C’era una volta

nn

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C’era una volta, nella regione della terra,

un vecchio parroco la cui fede era così

sincera che tutta la sua parrocchia

era stata trasformata.

Dato che era al ministero,

nessuno ha commesso il minimo crimine,

rapina o crimine di alcun tipo lì.

Le donne, che avevano rinunciato ai pettegolezzi,

passavano il loro poco tempo libero

a realizzare pizzi e passamanerie di tale qualità

che venivano a cercarli Gli uomini,

molti dei quali erano coltelli, erano sobri,

astenendosi persino

dal bestemmiare o combattere,

e alla fiera del bestiame,

dove c’era sempre stata un po ‘di burrasca,

erano diventati così onesti

che spontaneamente

confessavano i difetti d

egli animali in fila per vendita.

Non è lì dove avrebbe

potuto essere costruito,

come nella città vicina,

per servire da esempio

a coloro che passavano,

una casa dei sette peccati capitali.

La pia influenza del parroco fece impazzire

di rabbia il diavolo, al punto che non smise

di vagare per la regione cercando invano

un’anima da trascinare via. Non si trattava,

ovviamente, di avvicinarsi al sacerdote

che lo obbligava a fuggire

facendosi il segno della croce.

Disperata, si voltò verso l’asino del prete.

Ha mescolato rami di biancospino

con la sua razione di farina d’avena,

si è trasformato in un calabrone

per volare costantemente davanti

ai suoi occhi, lo ha molestato come un tafano,

lo ha fatto inciampare e si è dedicato

in ogni modo possibile a farlo impazzire.

Ma l’asino era dolce e paziente

come il suo padrone.

Ha sopportato tutti questi attacchi

senza mai prendere a calci o lamentarsi.

Vigilia di Natale, l’usanza raccomandava

di dare una doppia razione di cibo

agli animali in ricordo dell’aiuto

che fornivano al portale di Betlemme.

Finita la giornata, l’asino aspettava

con un po ‘di gola la sua porzione di avena,

quando, all’improvviso,

vide arrivare il sochantre della parrocchia, che disse:

“Bel culo, vorrei che mi facessi un grande favore.”

Le pecore partoriranno stanotte

e io devo restare con loro.

Accetteresti di sostituirmi alla messa di mezzanotte?

L’asino aveva spesso sentito dire

che agli animali viene dato il potere

di parlare come gli esseri umani alla vigilia di Natale.

Perché non dovrebbe accettare, dopo tutto?

Chinò la testa come prova

di accettazione e poi spiegò:

-Basta dire di tanto in tanto Amen.

Fai un test. E l’asino ragliò.

“Molto bene,” approvò.

Canti più forte di me.

Tutti ti ascolteranno bene e il nostro

sacerdote sarà orgoglioso di te.

Il diavolo scomparve come era venuto senza culo,

gonfio di importanza all’idea di interpretare

quel grande ruolo, chiedendosi qualcosa.

Tuttavia, avrebbe dovuto sospettare che colui

che si trasforma in una mosca pungente

o in un pipistrello possa anche assumere

la forma di un vecchio diavolo.

Ma era già impegnato a pulirsi.

Si rotolava per terra per spolverarsi la schiena,

si leccava qua e là più volte per far brillare il suo pelo,

sbatteva gli zoccoli contro il muro per sciogliere

lo sporco e li lisciava sui garretti.

Sentendo il primo squillo per la messa,

si mise in cammino, alzando le gambe

in alto come un cavallo in un maneggio

facendo la passeggiata.

Quando finalmente raggiunse la chiesa,

l’intera città era davanti a lui, gli uomini

erano a destra, le donne a sinistra

e il prete era in attesa all’altare.

Temendo di essere in ritardo per la prima canzone,

l’asino corse al galoppo lungo la navata centrale,

frenando su tutte e quattro le zampe e ragliando a squarciagola.

Spaventate, le donne cominciarono a urlare e gli uomini

corsero ad afferrarlo per portarlo fuori.

L’asino, volendo spiegarsi, si rifiutò di muoversi,

ma riuscì a ragliare più forte, aumentando la confusione.

Lo hanno picchiato con le mazze per zittirlo.

Si tirò indietro e, voltandosi, fuggì.

I ragazzi del villaggio liberarono i loro cani

e lo inseguirono così bene che dovette galoppare

verso la foresta. Inciampò di albero in albero

e finì per cadere in ginocchio, ansimando.

In una radura nella foresta davanti a lui,

una luce rossa lampeggiò improvvisamente.

Un odore di zolfo permeava l’aria.

L’asino si sentiva osservato. Alzò la testa,

vide il diavolo e capì che era un vecchio diavolo

ad aspettarlo. Totalmente confuso,

si rese conto di essere caduto a capofitto

in una trappola e di aver commesso un peccato di vanità.

E ora il diavolo lo aveva alla sua mercé …

“Volevi fare il re, si disse, ”

e guarda cosa ti è successo.

Ora gioca a fare l’asino.

Questa è la tua ultima

possibilità di scappare da qui.

E sbuffò, sembrava incapace di rialzarsi,

inciampò e cadde di nuovo.

-Tu chi sei? chiese l’asino.

Ti prego di avere pietà di un povero cieco.

Devo aver perso i miei occhi mentre passavo

tra le spine e la mia forza mi manca.

Mostrami la strada per il mio blocco, per favore.

Voglio fare il mio ultimo respiro a casa del mio padrone.

“Se ti guido”, chiese il demone, ”

cosa mi darai per infastidirmi?”

-Prima di tutto, vorrei sapere chi sei.

-È molto semplice, sono il diavolo.

“Signore diavolo, se vuoi puoi ricevere la mia anima,

poiché è quello che è consuetudine scambiare con te.”

“Un’anima da culo non è un grosso problema”,

disse l’altro. Ma in ogni caso!

Mi metterò sul sedere e ti mostrerò la strada da percorrere.

-Oh! Sono coperto di lividi e troppo debole per portarti, vedi.

Vai avanti. Mi orienterò tenendo la punta della tua coda.

Senza vedere alcuna malizia nella proposta,

il diavolo iniziò a camminare seguito dall’asino.

“Lo porterò al fiume”, si disse, ”

e volendo seguire le mie orme, annegherà”.

“Non andare troppo veloce,”

protestò l’asino, dietro di lui. Non posso più…

Finalmente raggiunsero la riva del fiume.

Il diavolo pensava di saltare sull’altra sponda,

perché a dicembre il fiume è molto freddo.

“Tieniti forte,” disse, “e cammina”.

Devi solo fare qualche altro passo.

L’asino, che poteva vedere perfettamente

e aveva capito quali fossero le intenzioni del demone,

si morse la coda con tutti i denti

e si appoggiò a una roccia vicina proprio mentre il diavolo saltava.

La coda si spezzò, rimanendo tra i denti dell’asino,

e il diavolo perse l’equilibrio e cadde nel fiume gelido.

È stato sentito urlare di dolore dalla chiesa del villaggio.

L’asino trottò indietro proprio mentre la messa stava finendo.

Posò la coda del diavolo davanti al buon prete,

che presto si rese conto che il suo amato asino

era stato vittima del Maligno, ma che aveva saputo vendicarsi.

Lo perdonò per aver interrotto la messa

e gli diede una doppia porzione di farina d’avena,

innaffiata con vin brulè, in onore di quella dolce notte di Natale.

C’era una voltaultima modifica: 2021-02-22T10:14:12+01:00da WhitneyBrowne
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr