Creato da nina.monamour il 11/06/2010
 

Il Diavolo in Corpo

Di tutto e di piu'.....

 

 

Un piacevole Martedì..

Post n°8666 pubblicato il 26 Marzo 2019 da nina.monamour

 

 

"Non permettere alle ferite

di trasformarti in quello che non sei."

(Paulo Coelho)

Buona giornata, amanti dei libri e della cultura!


 
 
 

Con occhi diversi..

Post n°8665 pubblicato il 25 Marzo 2019 da nina.monamour






Da diversi giorni rimbalza su diverse fonti l'atto di Fabrizio Corona contro Riccardo Fogli, non descrivo l'accaduto e nemmeno terrò una lezione di morale, anche se rientra in uno dei più tristi episodi accaduti in televisione; spero non sia un riflesso del vivere odierno altrimenti il preoccupante disagio esistenziale inizia a prendere forme e ombre che ricorda l'uomo nero della nostra infanzia.

Catapultare con ferocia un presunto tradimento davanti alle persone estranee per il gusto di umiliare e ridicolizzare un uomo è grottesco e sciocco.
Chi è questo uomo nero? L'uomo nero è parte delle creature oscure, legate alle tenebre, è vulnerabile alla luce e non può accedere ai luoghi dove essa regna. I bambini hanno spesso l'abitudine di tenere una lampadina accesa in camera quando dormono proprio per tenerlo lontano fino a quando non arriva la luce del giorno.

Ora i bambini sono diventati grandi e alcuni hanno scelto questa orrenda maschera per vivere; poche persone nonostante le odierne difficoltà che la vita pone si stupiscono davanti ai riflessi del cielo, mentre passeggiano le nuvole sopra il sole. Non sono esenti dalle "tribolazioni" ma lottano per cercare il sole anche quando il cielo è scuro.

Non parlo di bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno, il bicchiere è come lo si trova, ognuno ha il compito di vivere con quello che il calice offre. Non ho ancora incontrato una persona affermata la quale si lamenta di quanto poco possiede, vede dentro un cubo di marmo una spettacolare opera d'arte come ad esempio è stata la Pietà di Michelangelo.

La vita è fatta di scelte ma anche di presupposti che guidano e determinano quanto siamo e quanto un uomo può valere, il resto cediamolo alle nuvole, e a proposito di nuvole Richard Bach nel romanzo " Il gabbiano Jonathan Livingston" ha scritto...





"Una nuvola non sa perchè si muove in una certa direzione e ad una certa velocità. Segue un impulso, è lì che deve andare, ma il cielo conosce le ragioni e gli schemi al di là delle nuvole, e anche tu li conoscerai, quando ti librerai abbastanza in alto per vedere l'orizzonte".

 
 
 

Le donne sagge..

Post n°8664 pubblicato il 23 Marzo 2019 da nina.monamour

 

 

Ci sono donne e donne, ci sono quelle che hanno sempre la fila di uomini alla porta, pur non facendo nulla di stravagante o speciale e quelle che non riescono a tenersi un uomo accanto nemmeno per un mese.

Non si tratta di bellezza e nemmeno di sensualità perché non tutte le donne che attraggono gli uomini sono belle e attraenti.

Ma qual è il loro segreto? 

Ebbene la verità è che quello che caratterizza queste donne è la saggezza, avete capito bene, le donne che usano il loro cervello vincono su lunghe distanze. Gli uomini sono attratti da quelle donne che abbagliano con sguardi ammaglianti, vestiti e atteggiamenti provocanti ma la passione del momento svanisce in fretta.

Quelle che riescono a tenere un uomo accanto a loro a lungo (per tutta la vita) sono le donne sagge.

Possiamo paragonare queste donne agli atleti che gareggiano alle maratone e le altre, quelle poco sagge, ai velocisti; magari sui 100 metri vincono le prime ma il premio della maratona va alle seconde. E pochi sanno che queste donne che usano con saggezza i loro pregi e, a volte, anche i loro difetti hanno dei segreti che se provate a mettere in pratica vi aiuteranno ad avere un rapporto migliore con il proprio partner.

Buon w.e.

 
 
 

L'insana preoccupazione..

Post n°8663 pubblicato il 22 Marzo 2019 da nina.monamour





Nel 1979 veniva proiettato nelle sale cinematografiche "Il malato immaginario", un film esilarante e per certi versi tragico che meglio ha saputo rappresentare al di fuori dei teatri la celebre commedia di Molière e il cui interprete indimenticato e indimenticabile fu Alberto Sordi.
 
La pellicola ebbe un grande successo soprattutto per la grande vena comica e ironica che ha permeato quasi tutte le sequenze di quel celebre film diretto da Tonino Cervi che ha liberamente reinterpretato il malato d'immaginazione che è si un malato immaginario ma proprio per questo soffre di un disturbo che è oggetto di numerosi studi da parte della comunità scientifica e in particolare degli specialisti di Psichiatria. 

Le sollecitazioni non mancano per quanto riguarda la descrizione di patologie più o meno gravi, trasmissioni tv, programmi radio, un diluvio di informazioni presenti su internet che scatenano un clima di allarmismo e mettono in moto la massa di ipocondriaci pronti ad intasare le sale d'aspetto dei medici di base e le corsie dei vari Pronto Soccorso... "Proprio ieri sentivo un dolorino alla schiena, non sono forse i sintomi di quella malattia di cui parlavano...." 

L'allarmismo si trasforma in una vera e propria mania che prende il sopravvento e distrugge anche la nostra tranquillità, il percorso dei malati immaginari non risparmia nessuno, medico di base, analisi, tac, radiografie, visite specialistiche, tutti i sintomi presunti mettono in allarme anche gli altri componenti della famiglia che vengono travolti dall'insana preoccupazione. 

Questa insana preoccupazione per il proprio stato di salute è ormai sempre più diffusa, secondo alcune statistiche in Italia vi sono circa dal 5 al 10 per cento di malati immaginari che riversano le loro energie a prevenire e a curare quello che non c'è. 
Molti di noi hanno sperimentato questo stato di preoccupazione anche semplicemente ritirando le analisi del sangue quando un valore si discostava dal valore posto accanto al valore registrato, è quello il momento in cui si chiamano le sorelle e i fratelli, l'amica o l'amico, il figlio e la figlia e si incomincia, attraverso delle congetture, di capire che cosa possa essere, facendo delle similitudini con i sintomi che provava questo o quel conoscente, e la tappa successiva è quella più insidiosa, la diagnosi del medico di famiglia non basta, si va alla ricerca del medico bravo, dello specialista, del "fachiro" che è migliore nel suo campo. 

Avviene quella sorta di trasmigrazione familiare che porta il "paziente" a viaggiare per essere visitato da un noto specialista dalla parcella salata perchè più costa, più è bravo, l'ansia sale, non basta più nessuna diagnosi.
In conclusione il malato immaginario fa ammalare di cuore quelli che gli stanno vicino..

 
 
 

Un sogno nel cassetto..

Post n°8662 pubblicato il 21 Marzo 2019 da nina.monamour

 

 

Tra tutte le cose che vorrei fare nella vita, mi piacerebbe avere il tempo per comprarmi una casa dalla quale si veda il mare, dove la Domenica mattina inforni biscotti e fuori senti i gabbiani, dove il vento e le onde suonano per te una melodia diversa tutti i giorni.




Una di quelle case che ti rassicurano dal primo istante e che profumano di rose, di cannella e di vaniglia, le cui chiavi siano anche quelle della tua felicità e dove le pareti sembrino fatte di zucchero a velo, il soffitto di cielo ed il pavimento di nuvole.




Dove ogni giorno è primavera perché tu sei felice.


 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

THE BLUES MYSTERY - BACK TO THE DIRTY TOWN

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

mastro.zeroaligi4maxcole0karma580piesse6aldeadeaballdgl2sydbarret32volerocontexsemprenagi51eridaniasAmiamoilRosariocrazy_21_1945paranoid70purpurav
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 182
 

BUONGIORNO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

**********

             

 

 

 

 

 

         

 

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20