Creato da: carloreomeo0 il 03/06/2014
pensieri in libertà
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

Ultime visite al Blog

Dott.FiccagliaQuartoProvvisorioanimasugcassetta2jigendaisukecarloreomeo0andrea.sollaixavierwheeljuna.66acer.250PiermariaaaaaOsservatoreSaggiom12ps12Alfa_Beta416161
 

Ultimi commenti

Non sceglierebbero un'atro barabba, oggi ci sono umani...
Inviato da: animasug
il 01/04/2024 alle 10:42
 
Mi associo
Inviato da: cassetta2
il 30/03/2024 alle 19:53
 
Analisi perfetta
Inviato da: jigendaisuke
il 30/03/2024 alle 19:32
 
Sempre interessante e profondo Totò, il mio idolo sia come...
Inviato da: carloreomeo0
il 29/03/2024 alle 19:36
 
Ecco cosa ne pensava...
Inviato da: jigendaisuke
il 28/03/2024 alle 18:49
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« IL SENSO DELLE PAROLEIL VALORE DI UN REGALO »

IRRAGGIUNGIBILE ORIZZONTE

Post n°603 pubblicato il 08 Dicembre 2023 da carloreomeo0

 

"Invece di affannarci, continuando a rincorrere l'irraggiungibile orizzonte, dovremmo fermarci a contemplare il panorama che ci sta di fronte."

Queste parole racchiudono concisamente la frenesia del vivere talmente proiettati nel futuro da perdersi il presente, che è la filosofia dominante di questi nostri tempi che va di pari passo con l’ostentazione di se, dell’apparire piuttosto che dell’essere, del possedere più che del condividere e che stride terribilmente con quello che dovrebbe essere lo spirito di questi giorni che precedono il Natale, una festività che, al di là del suo significato religioso, dovrebbe spingerci a delle profonde riflessioni intimistiche, a rivedere, in chiave costruttiva e proattiva, il nostro rapporto con gli altri, se non fosse che con il tempo abbiamo trasformato il Natale in una festa puramente consumistica, perfettamente in linea con ciò che siamo diventati, esseri imperfetti che ambiscono alla perfezione facendo finta di essere ciò che in realtà non sono. Ed ecco che allora in nome del Natale, ci sveniamo per comprare gli addobbi più belli e sfarzosi, ci sveniamo per imbandire le nostre tavole delle più frivole prelibatezze, dove l’imperativo è esagerare, l’abbondare fino ad arrivare all’eccesso, allo spreco, all’opulenza, mangiando fino a stare male, bevendo fino a perdere la coscienza di sé, per obnubilare, al meno per un momento, le nostre coscienze o ciò che di esse rimane. Ci sveniamo per comprare i regali più costosi, convinti come siamo, che proporzionalmente al costo del regalo conferiamo valore al rapporto che ci lega alla persona a cui lo regaliamo. Semplicemente perché abbiamo dimenticato, o ci hanno fatto dimenticare, che i regali più belli sono quelli che non si possono incartare, perché sono fatti di gesti, di parole, di sguardi, di sorrisi, di presenza e quindi immateriali ma che valgono, per chi ha ancora la capacità di saperli apprezzare, più di mille costosissimi oggetti.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Virtualizzato/trackback.php?msg=16726531

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 08/12/23 alle 13:32 via WEB
Mi vengono in mente coloro che regalano confezioni con saponette e bagnoschiuma, così, giusto per fare un pensiero, mentre in realtà gli pesa tanto fare un regalo decente o, perlomeno, fatto con un minimo di sentimento vero.
(Rispondi)
 
 
carloreomeo0
carloreomeo0 il 09/12/23 alle 11:05 via WEB
Sì, perché ormai scambiarsi i regali non è più un piacere, un gesto spontaneo, ma è quasi un obbligo, neanche si trattasse di una cartella esattoriale, con tanto di tassativa scadenza. Dove non ha più importanza il regalo in se, ma dove basta avere qualcosa da incartare e regalare, dove il donare è diventata un'esigenza dettata dalle varie ricorrenze e non dalla spontaneità dei propri sentimenti. Il Natale in fatti è la festa dell'ipocrisia.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963