Creato da In_mezzo_alla_segale il 13/12/2006

Autoestinguente

Che seccatura

 

 

« Della circolazione delle ideeCrampi ai pensieri »

Il Nero

Post n°95 pubblicato il 15 Marzo 2007 da In_mezzo_alla_segale
 

(tempo di lettura: meno di 5')

Finché c’era il Turco ero tranquillo.

Strano tipo, il Turco. Aveva ucciso più persone di quante zanzare io possa spiaccicare in una serata d’estate, eppure quando seppe che disegnavo mi prese a benvolere. Grazie ai suoi accordi con le guardie mi procurò matite colorate e carta semiruvida. Mi chiedeva di disegnargli i posti dov’era stato prima di finire dentro: Parigi, Amsterdam, le cascate del Niagara… poi se li appendeva in cella. Non volle mai altro da me e in cambio mi proteggeva da gente ben peggiore. Quando una mattina lo trovarono soffocato nel suo cuscino, cominciai ad avere paura.

Il numero uno divenne il Nero. Perché poi lo chiamassero così, era un mistero: alto, biondo, la pelle color latte, l’unica cosa nera in lui era l’animaccia sua. Era un gigante, un suo braccio era grosso quanto una mia gamba, si era fatto strada nella comunità dei reclusi con la forza bruta. Se c’era qualcuno che poteva fare le scarpe al Turco, quello era il Nero.

Un pomeriggio, tornando dall’ora d’aria, trovai la mia cella buttata all’aria. Le matite frantumate, inservibili, i disegni stracciati e appallottolati. Un uomo del Nero mi aspettava appoggiato alle sbarre: – Il capo ti vuole. Sei nuovo e carino, credo che tu gli piaccia.

Buttava male. Tenni duro finché potei, svicolai, mi feci di nebbia, ma era una gara persa. Pensai che era meglio farsi rompere il culo che la testa. Magari ce l’ha piccolo, pensai. Lo avvicinai a pranzo, nel refettorio. – Fammi trovare le sbarre aperte stanotte – gli dissi. Sapevo che non avrebbe avuto problemi, anche i secondini si erano adeguati al nostro minigolpe.

La fortuna mi aveva decisamente abbandonato. Ce l’aveva enorme. Mi aspettava con un ghigno che sembrava una cicatrice. Mi prese per i capelli della nuca, mi costrinse a chinarmi, mi sbatté la faccia contro le sbarre e mi cacciò quel cazzo smisurato in culo. Ansimava, gridava come un animale, ci teneva a far sapere a tutti che aveva avuto quel che voleva. Quand’ebbe finito di fare i suoi comodi mi lasciò andare i capelli. Non gli si era neanche ammosciato, a quel bastardo.

– Adesso mi fai un pompino.

Lo guardai, era sporco del mio sangue e di sperma. Credevo di non farcela, ma mi vennero in mente i racconti che si facevano su di lui, sulle ritorsioni che metteva in atto contro quelli che gli disubbidivano. Mi feci forza e affrontai anche quella prova. Quando mi venne in bocca non riuscii più a trattenermi, gli vomitai tra i piedi. Mi raggomitolai per terra, aspettando le botte che sicuramente sarebbero arrivate. Invece la bestia si mise a ridere, sguaiato come un pazzo.

– Bravo, mi hai fatto divertire. Tieni, te lo sei meritato – e m’infilò un sigaro nel culo. – Adesso però pulisci. E càvati dai coglioni alla svelta.

Mi tolsi la casacca e feci quel che m’aveva detto.

Per un po’ di tempo andò avanti così, poi, visto che facevo il bravo, il Nero mi fece riavere i colori e la carta. Per un breve periodo mi lasciò anche in pace, mi pareva di aver ritrovato un qualche equilibrio. Durò poco. Mi mandò a dire che mi voleva di nuovo. Gli feci sapere che non avevo più intenzione di sottostare alle sue prepotenze. La replica non tardò: – Non hai diritto di scegliere. Quando il Nero chiama, tu corri. Molto meglio per te se spegni il cervello e fai quel che ti si dice.

Andai da lui la sera stessa. Come al solito m’attendeva con un sorriso che era un misto di scherno, di vittoria e di eccitazione.

A cose fatte uscii chiudendomi le sbarre alle spalle e rientrai nella mia cella. La mattina dopo, quando andarono a vedere perché non si presentava all’appello, non rideva più. La matita rossa gli aveva attraversato l’occhio e si era conficcata nel cervello quasi per intero.

Qualche fine ragionatore fece notare l’ironia della sorte: il Nero, il non-colore, tolto dal mondo dal rosso, il colore della vendetta. Ma questo non era importante. L’importante era che potevamo smettere di vivere nella paura. Per un po’ almeno. Poi qualcun altro avrebbe preso il posto del Nero.


Nessundove
Novembre 1999

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

MAI PIÙ

controviolenzadonne.org
http://www.controviolenzadonne.org/index.html

________________________

Casa della Donne
per non subire violenza
http://www.women.it/casadonne/

Via dell'Oro, 3 - 40124 Bologna
Tel. 051-333173

 

OGNUNO A CASA SUA


Una questione di rispetto

Perché il Papa dice a deputati e senatori come votare, mentre il Presidente della Repubblica non può fare altrettanto con i vescovi?

 

HAI VOGLIA DI GIOCARE CON LE PAROLE?

immagine
 

VALUTAZIONE

immagine

 

SO TUTTO DI TE

 

RSS? ATOM? BOOOH...

immagine
 

NICK DEMENZIALE

immagine 
 

UN MOMENTO D'ATTENZIONE

COPYRIGHT

Creative Commons License

Il contenuto di questo blog
(compresi testo e immagini)
è pubblicato sotto una
Licenza Creative Commons.

Cosa significa? Significa che, per quanto possa sembrare strano, a tutto 'sto casino è riconosciuta la dignità di opera d'ingegno. Come tale, è di proprietà di chi l'ha creato e alcuni diritti sono riservati.

In particolare, la licenza che ho scelto di sottoscrivere recita:
il materiale qui contenuto si può citare, copiare, diffondere purché

1) si citi l'autore
2) non se ne tragga guadagno
3) non venga alterato

È sempre e comunque doveroso avvisare prima di prelevare qualcosa.
Grazie :o)

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 56
 

ULTIME VISITE AL BLOG

settediamantinekkinabuckykathaidi07pantaleoefrancaiannaconematteosamu711max_6_66deltreppovikovanbal_zacBasta_una_scintillakstrentaquattrostraniera9stefs123
 

ULTIMI COMMENTI

Sono tutti ottimi propositi, ma poi li mantieni??? Ciao,...
Inviato da: soleluna67
il 27/03/2010 alle 17:37
 
piace piace...
Inviato da: pollon131.e
il 16/02/2010 alle 23:40
 
Santo subito per il punto 2.
Inviato da: tyreal
il 04/02/2010 alle 21:47
 
allucinante.e c'è chi dice che è sempre stata un...
Inviato da: daniela.fraticola
il 31/01/2010 alle 00:25
 
Rispettoso silenzio
Inviato da: Basta_una_scintilla
il 30/01/2010 alle 19:10
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom