Creato da Signorina_Golightly il 23/06/2014

Altrove

Applico alla vita i puntini di sospensione...

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 17
 

 

Partenza (in treno da Milano a Napoli)

Post n°940 pubblicato il 20 Agosto 2019 da Signorina_Golightly
 

https://starerikson.blogspot.com/2019/08/partenza-in-treno-da-milano-napoli.html?m=1

 
 
 

Come un quadro di Monet

Post n°938 pubblicato il 15 Agosto 2019 da Signorina_Golightly
 

https://www.instagram.com/p/B1IfkmfiFou/?igshid=lon374a73vxc

 
 
 

Sposa tra pochi giorni

Post n°937 pubblicato il 14 Agosto 2019 da Signorina_Golightly
 

No, perché qui poi sembra che stia con le mani in mano invece di scattare foto...


https://www.instagram.com/p/B1DSu-YCMM-/?igshid=e5yn8vg06ppn

 
 
 

Inventati il lavoro: 25 consigli su come crearsi il lavoro e dare senso alla propria vita (auto. Jacopo Perfetti) - Parte 3

Post n°934 pubblicato il 01 Agosto 2019 da Signorina_Golightly
 

"Fai qualcosa di usuale, ma fallo in maniera differente."


"Lavora ogni giorno in un posto diverso. Sii curioso. La curiosità è il punto di partenza della creatività."


"Non lasciare che la tua vita sia una lenta ripetizione della solita routine. Perché la comfort zone si trova proprio nella ripetizione."


"prima colleziona punti il cui valore nessuno riesce a vedere, e poi connettili creativamente come nessuno ha mai fatto prima."


"spesso prendiamo una decisione non perché sia quella giusta, ma perché non riusciamo a sopportare a lungo quel senso di inquietudine derivante dall’indecisione. Le persone più creative, invece, interagiscono con un problema più a lungo, prima di provare a risolverlo, perché sono più preparate a tollerare quell’ansia che tutti noi proviamo quando non siamo ancora riusciti a venire a capo di qualcosa."


"il tempo e, più in generale, la capacità di attendere, è un elemento chiave nel percorso di generazione di una nuova idea."


"Viviamo nell’era della gratificazione istantanea. Siamo sempre di fretta. Non ci concediamo il tempo di pensare o elaborare un’idea. Siamo ossessionati dalla produttività. E pensiamo che procrastinare sia il nemico numero uno del nostro lavoro. Ma non è così. Spesso procrastinare è la chiave del successo. Procrastinare, infatti, può essere utile solo se, prima o poi, completi il tuo lavoro. Altrimenti procrastinare si trasforma in una facile scusa per non fare."


"Un’oncia di azione vale quanto una tonnellata di teoria."


"Jobs tagliò subito il numero di prodotti del 70%, focalizzandosi unicamente su quelli che si sentiva di consigliare ai suoi amici.  Un anno dopo, l’azienda passò da perdite pari a più di un miliardo di dollari a un profitto di centinaia di milioni di dollari. Mentre i suoi predecessori provarono a far fronte alla crisi aggiungendo nuovi prodotti e fallirono, Steve Jobs affrontò la crisi tagliando il numero di prodotti e riuscì a risollevare le sorti della Apple. Sviluppare la tua idea è un po’ come scolpire una scultura. Non riguarda quello che fai ma, piuttosto, quello che decidi di non fare. Non è una questione di aggiungere elementi, ma di togliere elementi."


"modo migliore per essere unici e guadagnare un vantaggio competitivo è fare di più con meno, seguendo uno dei principi base dell’algebra per cui meno per meno uguale più. Vediamo qualche esempio: rimuovendo caratteristiche non essenziali"


"Fare di più con meno è come potare una pianta, devi sapere cosa tagliare e cosa tenere. Devi sapere cosa è veramente essenziale per il tuo lavoro e quale sia il suo vero valore. Devi chiederti di cosa hai veramente bisogno e cosa i tuoi clienti vogliono veramente. Devi controllare ogni singolo costo per capire cosa fare internamente, cosa esternalizzare e cosa eliminare. Se vuoi fare di più con meno, dunque, non domandarti di cosa hai bisogno e ancora non hai, ma di cosa non hai bisogno tra quello che già hai" 

"Kafka passò la maggior parte della sua vita lavorando come avvocato per una compagnia di assicurazioni. Ma aveva un rigido programma giornaliero, che gli permise di lavorare durante il giorno e scrivere durante la notte. Ogni giorno, infatti, andava al lavoro dalle 8:30 alle 14:30, pranzava e poi faceva un lungo sonnellino fino alle 19:30, dopo il quale faceva 10 minuti di esercizi e poi cenava. Dopo cena, cominciava a scrivere e, a seconda della stanchezza, inclinazione o sorte, continuava fino all’una, alle due, alle tre o, addirittura, fino alle sei del mattino. Mentre tutti i suoi colleghi dormivano, Franz Kafka lavorava al suo sogno."


“Non provare a fare due cose contemporaneamente e aspettarti di fare bene entrambe”. Quando stai lavorando a qualcosa, lavora solo a quel qualcosa."


"lavoriamo duro, ma di rado ci chiediamo se stiamo lavorando in modo intelligente. Lavorare duro, infatti, non è mai abbastanza: devi lavorare con metodo e raggiungere di più senza sprecare il tuo tempo. Quello che conta non è mai ciò che fai, ma come lo" 


"Crea i tuoi momenti di lavoro, dà loro un inizio e una fine. Segnala al tuo cervello che è il momento di cominciare o di smettere di lavorare. Trova il tuo momento ideale di lavorare. Per Kafka era di notte, io preferisco il mattino molto presto. Ma qualsiasi sia il tuo momento di lavorare, cerca di evitare ogni forma di interruzione, ovvero email, messaggi WhatsApp, social media, chiamate, riunioni e tutte le distrazioni che rompono il tuo flusso di lavoro."


"Dalle 5.00 alle 9.00 del mattino sperimenta, disegna, fa bozzetti e asseconda ogni sua pulsione creativa. Dalle 9.00 del mattino alle 6.00 di sera, invece, lavora con il suo team ai progetti che hanno in cantiere."


"Non lasciare i progetti a metà. Decidi se metterci una pietra sopra oppure se lanciare una versione base del tuo prodotto. Se, invece, pensi che il tuo progetto non abbia futuro, chiudilo e non pensarci più. Fai spazio per nuovi progetti. I progetti lasciati in sospeso ti occupano solo spazio mentale e sono demotivanti."


“Funziona così, è sempre funzionato così fin dai tempi più antichi, tanto nel lavoro quanto nella vita. O ti innovi e quindi ti evolvi, oppure non ti innovi, continui a fare sempre la stessa cosa nello stesso modo, e magari sopravvivi anche qualche anno, ma alla fine ti estingui, scompari e quando te ne rendi conto spesso è troppo tardi”.


"il tempo è più prezioso dei soldi. I soldi sono potenzialmente illimitati, ma il tempo non lo è ed, economicamente parlando, una risorsa limitata è generalmente più preziosa di una illimitata. Tieni quindi traccia del tuo tempo e dagli un prezzo. Traccia ogni ora che spendi a lavorare su un progetto. Ci sono molti programmi per farlo, ma può essere sufficiente anche un foglio Excel. Io stesso uso un documento Excel con cinque colonne: Il nome del progetto, il tempo che gli sto dedicando, il tempo che ho deciso di allocargli, il mio compenso orario. Non svenderti".


"Un vero artista è unico e, in quanto tale, è lui o lei a fare il prezzo, non chi compra."


"evita tutti quei non-compiti come atteggiamenti o discorsi non-ispiranti, lavori non-necessari, infinite riunioni non-produttive, compiti non-definiti e obiettivi non-verosimili, che finiscono per essere solo uno spreco di tempo e risorse."


"Non limitarti, dunque, ad ascoltare quello che i tuoi clienti pensano di volere. Comprendi quello di cui sentono veramente il bisogno e inventa un prodotto che vogliano comprare."


"Quando due persone che sono molto capaci in una determinata competenza si incontrano, il risultato di 1 + 1 non è 2, ma 3, perché il valore che riescono a creare insieme è maggiore della somma del valore che riuscirebbero a creare da soli”.


"Così come non puoi avere una community di clienti senza avere un buon prodotto, allo stesso modo non puoi avere un buon prodotto senza avere una community che ti segua e che compri quello che produci."


"Quando mandi il tuo progetto a una rivista o a un giornale o a un blog o a qualsiasi altro media, non limitarti a dire cosa fai, ma anche chi sei, o perché lo fai, non dar loro un prodotto e basta, dagli una storia che possano scrivere."


"se hai scritto un libro, condividilo su Anobii."


"Ogni giorno riceviamo centinaia di email, messaggi, chat e WhatsApp. La comunicazione scritta è in sovraccarico. Non alimentare questo inutile accumulo di spam. Seleziona con cura le persone che vuoi contattare e contattale direttamente, spiegando subito perché hai voluto contattare proprio loro e non chiunque altro. Una telefonata mirata può valere più di una tonnellata di email."


"Contatta quindi meno gente, ma contattala nella maniera più diretta e personalizzata possibile."


"Lavorare da solo, tutto solo nel tuo piccolo ufficio o, ancora peggio, a casa, magari in pigiama. Questo non è sano. Evitalo. Non lavorare mai da casa. Esci. Lavora su una panchina in mezzo al parco piuttosto, o in un bar. Dovunque tu voglia, purché ci siano persone attorno a te."


"Smettila di preoccuparti della quantità di persone che ti seguono, e comincia a occuparti della qualità delle persone che ti seguono."


"regola numero uno del marketing è non cercare di piacere a tutti."


"non puoi prescindere dal saper parlare la lingua di riferimento o, quanto meno, l’inglese. Questi alcuni strumenti che possono aiutarti a migliorare il tuo inglese. Le lezioni uno a uno di Fluentify (www.fluentify.com) oppure Italki (www.italki.com) o ancora Memrise (www.memrise.com) o Savvy (www.savvy.is). Gli strumenti gratuiti di BBC Learning English (www.bbc.co.uk/learningenglish). La app di Duolingo (duolingo.com). Se invece devi scrivere in inglese, un buono strumento è Grammarly (www.grammarly.com)."


"sentivo il bisogno di crearmi una mia dimensione lavorativa, nella quale non fossi costretta a stare otto ore al giorno davanti al computer a fare qualcosa che sentivo appartenermi sempre meno. Ero a corto di ossigeno. E così mi sono inventata il mio lavoro. Me lo sono cucita addosso. Ora mi sento più realizzata, più serena e, soprattutto, più libera. Libera di scegliere quando e come lavorare. Quando ti inventi il lavoro capisci che se vuoi, puoi fare tutto e questo ti dà una libertà enorme, a patto che tu abbia molto coraggio e molta determinazione”.


"Le tre dipendenze più nocive sono l’eroina, i carboidrati e uno stipendio mensile. Nassim Nicholas Taleb" 


“‘Sai cosa penso sia la felicità?’ Amare il tuo lavoro. Non molte persone lo sanno, e questo è il motivo per cui vanno in vacanza, ma è la verità. Se odi il tuo lavoro, odi la tua vita”.


"Indie Jobs Un motore di ricerca che ho lanciato con due amici, Michele e Riccardo, che ti permette di trovare tutti i lavori “indipendenti” disponibili sul Web, indicando semplicemente le risorse e le competenze che hai a disposizione. Puoi usarlo qui: indiejobs.co."

 
 
 

Inventati il lavoro: 25 consigli su come crearsi il lavoro e dare senso alla propria vita (auto. Jacopo Perfetti) - Parte 2

Post n°933 pubblicato il 01 Agosto 2019 da Signorina_Golightly
 

"credere in te stesso.Credere nel tuo talento. Credere che potrai perdere tutto, ma non sarai mai perso fino a quando non avrai perso la fiducia in te stesso."


"Il pessimismo è un lusso che non possiamo più permetterci."


"Se ti lasci andare al pessimismo, sei professionalmente perduto. Essere ottimista è, dunque, una caratteristica essenziale per coloro che vogliono inventarsi il lavoro. E quando dico ottimista, non intendo privo di senso pratico e con la testa tra le nuvole, intendo avere uno spirito pro-attivo, realistico e sicuro che, in un modo o nell’altro, troverai sempre il modo per farcela e portarti a casa il lavoro."


"differenza tra un disastro e un’avventura è solo una questione di attitudine."


"fallimenti possono ucciderti o renderti più forte, possono essere un’occasione per mollare il colpo oppure un’opportunità per fare le cose meglio e in maniera differente. Se hai un approccio imprenditoriale, il fallimento fa parte del processo di crescita. E questo è il motivo per cui, paradossalmente, solo i vincenti possono permettersi di perdere, perché soltanto chi riesce ad andare oltre il fallimento sarà in grado di aver successo."


"Fin dal principio della Strategia Competitiva (pensa solo alla celebre analisi SWOT8) le debolezze sono sempre state viste come qualcosa di negativo. Ma non lo sono. Perché le debolezze sono ciò che ci rende unici e, come sostiene il guru della Strategia Competitiva, Michael Porter, solo competendo per essere gli unici, e non i migliori, un’azienda può raggiungere una performance superiore e sostenibile.9 Quando ti stai inventando il lavoro, dunque, non nascondere o evitare le tue debolezze, ma trasformale in un’occasione per essere diverso dai tuoi concorrenti."


"risolvere problemi genera creatività. Devi pensare in tutte le direzioni e provare a seguire nuove strade, ma prima di tutto devi essere in grado di vedere il problema."


"non sprecare tempo a risolvere (o creare) problemi che non esistono e focalizzati su tutti i problemi reali che potresti risolvere inventando un nuovo prodotto o servizio."


"saper chiudere quel che pensi non abbia valore è cruciale. Ogni volta che chiudi qualcosa, liberi spazio per qualcos’altro. Se hai già speso troppo tempo su qualcosa che non aveva valore, chiudilo, non perderci altro tempo. Passa dalla mentalità per cui chiudere = fallire a quella per cui chiudere = scegliere."


"Quando fai carriera all’interno di una grande azienda, spesso ti viene chiesto di essere il migliore; ma se vuoi inventarti un lavoro hai l’opportunità di essere unico e di lavorare alla tua maniera."


"non cambiare te stesso per adattarti al mercato, ma cerca di cambiare il mercato così che sia più adatto a te. Mappa le tue competenze. Pensa a tutto quello che hai e che puoi fare differentemente. Pensa a come puoi rispondere a un bisogno in modo migliore e in maniera diversa, grazie alle tue particolarità."


"scrittura è una grandissima conquista dell’uomo, che è avvenuta in parecchi secoli. Io non mi sento di volerla buttare via per cinquanta o sessant’anni di tecnologia, non ci credo. Credo di più nella visione giapponese di far andare tecnologia e tradizione su binari paralleli."


"Citando il monaco Zen Shunryu Suzuki: “Nella mente del principiante ci sono molte possibilità. Nella mente dell’esperto, ce ne sono poche”.


"Quando un lavoro inizia ad annoiarmi o non ha più nulla da insegnarmi è il momento d iinventarmene uno nuovo”.


"Inventarsi il lavoro richiede tempo, costanza e resilienza."


"successo immediato,nel lungo periodo non funziona. È un mito. Dall’altro lato, il mondo è stato cambiato da coloro che hanno saputo tenere duro e andare avanti. Fallire, prendere porte in faccia o essere rifiutati, ti permette infatti di rafforzare la tua resilienza, la tua determinazione e la tua forza di volontà.Perché più “no” ricevi, più sei convinto dei tuoi “si”."


"servono tante idee mediocri per generare una grande idea."


"quando si parla di generazione di idee, la quantità è il percorso più indicato per la qualità.Coloro che producono un importante volume di lavoro, hanno maggiori possibilità di generare idee originali."


"non innamorarti mai delle tue idee. Soprattutto all’inizio. Se ti innamori, rischi di essere troppo coinvolto per vedere il valore reale della tua idea e quindi non essere in grado di scartarla qualora non funzionasse."


"Lavora alla tua idea fino a quando non è talmente semplice che riusciresti a spiegarla a un bambino di sei anni. Solo allora puoi iniziare a svilupparla. Perché più un’idea è difficile da pensare, più sarà difficile da realizzare. Quindi pensala semplice e realizzala alla grande."


"selezionare tutte le idee che hai in mente, stamparle, appiccicarle a un muro o a un tavolo,guardarle da fuori e poi mettere una croce sopra quelle che ti sembra non possano funzionare. Dare alle tue idee una fisicità, ti aiuterà a essere più oggettivo e razionale."


"Non hai idee. Può succedere, vuoi inventarti il lavoro, ma non hai idea di cosa fare. Oppure nessuna delle tue idee ti convince. Non ti preoccupare. In questo caso, vai dove le cose accadono, dove puoi incontrare le persone giuste, dove puoi trovare nuove ispirazioni e avere i giusti stimoli per generare nuove idee.Trasferisciti in una città dove la creatività esplode in ogni angolo e dove puoi trovare molte opportunità. Se non puoi trasferirti con il corpo, sposta almeno la tua mente. Partecipa a eventi, ascolta podcast o conferenze. Leggi libri e articoli. Trova l’ecosistema migliore nel quale le idee possano venire da te."


"non serve un talento particolare o una propensione al successo. La chiave è avere una disciplina ferrea unita alla capacità di scegliere dove concentrare le proprie energie e i propri sforzi: “Se non riesci a focalizzarti o hai un obiettivo troppo ampio oppure pretendi di fare troppe cose contemporaneamente, non riuscirai mai a raggiungere i tuoi obiettivi."


"capacità di focalizzarsi su una sola idea professionale alla volta"


"Tra i tanti siti che propongono corsi, ti consiglio. I corsi di Coursera (www.coursera.org). I corsi di Udemy (www.udemy.com). Lelezioni di Khan Academy (www.khanacademy.org). La classi di Skillshare (www.skillshare.com/classes).I corsi di programmazione su Codecademy (www.codecademy.com). I libri riassunti su Blinkist(www.blinkist.com)."


"Pensare in grande non vuol dire perdere il senso della realtà, diventare poco realistico e arrogante.Significa avere un’idea o una strategia concreta per sfidare i giganti ed essere sicuro che in un modo o nell’altro ce la farai, anche con poche risorse e poche competenze."


"Non è che ti svegli un mattino e, improvvisamente, sei più creativo. Ma puoi svegliarti ogni giorno e provare a essere più creativo."


"La creatività non è qualcosa che hai, ma qualcosa che sei. E quando sei creativo, metti la creatività in qualsiasi cosa tu faccia, pensi o veda. Nel nostro percorso verso l’invenzione del lavoro, essere creativo è un altro ingrediente chiave"


"Se vuoi trovare l’idea giusta per il tuo lavoro, quindi, lavora sulla tua creatività."


"le persone possono lavorare in due modalità: modalità aperta e modalità chiusa. Essere in una modalità aperta vuol dire essere rilassato, espansivo, giocoso e spiritoso. Essere in una modalità chiusa,invece, vuol dire essere ansioso, determinato e non così tanto spiritoso. Sebbene nella pratica noi dovremmo usare entrambe le modalità, quella aperta per avere più idee e quella chiusa per implementare le idee, spesso tendiamo a rimanere bloccati nella modalità chiusa, e questo ci impedisce di essere creativi. Quando lavoriamo troppo osiamo sotto pressione, tendiamo a mantenere una visione ristretta delle cose proprio nel momento in cui, invece, dovremmo fare un passo indietro e avere una visione allargata. Come disse Einstein, la nostra mente è come un paracadute, funziona solo se rimane aperta. Per generare più idee ed essere più creativo, dunque, trova il giusto contesto per impostare la tua mente in una modalità aperta. Rilassati, respira e prenditi il tuo tempo.Dormi. È un dato di fatto. È una questione di biologia. Meno dormi e meno sei creativo. La creatività è come lo sport, richiede un po’ di riscaldamento prima di iniziare. Fai una passeggiata. Molti creativi sono soliti camminare per entrare in uno stato mentale più creativo."


"Esci, cerca la luce del Sole, la luce naturale e l’aria fresca stimolano la creatività. Gioca,gioca come un bambino."


"Disconnetti il telefono, disconnetti Internet. Siamo tutti così tanto connessi che a volte l’unico modo di connettere tutti i pensieri che abbiamo dentro la nostra mente, è disconnettere tutto ciò che c’è fuori dalla nostra mente."


"La comfort zone uccide la creatività. Non nasciamo creativi, diventiamo creativi e se avessimo sempre tutto ciò che ci serve a portata di mano, la creatività sarebbe inutile."


 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Signorina_Golightlyjigendaisukelacey_munrolabeghinaje_est_un_autresurfinia60Segreti.d.SussurrarevololowWeb_Londonchannelfypa.ro.lecall.me.Ishmaelaquilablu80maandraxDavideplovi
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom