Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiararussobaudanzasrlfulvio.franzonicecc.carl1finsaneCherryslSoloDaisydon.francoblorislebretonAttrazionebanalevololowthorn2021prefazione09hotmandgl1
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« L'Amore denegatoSi, viaggiare... »

Sonni e risvegli.

Post n°1569 pubblicato il 03 Aprile 2021 da fedechiara
 

Il sonno profondo dei giornalisti liberal. 03 aprile 2017
Federico Rampini, da N. Y., (D di Repubblica) ci dà conto di un cambiamento a suo dire incredibile nel modo di porgere le notizie da parte della direzione del N.Y.Times,- giornale liberal per antonomasia e portabandiera degli schieramenti politici prevalenti nella Grande Mela.
Di una guerra di bande a Long Island si dice, infatti, che sono gang salvadoregne e sono fitte di minorenni. Feroci spietati assassini. Natural born killer, per citare un noto film.
Ma lo stupore di Rampini (che ci stupisce) è riferito al fatto che finalmente, dopo tanti anni, si dice chiaramente il 'chi è' della gang. Salvadoregna, appunto.
Il 'chi è', di un evento - per chi mastica poco delle buone regole giornalistiche, - insieme al 'dove' e al 'perché' sono i fondamentali di un articolo redatto come si conviene e si deve perché la gente sia ben informata dei fatti di cui si narra.
Ma il N.Y.Times, insieme a una gran parte della stampa 'liberal' aveva da tempo abbandonato il rispetto dei fondamentali e aveva sposato il cosiddetto 'politicamente corretto' - dove tutto, nel melting pot della Grande Mela, avviene come in un pentolone dove cuoce un ricco minestrone e tutti i componenti di origine non hanno più una precisa identità bensì sono 'cittadini'.
Un lascito della rivoluzione francese filtrato dell'internazionalismo socialista d'antan e approdato, infine, nelle democrazie occidentali a guida sinistra.
'Il giornale più anti Trump che cia sia rinuncia la 'politicamente corretto' e si adatta ai tempi?' si chiede il bravo giornalista - sconvolto del fatto che si aprano sentieri laterali alla politica di destra e in qualche modo ci si adegui alla dura realtà post elettorale e alla linea dura nei confronti degli immigrati violenti e assassini.
E finalmente si fa strada nella sua mente un pensiero-guida:
'Gli eccessi del politicamente corretto hanno regalato alla destra e a Trump i voti popolari delle zone d'America più insicure. L'auto censura della stampa liberal ha un sapore insopportabilmente paternalista. Dà l'impressione che i giornalisti si arroghino il diritto di decidere cosa i lettori devono sapere e cosa no. (Ma va! n.d.r.) E' anche questa una delle ragioni per cui noi giornalisti siamo finiti nel mucchio della 'casta', circondati da diffidenza, quando abbiamo deciso che toccava a noi 'educare il popolo'.'
Beati risvegli! E c'è voluta una 'brexit' e un Donald Trump e il referendum perso da Renzi - e chissà che altro in Europa prossimamente – perché suonasse il campanello della vostra sveglia.
Hanno il sonno davvero duro questi simpatici giornalisti 'liberal'.

The New York Times - Breaking News, US News, World News and Videos
NYTIMES.COM
The New York Times - Breaking News, US News, World News and Videos
The New York Times - Breaking News, US News, World News and Videos

La falla del muro nella politica di Biden e di Kamala
In questa sequenza di fermo immagine dal video registrato dalle telecamere di sorveglianza si vede una persona che, arrampicata sul Muro, fa cadere le bambine in territorio Usa, una dopo l'altra


Narrazioni in veloce mutazione dall'America democratica. https://www.internazionale.it/.../joe-biden-migranti...
Joe Biden è alle prese con una crisi umanitaria alla frontiera
INTERNAZIONALE.IT
Joe Biden è alle prese con una crisi umanitaria alla frontiera
Joe Biden è alle prese con una crisi umanitaria alla frontiera

 
 
 
Vai alla Home Page del blog