalle mie idee radical-libertarie di gioventù …

Se parlo di immigrazione, lungi dal ritenermi razzista (conosco decine di “immigrati” onesti e lavoratori, migliori di tanti italiani) non riesco a condividere il “buonismo ecumenico” pretesco e sinistrorso e condivido, senza mezzi termini, la necessità di fermare questo esodo, eliminandone o quantomeno riducendone le cause “a casa loro” …

Se penso all’escalation del terrorismo islamico (e non “islamista” come vorrebbero i soliti intellettuali del menga) mi chiedo cosa diamine si aspetta per cacciare a pedate certi barbuti predicatori di odio, perché si vanno a “salvare” (con i soldi pubblici) due stronze fiancheggiatrici dell’Isis .. e perché il gesuita porta in Vaticano siriani mussulmani anziché cristiani …

Se rifletto sulla mia “fede europeista” mi prendono conati di vomito antigermanico e esulto per la Brexit..

Quando poi penso che se faccio un bonifico a mio figlio devo temere un controllo “anti-riciclaggio”, giustificare la provenienza dei “miei” soldi .. e, tra non molto, comprarmi le sigarette solo col bancomat … beh m’incaz.. davvero.

Sto diventando reazionario?

Forse ..

Ma anche se non ho mai creduto ai complotti internazionali tipo “piano Kalergi” … al Grande Fratello di orwelliana memoria … alla Sinarchia giudaico-massonica, ecc … forse qualche riflessione è necessaria.

È un fatto che da tempo e progressivamente in termini più esasperanti, è in atto una migrazione di milioni di “disperati” che si riversano nelle città europee creando instabilità sociale.

Cui prodest?

Certo, nell’immediato, ai trafficanti di uomini, alla losca genia degli sfruttatori “istituzionali” (cooperative e Caritas in testa) e a quel “mondo di mezzo” che confina tra corruzione e malavita .. ma in prospettiva ?

L’immigrazione clandestina non è semplicemente la conseguenza di regimi post-coloniali inetti ma anche di politiche post-colonialistiche europee che, attraverso dittatorelli compiacenti, hanno privato quei paesi delle risorse primarie lasciandoli devastati e impoveriti, tutti i paesi di quello che chiamiamo il Terzo Mondo sono soffocati dalla povertà e dai debiti:

è un dato di fatto!

Già i debiti … Ma debiti neiconfronti di chi?

Ovviamente della longa mano dell’Alta Finanza Internazionale, rappresentata dalle grandi istituzioni bancarie occidentali:
Fondo Monetario Internazionale, WTO, Banca Mondiale, ecc..

Il FMI, nato con lo scopo ufficiale di favorire lo sviluppo dei paesi poveri, si è rivelato negli anni per quello che realmente è:

lo strumento principe della finanza internazionale per indebitare sempre più i paesi che ne chiedono l’aiuto.

Quando uno stato (non solo del Terzo Mondo) non riesce a pagare i propri debiti alle banche, interviene il FMI (ovviamente per salvare le banche), il quale costringe i governanti, siano essi dittatori o meno, ad una politica basata su privatizzazioni, “riduzioni della spesa” rectius “riduzione dei servizi” (sanità, istruzione, terziario, ecc.) e svalutazione monetaria.

Politiche che finiscono per indebitare sempre più il paese. Ne sa qualcosa la Grecia …

Le conseguenze finali di queste operazioni di strozzinaggio legalizzato sono inevitabilmente:

nei paesi industrializzati:inflazione, disoccupazione, crisi economiche;

nei paesi più degradati: fame, guerre ed… emigrazione!

Ma non basta …

E’ risaputo che quanto più una società è tenuta sotto una campana di paura del futuro, alimentata quotidianamente da violenze gratuite, terrorismo, rapine, stupri, ecc., tanto più le persone sono manipolabili e controllabili ed accettano di esserlo.

Il terrorismo islamico, il Male per antonomasia, in tutto questo s’inserisce alla perfezione.

Il panico che i kamikaze e le loro bombe stanno veicolando, viene sfruttato per far passare leggi restrittive sempre più severe, guarda caso, nei confronti delle libertà civili delle persone normali. 

Telecamere ovunque, controllo di internet, della posta elettronica, dei messaggi SMS, delle telefonate, dei fax, dei nostri soldi, fino al prelievo coatto della saliva (se siete onesti di cosa vi preoccupate?) .. e poi fermo di polizia fino a 24 ore senza avvocato, maggiori poteri all’esercito, ecc. ecc.

Ma queste leggi, sono leggi che limiteranno le nostre libertà o quelle dei delinquenti e dei terroristi?

 

 

 

 

 
 
 

.. IL NUOVO CHE AVANZA

Post n°1243 pubblicato il 11 Luglio 2016 da kiwai

 

 

Questo video l’avrete visto tutti … ma la sindaca grillina ha voluto verificare di persona i fatti ripresi dal filmato.

Adeguatamente scortata dai soliti pennivendoli, previo spot su Faccialibro, la sindaca non si è fatta sfuggire l’occasione “mediatica” e ha snocciolato il frasario di circostanza:

"Abbiamo chiamato immediatamente l'Ama, abbiamo spostato i cassonetti e stiamo ripulendo l'area: nei prossimi giorni la faremo bonificare e derattizzare"

"Non abbiamo la bacchetta magica ma bisogna iniziare e quindi ci stiamo preparando per l'emergenza topi, per quella serpenti … vorrei capire quali sono i problemi ed affrontarli in maniera organica.

Siamo arrivati a questo stato di degrado perché finora ci sono stati solo interventi spot"

Poi l’astuta “soluzione” e qualche velata minaccia:

"A chi crede di poter trattare Roma come una pattumiera consiglio prudenza, perché nei prossimi giorni con la giunta metterò al vaglio l'ipotesi di un duro incremento delle sanzioni nei confronti di chi si macchia di comportamenti lesivi per le persone e l'ambiente e di renderle effettive mediante sistemi di videosorveglianza e la collocazione di controllori nelle aree più complesse".  

Quanto alle multe (aumentate fino a 500 € dal commissario Tronca con un'ordinanza di gennaio), invece di minacciarle ai romani, le facesse all’AMA ..

quanto a “capire quali sono i problemi” …leggesse i giornali che ormai da anni denunciano l’invasione di topi sia in periferia che nel centro storico.

Già da gennaio era partito il piano supplementare di derattizzazioni richiesto ad Ama dal commissario straordinario Tronca, per rendere Roma “presentabile” nei primi mesi del Giubileo … 

Topi vengono segnalati soprattutto nella zona di Prati ... già mesi fa, l'emergenza era scoppiata coinvolgendo Trastevere e Campo de' Fiori ...

Il 2 marzo scorso, proprio a causa dei topi, era stato addirittura chiuso uno degli sportelli della biglietteria di fronte al Colosseo, dove i turisti fanno il ticket d'ingresso per visitare Palatino e Foro … 

Insomma le attività di derattizzazione sul suolo e negli edifici pubblici della città di Roma che sono in capo al Servizio Derattizzazioni del Dipartimento per la tutela ambientale di Roma Capitale ... sono un successo !!! 

Non c’è molto da “studiare” per capire che il problema è RACCOGLIERE I RIFIUTI … ma soprattutto sapere dove portarli e come smaltirli.

Gli impianti di trattamento di Rocca Cencia e Salaria da cui passa circa la metà dell'indifferenziato prodotto da Roma, lavorano a scartamento ridotto ...

i due Tmb (impianti di trattamento meccanico-biologico) di Malagrotta da cui passa l'altro 50 per cento di indifferenziato, hanno le aree di stoccaggio piene !!! 

Morale: di notte si formano lunghe file di camion all’ingresso …
e la raccolta si ferma.

L’Ama continua a sostenere che la raccolta differenziata in due anni è arrivata al 45% ma è facile trovare i cassonetti stracolmi e rifiuti per strada … anche perché quel “genio” di Marino, nel cercare di portare la differenziata al 50%, ha drenato personale dalla pulizia delle strade per metterle sulla differenziata.

Così a Roma si accumulano i sacchi di immondizia e il degrado invade persino i parchi pubblici del tutto abbandonati dopo che il bando sul servizio giardini è stato annullato a seguito dell’inchiesta di Mafia Capitale. 

Per fortuna ci sono i Rom … che appiccano il fuoco per bruciare i rifiuti che hanno sottratto dai cassonetti sparsi per Roma, oppure per smaltire, dietro compenso, quei mobili e quegli elettrodomestici che gli italiani lasciano nel loro campo … bruciano rifiuti tossici inquinando l'aria di diossina …

ma il fuoco serve ad estrarre il rame che i rom rubano dagli impianti d'illuminazione pubblica (è uno dei motivi per cui un lungo tratto del Grande Raccordo Anulare è al buio da ormai svariati mesi) e l'Ama spenderà 600mila euro per ripulire i campi dai residui tossici ….  

 

 
 
 

- UNO

Post n°1242 pubblicato il 06 Luglio 2016 da kiwai

 

 

Si, manca solo un giorno alla sospirata presentazione al globo terracqueo della “squadra” grullina: la lista degli assessori che dovrebbero costituire il governo di Roma.

Era già successo dopo la disgraziata elezione dell’allegro chirurgo … settimane di silenzi urlati e clangore di lunghi coltelli nelle ovattate stanze del potere pidiota … poi finalmente i nomi e la rapida putrefazione di una giunta tanto tronfia quanto corrotta e incapace.

Siamo alle solite, è cambiata la sede della macelleria, ma la scena è identica …                            

i professionisti dell’Anticasta hanno sfoderato le tipiche armi della Casta e dato inizio alla solita mattanza di veti incrociati tra fazioni correntizie ..  
le teste hanno cominciato a cadere ancor prima delle nomine, fatto che, per ora, costituisce l'unica effettiva
“diversità” del Movimento Cinque Stelle.

Per il resto,con inaspettata velocità, all’ombra del “MiniDirettorio”, si stanno ripetendo le più vecchie e vergognose tradizioni del sottopotere partitico da manuale Cencelli, condite di scissionismo gruppettaro, riciclaggio di ex (dall'uomo di Alemanno, alla assessora di Marino, al pupillo di D'Alema), risse tra correnti e mini-correnti (Di Battista, Di Maio, Taverna, Lombardi ..) guerre di dossier e – dulcis in fundo - dilagante Parentopoli  …

come “nuovo” che avanza, non c’è male !!!

A giustificazione del “ritardo” qualche Grullo si è affannato a spiegare:
“Non troviamo nessuno perché 67mila euro lordi l'anno sono troppo pochi per fare l'assessore”.

Ma la triste verità che sta emergendo è che, sulla clamorosa velleità politica, si è innestata una lotta intestina feroce e una faida tra fazioni …
che nessuno ci farà vedere in streaming.

More solito, buche, monnezza e degrado … possono aspettare.

 

 
 
 

SI SCRIVE BREXIT … SI LEGGE BASTIGLIA

Post n°1241 pubblicato il 01 Luglio 2016 da kiwai

 

 

Mio padre diceva sempre:“se penso che il mio voto vale quanto quello di una capra semianalfabeta … mi viene l’orticaria!”
Ma ha sempre combattuto per le sue idee, rispettando quelle degli altri. 

Insomma aveva ragione Winston Churchill:

«La democrazia è la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte le altre»

Lo so, è banale e lo hanno detto in molti … le dichiarazioni dei vari napolitano, prodi, monti (lo scrivo volutamente in minuscolo, perché li considero “uomini minuscoli”) sono abberranti:
"Bisogna impedire ai cittadini di votare su questioni importanti"

Però mi sorge spontanea la domanda:
ma se lor signori ci sollecitano puntualmente a “partecipare al voto” in occasione delle elezioni (quando bontà loro ce le concedono)  e ci chiamano a decidere chi debbano essere i “nostri” rappresentanti …
vuol dire che NON si tratta di “questioni importanti” ???

DIREI PROPRIO DI SI …  

Certo, loro ci chiamano “cittadini” ma ci considerano “sudditi”… e, si sa, i sudditi devono obbedire alla volontà dei Principi.
Il vero problema è che questi “principi” non sono tali per volontà divina .. ma, purtroppo, anche (ma solo in parte) per volontà del “popolo” … almeno così ci raccontano che sia. 

Nella Francia del 1789 furono convocati gli “Stati Generali”: l’assemblea dei “rappresentanti” del Popolo francese …
noi, quegli Stati Generali li abbiamo istituzionalizzati e resi permanenti chiamandoli “Parlamenti” …   

Forse è ora di “istituzionalizzare” anche la Presa della Bastiglia?  

Un Robespierre (de noantri) già lo abbiamo … i Sanculotti (senza braghe e senza cervello) pure … non resta che ghigliottinare (metaforicamente) questi parrucconi dell’ancien regime ... poi si vedrà.

 

 
 
 
Successivi »
 

 

.

 
 

 

 

 

 

MI TROVI ANCHE SU ..

 

ULTIME DA SARCHIAPONICON

Caricamento...
 

 

   DA NON PERDERE ..  

 

AREA PERSONALE

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ormaliberasybilla_cpierinolapeste7Vince198avvbiakiwaifedigrafo1edilaliceLady_Juliettearchspeareelektraforliving1963angi2010liberalminddeteriora_sequordesaix62
 

ULTIMI COMMENTI

       

 

CUBA LIBRE

QUANTO COSTA
LA LIBERTA'???




La morte di un prigioniero di
coscienza, una persona in
carcere per le sue idee, senza
aver commesso alcun reato.
Orlando Zapata Tamayo,
42 anni, fù arrestato durante
la primavera del 2003 e condannato
a tre anni di carcere.
Durante la prigionia a causa della
sua attività di dissidenza nel
carcere, gli furono aggiunti altri
anni di detenzione fino a un totale
di 30 anni di reclusione.
BASTA YA!

 


 

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani  
ARTICOLO 19  
Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione; questo diritto include la libertà di sostenere opinioni senza condizionamenti e di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo ai confini.