**TEST**
Creato da maidiremichy il 10/12/2005
La mia avventura in africa
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

DIAMANTE.ARCOBALENOvitanova74VEDO.TUTTOhighlander_1976maidiremichySirStephen.61LACOCCINELLALILLIunamamma1a4.sobbyvaleluccarinimarrocristinaUniroma.Tvsa.86chiara.fersini
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

FRAGOLINO

Post n°149 pubblicato il 19 Febbraio 2007 da maidiremichy

Credo di aver fatto un corso specialeáper andarmi a cercare vari modi per farmi del male. Si deve essere questo.

La settimana scorsa ho visto al buio una mamma gatta con un micino e ho detto 'che bellino che bellino'. Un militare del Bangladesh mi ha sentito e mi ha detto che la gatta che sta da loro ha fatto 3 cuccioli se volevo potevo prenderne uno...

Il giorno dopo mi precipito a vedere i cuccioli, hanno circa un mese e mezzo, bellissimi tutti e tre, ma nascosti. Poi ne trovo un quarto all'aperto.

Rimango colpita dalla sua dolcezza e docilita. Lo afferro lo porto a casa lo presento a Steve e poi lo riporto alla sua mamma.

Ma c'e' qualcosa di strano. Questo povero gattino era paralitico, non ha mai mosso le zampine posteriori ed e' visibilmente piu magro degli altri. I fratelli lo snobbano e anche la mamma.

Per giorni Lo nutro con siringhe di latte. Sono andata ogni mattina pomeriggio sera notte nel giardino dei ragazzi del bangladesh a prendermi cura del piccolo sfortunato fragolino.

L'ho chiamato fragolino xke un giorno ha iniziato a leccare la mia mano sporca di gelato alla fragola ed era felicissimo. Ha iniziato a giocare, ad essere piu vispo.

Domenica mattina vado a trovarlo e mi accorgo che ha passato la notte al freddo da solo, la sua famiglia lo rifiuta, cosi decido di fregarmene delle procedure e me lo porto a casa (x regolamento nn possiamo tenere animali a casa...).

L'ho coccolato massaggiato nutrito, gli ho fatto fare ginnastica, ho cercato sul web notizie su come allevare un gatto paralitico. Sembrava stesse meglio, poi nel tardo pomeriggio ha iniziato a piangere e la sera intorno alle 21.30 mi e' morto fra le braccia.

Una cosa che ho notato e' che non riusciva a fare ne pipi ne altro. Forse era paralitico pure all'interno, non lo so, so solo che ancora non ho smesso di piangere.

Forse e' meglio cosi, ma vedere quel suo corpicino privo di vita mi ha fatto sentire inutile e sola.

Appena posso pubblico la foto cosi potete capire.

:-(

 
 
 

11 GENNAIO 2007 - IL TERRORE NOTTURNO

Post n°148 pubblicato il 03 Febbraio 2007 da maidiremichy
Foto di maidiremichy

Dopo una normale giornata di lavoro, il crew inizia a cucinare mentre io cazzeggio con il mio pc. Poi ad un certo punto un boato e la sirena d'allarme.

Normalmente fanno delle esercitazioni e io ignoro sistematicamente la sirena d'allarme. Ma stavolta non era un esercitazione.

Il mio aereo ha bisogno di manutenzione e il giorno dopo dovevamo partire x l'uganda.

Ci precipitiamo tutti fuori e iniziamo a sentire e vedere botti e lampi di fuoco. Sono i fuochi d'artificio?? Tutti guardiamo x capire. Noi, i marocchini, i bangladeshi, siamo tutti la a guardare di fronte a noi questi lampi rossi. Merda non stanno festeggiando nulla, STANNO SPARANDO!!

Senza perdermi d'animo, mi precipito nell'ufficio del capo che nonostante siano le 20.30 e' ancora la.

dialogo:

io: che diavolo sta succedendo?

lui: non lo so, forse i ribelli stanno cercando di distruggere l'elicottero degli indiani.

io: minkia, ma sono in aeroporto sono vicini. (e inizio a tremare cosi forte che i denti facevano rumore)

lui: michy, bevi un po di whisky che ti aiuta.

io: io non bevo alcolici lo sai.

Gli spari erano sempre piu frequenti e piu vicini, per la prima volta in vita mia ho temuto di morire, ho temuto che questi bastardi arrivassero in aeroporto e siccome sono l'unica donna sono sicura che me ne avrebbero fatte di tutti i colori. Ho bevuto 3 Jack daniels black label e in effetti ho smesso di tremare.

Mia sorella mi ha chiamato proprio mentre sentivo le pallottole dietro al mio orecchio e piangevo come una pazza, ero ubriaca e terrorizzata, non facevo altro che dire "non voglio morire non voglio morire" e non riuscivo nemmeno a parlare in italiano. Mixavo le parole in italiano e in inglese mentre i piloti russi tentavano di tranquillizzarmi.

Io non riuscivo a smettere di piangere. Noi non viviamo in case, ma in container che possono essere distrutti con uno starnuto. Non mi sentivo al sicuro.

Veniamo a sapere che non stavano attaccando l'elicottero, ma che si stanno ammazzando tra di loro.

Ecco cosa e' successo: Il Presidente ha mandato gli stipendi x i militari. Le autorita locali hanno trattenuto i soldi e non li hanno pagati, cosi x protesta hanno iniziato a spararsi...Ci credete??

Hanno sparato tutta la notte, e gli spari erano cosi vicini che sembravano fossero dietro la mia finestra.

Ho visto un lavoratore locale indossare l'elmetto blu e il giubbino antiproiettile x andare a casa dalla moglie e dal figlio.

STAI ATTENTO JOHN

Mille volte mi sono chiesta cosa hanno provato le persone che hanno fatto la guerra. Ora lo so.

Quando l'alcol ormai aveva invaso ogni parte del mio corpo mi sono buttata a letto abbracciando il mio peluches a forma di mucca e piangendo ho pregato. Non voglio morire.

Hanno sparato x tutta la notte e la mattina. Una pallottola ha colpito il mio aereo e cosi hanno sospeso tutti i voli. E anche il giorno dopo e quello dopo ancora.

Abbiamo fatto meeting sulla sicurezza, cosa fare cosa nonf are, con il sottofondo musicale delle pallottole. Io non voglio morire.

La mattina del 13 ci dicono che possiamo partire, noi eravamo pronti ma all'ultimo momento 'no, non potete'.

Non possiamo andare in citta a comprare cibo, non possiamo uscire dall'aeroporto, tutte le forze armate sono allertate, ho visto i carri armati passarmi sotto al naso, ho visto i militari coraggiosi andare incontro a questi pazzi che conoscono solo la lingua della guerra.

Un altro giorno a chiedermi 'ma xke sono qua?'

Non riesco a chiamare il mio amore, e' in sudafrica in questo momento. Voglio dirgli che lo amo, voglio dirgli che ho paura, voglio sentire la sua voce, voglio essere tranquillizzata. Il telefono non prende.

La mattina seguente il mio lavoratore locale e' venuto a lavorare e mi ha detto che ha passato una notte di inferno. La sua casa e' stata risparmiata, ma i militari congolesi sono entrati nelle case x rubare violentare uccidere. Mentre sentiva le urla delle case vicine (in citta vivono in case di fango una vicina all'altra) pregava Dio che risparmiassero lui e la sua famiglia.

Finalmente il sabato mattina otteniamo l'autorizzazione a partire. Non ho dormito x piu di una settimana. E anche adesso il mio sonno e' disturbato da ogni minimo rumore.

Perche' sono qua?

Ho passato il week end ad Entebbe, pronta x partire il lunedi finalmente in vacanza con l'uomo con cui vorrei passare il resto dei miei giorni, possibilmente non in congo..., ma questa e' un altra storia....

 
 
 

LA FINE SI AVVICINA

Post n°147 pubblicato il 29 Dicembre 2006 da maidiremichy

In seguito alla richiesta di Renata, provo a scrivere con unácarattere piu' grande immagine

Oggi non abbiamo lavorato, la cosa bella di vivere e lavorare in un ambiente multiculturale, e' che si festeggiano tutte le feste. Cosi, oggi e' festa, domani e' festa, il 31 sara festa e anche l'uno, il quattro e il 10... hihihi uno sballo.

Certo, io lavoro sempre e oggi x poco non sbiellavo. Il nuovo copilota anche se gentile e poverino disponibile in tutto, mi fa perdere le staffe.

Scrive i numeri con i piedi, fa un sacco di errori, e dimentica le famose procedure che mi torturano l'esistenza. Risultato? Oggi ho rifatto tutto il lavoro di un mese e i numeri non quadravano mai. Avrei voluto spellarlo vivo e metterlo nel sale per far piacere al signore..ma...

Rimandero' questa pratica alla settimana prossima. Il piano e' il seguente: Alla fine del prossimo volo, quando mi portera i documenti con i numeri che sembrano sputacchiate di un uccello cieco, non diro' nulla, restero' in silenzio e con un sorriso gli porgero' un quaderno a quadretti, con i numeri scritti da 0 a nove e gli faccio scrivere 10 paginette x ogni numero...come facevamo non so...ináprima elementare?

X capodanno ho gia qualche intrigante invito ma ancora non ho deciso. I vostri progetti? In famiglia o fuori? e quanto costa adesso un cenone di capodanno in Italia? (Qua 10 dollari con due bevande incluse!)...

Buon Annoooá

 
 
 

BUONE FESTE

Post n°146 pubblicato il 24 Dicembre 2006 da maidiremichy

Troppo impegnata per scrivere in queste settimane, adesso riesco a trovare due minuti da dedicare al mio passatempo preferito, che non e' scrivere o navigare come si potrebbe pensare, ma fregare i russi ed arrivare prima di loro nella sala dei pc.

Oggi e' il 24 dicembre, durante questa settimana ho organizzato la festa a sorpresa di compleanno x il mio amoruccio e devo dire che e' riuscita benissimo, vedere la sorpresa nei suoi occhi quando ha aperto la porta ed ha trovato tutti i suoi amici la pronti a cantare happy birthday to you e' stato emozionante.

tutti mi hanno aiutato, gli uruguaiani hanno fatto la torta, la mia amica sudafricana mi ha aiutato con il cibo e a preparare il tutto.

Un nostro amico pilota russo (di quelli buoni...) ha suonato la mia chitarra tutta la sera ed ha cantato in tutte le lingue assurdo ma vero. anche in swahili e in italiano. troppo forte. Talmente bravo che i miei colleghi hanno pensato che non fosse la stessa chitarra che suono io di solito... :-(

E poi lavoro lavoro lavoro. Sicuramente le persone con una vita normale hanno passato gli ultimi 10 giorni a pensare ai regali di natale, a cosa indossare la vigilia, e i capelli e cosa preparare x cena etc etc.

La mia unica preoccupazione e' stata: a Natale dovro dare un giorno libero a Natanael, chi lavera le cose? Che vergogna che sono.

Che strano, voi state sicuramente con i maglioni, al calduccio, con le stufe i riscaldamenti, insomma e' Natale e che Natale e' senza il freddo e magari la neve?

Il Natale in Africa, ecco che Natale e'. Oggi il sole e' caldissimo e splendente, il cielo e' blu e non ci sono nuvole all'orizzonte. Cosa faro' stasera?

Non lo so.

E per il 31 dicembre? La famosa ultima notte dell'anno??

Non lo so.

Io questa la chiamo liberta, e voi? Liberta di non sottostare alle leggi del emrcato, del consumismo e delle abitudini.

Probabilmente staro a casa con i miei colleghi a cucinare e vedere qualche film, magari suonero jingle bells con la chitarra (anke se sono negata) e ci faremo due risate.

Domani invece abbiamo una festa con i colleghi sud africani e sono sicura che mi divertiro.

Spero solo che qualche coglionazzo non faccia incidenti con la macchina xke e' ubriaco, xke domani tocca a noi andarlo a recuperare con l'aereo e onestamente la cosa mi disturberebbe parecchio. Odio la gente che beve e poi guida la macchina.

Cmq, penso alle mie vacanze spettacolari a gennaio... il 15 parto hihihihihihihihi

Propositi per il nuovo anno?

Nessuno, perche ogni volta che mi ripropongo qualcosa faccio l'opposto e sono stanca di prendermi in giro da sola, x cui non mi autoconvincero che faro la dieta, che andro in palestra, che correro ogni giorno o che faro la brava con gli altri e che saro sempre gentile e che comprero il gelato al cioccolato e non solo quello alla fragola che piace solo a me...

Continuero a fare le cose che ho sempre fatto, come essere un cane quando sono nervosa, dire fuck off a quelli che mi suonano con il motorino a 400 km di distanza, comprare il cibo che preferisco e nascondere le cipolle. Nulla cambiera. L'importante e' che potro passare due settimane con il mio amore. Per la prima volta fuori dal Congo e in ferie.

Buone Feste a tutti e spero che possiateásentirvi liberi e felici come me in questo momento, senza niente, ma ricca allo stesso tempo.

 
 
 

CHE SETTIMANA...

Post n°145 pubblicato il 08 Dicembre 2006 da maidiremichy

E allora, ogni tanto una settimana di pace e civilta fuori dalla jungla ci vuole... Sono anche andata al cinema, me la sono spassata alla grande, ho fatto shopping, ma soprattutto, sono stata con il mio bel capitano, come una persona normale, una coppia normale.

Ma eccoci ritornati alla cruda realta, e la cruda realta si chiama Bunia+lavoro+problemi.

Stamattina abbiamo avuto un altro problema con l'aereo...fumo in cabina. Mio dio una al giorno. Ma se poccampaaccussi???

Per fortuna nulla di grave, ma potete immaginare la faccia dei passeggeri.

Stamattina il decollo era previsto alle 11 cosi mi sono svegliata con calma, ho aspettato che tutti facessero la doccia e poi sono andata io. Lui era la ad aspettarmi... Uno schifosissimo animalaccio nero rotondo con le zampacce pelose e grande come un dinosauro stava facendo la doccia al posto mio.

Nuda, con l'accappatoio addosso chiamo qualcuno che per fortuna e' venuto a salvarmi da morte certa (di schifo...)

Ma durante la mia doccia bollente, leggo una scritta sullo specchio NOT ALONE Stile il film gothica che ho visto ieri sera, ma questa scritta non si riferiva a nessun fantasma, ma ad un altro essere immondo nascosto dietro la bottiglia di bagno schiuma...

masepoccampaaccussi??

OK finita la doccia vado in cucina...ed ecco la nuova edizione del grande fratello, paolo sei stato nominato crack, arturo sei stato nominato crack, marianna sei stata nominata crack. ebbene si, ho dato un nome a tutti gli scarafaggi in casa e poi li ho eliminati.

E le telecamere dov'erano?? Perche non sono famosa come Daria Bignardi? Scusate, ma non so proprio cosa e' accaduto nelle edizioni successive del grande fratello.

Cmq, ho distrutto il secondo frullatore.

Tentavo di tritare il pane x fare il pangrattato e creare una cotoletta, o qualcosa i simile.

 
 
 

SONO UNA PAZZA

Post n°144 pubblicato il 02 Dicembre 2006 da maidiremichy

Alla fine ieri tra un pianto e l'altro, quando il mio amoruccio e' arrivato mi ha detto:

Prepara le tue cose e vieni con noi, ce ne andiamo in albergo e vaffanculo a tutti.

E cosi siamo qua insieme ad Entebbe. Ma non in albergo, alla fine posso anche dormire con lui. La nostra storia ora e' pubblica...e la cosa non mi dispiace.

Oggi abbiamo dormito fino alle 12. Nessuna radio nessun ufficio evvaiiiiiiii. Poi siamo stati tutto il giorno in piscina. Che spasso. Ho nuotato, ho preso il sole e mi sono ustionata nonostante le nuvole e la protezione 40.

Non sono piu abituata al sole.

Azz.

Sono feliceeee

 
 
 

1 GIORNO DA SOLA

Post n°143 pubblicato il 01 Dicembre 2006 da maidiremichy

Ieri dopo il lavoro ho fatto una passeggiata intorno all'aeroporto, mi limito a camminare, gli altri si ammazzano la vita a correre e sudare, chi a piedi chi in bici. La pista intorno all'aeroporto e' la meta di tutti i finti sportivi di Bunia.

Finti sportivi xke non ce n'e' uno con un corpo decente, sono tutti panzoni, eppure io li vedo ogni giorno sudare tra corse ed esercizi... boo il terzo mistero di fatima.

Arrivata a casa ho visto il Jerry springer show, lo conoscete? Una specie di programma stile amici ma senza la de filippi grazie a dio, in cui le persone con storie assurde si picchiano in pubblico e irrimediabilmente qualcuno rimane con le tette di fuori, e cosi anche il pubblico che fa gli interventi si sente autorizzato a mostrare le tette...

Poi ho giocato a Faraon, unico gioco in mio possesso. Lo scopo e' quello di costruire una citta egiziana, io sono il faraone. Nei primi due livelli (molto facile level) il popolo mi ama, mi venera come un dio e io sono allazzatissima. costruisco case, pozzi, templi, case di giocolieri, il cibo non manca e la popolazione cresce.

Alla terza missione, mi perdo nella coltivazione di fichi. Ogni minuto mi dicono che i livelli di cibo sono bassi, che mi servono piu lavoratori, che la zona della citta e' isolata, e quando tutto sembra perfetto....zacchete, un incendio in citta. ho dimenticato di mettere i vigili del fuoco, am xke nel periodo predinastico c'erano i vigili del fuoco?

Insomma ho smesso delusa alle 23.30 e ho dormito. Alle 5 mi sono svegliata e ho finito il libro che stavo leggendo, l'ombra del vento, bellissimo, lo consiglio a tutti.

Poi ovviamente sono venuta prima delle 9 a leggere le email. Mentre scrivo un russo grande quando il kilimangiaro e pettinato come un nido di uccelli abbandonato parla urlando al telefono. Ma xke grida? L'unica cosa che capisco e' pakapaka ma non so cosa voglia dire. Ah ecco ho capito anche carascio. Progetti x la giornata?

Ho qualche lavoretto da fare grazie a dio xke e' la fine del mese poi posso suicidarmi con la noia. La giornata e' splendida, il sole alto, e non ho nemmeno una piscina.

Natanael, colui che ieri era malato e non e' venuto a lavorare stamattina e' arrivato fresco e pettinato, se ieri lui stava male io sono magra. Ok lo ignoro.

Alle 11 x pochi minuti vedro il mio crew, e piuttosto che dichiarare il mio grande amore al mio capitano, dovro illuminarlo sulla cazzatona di fare dei voli notturni la settimana prossima x essere valutati. Un po come fare gli esami di terza media e 57 anni.

Poi di nuovo l'oblio. Domenica a pranzo sono dai piloti del bangladesh che mi hanno invitato, e non oso immaginare la giornata.

Noia noia noia

Se avete suggerimenti oltre a guardare film che conosco a memoria, leggere libri o sistemare l'armadio siete i benvenuti.

Se c'e' una cosa che odio e' la solitudine forzata.

La mia "animal instint" dei cranberries migliora, ma ancora fare gli accordi con il barre e' troppo difficile. Mi prestate un dito?

Tra 20 minuti la connessione finira e io me ne torno a casa/ufficio a torturare natanael x via degli scarafaggi ovunque. Ieri sera ne ho ucciso uno sulla scrivania con il mio amatissimo ipodde. che schifo.

Il mio umore e' sotto le scarpe. Non le mie.

 
 
 

LA DONNA YOGHURT

Post n°142 pubblicato il 30 Novembre 2006 da maidiremichy

Intanto mi scuso xke non mi ricordo come si scrive youghurt, ma dove va questa benedetta acca?? Insomma ad una delle feste del bangladesh ho visto che fanno uno yoghurt bianco buonissimo cosi ho chiesto la ricetta e contrariamente a tutte le mie aspettative zacchete e' venuto buonissimo.

Ci ho spalmato la frutta dentro ed e' una delizia.

E' strano essere abituati a comprare le cose al supermercato e di punto in bianco farle di sanapianta xke il supermercato non ce l'hai. Ma sono fiera di me.

Peccato che a causa di un guasto al un motore l'aereo dei russi e' di nuovo fermo, cosi i miei ragazzi sono partiti in Uganda al posto loro e la mia settimana di solitudine e' iniziata prima.

Non vi dico il vuoto che ho dentro e le lacrime tutte intorno.

ho pure un brufolo doppio sul mento e la cosa mi da un fastidio che non potete capire. o forse si.

Per cui dicevo visto che mancheranno via una bella settimana x la manutenzione dell'aereo, con lo yoghurt mi ci posso anche lavare.

Ma cosa cazzo faro' 6 giorni senza lavorare e senza nessuno a casa? Sento la necessita di licenziare l'omino delle pulizie... qualcosa devo pur farla e non posso suonare sempre la chitarra.

Vi racconto dell omino dell pulizie. Premesso che x lo standard di Bunia lui guadagna una barca di soldi, io lo riempio anche di cibo, lo trattiamo come uno di famiglia e quando possiamo accompagnarlo a casa xke dobbiamo andare in citta lo facciamo volentieri. C'e' una cosa che io non sopporto.

LE PRESE X IL CULO E LE BUGIE che poi forse sono la stessa cosa.

Gli ho detto gia in passato che se l'aereo torna tardi lui puo andare a casa prima e di non chiedere al capitano di accompagnarlo, xke dopo 10 ore di stare fuori e' stanco e necessita riposo.

La lingua in cui parlavamo era il francese. La sua madre lingua dopo lo swahili. Oui madame, pas de probleme, mi ha risposto.

Ieri il fatto:

alle ore 14 gli dico che puo andare a casa e che nessuno deve andare in citta. C'e' ancora luce, non piove quindi nessun problema. Lo pago anche di piu x pagarsi un dollaro di taxi al giorno oltre al suo salario. Soldi che conserva visto che un fesso che l'accompagna lo trova sempre.

Premesso anche che lo pago pure se non viene a lavorare xke l'aereo non e' qua.

Insomma ieri fa finta di andarsene e si nasconde. Approfitta del fatto che io sono chiusa nella mia stanza a suonare la chitarra x chiamare il pilota e chiedergli di andare a casa xke si sentiva male. Guarda caso tutta la giornata non ha avuto alcun malore e invece di lavorare a casa ha guardato una partita di calcio con i russi...

Insomma oggi non viene a lavorare xke sta male (come a scuola no??)

Oggi ho finalmente parlato con il capitano e con il crew e ho proibito categoricamente di riaccompagnare a casa questo bugiardo. (Adoro avere il potere decisionale su certe cose siiii amo il potere michypower hehe, io pago io decido.)

Gli altri lavoratori qua in aeroporto se lo sognano di essere trattati come noi trattiamo lui, nessuno mangia la pasta alla carbonara o la cotoletta panata, e tantissime volte preparo in piu x lasciare qualcosa a lui. e che dire quando gli ho dato una teglia intera di lasagne x lui e la sua famiglia?

e tu aspetti che mi giro le spalle x disturbare il pilota che e' troppo fesso x dirti di no?

Ovviamente non gli diro nulla, ma un passaggio adesso se lo scorda. I'm sorry. Posso sembrare stupida e puntigliosa, ma x fare lavorare bene questi qua si deve faticare. L'altro giorno non ha pulito il forno xke non era autorizzato ad aprirlo, e io mi ritrovo a condividere il tavolo e il letto con gli scarafaggi, scusa mi passi il sale? ah grazie...

Tutto sommato non lavora male ed e' onesto, cioe' non ruba, ovvero non ruba i soldi che lasciamo x casa, xke se parliamo di acqua o detersivo o cose del genere ci perdiamo, ma faccio finta di nulla, non voglio cambiarlo, troppo complicato e poi x esperienza personale so che un altro sarebbe la stessa cosa.

Ora basta me ne vado a casa a piangere xke sono nervosa (magari un po troppo).

Ho bisogno di un gatto da accarezzare, ma qua trovo solo scarafaggi. I gatti sono selvaggi e i cani malati. E ho pure il mal di gola.

yahoo

 
 
 

IO E LA MIA CHITARRA

Post n°141 pubblicato il 29 Novembre 2006 da maidiremichy

Mi preparo a stare una settimana da sola perche l aereo va in manutenzione. Mi faro due palle infinite. Io non posso andare x problemi di spazio e la cosa mi irrita.

La compagnia non vuole pagare l hote e quindi il crew stara nella nostra casa ad enterbbe e non c'e' posto x l'unica donna. Naturalmente non posso dire si dai tanto io dormo con il capitano...non e' carino.

Risultato?? 6 giorni di pere, di leggere, guardare tv e suonare la mia chitarra.

Sono ancora un disastro lentissima e stonata, ma non mi arrendo. Sono riuscita a suonare try di Nelly Furtado, La canzone del sole di Battisti, e qualche canzone dei cranberries.

Le mie dita dita soffronoooo. Ma sono tosta.

Penso che 6 giorni da sola a Bunia siano davvero troppi.

Non posso nemmeno drogarmi.

 
 
 

TERRORE

Post n°140 pubblicato il 20 Novembre 2006 da maidiremichy

Stamattina come ogni giorno i ragazzi hanno preso il volo.

Atterraggio previsto per le ore 16.05

Arrivo e vedo il copilota verde in viso. "com'e' stato il volo?" risposta "di merda negli ultimi 5 minuti chiedi a Steve..."

Anche Steve, il capitano era verde. Un aereo della MAF ha ignorato le istruzioni della torre di controllo e si stava schiantando contro il nostro aereo. Per fortuna se ne sono accorti in tempo da evitarlo.

Poi ci chiediamo perche le compagnie congolesi sono nella lista nera???

Io sono terrorizzata.

 
 
 
Successivi »