Creato da: carloreomeo0 il 03/06/2014
pensieri in libertà
Citazioni nei Blog Amici: 36
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 36
 

Ultime visite al Blog

virginio.fustinoniprefazione09jigendaisukecarloreomeo0e_d_e_l_w_e_i_s_ssilenzioso_veromoon_ILalla3672allace96giacomogiannicassetta2fedele.belcastroAstroblu67daniela.g0
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

FARMACODIPENDENTI

Post n°451 pubblicato il 28 Febbraio 2021 da carloreomeo0

L’assistenza agli anziani, non è che la punta dell’iceberg di un business molto più vasto che ha per fulcro la sanità nella sua globalità, intesa quindi come prevenzione, mantenimento e cura. Un universo molto articolato che ha come obiettivo primario di curarci, anche quando siamo apparentemente sani, di renderci dipendenti da farmaci anche quando non strettamente necessario. Le case farmaceutiche, con le loro campagne pubblicitarie, sono abili nel perseguire questo obiettivo, un esempio classico: hai mal di testa o anche un leggero accenno di emicrania? Prendi subito un Moment, vuoi evitare che si intensifichi? Prendi un Moment Act. In questo modo abbassiamo la nostra soglia del dolore, divenendo di fatto sempre più incapaci di tollerare anche il minimo malessere fisico, finendo per eccesso ad amplificare ogni singolo sintomo all’inverosimile, tanto da percepire come insopportabile anche un lieve bruciore di stomaco, ed ecco che allora non possiamo fare a meno di prendere un gastroprotettore, se poi subentrano stati febbrili, subito la tachipirina, se la febbre persiste meglio ricorrere ad un ciclo di antibiotici, se però si prendono gli antibiotici meglio prendere dei farmaci per rinforzare la nostra flora intestinale, questo cocktail di farmaci abbassa ovviamente le nostre difese immunitarie, allora meglio prendere un altro farmaco per rinforzarle e così via in un circolo vizioso senza fine a cui a farmaco segue farmaco. Fate attenzione perché passare dall’uso all’abuso di farmaci è pericolosamente facile e che la dipendenza da farmaci è più diffusa di quanto si pensi.

Attenzione anche a quei farmaci che eliminano il sintomo ma non la causa: il dolore come la febbre non sono altro che campanelli d’allarme, meccanismi di difesa messi in atto dal nostro organismo, metterli a tacere a volte può essere moto pericoloso, un po' come se si accendesse la spia dell’olio nel cruscotto della nostra auto e noi invece di mettere subito l’olio nel motore non facessimo altro che scollegare la spia e procedere ancora per pochi chilometri fino a quando non si grippa il motore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL BUSINESS DEL FUTURO

Post n°450 pubblicato il 27 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

La vecchiaia non dovrebbe essere altro che una parte fisiologica del nostro ciclo vitale, una fase naturale della vita a cui inevitabilmente si arriva se si vive abbastanza a lungo, per questo dovrebbe essere vissuta serenamente, affrontata con dignità, ritrovando il tempo per se stessi, per curare gli affetti più cari, ma purtroppo spesso la vecchiaia diventa sinonimo di sofferenza, solitudine, decadenza e tristezza sia perché ci si rende conto di essere in prossimità della fine del cammino dell’esistenza e sia perché la salute diventa sempre più cagionevole. Secondo le statistiche ISTAT in Italia l’aspettativa di vita è di 86 anni per le donne e 81 per gli uomini. Forse l’ISTAT ha ragione, in Italia siamo sempre più longevi ma di pari passo è altrettanto vero che gli anziani hanno sempre più bisogno di cure farmacologiche costanti, di assistenza sanitaria frequente e in sempre più casi di un’assistenza domiciliare 24 su 24 o di essere ospitati permanentemente in quelle che oggi vengono definite RSA, perché il termine ospizio aveva acquisito con il tempo una connotazione troppo negativa, ed ecco che ancora una volta si tenta di addolcire la realtà, utilizzando terminologie differenti per descrivere le stesse concretezze. La realtà è che l’anziano è stato trasformato in un prodotto e l’assistenza anziani e tutto il suo indotto è divenuto il business del futuro, con enormi potenzialità di crescita e di conseguenza di guadagno.

In sintesi l’Italia è un Paese sempre più vecchio che punta sui vecchi per rilanciare la propria economia ed in questo potrei anche vederci una certa logica, per quanto perversa, ma tenendo conto, tanto per fare un esempio, che attualmente la degenza in una RSA costa mediamente 1500 euro al mese con la convenzione ASL e circa il doppio senza e calcolando che il potere d’acquisto delle pensioni cala drammaticamente di anno in anno è facile intuire come non tutti gli anziani che ne avessero necessità avranno le possibilità economiche per accedere a tali servizi assistenzialistici e saranno costretti a vivere in condizioni di profonda indigenza.

 

Alla luce di tutto questo vorrei ricordare ai nostri governanti presenti e futuri, che la grandezza di una nazione la si misura anche dal modo in cui tratta i suoi anziani, non dimenticatevelo mai! 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

APSETTATIVA DI VITA

Post n°449 pubblicato il 26 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

Aspettativa di vita, questo è il parametro attraverso cui si stabilisce l’età minima per poter richiedere la pensione di anzianità, ad oggi tale parametro fissa a 67 anni tale limite minimo, ma come si calcola l’aspettativa di vita? Per farlo devono essere tenuti in conto diversi fattori, tra cui: sesso, età, territorio, stile di vita, ecc. Peccato che per calcolare tale fondamentale parametro non si prenda in considerazione un fattore molto importante, quello relativo ai lavori usuranti, in questo modo si mettono  sullo stesso piano il logorio fisico di un impiegato e di un muratore e piccolo particolare, tale calcolo tiene conto solo degli incrementi e non delle eventualiu riduzioni delle aspettative di vita, ecco perché esiste già un prospetto crescente che fa aumentare automaticamente, al di là dell’effettiva crescita dell’aspettativa di vita, di 2 mesi per anno solare l’età minima per poter richiedere la pensione di anzianità. Questo significa che se le cose non cambieranno per accedere a tale tipologia di pensione tra il 2035/2036 si dovrà avere un’età anagrafica minima di 68 anni e 5 mesi, un anno e mezzo circa in più rispetto all’età attualmente richiesta, e così via in crescendo.

In pratica il calcolo che l’ISTAT effettua per determinare l’aspettativa di vita, non è altro che una fredda proiezione di dati statistici che non solo hanno poca attinenza con la realtà oggettiva presente, ma che pone le sue basi su in ipotetico futuro ritenendolo certo, non tenendo conto delle sue possibili variabili negative.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ECOLOGIA PER RICCHI

Post n°448 pubblicato il 25 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

“C'è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti.”

Henry Ford

Io credo che questa frase di Henry Ford, la si possa applicare anche nell’ambito ecologico, oggi come non mai infatti, una certa ecologia è scandalosamente accessibile solo ai benestanti o comunque negata a chi non ha grossi redditi, tant’è che si può parlare di ecologia da ricchi, ecco perché si può dire, parafrasando Henry Ford che non può esistere una vera ecologia fino a quando essa non sarà accessibile per tutti.

Tanto per iniziare le auto elettriche, quindi a zero emissioni, costano molto di più delle auto tradizionali a parità di categoria di conseguenza non tutti possono permettersele, ciò significa che i poveri saranno costretti ad inquinare e aggiungendo al danno anche la beffa, per effetto dell’aumento delle imposte sui carburanti per disincentivare l’utilizzo dei motori tradizionali, saranno condannati a pagare sempre di più per i loro spostamenti, mentre parallelamente vedranno sempre più limitata la loro possibilità di movimento a causa delle zone, sempre più vaste, interdette ai veicoli con motore a scoppio, del resto è innegabile che l’ecologia ha creato, crea e creerà ricchezza arricchendo ovviamente chi era già ricco e incrementando notevolmente il divario tra ricchi e poveri.

Analizzando ancora più a fondo la questione scopriamo che per i ricchi non solo è più facile adeguarsi ai nuovi canoni di questa ecologia, che diciamocelo, per certi versi è divenuta una tendenza, una moda, ma anche accedere a tutte le agevolazioni e agli incentivi ecologici, traendone un guadagno, nonostante nei fatti è facilmente dimostrabile che un ricco normalmente inquina più di un povero.  

