Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheQuivisunusdepopulolaboratoriotvvita.perezmovidabeachanmicupramarittimawild.waterg.paolo05hemel_0Unacottailtuocollegaprefazione09vecchietto0Paola_avzeronuvoletta
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Messaggi del 07/05/2020

 
 

Vico/ Suolo pubblico gratis agli operatori e riduzione della tassa di soggiorno.

Post n°26149 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche

Vico/ Suolo pubblico gratis agli operatori e riduzione della tassa di soggiorno. La giunta comunale ha rinviato l’entrata in vigore della sosta a pagamento  

  
 

L’occupazione del suolo pub­blico a vantaggio delle attività commerciali sarà concessa gratuitamente; l’imposta di soggiorno per i mesi estivi è stata diminuita da 2 a 1 euro; l’avvio del nuovo servizio di sosta tariffata per le auto, all’interno del solo centro ur­bano di Vico del Gargano, potrebbe essere posticipato a maggio 2021: sono questi i principali provvedimenti scatu­riti dalla riunione di mag­gioranza te­nutasi a Vico del Gargano individuati il 23 aprile e comunicati il 28 aprile al consiglio comunale e deliberati dall’amministrazio­ne comunale.

 

«Si tratta di provvedimenti con i quali il Comune di Vico del Gargano intende attivare misure utili a sostenere le attività economiche duramen­te colpite dall’emergenza sa­nitaria», dichiara il sindaco Michele Sementino. «Il prov­vedimento sul suolo pubblico è mirato a favorire le attività commerciali. Non ci è pos­sibile azzerare l’imposta di soggiorno, allora l’abbiamo di­mezzata», aggiunge il primo cittadino.

 

«Per settembre, stia­mo seriamente valutando la possibilità di attivare un Fon­do di solidarietà per aiutare le attività produttive», annuncia il primo cittadino. «Si tratta di provvedimenti che si aggiun­gono a quelli già adottati nelle scorse settimane con i bonus spesa, per i quali il Comune di Vico del Gargano ha incre­mentato di 40mila euro i fondi provenienti dal governo na­zionale, e con la sospensione della Tari”, ha ricordato Sementino.­

 

“Siamo tra i primi Comuni d’Italia ad aver approvato il consuntivo”, prosegue il pri­mo cittadino. «Abbiamo un avanzo pari a 750mila euro, però attenzione: si tratta di risorse vincolate per opere pubbliche, debiti fuori bilan­cio e spese per le quali la legge non contempla usi differenti», spiega Sementino.

 

«Stiamo facendo tutto ciò che è possibile per alle­viare, in qualche mo­do, i disagi causati ai no­stri cittadini da questa drammatica emergenza sanitaria. Al­le misure adottate nelle scorse settimane e a quelle approvate oggi, si aggiungeranno nuovi provvedimenti. Impegneremo 23mila euro di fondi regionali per l’acquisto e la distribu­zione di beni di prima ne­cessità», aggiunge Sementi­no.

 

«Anche i Comuni sono in sofferenza, per questo dovre­mo aspettare settembre per valutare quali margini avre­mo per attivare il Fondo di solidarietà e, più in generale, altre misure di sostegno alle attività commerciali e im­prenditoriali. L’obiettivo di ogni nostro ragionamento e di tutte le azioni che abbiamo intrapreso e di quelle che met­teremo in atto è sempre lo stesso: aiutare Vico del Gargano ad affrontare al meglio l’emergenza che ci è piombata addosso».

 

«Stiamo vivendo la crisi più grave e devastante che si sia mai verificata a partire dalla seconda guerra mondiale, ed è purtroppo normale che ci sia­no polemiche, paura, inquie­tudine però finora la popolazione di Vico del Gargano sta dando prova di grande responsabilità. L’emergenza sanitaria non terminerà il 4 maggio, dovremo continuare ad avere un’attenzione molto alta nei nostri comportamen­ti, continuando a mettere in pratica il distanziamento so­ciale e le altre misure di sicurezza per contrastare il con­tagio», conclude Sementino.

 
 
 

Vieste/ Ecco come si svolgerà la Festa a S. Maria di quest’anno

Post n°26148 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche

Vieste/ Ecco come si svolgerà la Festa a S. Maria di quest’anno  

  
 

Nella certezza, beneaugurante,che il prossimo anno tutto tornerà come prima, comunichiamo quali saranno le variazioni per la festa religiosa, concordata alla presenza del Presidente Alfredo Micale e di alcuni Rappresentanti delle Forze Armate, della chiesa locale e dell'Amministrazione Comunale.

 

Come di consueto alle ore 10,00 del 30 aprile il simulacro della Madonna, ornata dei suoi ori, sarà intronizzato  sul suo baldacchino processionale (cassa di città), che sarà collocato dietro l’altare maggiore con un piccolo addobbo. Non ci saranno le statue dei Santi. Seguirà la celebrazione della Santa Messa presieduta dal Reverendo Don Giorgio Trotta, rettore del Santuario diocesano di Merino.

 

Il tutto avverrà a porte chiuse e senza la presenza dei fedeli. Saranno ovviamente presenti alcuni confratelli della confraternita di Santa Maria di Merino e due rappresentanti del Comitato. Animeranno tutte le funzioni religiose alcuni rappresentanti del coro interparrocchiale. In rispetto delle tante vittime della pandemia, non ci saranno i tradizionali 21 spari di fuoco d’artificio.Sarà possibile assistere alla celebrazione attraverso i canali televisivi dell’emittente Gargano TV, che ringraziamo per la loro generosa collaborazione.

 

Alle ore 18,00 di tutte le sere sarà celebrato il novenario con la celebrazione della Santa Messa. Anche queste verranno teletrasmesse dalla emittente Gargano TV.

 

Salvo diverse indicazioni, in nessun giorno del novenario sarà possibile l’accesso per la preghiera personale, questo per evitare assembramenti come da indicazioni Ministeriali.

 

Ai vespri dell’8 maggio non ci sarà il consueto omaggio floreale in “pompa magna” con la presenza dell’Amministrazione Comunale e dell’intero Comitato. E’ prevista comunque una rappresentanza del Sindaco e ( probabilmente) del Presidente del Comitato direttamente nella basilica cattedrale.A questo appuntamento non dovrebbe mancare il nostro Arcivescovo.

 

Per il giorno 9 Maggio, non avendo ancora ricevuto alcuna notizia, ci riserviamo di comunicarla appena possibile.

 

Il dieci maggio, come da tradizione, alle ore 10.00 verrà celebrata la Santa Messa per la riposizione della Madonna nella cappella del popolo. Oltre ai sacerdoti , sarà possibile solo la presenza di alcuni confratelli della congrega di Santa Maria e di due rappresentanti del Comitato. Anche per questo rito non ci saranno i 21 colpi di fuoco d’artificio. Anche questa celebrazione sarà teletrasmessa da Gargano TV. Non seguirà ovviamente la tradizionale processione di ritorno  delle statue di Sant'Antonio e di San Giuseppe verso la chiesa di San Francesco.

 

Tutti gli eventuali aggiornamenti saranno tempestivamente comunicati. Ci rendiamo conto della situazione strana e anomala alla quale tutti stiamo assistendo in modo inerme. Non avremmo mai pensato che nel tempo attuale saremmo caduti in una tale emergenza pericolosa che ci avrebbe riportato ai secoli passati. Ma è successo!!

 

E, per dirla come ha esortato il Papa, ognuno di noi ha il dovere di obbedire alle disposizioni del Governo. E noi obbediamo, implorando la Madonna di farci ritornare liberi subito!

 

IL COMITATO FESTIVITA' SANTA MARIA DI MERINO

 
 
 

Come cambia l’esame di Stato. Tutte le novità per gli orali. La ministra Azzolina conferma la prova in classe. Il colloquio dur

Post n°26147 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche

Come cambia l’esame di Stato. Tutte le novità per gli orali. La ministra Azzolina conferma la prova in classe. Il colloquio durerà massimo un’ora.  

  
 

Discussione di un ela­borato sulle discipline di indirizzo; discussione di un breve testo che è stato oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e lette­ratura italiana durante il quinto anno; analisi del materiale scelto dalla commissione. Eccola qua, nel det­taglio, la prova che si troveranno a dover affrontare dal 17 giugno i 480 mila maturandi. La maturità ai tempi del Covid.

 

Di come sarà l’esame di Stato, che sarà in presenza, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha for­nito nuovi dettagli durante il question time. Il colloquio durerà al massimo 1 ora e solo nel caso in cui «le con­dizioni epidemiologiche e le dispo­sizioni delle autorità competenti lo richiedano, se del caso applicando il principio di differenziazione ed ade­guatezza», i lavori delle commissioni e le prove d’esame potranno svolgersi in videoconferenza o con altra mo­dalità telematica sincrona» ha detto la ministra, la quale ha anche annun­ciato che a brevissimo sarà pubbli­cata l’ordinanza relativa agli esami di Stato. Per garantire la massima si­curezza il ministero sta approntando una serie di protocolli con il mi­nistero della Salute e le parti sociali.

 

Quanto al punteggio, la prova di ma­turità potrà valere fino a 40 punti mentre il peso dei crediti sarà ri­calibrato fino ad un massimo di 60; resta ferma la necessità di raggiun­gere almeno un punteggio minimo di 60/100. Anche la viceministra Anna Ascani ha fornito altri particolari sull’esame di maturità che potrà es­sere svolto - laddove le scuole ne siano provviste - nell’aula magna degli isti­tuti. Quanto all’uso obbligatorio o meno della mascherina, si attendono indicazioni dal ministero della Sa­lute.

 

La ministra Azzolina durante il question time è tornata anche sul tema del rientro a settembre e della didattica mista - metà classe in pre­senza, metà a distanza - che tante polemiche ha suscitato nei giorni scorsi, specificando che l’ipotesi è «solo per la scuola secondaria, non per i bambini», e che rappresenta «solo una delle possibili idee allo studio, vagliata e decisa già in altri Paesi europei».

 

Ieri intanto sono arrivati altri 5 milioni di fondi Pon per potenziare la didattica a distanza per i Centri pro­vinciali per l’istruzione degli adulti, le sezioni carcerarie e le scuole polo in ospedale.

 

E si è svolta anche la seconda riunione per il Piano in­fanzia. La ministra della famiglia, Elena Bonetti si augura che i centri estivi per la fascia 0-6 anni possano funzionare già da primi di giugno e ha inviato un protocollo al comitato tec­nico scientifico perché sia vagliato. Dal presidente dell’Upi, l’Unione delle province d’Italia, Michele De Pascale, arriva la sollecitazione di riaprire gli spazi per la socialità dei più piccoli già dal 28 maggio, Giornata inter­nazionale del diritto al gioco.

 
 
 

Verso le elezioni regionali/ Fitto: “voto a luglio? Io sono disponibile a candidarmi”

Post n°26146 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche

Verso le elezioni regionali/ Fitto: “voto a luglio? Io sono disponibile a candidarmi”  

  
 

“Non entro nel merito della scelta della data delle prossime elezio­ni regionali che riguarderanno anche la Puglia, ma immagino e mi auguro che ogni valutazione sarà fatta esclusivamente su basi di ca­rattere scientifico e tecnico”.

 

Lo ha detto l’eurodeputato pugliese Raffaele Fitto, co-presidente del gruppo Ecr-Fratelli d’Italia, ri­spondendo in una videoconferen­za stampa alla domanda se il centrodestra sarebbe pronto ad af­frontare un voto a luglio.

 

“Il centrodestra - ha aggiunto Fitto – sarà chiaramente pronto, in modo unitario unitario. Dal mio punto di vista, è necessario un cambia­mento”. L’europarlamentare è stato indicato da Fratelli d’Italia come candidato governatore, ma non c’è ancora il via libera della Lega: “Mi è stata chiesta disponi­bilità - ha spiegato Fitto - che io ho dato. Vedremo quale saranno le valutazioni della coalizione, l’importante è che la coalizione sia unita. Vogliamo portare serie­tà e capacità di governo in Pu­glia”.

 
 
 

Vieste – VIA DEPUTATO PETRONE, IN CORSO I LAVORI PER INSTALLARE I SERVIZI IGIENICI AUTOPULENTI

Post n°26145 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche

Vieste – VIA DEPUTATO PETRONE, IN CORSO I LAVORI PER INSTALLARE I SERVIZI IGIENICI AUTOPULENTI  

 
 
1 / 8

Sono in corso da qualche ora i lavori per installare un servizio igienico, automatizzato ed autopulente, in via Deputato Petrone, a ridosso della scalinata che porta in Cattedrale, nell’area attigua al Palazzo Municipale. I servizi igienici saranno fruibili in automatico ad una modica cifra e sono predisposti anche per le persone con problemi di disabilità.  

 

Nell’apposita delibera di Giunta comunale per l’installazione, si spiegava che “Vieste è il comune con il maggiore numero di presenze in Puglia, secondo le statistiche ufficiali, e rappresenta con 1,908 milioni di pernottamenti la destinazione turistica più frequentata della Puglia, pur con una stagionalità concentrata nei soli quattro mesi estivi (giugno-settembre); che per migliorare i servizi al turista e la qualità della vita cittadina, è necessario dotare il centro città di servizi igienici automatizzati autopulenti con specifiche funzioni, vale a dire: componenti meccaniche idrauliche ed elettriche (apertura porta automatica a scomparsa, lavaggio e igienizzazione del W.C., erogazione della carta, ecc.) assistite da un sistema di controllo elettronico presieduto da una scheda elettronica dedicata, svuotamento, lavaggio, disinfezione e asciugatura del W.C. in apposito ambiente  completamente separato rispetto a quello a disposizione dell’utente, dotati all’esterno di gettoniera con visualizzatore per consente l’ingresso previo pagamento di apposita cifra   o tramite apposita tessera privilegiata; che tale sistema tecnologico garantisce il massimo livello di pulizia ed igiene all’interno della struttura del servizio igienico che può essere utilizzato indifferentemente da utenti normodotati che portatori di handicap con mobilità in carrozzina”.

 
 
 

Gal Gargano/ Gli incontri di animazione si trasferiscono sul web

Post n°26144 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche

Gal Gargano/ Gli incontri di animazione si trasferiscono sul web  

  
 I nostri incontri di animazione si spostano sul web, per informarvi delle opportunità di sostegno economico attualmente disponibili attraverso i bandi “Creazione di start up extra-agricole” e “l’anello mancante: un piano d’azione garganico per l’economia circolare”. 

L’incontro di presentazione del bando “Creazione di start up extra-agricole è organizzato lunedì 11 maggio alle ore 16:00 invece l’incontro dedicato a “l’anello mancante: un piano d’azione garganico per l’economia circolare” è per venerdì 15 maggio alle ore 15:00

 

Per partecipare basta registrarsi tramite form entro un'ora prima degli appuntamenti: tramite mail riceverai il link di invito per seguire gli incontri.

 

Link per registrarsi: https://forms.gle/F9gA9HGjXUz81z9Q8

 

Come di consueto, siamo vicini alle vostre esigenze e terremo conto di suggerimenti per l’organizzazione dei prossimi incontri. Scrivici all'indirizzo: animazione@galgargano.com

 Approvati progetti di investimento per oltre 3 milioni di euro. Bandi aperti per ulteriori 2 milioni di euro 

Inoltre, se non lo hai compilato, ti ricordiamo che abbiamo predisposto un semplice questionario online per ascoltare le tue opinioni sullo sviluppo del Gargano nel nuovo scenario economico e sociale.

 

Lo trovi a questo indirizzo: https://forms.gle/gZB3ijUPCojvyghHA

 
 
 

07 Mag - 08:54:36 Vieste – VIDEOCONFERENZA FRA RISTORATORI ED ASSESSORE ATTIVITA’ PRODUTTIVE [Video] Si è svolto ieri mattina i

Post n°26143 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche

 
07 Mag - 08:54:36
 Vieste – VIDEOCONFERENZA FRA RISTORATORI ED ASSESSORE ATTIVITA’ PRODUTTIVE [Video] 
Si è svolto ieri mattina il primo degli appuntamenti programmati dall’assessore alle Attività Produttive, Rossella Falcone, al fine di condividere le problematiche dei diversi settori produttivi e promuovere un fattivo confronto sulle conseguenze della pandemia Covid-19 sulle attività stesse. A confrontarsi in videoconferenza sono stati i ristoratori. Qui di seguito il report video dell’incontro.

