Creato da KaedeMaemi il 06/08/2009

ROMA ANTICA

POESIE STORIE E FOTO DELLA ROMA CHE FU

 

OMMINI E BESTIE

Post n°326 pubblicato il 07 Aprile 2017 da KaedeMaemi
 

 

 

L'INDENNITA'


Adesso, ar Parlamento Nazzionale,

ogni rappresentante der Paese

sai quanto pija? Mille lire ar mese:

dodici mila all'anno... Nun c'è male!

Chi je le dà? Nojantri: è naturale!

Ne la paga, però, ce so' comprese

l'opinioni politiche e le spese

pe' sostené la fede e l'ideale.

quelli che ne potrebbero fa' senza,

perché so' ricchi e cianno robba ar sole,

li spenneranno pe' beneficenza.

Er mio, defatti, pare che li dia

ar Pro-Istituto de le donne sole

ch'hanno bisogno d'una compagnia...

1913



 

 
 
 

ACQUA E VINO

Post n°325 pubblicato il 04 Aprile 2017 da KaedeMaemi
 

 

 

LE CARICHE


- Perché - chiese la Volpe ar Re Leone -

avete messo un Lupo a la Giustizzia?

Pe' le Pecore è un guajo, e la notizzia

j'ha fatto una bruttissima impressione:

ché er Lupo, quanno batte la campagna,

tante ne vede e tante se ne magna.

- E' inutile che fai l'umanitaria,

- je rispose er Leone - ché a la fine

tu sai quer ch'hanno detto le Galline

quanno t'ho nominata fiduciaria...

Se un Re guardasse er sentimento interno

de chi ariva ar potere, addio Governo!

1944

 
 
 

ACQUA E VINO

Post n°324 pubblicato il 11 Settembre 2016 da KaedeMaemi
 

 

 

PAPPAGALLO ERMETICO


Un Pappagallo recitava Dante:

"Pape Satan, pape Satan aleppe..."

Ammalappena un critico lo seppe

corse a sentillo e disse: - E' impressionante!

Oggiggiorno, chi esprime er su' pensiero

senza spiegasse bene, è un genio vero:

un genio ch'è rimasto per modestia

nascosto ner cervello d'una bestia.


Se vòi l'ammirazzione de l'amichi

nun faje capì mai quelo che dichi.

1937

 
 
 

ACQUA E VINO

Post n°323 pubblicato il 10 Settembre 2016 da KaedeMaemi
 

 

 

LA DISTRAZZIONE DE CUPIDO


Dormivo da un par d'ore

quanno intesi un fruscìo vicino ar letto:

accenno er lume e vedo un angioletto

ch'era propio Cupìdo, er Dio d'Amore.

- Che vòi? - je chiedo; e quello,

che stava pe' tiramme una frecciata,

come me vede sbotta una risata

che m'arisona come un campanello.

- Caro Cupìdo, - dico -

te manna forse Margherita mia?

Solo così me spiego l'allegria

sincera e fresca der bertempo antico.

- No, vecchio mio, t'inganni:

- m'ha risposto quer boja de Cupìdo -

me sò sbajato porta, apposta rido;

io devo ferì un core de vent'anni.

E' giovene, è felice

e crede vero tutto quer che sogna...

Ma, a l'età tua, che speri? Ormai bisogna

che te contenti de la cicatrice.

1938

                            

 
 
 

LE FAVOLE

Post n°322 pubblicato il 09 Giugno 2013 da KaedeMaemi
 

 


LA MARGHERITA


Una bella Margherita

che fioriva in mezzo a un prato

fu acciaccata da un serpente,

da un serpente avvelenato.

- Se sapessi - disse er fiore -

tutto er male che me fai!

E er dolore che me dài!

quanta gente lo risente!

Certamente nu' lo sai!

Ogni donna innammorata,

che vò legge la fortuna,

ner vedemme m'ariccoje

pe' decide da le foje,

che me strappa una per una,

s'è infelice o fortunata:

e vò vede se l'amore

se conserva sempre eguale,

e me chiede se l'amante

je vò bene o je vò male...

Io, pe' falla più felice,

pe' levalla da le pene,

fo der tutto che la foja

che je dice " Me vò bene"

sia quell'urtima che sfoja.

Dove c'è la Margherita

c'è er bon  core e la speranza,

c'è la fede, c'è l'amore

ch'è er più bello de la vita... -

Ogni fiore a 'ste parole

rispettoso la guardò,

e perfino er Girasole

piantò er sole e s'inchinò.

Agosto 1900


 

 
 
 
Successivi »
 

S.PIETRO IN VINCOLI

 

TAG

 

CENTO CAMPANE

 

LA GRANDE ANNA MAGNANI

 

 

ANGOLO DI ROMA

 

ARCO DEI BORGIA

 

Registra il tuo sito nei motori di ricerca  

In classifica

Uno dei più belli

sito

 

VICOLO DEL CAMPANILE

 

LA LUPA

 

VIA DELLA VOLPE

 

PONTE ROTTO

 

S.MARIA IN MONTICELLI

 

BASILICA S.S.ROTONDO

 

 

 

 

Portale Siti italiani

 

free counters

 

 

COLLE PALATINO