Benvenuti!

Toglimi il pane, se vuoi, toglimi l'aria, la luce, la primavera, ma non togliermi il tuo sorriso mai, perché io ne morrei. (P.N.)

 

equazioni dell'amore
mani

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 91
 

NO!

No violence..

 

UN BLOG PARTICOLARE

 

« Navigando...Un senso... »

Pensieri in una domenica di sole

Post n°1915 pubblicato il 12 Maggio 2024 da Vince198

 

dopo l'innamoramento..

 

L’amore per … Socrate.

Com’è noto, Socrate non lasciò alcuno scritto, tutto quello che sappiamo di lui ci è stato tramandato da Platone e a quest’ultimo, per chi vuole, va indirizzata la nostra attenzione. A quel tempo in questo tema ci furono spesso dispute molto “accalorate” in cui i partecipanti espressero il loro pensiero, allora come oggi, l’essenza più importante, irrinunciabile della vita stessa, proprio di tutta la vita.

Il pensiero di questo grande filosofo ateniese, in questo argomento, lo si potrebbe riassumere nell’affermazione che segue:

«Io so di non sapere, ma ho episteme dell’Amore… perché me l’ha insegnato una donna.»

Giusto per chiarire la parola «episteme» significa una conoscenza che vive di sé stessa, rifulge di luce propria, non ha bisogno di nient’altro!

C’è di che restare stupefatti che in un mondo (allora  molto più di oggi) in mano agli uomini, dove il genere femminile è stato niente di più distante dal pensiero filosofico e dalle riflessioni sul mondo, in quanto  avvicinato più alla … pazzia che al pensiero logico, ecco che Socrate sull’amore accende un faro, una luce che illumina una donna: Diotima di Mantinea , sacerdotessa che educò il giovane Socrate alle vie dell’Amore.

La leggenda di quel tempo narra che ai festeggiamenti per la nascita di Afrodite, dea della bellezza, parteciparono, fra i tanti, due personaggi:

Poros (Ingegno) e Penìa (Povertà).

Dall’unione dei due nacque Eros, che per esser stato concepito durante la festa di Afrodite, è per sua natura amante del bello. Però, sempre secondo Socrate, nella similitudine di quegli “attori”, l’amore non è sempre rose e fiori, semmai spesso e volentieri è anche aspro, percorrenza di vie difficili che mettono alla prova la consistenza di quel sentimento.

In altri termini per Socrate l’amore è simile a un ponte tra “l’uomo e il caos”, tra la miseria dell’essere vivente e la potenza del divino.

Quando ci si innamora ci si può trasformare ed è forse questo motivo che cerchiamo nell’Amore: dissiparci per un attimo per tuffarci nella totalità della “follia” di quel sentimento che si concretizza in fiducia e riconoscimento dell’altro.

Una (lucida) follia? Beh.. è sempre un momento di indefinibile piacere per l’anima e per il corpo. L’Amore è simile ad una danza dove l’abbraccio serve a trattenere e l’amplesso per perdersi nella pienezza di quel legame di cuore.


Tralascio questo pensiero filosofico che mi sembra un eccesso di puntualizzazioni non tutte condivisibili, per dire che l’Amore è semplicemente un sentimento disinteressato, fortissimo ed incondizionato, tal che lo si può ben immaginare, soprattutto come gratificazione interiore, condividendone la sua essenza con quel bellissimo inno di S.Paolo che ho citato in altre occasioni, che riscrivo ben volentieri e che semplifica gioiosamente la vita, il cammino di chi ne è profondamente avvinto:

Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,
ma non avessi l'amore,
sarei come un bronzo che risuona
o un cembalo che tintinna.
E se avessi il dono della profezia
e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza,
e possedessi la pienezza della fede
così da trasportare le montagne,
ma non avessi l'amore,
non sarei nulla.
E se anche distribuissi tutte le mie sostanze
e dessi il mio corpo per esser bruciato,
ma non avessi l'amore,
niente mi gioverebbe.
L'amore è paziente,
è benigno l'amore;
non è invidioso l'amore,
non si vanta,
non si gonfia,
non manca di rispetto,
non cerca il suo interesse,
non si adira,
non tiene conto del male ricevuto,
non gode dell'ingiustizia,
ma si compiace della verità.
Tutto copre,
tutto crede,
tutto spera,
tutto sopporta.

L'amore non avrà mai fine.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Vince198
Data di creazione: 21/07/2006
 

JESHUA

Jeshua
A. Carracci

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

Non faccio altro che dare sfogo a ciò che più mi piace,...
Inviato da: Vince198
il 19/07/2024 alle 15:25
 
wow, bello rileggerti! gran bel post! e non potevi che...
Inviato da: exietto
il 19/07/2024 alle 14:23
 
Gran caldo, torno a mollo .. ahahaha.. Ricambio Ely, buon...
Inviato da: Vince198
il 19/07/2024 alle 11:39
 
Un salutone :)
Inviato da: elyrav
il 19/07/2024 alle 10:28
 
Buon pomeriggio a te e grz ^____^
Inviato da: Vince198
il 18/07/2024 alle 14:04
 
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963