Blog
Un blog creato da g1b9 il 10/01/2009

Sentimentalmente

Tutto ció che mi dá emozioni....

 
 

***

   Nel mio blog utilizzo  immagini trovate sul Web. Alcune siuramente hanno il copyright;  qui sono usate con scopo culturale , divulgativo  e critico, tuttavia toglierò immediatamente l'immagine, qualora questo uso dispiacesse agli autori.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

 

 

 

 

« Fuori di casa mia...Pensierino per la sera... »

Nei giovani il futuro da programmare...

Post n°4849 pubblicato il 25 Gennaio 2021 da g1b9
 

 

Penso che sia necessario educare le nuove generazioni al valore della sconfitta. Alla sua gestione. All’umanità che ne scaturisce. A costruire un’identità capace di avvertire una comunanza di destino dove si può fallire e ricominciar senza che il valore e la dignità ne siano intaccati. A non divenire uno sgomitatore sociale a non passare sul corpo degli altri per arrivare primo. In questo mondo di vincitori volgari e disonesti, di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta,che occupa il potere, che scippa il presente,figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo, dell’apparire, del diventare….A questa antropologia del vincente preferisco di gran lunga chi perde. E’ un esercizio che mi riesce bene: mi riconcilia con il mio sacro poco.

Pier Paolo Pasolini


Il Friuli, con i suoi “monti trasparenti e un filo di ebbre nevi”, con le sue “vette incolori”, come lo definiva Pasolini, è  lo sfondo per lo scrittore  della sua vocazione pedagogica che lo accompagnerà per tutta la vita. Infatti  la scuola e l’insegnamento hanno incrociato le varie tappe dell’esistenza di Pasolini, accompagnandolo nel suo percorso di formazione e maturità. L'esordio didattico si muove sulla novità di un metodo educativo teso a non creare o far emergere separazioni tra il maestro e i suoi alunni, ma  capace di favorire un equilibrato interscambio tra alunno e insegnante. Egli voleva trasmettere ai ragazzi non solo quello che lui sapeva, ma voleva insegnare loro  un pensiero ed un ragionamento libero in un periodo in cui la cultura sembrava destinata a standardizzarsi in quegli anni difficili  del dopoguerra. Odi nuovi  e antichi tendevano a trasferirsi nelle giovani menti. Egli voleva una libera cultura e menti che si formassero per convincimento ragionato e non solo per indottrinamento, che allora era quotidiano condito da facilitazioni sociali, che purtroppo paiono essere endemiche in ogni tempo ed in ogni luogo.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

 
 

RELATHIONSHIP

Don't let someone become a priority in your life , when you are an  optional in their life... Relationships work best when they are balanced.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

g1b9monellaccio19carloreomeo0BobbyTheGiantcacciatoridinuvoleONGAM_IVfedechiaraprolocoserdianalicsi35peneopensionataalfaxclatra.cpaolovicini1942misteropaganoamici.futuroieri
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

motori ricerca

 


contatori internet

popoli e comunità