Blog
Un blog creato da g1b9 il 10/01/2009

Sentimentalmente

Tutto ció che mi dá emozioni....

 
 

***

   Nel mio blog utilizzo  immagini trovate sul Web. Alcune siuramente hanno il copyright;  qui sono usate con scopo culturale , divulgativo  e critico, tuttavia toglierò immediatamente l'immagine, qualora questo uso dispiacesse agli autori.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

 

 

 

 

 

« Questione di feeling...A modo mio una storia de... »

L'insostenibile leggerezza del vivere oggi...

Post n°4789 pubblicato il 22 Novembre 2020 da g1b9
 

 

 Mai come in questi periodi ,inimmaginabili fino a poco tempo fa la vita si sente, nel senso che ci accorgiamo di esistere, costretti come siamo da regole, che hanno sconvolto l'inconsapevolezza del vivere,  perchè la routine ci porta ad osservare solo i piccoli intoppi, il contrattempo risolvibile; eravamo abituati a ricercare tutto quello che, ricco di frivolezza e superficialità, pareva alleggerire la nostra quotidianità. Milan Kundera scriveva nel suo meraviglioso " L'insostenibile leggerezza dell'essere", romanzo di vita, d'amore, di filosofia esistenziale.  “Il fardello più pesante è quindi allo stesso tempo l’immagine del più intenso compimento vitale. Quanto più il fardello è pesante, tanto più la nostra vita è vicina alla terra, tanto più è reale e autentica”.   Leggere e rileggere questa affermazione mi fa capire che vivere non è quella leggerezza, che fa volare ed appartiene in  un certo senso al mondo dei sogni,ma  imparare a camminare coi piedi ben piantati per terra con la leggerezza di potere mettere il giusto impegno nel risolvere le difficoltà presenti e quelle future.   E poichè questo peso è anche sofferenza torno a Kundera con questa affermazione: “Non c’è nulla di più pesante della compassione. Nemmeno il nostro proprio dolore è così pesante come un dolore che si prova con un altro, verso un altro, al posto di un altro, moltiplicato dall’immaginazione, prolungato in centinaia di echi”.Visto con gli occhi dell'amore il dolore altrui riesce a essere più duro del proprio.. La compassione è un grande peso perché è un dolore irrisolvibile. Potremmo affrontare la nostra sofferenza, ma quella degli altri appartiene a loro, anche se ci fa parimenti soffrire.  Tutto quanto  ci accade ha quel velo opaco dell'imprevedibile, anche se conseguenze ovvie di cio che è al momento. E noi siamo tutti ignari, per quanta esperienza di vita si possa avere.  Non c'è differenza tra il vecchio e il bambino perchè: “Non si può mai sapere che cosa si deve volere perché si vive una vita soltanto e non si può né confrontarla con le proprie vite precedenti, né correggerla nelle vite future”, distruggendo l'idea che ogni vita debba avere la sua ragione di essere, il suo perchè. Ecco dove  sta l'insostenibile leggerezza della vita.

“La vita è uno schizzo di nulla, un abbozzo senza quadro”.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

 

 
 

RELATHIONSHIP

Don't let someone become a priority in your life , when you are an  optional in their life... Relationships work best when they are balanced.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

g1b9CarlaDiorlicsi35pemonellaccio19liut2monterubbianesimcClaudia1886bertolaprogettipaperino61toandrea.mansoldofkfqhmleo.thailongocinquedolce.melodia1BugenhagenLadygolf1
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

motori ricerca

 


contatori internet

popoli e comunità