 
 
 

Residenze per anziani e disabili: il dopo-Covid 19 impone una rivoluzione

Post n°26142 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche

Residenze per anziani e disabili: il dopo-Covid 19 impone una rivoluzione  

  
 

L’emergenza coronavirus ha messo in evidenza l’esigenza di cambiare vecchi modelli. La proposta progettuale di Villaggi ecosostenibili sul co-housing rafforzato. No all’isolamento, si al recupero delle relazioni e a strutture inserite nel contesto sociale.

 

“L’attuale modello di assistenza nelle Residenze Sanitarie per anziani e disabili, alla luce di quanto messo in evidenza dall’emergenza coronavirus, è totalmente da ripensare e riorganizzare”.

 

E’ quanto sostengono attraverso una lunga e dettagliata proposta progettuale l’architetto Pasquale Mininno, già dirigente del settore urbanistico del Comune di San Severo, e Franco Persiano, segretario generale SPI Cgil Foggia.

 

Un progetto, quello proposto, che dovrà essere condiviso e fatto proprio da istituzioni, strutture sanitarie e Comunità, con l’insieme delle realtà associative, del mondo delle cooperative, del Terzo settore e delle imprese. La “base di partenza” è quella del co-housing, ma attraverso un rafforzamento di quel modello. “Servono nuove residenze dove gli anziani e i disabili non siano più isolati dal contesto familiare, sociale e cittadino.

 

Residenze che prevedano non solo servizi come mensa, lavanderia, sale comuni di ricreazione e intrattenimento, palestre, biblioteche, attività commerciali, pubblici esercizi, ma anche ambulatori con personale specializzato come medici, infermieri e operatori socio sanitari. Non si potrà prescindere dal pensare agli anziani anche nei casi in cui nella stessa famiglia siano presenti diversamente abili.

 

Bisogna garantire la continuità delle relazioni intime e sociali. Proprio per questo motivo è necessario che venga superato l’attuale sistema di confinamento in strutture come le case di riposo per anziani e disabili. Il co-housing abitativo potrà essere una vera alternativa solo se l’esame sarà condotto nei confronti dei singoli componenti della famiglia, rispettando le specifiche esigenze e studiando le singole patologie e peculiari condizioni sociali”.

 

Sul sostegno ai disabili, il “Durante e Dopo di noi” stenta a partire in modo concreto e risolutivo e le strutture realizzate finiscono per manifestare gli stessi limiti di tutte le altre. Occorre che le istituzioni affianchino e accompagnino le famiglie in un percorso personalizzato per l’intero percorso di vita del diversamente abile.

 

Oggi viene lasciato alle famiglie il compito di orientarsi sia per ottenere una corretta diagnosi che per operare verso una giusta terapia. L’attuale modello di assistenza nelle strutture è pensata in modo da dividere i componenti della famiglia confinandoli in spazi che mortificano le relazioni. Serve un nuovo modello organizzativo tra welfare e sanità, che non sia affidato al privato ma a gestione pubblico–privato. L’Edilizia residenziale pubblica dovrà riprogrammare il suo ruolo e rapportarsi al welfare con il resto delle componenti sociali.

 

“Con tutto il patrimonio edilizio esistente abbandonato, che  può essere utilmente recuperato, è inutile pensare di realizzare nuove abitazioni per avere ancora quartieri ghetto privi di servizi e non inseriti nei contesti urbani. La rigenerazione urbana può essere l’approccio più appropriato ed esteso, oltre che alle periferie, anche ai centri storici e, comunque, nelle zone della città dove maggiore è evidente l’esigenza di rigenerare non solo il patrimonio edilizio esistente ma anche i rapporti sociali.

 

Cercare di integrare nel progetto di co-housing anche eventuali figli disoccupati per impiegarli nei servizi e nelle attività dei programmi residenziali può rappresentare una occasione lavorativa per i giovani e l’unità familiare. Le Regioni, per questo progetto, hanno un ruolo cardine per garantire il coordinamento tra gli aspetti urbanistici, del welfare e della sanità”.

 

La proposta si basa su una progettazione partecipata che interessi e coinvolga i futuri residenti, gli operatori sociali e sanitari del territorio, i rappresentanti dell’edilizia residenziale pubblica, gli operatori dei servizi privati e pubblici da includere nel programma e, naturalmente, i soggetti che realizzano e quelli che gestiscono il progetto, oltre ai tecnici progettisti e agli esperti delle discipline coinvolte”.

 

Nella proposta progettuale, che sarà lanciata probabilmente in autunno attraverso una serie di convegni e incontri con le istituzioni, i sindacati, il mondo del terzo settore e quello imprenditoriale, le scuole e i rappresentanti della Sanità territoriale si delinea una strategia dettagliata per la realizzazione di un Villaggio Ecosostenibile.

 

Gli interventi per gli anziani e i disabili non possono continuare a essere a compartimenti stagni: le fasi di diagnosi, cura, riabilitazione e vita nel contesto devono essere osservate contestualmente e con l’opportuna programmazione e pianificazione da tutti i soggetti interessati. Gli aspetti sanitari e sociali devono essere un tutt’uno con le istituzioni scolastiche e culturali in genere. “Stiamo lanciando la proposta a cui presto dedicheremo anche una pagine specifiche sui social per illustrarla e discuterla”.

 
 
 

Vieste/ Riapertura spiagge, ultimatum di Nobiletti al governo: “dateci subito una data”

Post n°26141 pubblicato il 07 Maggio 2020 da forddisseche
 

Vieste/ Riapertura spiagge, ultimatum di Nobiletti al governo: “dateci subito una data”  

  
 

In videoconferenza con la sottosegretario ai Beni Culturali, Lorenza Bonaccorsi, ha partecipato anche il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti, insieme agli altri 19 colleghi del G20 Spiagge.

 

Come è noto la città garganica a settembre dovrebbe ospitare l’edizione 2020 del summit, ma mai come in questo periodo il condizionale è d’obbligo. Nobiletti si è detto d’accordo con gli altri sindaci a voler aprire la stagione balneare il 1° giugno, una data, visti i tempi, che sa di provocazione, ma che invita il Governo a prendere un impegno preciso quantomeno sulla data, da lì si potrà costruire a ritroso tutto l’iter per arrivare con un minimo di sevizi pronti per cercare di salvare la stagione.

 

“Siamo a disposizione già da oggi – ha affermato il sindaco di Vieste - per fornire tutte le informazioni utili da spendere”. Tra le istanze più urgenti presentate alla sottosegretario, la data di apertura delle spiagge, il protocollo sanitario per lavorare in sicurezza, interventi a sostegno di imprese e lavoratori della filiera turistica.

 

“Il turismo in Puglia e sul Gargano in particolare è la prima fonte di economia, e deve ripartire subito. L’obiettivo – ha aggiunto Nobiletti – è soprattutto quello di arginare il rischio che le numerose piccole imprese turistiche del nostro territorio, vengano spazzate via dalla crisi post Covid-19 che colpisce e colpirà in modo deciso proprio questo settore.

 

Ecco perché ribadisco ancora una volta che fra gli interventi prioritari c’è bisogno di indennizzi per i mancati introiti, di liquidità, non solo come credito, ma anche crediti di imposta sugli affitti ed estensione della cassa integrazione per i tanti lavoratori stagionali che qui a Vieste sono davvero tanti”. Nobiletti si rivolge anche al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

 

“Intervenga con determinazione al Tavolo del Governo come stanno facendo giustamente i governatori di Emilia Romagna e Toscana su una questione a dir poco vitale per l’economia pugliese. Non si dimentichi che Vieste e il Gargano vivono esclusivamente di turismo e contribuiscono a tenere alto il Pil regionale”. Tra le richieste alla sottosegretario Bonaccorsi, anche la necessità di aprire a tutta la nazione.

 

“Abbiamo bisogno di un turismo che non sia solo di prossimità e regionale – ha detto l’assessora al Turismo, Rossella Falcone - ma di flussi turistici provenienti da tutta Italia, in grado di rendere sostenibile l’attività imprenditoriale. È necessaria la mobilità tra Regioni”.