Memorie di un Soldato..

MM

 

 

 

 

 
Quando ero giovane mi portavo a fare le valigie
E ho vissuto la vita libera del genere voglio trovarmi nei posti più nascosti della terra..Dal mare all’oceano, all’entroterra polveroso dappertutto
Poi il mio paese disse: Figlio,
È tempo di smettere di vagare, c’è del lavoro da fare
Quindi mi hanno dato un cappello di latta e mi hanno dato una pistola
E mi hanno mandato in guerra
Quando la nave si allontanò dalla banchina
E tra tutte le lacrime, sventolando la bandiera e applaudendo
Abbiamo navigato verso la morte..

Ricordo bene quel giorno terribile
Quando il nostro sangue ha macchiato la sabbia e l’acqua
E come in quell’inferno ..
Siamo stati macellati come agnelli al massacro

Ci ha fatto piovere con proiettili e ci ha fatto piovere con il guscio
E in cinque minuti piatti, siamo stati tutti fatti saltare all’inferno
Ci ha quasi fatto tornare a casa ..
Quando ci siamo fermati a seppellire i nostri uccisi
Bene abbiamo seppellito il nostro e i nemici hanno seppellito il loro
Poi è ricominciato tutto da capo

Oh quelli che vivevano hanno appena cercato di sopravvivere
In quel folle mondo di sangue, morte e fuoco
E per dieci settimane stanche mi sono tenuto in vita
Mentre intorno a me i cadaveri si accumulavano più in alto
Poi un grosso proiettile  mi ha fatto cadere il culo sopra la testa
E quando mi sono svegliato nel mio letto d’ospedale
E ho visto cosa aveva fatto, avrei voluto essere morto
Non ho mai saputo che ci fossero cose peggiori della morte

Oh non più andrò a cercare quello che non conosco..
Tutto intorno al cespuglio verde lontano e vicino
Perché gobba tenda e pioli, un uomo ha bisogno di entrambe le gambe
Niente più valzer per me

Raccolsero i feriti, i paralizzati, i mutilati
E ci hanno rispedito a casa ..
L’armato, l’senza gambe, il cieco e il pazzo
Quegli orgogliosi eroi feriti
E quando la nave si fermò nella banchina circolare
Ho guardato il posto in cui mi trovavano le gambe
E grazie a Cristo non c’era nessuno che mi aspettasse
Dolore, lutto e pietà

E la band ha suonato Waltzing Matilda
Quando ci hanno portato lungo la passerella
Oh nessuno ha esultato, sono rimasti lì e hanno fissato
Poi hanno allontanato tutte le loro facce

Ora ogni aprile mi siedo sulla mia veranda
E guardo passare la sfilata davanti a me
Vedo i miei vecchi compagni, con orgoglio che marciano
Rinnovare i loro sogni di glorie passate
Vedo i vecchi tutti stanchi, rigidi e logori
Quei vecchi eroi stanchi di una guerra dimenticata
E i giovani chiedono “Per cosa stanno marciando?”
E mi faccio la stessa domanda
E i vecchi rispondono ancora alla chiamata
Ma anno dopo anno, il loro numero diminuisce
Un giorno nessuno marcerà lì
Chi verrà con me ?
E i loro fantasmi possono essere ascoltati mentre marciano verso la morte..

Cosa è cambiato in tanti anni su questa Terra ,donata per tutti,ma gestita da pochi senza ride_gno?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Memorie di un Soldato..ultima modifica: 2022-12-03T11:44:55+01:00da ilcorrierediroma
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr