Creato da sanguemisto84 il 19/04/2009
Un blog inutile

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

 

« IL SACRO VINCOLO DEL MAT...GUARDA MAMMA, SENZA MANI!! »

IMPARA L'ARTE E METTILA DA PARTE

Post n°77 pubblicato il 23 Aprile 2010 da sanguemisto84
 

Siccome non siamo solo dei rozzi ignoranti sparacazzate ma abbiamo un cervello (la nostra testa non serve solo a dividere le orecchie come pensavate) oggi in questo blog daremo spazio alla cultura,  più precisamente all'arte. Analizzeremo, secondo una chiave di lettura alternativa rispetto a quella usata finora, uno dei dipinti  più famosi del rinascimento italiano: la primavera del Botticelli.

L'opera è ambientata in un boschetto e raffigura un' allegra brigata di ubriaconi in gita di pasquetta.

Sull'estrema destra troviamo raffigurato un simpatico siparietto tra Zefiro e la ninfa Cloris: il primo, in preda ai fumi dell'alcool e allupato come un mandrillo afghano, sale su un albero e si lancia letteralmente verso la seconda (che nel frattempo masticava foglie di marijuana, si vede che le escono dalla bocca) nel tentativo di sodomizzarla.
 
Sull'estrema sinistra troviamo invece Mercurio che, dimenticatosi la frutta a casa, sta scegliendo quali arance rubare dal frutteto del contadino: tale gesto viene notato dal guardiano, Cupido, (il non meglio identificato essere volante in alto al centro) che sta mirando il ladro per gambizzarlo.

Al centro campeggia Venere, la quale indossa la tovaglia rossa usata durante il picnic: questo perchè mentre  la dea si era addormentata (notate la faccia assonnata), i tre loschi personaggi alla sua destra, le tre grazie (grazia, graziella e grazie al c****) le hanno venduto i vestiti e ora si stanno spartendo i guadagni (notate infatti che confabulano tra loro). Venere non ha ancora capito bene cos'è successo, anche perchè la donna incinta alla sua destra, Flora, la sta assillando perchè assalita da un'irrefrenabile voglia di ananas e mango, introvabili in un semplice aranceto. Si mormora che Venere abbia in seguito imbracciato il fucile e ucciso tutti  indistintamente, ma questa è un'altra storia.

L'attenzione dell'artista è focalizzata sulle specie vegetali accuratamente studiate: si mormora, ad esempio, che  il pittore abbia provato a fumare tutte le specie vegetali presenti nel luogo dov'è ambientata la scena e che  in seguito a questo gli sia apparso Piero Angela che l'ha guidato nel fantastico modo dei vegetali.  Anche  la scelta del colore è tutt'altro che casuale: il verde è stato ottenuto spalmando diversi tipi di verdure andate a male sulla tela, cosi da ottenere il tipico colore marcio.

Un breve accenno, infine, alle centinaia di ipotesi riguardo il presunto significato della tela: si è parlato di "rappresentazione della ciclicità universale della natura", di neoplatonismo ecc...Nulla di tutto questo: Botticelli aveva dimenticato la fotocamera digitale, e ha fatto un quadro per ritrarre la scena..

Al prossimo quadro, egregi lettori..

 

 

 

(Marina Rei - Primavera)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Ultimi commenti

Contatta l'autore

Nickname: sanguemisto84
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 36
Prov: NA
 

Ultime visite al Blog

ardizzoia.nataliaDj_Kaosramona.valentitnancostruzioniciop_70ABISAGdiSUNAMAstriddrancillotto640tam58Melpomene72rosaderenKikj5kombatsystemmakkurokuroke
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

LA MIA CANZONE PREFERITA

 

ALLA MIA DONNA :-)

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

AUTOBIOGRAFIE SONORE

 

 

NO NUCLEARE

 

ALLA MIA CITTA'