Blog
Un blog creato da g1b9 il 10/01/2009

Sentimentalmente

Tutto ció che mi dá emozioni....

 
 

***

   Nel mio blog utilizzo  immagini trovate sul Web. Alcune siuramente hanno il copyright;  qui sono usate con scopo culturale , divulgativo  e critico, tuttavia toglierò immediatamente l'immagine, qualora questo uso dispiacesse agli autori.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

 

 

 

 

« Un piccolo dono della na...Il quotidiano...giorno d... »

Un quadro del Quadrone, una bella mattina di settembre...

Post n°4720 pubblicato il 13 Settembre 2020 da g1b9
 

 

 Un quadro di Quadrone, il profumo di  pane caldo...  settembre la stagione giusta, perfetta com'era allora, quando trascorrevo  l'ultima mese di vacanza in campagna, alla tenuta di papà,ecco che mi torna alla mente  la stagione della caccia. Altri tempi, altra natura intorno a noi, nessuno viveva quel giorno dell'inzio della stagione venatoria, col senso di colpa , come succede ora. Impensabile ai nostri giorni una giornata come quella, ora si uccidono  uomini, ragazzi per le strade , senza motivi apparenti, ma  forse per odi covati a lungo, odi dimenticati e forse mai esistiti, ma rinfrescati ,rimessi in piazza perchè la politica , ormai senza ideali, senza idee, ha bisogno sempre di rinvangare il passato, spesso stravolgendolo perchè così serve alla propaganda.  Torno , pertanto, senza patemi, a  sentire quel meraviglioso profumo del pane  appena sfornato, caldo, caldo,e, ancora fumante deposto su quella tavola di legno, apparecchiata molto rusticamente con scodelle di latte, appena bollito. La cucina del fattore ;quanto mi piaceva quella semplice stanza, col soffitto a travoni, il pavimento di mattoni grezzi, il grande camino, sempre acceso col pentolone dell'acqua calda a penzoloni,  il tavolone in legno massiccio, sedie rusticissime, qualche sgabello nato per passatempo, la madia dove si conservava  una parte di impasto...la magia che avrebbe lievitato quello del giorno dopo e così per tutti i giorni a venire. Pendeva su quel legno del tavolo, perfettamente terso una lampadina, che faceva rimpiangere i vecchi lumi a olio.   Fuori iniziava ad albeggiare una giornata di fine settembre, clima fresco, cielo terso di quell'azzurro intenso eppur trasparente di pulito. A sedere ,frettolosi arrivavavano uno dopo l'altro i cacciatori: nonno, papà ,gli zii, spesso alcuni amici venuti appositamente per la caccia, sereni, allegri, informali, attorno al desco dei contadini, che sempre mettevano a disposizione la loro cucina per queste colazioni molto, molto mattutine. Fuori i cani facevano sentire la loro impazienza, abbaiando e lanciando guaiti al sole che piano piano tingeva il cielo con mille colori. Mi piaceva alzarmi e correre in quella cucina, sedermi sulle ginocchia di papà per gustare quel meraviglioso pane inzuppato nel latte appena munto,  mi piacevano le sue carezze sui miei lunghi capelli mentre cercavo di evitare il bacio di nonno... quanti baci mi sono persa per paura di quei baffi all'umberta, che pungevano come spilli,  baci , sostituiti all'istante da un buffetto sul capo... nonno, caro nonno, quanta tenerezza in quel buffetto accompagnato da una battuta.  Tutto era pronto, i fucili lucidi  appoggiati al muro, le cartuccere ed i carnieri sul pavimento, in attesa di essere indossati. Mi piacevano quegli abiti da caccia, molto ricercati, pieni di tasche e taschini... mi ricordavano una cassettiera...Ora  era tutto pronto, rifocillati  da una rustica , ma nutriente colazione, sarebbero partiti. Li avrei visti , seguiti dai loro cani, finalmente felici e scodinzolanti, incamminarsi sul sentiero verso la collina  dietro casa, per sparire alla vista alcuni minuti dopo. Mentre il sole sorgeva, tornavo ad accovacciarmi nel mio letto, qualche volta tornavo a dormire, ma molto più spesso, ripercorrevo con la mente quel percorso che avevo fatto molte volte col nonno, quando lo  seguivo nelle giornato di allenamento ai cani. Vedevo le loro ferme, per stanare la preda, l'attenta pazienza silenziosa finchè l'uccello non si alzava in volo  o la lepre si dava alla fuga, immobile nel mio letto, quasi il respiro potesse interrompere  quei momenti... Poi passava la  giornata. Poco prima de tramonto l'abbaiare dei cani  felici annunciava il ritorno dalla caccia. Scendevano dalla collina in fila indiana, con passo sicuro , che portava tuttavia il peso  della strada percorsa, sui loro volti la stanchezza felice. Poco  dopo , lo stesso tavolo del mattino era  una meravigliosa  immagine di natura morta dal titolo"Dopo La caccia"!!

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

 
 

RELATHIONSHIP

Don't let someone become a priority in your life , when you are an  optional in their life... Relationships work best when they are balanced.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marciragusog1b9theresawilliam1alf.cosmosROTTOALCUBOdolce.melodia1licsi35pevirgola_dflascrivanatanmikaliceparlallalunaassia1946amore_nelcuore1paperino61todogghet
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

motori ricerca

 


contatori internet

popoli e comunità