Creato da erinn78 il 28/11/2004

Città-ragnatela

Sospesa sull'abisso, la vita degli abitanti di Ottavia é meno incerta che in altre città. Sanno che piú di tanto la rete non regge.

 

« Facciamo un giocoPiedi »

Il respiro del fiume

Post n°777 pubblicato il 16 Luglio 2009 da erinn78

Era iniziato tutto molto tempo prima che noi arrivassimo, prima ancora che gli alberi diventassero alti e grossi e nodosi.
Nello spazio di una notte, il paese era stato sollevato. Come se due mani enormi avessero scavato, gli avessero rubato la terra da sotto il sedere. Fra i più anziani tutt'oggi c'è ancora chi giura di aver visto, quella notte, gli occhi della strega Malina brillare lontano, in fondo al bosco. Ma si sa come sono i vecchi. Soprattutto Bianco, che ha qualcosa da dire su tutti. Ma questa è un'altra storia. 
Fatto sta che al mattino si erano ritrovati tutti sospesi. Tutti.
Le barche con le carene all'asciutto, le case e le botteghe, e i gatti della giovanissima Tedesca, gli unici del paese, con le zampe impigliate fra i lacci brillanti di questa ragnatela spaventosa. Le maglie non li avevano trattenuti ed erano caduti nell'abisso. Da allora non c'è più un solo gatto ad Ottavia. Così va la vita.

Il paese si era spento per un po'. Si era provato a riorganizzare la città spostandola oltre i limiti della ragnatela, ma questa ogni notte cresceva e si posizionava sotto le case, mangiando la terra e bevendosi l'acqua, finchè non ci si era arresi e si era cominciato a conviverci. Lei si era assestata, ingrossandosi come i tronchi degli alberi, sostenendo la vita degli abitanti, e cullandola.
Di tanto in tanto da lì passava un venditore ambulante o un arrotino, ma si era sospettosi con gli stranieri, scostanti. Di solito andavano via subito. Chi restava spariva nel giro di niente.
Solo il padre di Fernando era rimasto. Forse perché poco dopo il suo arrivo la bionda Oli aveva cominciato a vomitare, e la ragnatela non voleva i suoi bimbi andassero via.

Qualche tempo dopo era tornata anche l'acqua. Il gorgoglìo del fiume tormentava gli abitanti giorno e notte, finché anche lui non si era quietato.
Bollicine affioravano solo ogni tanto, a dar l'illusione che fosse abitato, producendo un suono leggero che risuonava per tutto il paese, insinuandosi fra le lenzuola stese, fra i gerani sui balconi come un sospiro trattenuto, talvolta cupo ansimare di strega.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

Citt-ragnatela

 
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.
 
Citazioni nei Blog Amici: 92
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marziatudiscoelviprimobazarandrew_mehrtensIlGrandeSonnoche_rideresundropBiosbiosTsukiNoSakurastheilRediBastonipunksenzadyomaddalena.zfabpjgianmaria_bottonipantarei77
 

website stats

 

ULTIMI COMMENTI

Vabb che ci scriviamo su FB, ma ti ricordi ancora di...
Inviato da: radiofreccia64
il 24/11/2014 alle 16:43
 
Una vita fa. Il fatto che mi ricordi ancora la password ...
Inviato da: il_giunco_mormorante
il 21/05/2014 alle 23:37
 
e per correttezza, sappi che quella "donna"...non...
Inviato da: nessuno
il 28/04/2014 alle 14:59
 
bacio x sempre ...
Inviato da: occhiodivolpe2
il 09/04/2014 alle 11:54
 
Grazie!
Inviato da: Une affaire de got
il 10/01/2014 alle 15:42
 
 
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

FACEBOOK

 
 

CATANIA

 

VOLEVO DIRE CHE

Qualsiasi analogia con fatti o luoghi non é casuale. Io conosco quella gente, ne amo i pregi e detesto tutto il resto.
Mura ovviamente sono io. E Muto, Bertuccia e Gibbone, Ermenegildo, Lesby, la Tedesca, Bakhum che voleva una moglie bionda, Crosti, Fernando con le sue parole che sono musica. Esistono e non sanno che una sola loro parola ha creato un angolo di Ottavia.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom