Creato da LunaRossa550 il 21/04/2012
leggero senza superficialità

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

da ascoltare sino alla fine.....

 

Ultime visite al Blog

alb.55zpaolodesimonis1946monellaccio19ixtlanndondolino61e_d_e_l_w_e_i_s_smenisdutaarno1liviaRonagmassimiliano.mocciacorradodastolirosmar1962jubaldanansa007
 

Ultimi commenti

I miei link preferiti

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

Statistiche

 

 

« Lo spetteguless e la sag...Amore e Psiche »

Non me ne puņ fregar di meno...

Post n°409 pubblicato il 13 Luglio 2016 da LunaRossa550
 

Ebbene sì...  Non mi sento  cinica quando dichiaro d'essere dalla parte dei  Tori.                                                                                                                                                                                                       Dite quello che volete, ma la corrida è da sempre una lotta impari, anche se la presentano come una lotta leale tra matador e toro.... Du par de palle... !!!

Nelle 24 ore che precedono la corrida, il  toro viene tenuto in una stalla buia, e quando viene liberato nell'arena, tra le grida degli spettatori ed il sole che lo abbaglia, si impaurisce e vorrebbe solo saltare lo steccato e tornarsene da dove è venuto.. questo viene letto come se fosse feroce, in realtà è solo spaventato.
L'acqua lasciatagli da bere, contiene solfiti che gli procurano una diarrea debilitante.
Per ore vengono lasciati attaccati al suo collo sacchi di arena pesante allo scopo di sfiancarlo.
Lo prendono a calci sui testicoli e gli mettono del grasso sugli occhi allo scopo di rendergli la vista più difficoltosa ed in bocca gli mettono una sostanza irritante che lo stressa.

Se per caso, dopo tutto questo, il toro avesse ancora troppe energie (ovvero sempre), il torero ordina ai picadores di piantargli le banderillas lesionando  muscoli vasi sanguigni e nervi   
 La perdita di sangue e le ferite nella spina dorsale fanno sì che il toro non riesca a sollevare la testa in modo normale, lasciando quindi la possibilità al  torero di  avvicinarsi a lui senza doversi preoccupare del pericolo..
E tutto questo per permettere al Torero di esprimere tutta la sua vena artistica pavoneggiandosi mentre il pubblico lo applaude... seeee artistica na cippa lippa!!!   

Un giorno qualcuno dovrà spiegarmi cosa c'è di bello nel vedere un animale colpito ripetutamente nonostante sia stato già straziato in precedenza.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog