La dea che ride

...Mi sento come un girasole, impazzito di luce..

Creato da deagatta80 il 19/04/2006

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 

Ultime visite al Blog

magdalene57cassetta2deagatta80IncisoSullaPellecercasi_sorrisofabio1972dglAnanke300antoeale_1971mammapasticciohurricane201Bluemonet1977pantaloniblusoniaren77elviprimobazarLIN_EA
 

Ultimi commenti

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« La stanza

Il difficile atto di perdonarsi

Post n°322 pubblicato il 10 Marzo 2016 da deagatta80

Ho accettato un trasferimento in un Paese che mi fa schifo.

Sono qui da 378 gg (ma conti anche i giorni? ma sei cretina?).

E prego ogni giorno perche' uno dei 27987098 di CV che ho mandato, abbia un riscontro positivo, cosi' da poter tornare nella mia amata Italia.

So di essere controcorrente.. ma io piu' che un cervello un fuga, sono un cervello che cerca disperatamente di rientrare. Non ce la faccio piu'. Non ne posso piu'. Evviva il nostro Paese: bello, soleggiato, ospitale! Con il cibo genuino e un caffe' che te lo sogni! W la pasta, la pizza, il mandolino, la gente per le strade, i caffe' e la nostra lingua cosi' bella e musicale che quando la sento mi commuovo..! W il sole e il mare! W la mia Italia d'arte e bellezza e musica e natura! Ti amo, Italia mia!!

Poco dopo che sono arrivata qui, ho iniziato a soffrire di attacchi di panico, ansia, insonnia. I miei disturbi alimentari hanno toccato picchi mai raggiunti. Sono l'ombra di stessa. Mi e' capitato perfino di vedermi riflessa allo specchio o in una vetrina e di non riconoscermi. Letteralmente, ci ho messo del tempo per capire che ero io.

Io non so se voi l'abbiate mai provata questa sensazione.. ma vi giuro che e' bruttissima.. hai dei momenti di lucidita' in cui ti vedi da fuori e pensi "ma io non sono cosi..".

Eppure. "Come si cambia, per non morire..".. diceva qualcuna. L'ansia e la depressione rendono ogni cosa piu' pesante. Quindi io spendo talmente tanta energia per fare cose tipo alzarmi dal letto, lavarmi e venire al lavoro, che tutto quello che e' "superfluo" o meglio, "non primario", come ridere, interagire, sognare.. l'ho tagliato. Come un albero che perde le foglie per affrontare l'inverno.

Sono infelice, sto male, e va sempre peggio.

E il fatto e' che la colpa e' mia e non riesco a perdonarmi. Io proprio non ce la faccio.

Sto imparando una lezione importante ma non facile.. Perdonare se stessi e' complicato perche' non ti dai le attenuanti che dai agli altri. Ed inoltre si tratta di un errore che hai fatto tu e ce l'hai sempre davanti agli occhi, con tutte le sue conseguenze.

Non riesco a perdonarmi ma so che devo farlo per poter andare avanti. Ma io, adesso, proprio non ci riesco.

 

forgive

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963