Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheLalla3672ChristianCagelaboratoriotvbasta_saperloalodaristorantecambusaForas_de_Rugapetrucci.emanuelefabio.cecilianatalydgl7lightsunriselicsi35peorso19599
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Messaggi del 04/05/2020

Il messaggio del Comitato Festività Santa Maria di Merino

Post n°26117 pubblicato il 04 Maggio 2020 da forddisseche

Il messaggio del Comitato Festività Santa Maria di Merino  

  
 

Amici di Vieste,

 

e’ forte il nostro rammarico per la festa mancata di questo anno 2020. Ci siamo riuniti tante volte durante la fine del 2019 e gli inizi del 2020 perché volevamo programmare, cosi come abbiamo fatto, una festa diversa dagli altri anni. Una festa piu’ sfarzosa nelle luminarie, ed avevamo riservato una sorpresa che sicuramente sarebbe piaciuta a molte persone, e con un finale ancora piu’bello e su questo ci avrebbe aiutato l’Amministrazione Comunale.

 

Ma, per dirla con un vecchio proverbio, se l’uomo propone, poi Dio dispone. E quello che mai avremmo immaginato, è purtroppo accaduto con i tanti problemi che si sono verificati e che non sto qui a ricordare in quanto già ampiamente conosciuti.

 

Ora siamo vicinissimi alla grande festa che quest’anno sarà tutta particolare, anzi rimarrà particolare nei nostri ricordi fatti di nostalgia perché la Madonna passerà nelle nostre contrade solo spiritualmente, ma sarà viva nei nostri ricordi e nella nostra voglia irresistibile che questo momento passi in fretta e che ci siano subito le condizioni per poterci rimettere nel nostro cammino.

 

Noi desideriamo ardentemente che ci venga data la possibilità, quando tutto questo sarà passato, di poter almeno partecipare alla processione. E con noi lo desiderano tutti i viestani devozionalmente legati a Santa Maria di Merino. Ma siamo purtroppo sottomessi, oltre che alle condizioni della pandemia, anche alle disposizioni della Chiesa e delle Autorità locali cui non faremo mancare il nostro sostegno ogni volta che ce lo chiederanno.

 

Per il momento sentiamo forte il dovere di ringraziare le Autorità per la loro dedizione costante, la Chiesa di Vieste con il nostro Pastore padre Franco Moscone e i media locali. Ma fra i ringraziamenti non può mancare quello piu’ ricco di riconoscenza verso gli operatori di Gargano TV di cui, sappiamo bene, quanto sia elevato il sacrificio e la disponibilità. Se non ci fossero stati questi amici avremmo sicuramente trascorso una festa patronale ancora piu’ triste e melanconica.

 

Grazie anche a voi perché, siamo certi, con il tempo non ci farete mancare il sostegno economico e la vostra preghiera, perché la nostra festa verso Santa Maria di Merino torni ad essere uno degli eventi piu’ desiderati dell’intero anno.

 

IL PRESIDENTE

 

ALFREDO MICALE

 

E TUTTI I MEMBRI DEL COMITATO

 
 
 

Spiagge pronte a riaprire ma l’estate è un rebus. Una startup barese ha realizzato il braccialetto “anti-covid”

Post n°26116 pubblicato il 04 Maggio 2020 da forddisseche

Spiagge pronte a riaprire ma l’estate è un rebus. Una startup barese ha realizzato il braccialetto “anti-covid”  

  
 

Nonostante il calo dei contagi e l’inizio della fase 2 e mentre dalle spiagge alle montagne fino alle città d’arte il mondo del turismo cerca di prepararsi tra mille dubbi e perplessità a questa strana estate post epi­demia, si raffredda la voglia di vacanze degli italiani. Aumenta infatti - secondo un’in­dagine di Confturismo-Confcommercio in col­laborazione con Swg - la quota di chi, al termine dell’emergenza, rimanderà la va­canza anche potendola fare e le prime uscite post Covid-19 saranno di pochi giorni e vicino alla propria città, con l’obiettivo di stare il più possibile all’aria aperta.

 

Da oggi riaprono le prime spiagge, quan­tomeno per consentire agli stabilimenti di avviare i lavori in vista dell’estate, in una stagione turistica che si annuncia diversa da tutte le altre. Anche perché sono tante le aree del Paese in cui la ripartenza è stata rinviata e le proteste non mancano: dalla riviera romagnola alla Versilia, dove oggi le strut­ture apriranno per un’ora per protesta, i balneari si mobilitano contro la mancata possibilità di riprendere a lavorare. Il settore, infatti, denuncia da tempo la gravità della situazione economica di comparto. Da Go­verno nazionale ed enti locali arriva un generale invito alla cautela, mentre si stu­diano le modalità di apertura anche con i sindacati in vista dell’estate.

 

Il distanziamento tra gli ombrelloni e la prenotazione obbligatoria tramite App sono misure ritenute da tutti necessarie. Non ha fatto breccia l’uso di strutture in plexiglass per separare le postazioni, ma non mancano altre idee per garantire una giornata di mare in sicurezza. Una soluzione è quella proposta dalla società Kaos Lab di Cagliari: una sorta di «isola», con ombrellone e sdraio, munita di

 

doccia e sistema di sanificazione, che con­sente, anche attraverso delle passerelle, di non stare troppo attaccato al vicino. Fioccano anche le proposte di applicazioni online per prenotare stabilimento e posto ombrellone, fino al numero massimo consentito. Insomma, le proposte non mancano, ma tutto dipenderà dell’evolvere dell’epidemia e dalla domanda. Secondo Confturismo, gli italiani restano preoccupati per l’emergenza: a marzo erano l’86% ad aprile sono diventati l’80%. Più della metà degli intervistati, il 57%, dichiara che, anche dopo la fine dell’emer­genza, non si muoverà per fare una vacanza, a marzo era il 53%; il 32% dichiara che farà vacanze, ma di 2 o 3 giorni e senza al­lontanarsi troppo. Insomma, più che ferie estive, le vacanze degli italiani assomigliano ai cosiddetti «short break» di mezza stagione, con un impatto molto più ridotto sui consumi. Solo il 20% vorrebbe fare le valigie appena l’emergenza sanitaria sarà conclusa, il 15% è incerto per le disponibilità economiche, l’8% non sa se potrà farlo per le ferie e impegni lavorativi.

 

IL BRACCIALETTO «BARESE»

 

Una proposta ad alta tecnologia che potrebbe co­niugare sicurezza e legittime aspirazioni a una vacanza serena, potrebbe arrivare pro­prio dalla Puglia, e in particolare dalla Terra di Bari. MetaWellness, una giovane start-up di Bari, sta distribuendo, infatti, agli sta­bilimenti un braccialetto «anti-Covid» che avviserà i cittadini quando non rispettano la distanza di sicurezza di un metro da altri utenti e in grado di ricostruire i contatti di un utente nel pieno rispetto della privacy e senza alcuna applicazione, bloccando sul nascere possibili focolai.

 
 
 

Tornano I LUOGHI DEL CUORE del Fai Italia. La provincia di Foggia premiata più volte

Post n°26115 pubblicato il 04 Maggio 2020 da forddisseche

Tornano I LUOGHI DEL CUORE del Fai Italia. La provincia di Foggia premiata più volte  

  
 

Torna quest'anno "I Luoghi del Cuore" del FAI, il sondaggio biennale che il Fondo Ambiente Italiano promuove per identi­ficare, grazie all'aiuto di chi ama i beni culturali e ambientali, i siti italiani colpiti dal degrado o abbandonati e non visitabili, con l'obiettivo di intervenire per il recupero e la fruizione dei più votati con la collaborazione delle istituzioni territoria­li.

 

«In periodo di restrizioni legate alla pandemia da covid-19, non sarà possibile annunciare l'evento nelle delegazioni ter­ritoriali dei FAI, per cui il Fondo ha organizzato la conferenza stampa nazionale di presentazione della decima edizione in collegamento Zoom-webinar, mercoledì 6 maggio 2020, alle ore 11», si legge in una nota del Fai Foggia che ricorda come quest’importante appuntamento ha visto più volte i beni culturali di Capitanata piazzarsi nelle prime dieci posizioni e ottenere contributi da parte del FAI per gli interventi di restauro.

 

«Nel 2008, in oc­casione della 5A edizione del censimento, grazie al coordinamento della Delegazione FAI di Foggia, al primo posto tra i beni segnalati si classificarono gli Eremi di Pulsano che, in seguito, hanno ricevuto importanti opere di sistemazione grazie al contributo del FAI e a finanziamenti della Regione Puglia e della Provincia di Fog­gia», prosegue la nota del Fai di Foggia attualmente presieduto da Gloriza Fazia, già direttrice del museo civico di Foggia, subentrato alla guida del comitato di Foggia a Saverio Russo, docente univer­sitario e presidente del Conservatorio sta­tale di musica «Umberto Giordano» di Foggia, chiamato invece al prestigioso in­carico di presidente del Fai regionale della Puglia.