Creato da KaedeMaemi il 06/08/2009

ROMA ANTICA

POESIE STORIE E FOTO DELLA ROMA CHE FU

 

« LE FAVOLEACQUA E VINO »

ACQUA E VINO

Post n°323 pubblicato il 10 Settembre 2016 da KaedeMaemi
 

 

 

LA DISTRAZZIONE DE CUPIDO


Dormivo da un par d'ore

quanno intesi un fruscìo vicino ar letto:

accenno er lume e vedo un angioletto

ch'era propio Cupìdo, er Dio d'Amore.

- Che vòi? - je chiedo; e quello,

che stava pe' tiramme una frecciata,

come me vede sbotta una risata

che m'arisona come un campanello.

- Caro Cupìdo, - dico -

te manna forse Margherita mia?

Solo così me spiego l'allegria

sincera e fresca der bertempo antico.

- No, vecchio mio, t'inganni:

- m'ha risposto quer boja de Cupìdo -

me sò sbajato porta, apposta rido;

io devo ferì un core de vent'anni.

E' giovene, è felice

e crede vero tutto quer che sogna...

Ma, a l'età tua, che speri? Ormai bisogna

che te contenti de la cicatrice.

1938

                            

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

S.PIETRO IN VINCOLI

 

TAG

 

CENTO CAMPANE

 

LA GRANDE ANNA MAGNANI

 

 

ANGOLO DI ROMA

 

ARCO DEI BORGIA

 

Registra il tuo sito nei motori di ricerca  

In classifica

Uno dei più belli

sito

 

VICOLO DEL CAMPANILE

 

LA LUPA

 

VIA DELLA VOLPE

 

PONTE ROTTO

 

S.MARIA IN MONTICELLI

 

BASILICA S.S.ROTONDO

 

 

 

 

Portale Siti italiani

 

free counters

 

 

COLLE PALATINO