Creato da In_mezzo_alla_segale il 13/12/2006

Autoestinguente

Che seccatura

 

 

« FinestreRespiro »

Quello che le donne non dicono abbastanza

I numeri sono mostruosi: quasi 7 milioni le donne italiane tra i 16 e i 70 anni che hanno subito almeno una violenza fisica o sessuale nel corso della vita. Lo dice l’Istat. In molte parti del mondo va peggio. Molto peggio. Lo dice Amnesty International.

La violenza domestica è una delle principali cause di morte per le donne in tutto il mondo, Italia compresa. E solo il 4% delle donne vittime della violenza denuncia il proprio carnefice.

L’anno scorso, l’allora Ministro per le Pari Opportunità, Barbara Pollastrini, riassumeva così la situazione: “I dati confermano che nella fascia di età 16-50 anni, le donne muoiono più per violenza che per malattia o incidenti stradali. La violenza sulle donne è un dramma rimosso”.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità parla di “un problema di salute pubblica che incide gravemente sul benessere fisico e psicologico delle donne e di tutti coloro che ne sono vittima”.

A rendere ancora più orribile questo dramma, c’è il fatto che nella stragrande maggioranza dei casi l’aggressore non è un estraneo, un criminale, un maniaco, un extracomunitario: il mostro è in casa. Mariti, fidanzati, ex partner, fratelli, figli, parenti sono quasi sempre i colpevoli.

Si fa fatica a crederci. Qui si sta parlando di una guerra, non dichiarata e nascosta.

Esagerazione? Allarmismo? Vittimismo? La risposta è – purtroppo – nella cronaca: ogni tre giorni una donna viene uccisa dal proprio partner attuale o ex. Stiamo parlando dell’Italia, mica dell’Iran.
Nel 2007, sono 126 le donne uccise a causa delle violenze perpetrate dagli uomini. Tra questi, 44 sono i mariti, 11 i fidanzati o i conviventi, 9 gli ex mariti e gli ex fidanzati, 10 i figli e 14 gli sconosciuti.

Una simile piaga sociale è possibile solo grazie all’omertà. C’è chi sa, chi vede, e fa finta di nulla. “Non mi riguarda”, e ci si volta dall’altra parte.

Ma violenza non è solo questo. Facciamo a capirci: non è che chi non alza le mani su una donna è a posto con se stesso, con Dio e con gli uomini.
Violenza è anche volere le donne a casa, a dipendere dal proprio uomo.
Violenza è non assumere una donna perché potrebbe rimanere incinta.
Violenza è assumere una donna dopo averle fatto firmare le dimissioni in bianco, da utilizzare in caso di gravidanza.
Violenza è chiamare una donna “figa”, con un’infelice sineddoche a indicare la parte più interessante per il tutto.
Violenza è l’apprezzamento volgare per mettere in difficoltà.
Violenza è insistere dopo un no.

E potremmo continuare all’infinito, perché sono davvero tanti i comportamenti quotidiani, anche piccoli, che sono molestie anche se non lo sembrano. Tutto ciò di sgradevole che facciamo a una donna perché tale (e che non faremmo a un uomo), è violenza di genere.

Credo sia dovere di ogni uomo con una coscienza prendere atto della situazione e impegnarsi in maniera seria e visibile per dissociarsi da tutto ciò che è discriminazione sessuale. A cominciare dai piccoli gesti.

Intanto a Milano ci si è fermati a discutere se il manifesto di Telefono Donna fosse lecito o blasfemo. Così si è spostata l’attenzione: non si parla più della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, ma dello scandalo di un nudo (per una volta giustificato) accostato alla religione.
Anche questa è violenza.

A me il manifesto, oltre che sacrosanto, pare anche bello ed efficace, quindi lo metto.





Ovunque
25 novembre 2008


 
 
 
Vai alla Home Page del blog

MAI PIÙ

controviolenzadonne.org
http://www.controviolenzadonne.org/index.html

________________________

Casa della Donne
per non subire violenza
http://www.women.it/casadonne/

Via dell'Oro, 3 - 40124 Bologna
Tel. 051-333173

 

OGNUNO A CASA SUA


Una questione di rispetto

Perché il Papa dice a deputati e senatori come votare, mentre il Presidente della Repubblica non può fare altrettanto con i vescovi?

 

HAI VOGLIA DI GIOCARE CON LE PAROLE?

immagine
 

VALUTAZIONE

immagine

 

SO TUTTO DI TE

 

RSS? ATOM? BOOOH...

immagine
 

NICK DEMENZIALE

immagine 
 

UN MOMENTO D'ATTENZIONE

COPYRIGHT

Creative Commons License

Il contenuto di questo blog
(compresi testo e immagini)
è pubblicato sotto una
Licenza Creative Commons.

Cosa significa? Significa che, per quanto possa sembrare strano, a tutto 'sto casino è riconosciuta la dignità di opera d'ingegno. Come tale, è di proprietà di chi l'ha creato e alcuni diritti sono riservati.

In particolare, la licenza che ho scelto di sottoscrivere recita:
il materiale qui contenuto si può citare, copiare, diffondere purché

1) si citi l'autore
2) non se ne tragga guadagno
3) non venga alterato

È sempre e comunque doveroso avvisare prima di prelevare qualcosa.
Grazie :o)

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 56
 

ULTIME VISITE AL BLOG

k_l_a_i_r_esettediamantinekkinabuckykathaidi07pantaleoefrancaiannaconematteosamu711max_6_66deltreppovikovanbal_zacBasta_una_scintillakstrentaquattrostraniera9
 

ULTIMI COMMENTI

Sono tutti ottimi propositi, ma poi li mantieni??? Ciao,...
Inviato da: soleluna67
il 27/03/2010 alle 17:37
 
piace piace...
Inviato da: pollon131.e
il 16/02/2010 alle 23:40
 
Santo subito per il punto 2.
Inviato da: tyreal
il 04/02/2010 alle 21:47
 
allucinante.e c'è chi dice che è sempre stata un...
Inviato da: daniela.fraticola
il 31/01/2010 alle 00:25
 
Rispettoso silenzio
Inviato da: Basta_una_scintilla
il 30/01/2010 alle 19:10
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom