EQUINOZIO D’AUTUNNO

Ben ritrivati, com’è andata per voi questa caldissima estate. Oggi parliamo di questo nuovo cambio di stagione.

equinozio-d-autunno-e-luna-del-raccolto_409633

Il termine Equinozio deriva dal latino e significa “notte uguale”. Infatti nei giorni degli equinozi la durata del giorno è uguale a quella della notte (12 ore ciascuno) in tutto il mondo, perché i raggi solari incidono perpendicolarmente all’asse terrestre. In realtà l’equinozio non è un giorno, ma è un istante preciso: è quel momento della rivoluzione terrestre intorno al Sole in cui quest’ultimo si trova allo zenit dell’equatore. Accade due volte l’anno (a sei mesi di distanza, a Marzo e Settembre del calendario civile). Nell’emisfero boreale l’equinozio di marzo segna la fine dell’inverno (astronomico) e l’inizio della primavera (astronomica), mentre quello di settembre termina l’estate (astronomica) e introduce l’autunno (astronomico). È specificato  “astronomico” perché differente è la classificazione  in meteorologia che come inizio delle stagioni prende  il primo del mese (1° Settembre per l’autunno e così via per le altre stagioni).

equinozi-primavera-autunno

Dal punto di vista ayurvedico e yogico,  che coincide con la Scienza, nella settimana dell’Equinozio entriamo in una fase di profondo equilibrio degli opposti: il numero di ore di luce equivale a quello di buio. È il Perfetto Equilibrio Cosmico, è il momento in cui possiamo ricercare l’armonia e senso di Unità.

Come già in altri articoli che abbiamo pubblicato ricordiamo che i quattro momenti di passaggio della Ruota dell’Anno (i due equinozi e i due solstizi), sono un punto di svolta fisiologico, ormonale – organico – nel nostro corpo e nella nostra psiche. Il  diminuire delle ore di luce influisce enormemente sul sistema ormonale e su tutto il funzionamento del nostro organismo sia fisico che energetico, interessando sonno, appetito, sistema nervoso, funzionamento degli organi ed energia.

Per l’ayurveda e lo yoga l’Equinozio segna l’inizio del GRANDE INSPIRO COSMICO., dove mitologicamente la dea Shakti apre gli occhi e l’Universo si riassorbe in Lei, ed è quindi il momento del “respiro equanime”, samavritti pranayama, dove l’inspiro (il giorno) e l’espiro (la notte) hanno la stessa durata. Questo momento è in grado di donare una profonda centratura nel Sè.

Per questo la Porta che dall’estate ci porta all’autunno invita all’introspezione. É il momento di rallentare, lasciare andare, meditare e riposare, è il momento della non-azione. Con l’autunno entra l’Elemento ARIA (VAYU MAHA BUTHA), e ci accompagnerà per i tre mesi successivi.

 

Nella tradizione ayurvedica l’Autunno, dominato dal Vata può portare dolori alle articolazioni, sensazione di secchezza, insonnia, irritabilità, ansia, depressione e stanchezza. Occorre equilibrare Vata e basta osservare la natura per capire come. Nel mondo animale in questo periodo dell’anno molte specie si preparano al letargo, nel mondo vegetale la maggior parte delle piante si libera del fogliame preparandosi ad un periodo di pausa, alleggerendosi dall’impegno di nutrire le parti verdi. Impariamo da loro, rallentiamo il ritmo, favoriamo il riposo.

L’autunno ci invita a entrare dentro e a godere dei frutti del nostro raccolto estivo, ed è la stagione giusta per:

  • ridurre gli impegni non necessari,
  • adattarci per cena e sonno all’accorciarsi delle giornate,
  • praticare un’attività fisica leggera ma costante (la stabilità aiuta Vata a stabilizzarsi),
  • sfruttare le ore di luce ed ancora calore stando il più possibile all’aperto e compensare la riduzione del calore proveniente dal Sole sollecitando il fuoco digestivo e interiore,
  • praticare i Kriya Solari che fisseranno il calore del Fuoco in noi che abbiamo accumulato durante l’estate per manterci caldi nell’avanzare delle stagioni fredde,
  • praticare nel flusso dei Pancha Prana (le 5 grandi energie all’interno del nostro corpo), seguendo questo grande momento di inspiro della terra per armonizzarci con il cambiamento stagionale.
  • adeguare l’abbigliamento alle temperature e preferire cibi caldi e cotti e bevande a temperatura ambiente o calde (è il tempo di tornare alle buonissime tisane ad esempio).

Buon passaggio di stagione a tutti quindi.

Namastè Marzia

EQUINOZIO D’AUTUNNOultima modifica: 2021-09-17T11:38:54+02:00da almacondomini

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.