Secondo voi, alla luce di tutto questo, si può ancora parlare di vera ecologia?

Senza contare il forte impatto ambientale che avrà fra qualche anno lo smaltimento in massa dei pacchi batteria che oggi ecuipaggiano le macchine elettriche e ibride, altro che emissioni zero.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUESITI FONDAMENTALI

Post n°447 pubblicato il 24 Febbraio 2021 da carloreomeo0

Se la verità non fosse altro che una grossa bugia?

Se la democrazia si rivelasse essere solo un vile espediente per domare le masse?

Se l’amore non fosse altro che una patologia cardiaca e l’odio la sua omeopatica cura?

Se la felicità traesse il suo nutrimento affondando le sue profonde radici nella tristezza e nella disperazione?

Se si scoprisse che l’onestà fosse causata da un disturbo comportamentale attenuabile attraverso il furto indotto o la truffa terapeutica?

Se la realtà così come la percepiamo non esistesse e noi vivessimo nell’illusione d’essa, ingannati dalle nostre stesse percezioni?

Se l’invidia non fosse un sentimento negativo ma solo l’esasperazione dell’ammirazione?

Se il concetto stesso di normalità non fosse altro che una perversione che può albergare solo in menti depravate?

Se la dignità fosse in realtà qualcosa di vergognoso da cui rifuggire sempre?

Se quell’umanità a cui noi ci appelliamo in quanto massima espressione del nostro nobile animo si rivelasse essere solo una semplice maschera dietro cui nascondere ipocritamente la nostra brutale e feroce crudeltà?

Se quella giustizia che noi declamiamo uguale per tutti, si dimostrasse essere totalmente incompatibile con la nostra natura?  

Se almeno uno di questi miei quesiti si rivelasse vero, allora e solo allora inizierei a vedere un filo logico in tutto ciò che mi accade intorno.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'OMBRA DELLA DEMOCRAZIA

Post n°446 pubblicato il 23 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

In questi ultimi tempi, per svariati motivi mi sono ritrovato spesso ad argomentare sulla democrazia, mi rendo però conto che il concetto stesso di democrazia, al pari della verità, è divenuto soggettivo, una sorta di convenzione, un astrattismo linguistico per esprimere attraverso questo termine pensieri e ideali diversi. Io credo che siamo talmente disabituati alla democrazia, sia politica che sociale, mentre siamo talmente abituati a farcela raccontare, travisare e distorcere dai mezzi di informazione, dai libri di storia, da chi usa, abusa del termine, ne distorce il significato per promuovere o nascondere i suoi fini, che in pratica pochi di noi hanno visto in faccia la vera democrazia, tutti gli altri non hanno visto altro che proiezioni d’essa, un po' come nel mito della caverna di Platone, possiamo dire che ciò che molti di noi definiscono democrazia non sia altro che la sua ombra, proiettata sul muro di questa società incatenata e schiava delle sue convinzioni e convenzioni, un’immagine bidimensionale, monocromatica e priva di spessore che poco o niente ha a che vedere con la vera democrazia.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

M5S: CRISI D'IDENTITA'

Post n°445 pubblicato il 22 Febbraio 2021 da carloreomeo0

Il M5S, entrando nella maggioranza del governo Draghi è passato, nel giro di poco meno di tre anni, dal “Noi non ci alleiamo con nessuno” al noi ci alleiamo con chiunque l’importante è governare. In questi tre anni si sono ritrovati, infatti a governare con la Lega di Salvini, con il PD di Zingaretti, Italia Viva di Renzi e con Forza Italia di Berlusconi. In pratica con tutta quella casta, quel vecchio sistema politico che nelle intenzioni avrebbero voluto, dovuto smantellare o quanto meno combattere e contrastare e a cui invece hanno finito gradualmente per adeguarsi. Il M5S è passato nel giro di pochi anni a rinnegare se stesso, i suoi stessi ideali, fino ad arrivare al paradosso di espellere proprio quei parlamentari fedeli a quelli che erano i principi iniziali, direi fondanti, del movimento. Alimentando ulteriormente quella scissione già da tempo presente al suo interno ed ora divenuta ancora più profonda, insanabile, rendendo di fatto il movimento sempre più debole, sempre più incoerente e di conseguenza sempre meno credibile.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LE SCONFITTE DELLA DEMOCRAZIA

Post n°444 pubblicato il 21 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

È una grave sconfitta per la democrazia, sapere che sempre più italiani non si identificano in nessuna forza politica.

È una grave sconfitta per la democrazia il fatto che da troppi anni, sempre più italiani sono costretti a votare per il male minore e non per chi possa apportare il maggior benessere al Paese.

È una grave sconfitta per la democrazia essere arrivati, dopo un indegno teatrino, ad un governo tecnico, politico, “politecnico”.

È una grave sconfitta per la democrazia quando è essa stessa o meglio la sua parodia, a generare quegli equilibri instabili che di fatto hanno sempre reso ingovernabile questo Paese, compromettendo il futuro del suo popolo.

È una grave sconfitta per la democrazia quando in suo nome si permette e si premia il voltagabbanismo selvaggio e l’incoerenza opportunistica.

È una grave sconfitta per la democrazia, ogni qual volta in suo nome, travisandone il suo significato, stravolgendone il suo valore, vengono messi in atto quei comportamenti, quei meccanismi, che con essa poco o nulla hanno a che vedere.

È una grave sconfitta per la democrazia ogni qual volta ci si nasconde dietro il suo paravento per perseguire i propri fini.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LE MANI DI MIO PADRE

Post n°443 pubblicato il 20 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

Le mani di mio padre, mani callose, forti, ruvide, laboriose, mani di contadino che lavorava con passione la sua terra e questo amore lo si assaporava dai frutti che da quella terra era capace di ricavare.

Le mani di mio padre, mani sporche, simbolo di fatica, di coscienza pulita, di lavoro duro, mani da operaio, che si è sempre guadagnato onestamente il suo salario.

Mani che hanno fatto mille mestieri, anche i più umili, senza vergognarsene mai, perché solo le mani che rubano devono provare vergogna, mentre le mani che lavorano anche se piagate dalla fatica, sudice, “brutte” a vedersi devono essere sempre mostrate con grande orgoglio.

Mani che non hanno accumulato grandi ricchezze in denaro, ma che ci hanno sempre permesso di vivere dignitosamente, insegnandoci a coltivare quella ricchezza interiore che oggi sembra essere così svalutata, come qualcosa che stride fortemente con questo progresso, con la modernità di questi nostri tempi.

Mani che ad ogni carezza ti raccontavano tutta la sua storia, mani di ragazzino costretto dalle necessità e dagli eventi a crescere troppo in fretta, mani che impugnando una zappa avevano trovato una fonte di sostentamento, mani di emigrante sbarcato in America per cercare fortuna, per inseguire un sogno, rivelatosi poi un incubo da cui fuggire rimpatriando.

Mani su cui appoggiarsi per risollevarsi dopo ogni caduta, per riscoprirsi emigrante nella sua stessa nazione, per dimostrare con esse, con il loro lavoro, di non essere solo un “terrone”, ma di poter pretendere quella dignità e quel rispetto che a nessun uomo onesto dovrebbe mai essere negato.

Mani da vecchio, con le loro rughe, che come righe su un foglio bianco portavano scritto ciò che egli era stato.

Mani di padre che fino all’ultimo istante ho stretto e accarezzato.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUALE VERITA'

Post n°442 pubblicato il 19 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

La verità, quale verità, la mia, la tua, la vostra? La verità è che questo Paese ha tante, troppo verità, ognuna diversa dalle altre a volte contrastanti fra loro, fino al punto di annullarsi a vicenda, in quanto l’una rinnega l’altra, difficile destreggiarsi fra tutte queste verità, arduo indagare per capire fra esse quel è quella più veritiera. Facile, molto più facile, scegliere fra esse quella che ci fa più comodo, quella che ci complica meno la vita, quella capace di mettere a tacere la nostra coscienza, quella che non ci costringe a dover cambiare atteggiamenti, abitudini, stili di vita, opinioni o idee che non abbiamo nessuna voglia di cambiare.

Qualcuno ha scritto che: “La verità è un lusso che non sempre possiamo permetterci.” Questa non è altro che un enorme bugia, perché vedete, la verità in questo Paese, non è che una convenzione, un concetto astratto, un abbaglio un inganno in cui può cadere una mente troppo schematica, condizionata da vecchi principi, da valori antiquati, da concetti ormai desueti.

La verità è che qualunque bugia può divenire verità, se ripetuta con convinzione un numero sufficiente di volte, se avvallata da un numero sufficiente di persone, se sponsorizzata da persone e personaggi che godono, a torto o a ragione, della nostra stima, della nostra fiducia. Per contrasto, qualunque verità può divenire menzogna, se negata ciecamente, ripetutamente da un numero sufficiente di persone, specie se tra esse a confutarla, ci sono quei personaggi che a torto o a ragione, godono della nostra stima, della nostra fiducia.

Questa e null’altro è la Verità!   

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

REGOLE NON SCRITTE

Post n°441 pubblicato il 18 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

Esistono sistemi in cui è ampiamente dimostrato che la coerenza non paga, non si può, infatti, restare coerenti in un sistema in cui l’incoerenza è la regola base per sopravvivere, così come chiunque voglia eccellere in un sistema corrotto, avrà l’esigenza di adeguarsi alle situazioni, divenendo in base alle necessità il corrotto o il corruttore. Tant’è vero che se si tentasse di sovvertire queste regole non scritte palesando certe verità, quello stesso sistema ci si rivolterebbe contro, facendoci ricadere addosso le nostre stesse accuse.

 

Perché qualunque comportamento anche il più disonesto, se praticato ed accettato dalla stragrande maggioranza delle persone non solo con il perpetuarsi della sua attuazione acquisirebbe una sorta di legittimità indotta, ma finirebbe con il confondersi, con l’amalgamarsi con ciò che viene considerato normalità, allo stesso modo, qualunque comportamento, per quanto nobile nei suoi principi, se accettato e praticato da pochi diverrebbe l’eccezione e di conseguenza verrebbe percepito come qualcosa di anomalo rispetto a quello che è il comune modo di pensare e di agire, tant’è che quei pochi individui che lo adottassero verrebbero guardati dalla maggioranza con sospetto e diffidenza, quasi fossero degli esseri bizzarri, dei folli. Ecco perché, in virtù di tale principio, in un mondo che è dominato dalla follia sarebbe da folli non comportarsi follemente, e perché chi imperterritamente continuasse a dire la verità in un mondo di falsi, verrebbe considerato un bugiardo.    

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL VIRUS CORRE, IL VACCINO ARRANCA

Post n°440 pubblicato il 17 Febbraio 2021 da carloreomeo0

La verità è che ad oggi non esiste un vaccino in grado di debellare completamente il virus, nel frattempo l’Italia ha acquistato e sta ancora acquistando milioni di dosi con consegne programmate fino al 2022 di un vaccino che di giorno in giorno diventa sempre più inefficace, un’arma che diventa sempre più obsoleta anche solo per arginare, limitare e rallentare la pandemia.

La verità è che l’ISS è consapevole di tutto questo, ecco perché le restrizioni imposte, il distanziamento sociale, la delimitazione delle regioni in zone rosse, arancioni e gialle, i lockdown localizzati e l’uso delle mascherine non si allenteranno gradualmente con il progredire della vaccinazione di massa. L’ISS è consapevole che se non riusciremo ad invertire questo trend che vede il virus correre veloce con le sue numerose varianti e la ricerca, la sperimentazione, la produzione e la somministrazione del vaccino arrancare, si renderà necessaria una seconda campagna vaccinale ancora prima che quella attuale si sia conclusa, che prevedrà la somministrazione di una seconda tipologia di vaccino con un più ampio spettro, in grado di immunizzarci da un maggior numero di varianti e che il ciclo dei vaccini a cui ognuno di noi dovrà sottoporsi non si limiterà solo a queste due tipologie. L’ISS è consapevole che nonostante le restrizioni messe in atto in tutti i Paesi del mondo, il virus sta evolvendo in varianti sempre più aggressive, la cui carica virale è sempre più alta e che se esso non rallenterà questa sua folle corsa nessun vaccino sarà mai in grado di porre fine alla pandemia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUALE VACCINO?

Post n°439 pubblicato il 16 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

"Se il viurs varia il vaccino deve fare l'upgrade"

In questo momento abbiamo un virus che muta velocemente e una ricerca, una produzione e una somministrazione del vaccino pericolosomante lente, se non riusciremo ad invertire al più presto questa tendenza, ci ritroveremo a doverci far iniettare diversi tipi di vaccino per tentare di immunizzarci alle principali varianti del Covid, a rincorrere questo virus invece di debellarlo, mentre esso continuerà imperterrito a mutare, e noi resteremo sempre e comunque un passo indietro. Una tale eventualità farà nascere delle legittime domande:

Quanti tipi di vaccini, o varianti d’esso, possono essere somministrati allo stesso individuo e quanto questa somministrazione multipla, questo cocktail vaccinale nell’arco di un ristretto arco temporale potrà influire nell’accentuare o aggravare i possibili effetti collaterali?

A tale riguardo, sappiate solo che nel momento in cui scrivo, oltre ai vaccini ad oggi conosciuti, stanno ultimando le fasi di sperimentazione altri 10 vaccini, appartenenti a quattro tipologie diverse, mentre ci sono oltre 200 candidati vaccini Covid in fase di sviluppo. La domanda è: “ma dovremo inocularceli tutti”?

Se non invertiamo questa tendenza, ci ritroveremo nei prossimi mesi con enormi scorte di vaccini ormai efficaci solo al 50% o anche meno, visto che stiamo acquistando dosi di un vaccino che per certe varianti è già inefficace oggi e che ci verranno consegnate tra qualche mese e il termine della campagna vaccinale è previsto non prima della fine dell’autunno, quando saranno comparse altre varianti ad oggi sconosciute.

Nel frattempo per tentare di accelerare i tempi si è ventilata l’ipotesi di passare ad una produzione intensiva del vaccino subappaltandone tale processo ad altre case farmaceutiche, questo un po’ mi preoccupa perché estendere la filiera produttiva potrebbe significare allentare i controlli o renderli meno capillari e meticolosi. Un po’ come succede ai prodotti commerciali, in cui l’aumento intensivo della produzione per soddisfare le impellenti richieste, spesso influisce negativamente sulla loro qualità.

Per esigenze di sintesi non voglio entrare nel merito dell’enorme giro d’affari che questa corsa al vaccino ha generato e genererà.

In questo bailamme fra il virus e le sue varianti e la varietà di vaccini che si profilano all’orizzonte, la loro sospetta efficacia e la loro possibile produzione intensiva, non so se mi inquieti più il problema o le soluzioni ad esso proposte.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL SIGNORE DELLA POLITICA

Post n°438 pubblicato il 15 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

Premetto fin da subito, onde evitare commenti inutilmente astiosi e puntualizzazioni non necessarie, che il “Signore” che campeggia nel titolo di questo post è inteso come sinonimo di gentiluomo e non ha nessun’altra accezione e che lo stesso non tiene conto dell’operato politico di Giuseppe Conte, che è fin troppo facilmente attaccabile, criticabile, ma punta unicamente sulla sua personalità, sul suo modo di porsi, sul suo lato umano, la sua dignità, tutte qualità che difficilmente sono riuscito ad abbinare ad un unico personaggio politico ed esprimono una mia considerazione personale. Capisco che per molti possa essere difficile, se non impossibile, comprendere anche solo il significato di certe parole e il valore umano di Conte, del resto comprendo che possa essere non facile, abituati come siamo a politici del calibro e dello spessore di Matteo Salvini e Matteo Renzi, del resto cosa possiamo aspettarci se noi siamo i primi a premiare i voltagabbana e gli incoerenti, gli egocentrici e gli sbruffoni, i pregiudicati e gli impresentabili, che hanno comunque la faccia tosta di riproporsi puntualmente come il nuovo che avanza piuttosto che come il vecchio che arranca e molti sono così stupidi da credergli per l’ennesima volta, dimostrando di come sia veritiero il fatto che si finisce per riconoscersi in ciò in cui ci si riflette.

Al di là delle tante belle parole però contano i fatti, uno fra tutti per me è il più significativo: Giuseppe Conte lascia la politica e torna al suo lavoro al Dipartimento di Scienze Giuridiche in veste di Docente di Diritto Privato, riuscite a farmi il nome di qualche politico che nel recondito caso decidesse di lasciare la politica avrebbe una professione da esercitare? Tranquilli la mia era solo una domanda retorica, un eufemismo, difficile anche solo concettualmente da accettare, in quanto siamo abituati a politici che vivono esclusivamente di politica, non avendo altra professione, che vivono a carico dello stato anche da morti, e questo non è un eufemismo ma una triste verità. Non mi illudo, nonostante quanto scritto sopra, che voi riusciate a comprendere perché per me in mezzo a tutta questa marmaglia la personalità di Giuseppe Conte spicchi come un faro nella notte.    

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L'AMORE UNIVERSALE

Post n°437 pubblicato il 14 Febbraio 2021 da carloreomeo0

Vorrei che San Valentino smettesse di essere la festa degli innamorati, una fredda ricorrenza, una cinica convenzione con scopi unicamente commerciali, per divenire la festa dell’Amore universale, facendoci riscoprire i mille volti di questo nobile sentimento, le sue mille sfaccettature, facendoci comprendere che l’Amore è l’unica cura per i principali mali che affliggono questo mondo, che l’Amore è l’unica arma che abbiamo per combattere, per cancellare ogni tipo di guerra, per soffocare sentimenti negativi quali: l’odio, la rabbia, l’invidia e il rancore. Dovremmo reimparare a dare più voce all’Amore in modo che esso divenga una costante nelle nostre esistenze, protagonista dei nostri giorni fino a permeare ogni nostro singolo gesto, spingendoci a donare e a trasmettere Amore in modo che esso diventi contagioso e si propaghi come una benefica pandemia, perché laddove regna l’Amore, non potrà mai esistere quel disprezzo dettato dall’intolleranza o dalla discriminazione che troppo spesso sfocia nel razzismo. Dovremmo ridare vigore all’Amore affinché abbia la forza per mettere finalmente a tacere l’orgoglio, per non farsi sopraffare dalla violenza, per non farsi violentare dall’indifferenza, per non soccombere all’ostentazione narcisistica di sé stesso o alla sua sterile stereotipazione. Questo dovremmo essere disposti a fare…per Amore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DOV'E' L'OPPOSIZIONE?

Post n°436 pubblicato il 13 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

Arrivati a questo punto un osservatore poco attento, potrebbe pensare che questo governo nasca senza avere sulla carta una vera e propria opposizione, in quanto tutte le maggiori forze politiche sono all’interno della sua maggioranza, fatta eccezione per Fratelli d’Italia. Lo stesso osservatore potrebbe arrivare legittimamente a chiedersi: “ma la Meloni, potrà mai fare un’opposizione degna di questo nome, visto che all’interno del governo vi sono i suoi alleati di coalizione?”
Se fosse anche un po’ ingenuo potrebbe arrivare a vedere in questa apparente mancanza di una vera opposizione ad un governo, non solo un’anomalia del sistema politico, ma addirittura potrebbe allarmarsi perché in questa assenza potrebbe arrivare a scorgervi una vera e propria minaccia alla democrazia, quella vera.
Se però lo stesso osservatore, osservasse meglio la situazione, cambiando prospettiva e con la mente aperta da disilluso dalla politica, si accorgerebbe che questo governo nasce di fatto con una molto probabile opposizione incorporata, vista la varietà di forze politiche che lo compongono. Una tale varietà di forze politiche mai viste nei precedenti governi, platonicamente contrapposte fino a ieri e che oggi sembrano andare d’amore e d’accordo, unite, finalmente coese per il bene della nazione. Questa varietà di forze politiche raggruppate in un unica maggioranza di governo, ha tutti i requisiti per poter garantire quegli equilibri instabili indispensabili per il perpetuarsi di quell'instabilità politica tipicamente italiana.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CAMBIARE VITA...

Post n°435 pubblicato il 12 Febbraio 2021 da carloreomeo0

Possiamo davvero cambiare la nostra vita

o è la vita che cambiandoci ci illude di averla cambiata?

Xavier Wheel

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DRAGHI: QUALE DIREZIONE SCEGLIERA'?

Post n°434 pubblicato il 11 Febbraio 2021 da carloreomeo0

Credo che nessuno che abbia un minimo di raziocinio possa mettere in discussione la professionalità, la competenza e l’esperienza di Mario Draghi, ma ciò non ci fornisce la matematica certezza che farà del bene all’Italia, in quanto nella storia neanche tanto remota di questo Paese ne abbiamo già visti di competenti ed esperti danneggiare deliberatamente una parte del Paese per favorirne un’altra. Tutto dipende se Mario Draghi deciderà di governare per il bene del popolo italiano o a suo discapito, favorendo alcune lobby, i poteri forti, le banche e i mercati finanziari o se si adopererà per migliorare la situazione socioeconomica della globalità del Paese.

Questo il dilemma che tutti noi dovremmo porci senza farci influenzare troppo da questa ondata di ottimismo, che sinceramente in questo clima pandemico di certo non guasta, basta però che si resti con i piedi per terra e si osservi quanto accade ed accadrà nei prossimi giorni con la giusta dose di obiettività.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

EFFETTO DRAGHI

Post n°433 pubblicato il 10 Febbraio 2021 da carloreomeo0

In un post di qualche settimana fa scrissi che ero preoccupato per la situazione politica del Paese post crisi, oggi osservando lo scenario politico, avverto invece un senso di disorientamento che mi destabilizza. Vedo un Italia in cui l’ex maggioranza e l’ex opposizione si accingono a governare insieme, ribaltando l’assetto politico del Paese. Vedo che lo spread scende e la borsa vola, effetti di un governo Draghi, molto probabile ma non ancora certo ma che ciò nonostante è già osannato dalla stampa italiana e internazionale. Effetti di un governo che non ha fatto ancora nulla, non ha scelto i suoi ministri, non ha ufficializzato il suo programma, non ha varato nessuna legge ma che inspiegabilmente è già orientato al successo. A mia memoria non ricordo un governo che ancora prima di insediarsi abbia ricevuto tanti consensi, mettendo d’accordo non solo forze politiche contrapposte, ma anche riscuotendo consensi da un elettorato molto vasto che, non potendosi esprimere attraverso il voto lo fa, come è ormai abitudine, attraverso i sondaggi e i social. Un governo che sembra aver messo fine all’eterna diatriba tra Confindustria e sindacati, capace di cancellare l’amletico dilemma sul MES, che il parlamento europeo approva, che fa contenti gli ecologisti, guarisce gli infermi, trasforma i sovranisti in europeisti, l’acqua in vino, moltiplica il pane e i pesci... ma Mario Draghi sarà davvero il Messia che l’Italia aspettava da tanto tempo, la panacea per tutti i mali da cui questo Paese è afflitto?    

Io resto in fiduciosa attesa...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA GRANDE AMMUCCHIATA

Post n°432 pubblicato il 09 Febbraio 2021 da carloreomeo0

 

 

Bella questa grande ammucchiata, questa grande maggioranza, quest’accozzaglia formata da forze politiche che fino a ieri litigavano su tutto e che oggi miracolosamente danno praticamente carta bianca a Draghi proprio su quei temi su cui sembravano inamovibili e che avevano pericolosamente messo in stallo la governabilità del Paese, forze politiche che in pochi giorni, anzi in poche ore hanno letteralmente stravolto, ribaltato le loro prese di posizione, contraddetto clamorosamente quanto esse stesse avevano asserito in questi mesi.

No, questo non è un giudizio sul neo nascente governo Draghi, ma la considerazione di un osservatore politico, apartitico, un disilluso dalla politica, che ciò nonostante non finisce di meravigliarsi di come questa classe politica sia priva di qualunque forma di dignità, priva di qualsiasi vergogna e di come il suo elettorato sia di fatto cieco di fronte all’evidenza dei fatti, che dimostrano, al di là di ogni ragionevole dubbio che gli attriti, le diversità, le divergenze, le distanze ideologiche tra destra, sinistra e centro siano solo delle convenzioni, una farsa in chiave goliardica e di come esse si annullino appena gli si presenta la possibilità di entrare in una maggioranza di governo, di qualunque governo si tratti, tecnico o politico, anche se esso vede al suo interno forze platonicamente contrapposte.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »