Creato da kayfakayfa il 10/01/2006

LA VOCE DI KAYFA

IL BLOG DI ENZO GIARRITIELLO

 

 

LEGGE ELETTORALE E IL MISTERO DEI FRANCHI TIRATORI

Post n°1820 pubblicato il 09 Giugno 2017 da kayfakayfa
Foto di kayfakayfa

Essendo la politica per definizione “sporca”, non si può escludere che i 66 e passa franchi tiratori che sia ieri che oggi hanno fatto mancare alla Camera il proprio voto per respingere le pregiudiziali di costituzionalità e altri emendamenti presentati dalle opposizioni sulla legge elettorale in fase di approvazione, contrariamente a quanto ipotizza il Pd, anziché appartenere al M5S, non fossero proprio del Pd, come invece sostengono i grillini.

Ragionando è evidente che a far saltare la trattativa converrebbe più al Pd. Infatti, se l'intesa a quattro - Pd/M5S/FI/Lega - evaporasse per mancanza di voti in aula, il Pd potrebbe, come già sta avvenendo, tacciare i grillini di essere gli unici responsabili dell'ostruzionismo in atto; avere il pretesto per bloccare i lavori e invocare la caduta del governo con conseguenti elezioni anticipate - come ipotizzato da Matteo Richetti questa mattina in televisione -; andando al voto con il rosatellum.

Viceversa, sempre in virtù di tale ragionamento, è evidente che ai grillini mai converrebbe, una volta deciso di sedersi al tavolo con i nemici giurati di sempre, di mandare all'aria la trattativa. Se lo facessero, dimostrerebbero di essere affetti da sindrome masochista in quanto farebbero il gioco di chi ha tutto l'interesse a screditarli, prendendo a pretesto il loro passo indietro sulla discussione in corso, per stigmatizzarne l'inaffidabilità istituzionale.

Non a caso per le prossime votazioni segrete in aula sulla legge elettorale da approvare i grillini non escludono di filmarsi mentre votano nel segreto della cabina per dimostrare la propria correttezza rispetto agli altri partiti.

Accusando i grillini di essere dei “traditori”, Renzi prenderebbe due piccioni con una fava: farebbe saltare l'accordo con l'odiato M5S e avrebbe il pretesto per far cadere il governo Gentiloni, andando “subito” alle elezioni, come sembra fosse intenzionato a fare già quando si dimise a febbraio, tanto che gli alfaniani, punti sul vivo dalla volontà del segretario del Pd di assestare al 5% la soglia di sbarramento nella nuova legge elettorale – se così fosse, il partito di Alfano difficilmente entrerebbe in Parlamento, così come Ala di Verdini e Mdp di Bersani e D'Alema - hanno rivelato che in più occasioni, subito dopo le dimissioni da Premier, Renzi avrebbe cercato di convincerli a far cadere Gentiloni, offrendogli in cambio la possibilità di scegliersi la legge elettorale.

In questo scenario dalle tinte fosche, supporre che i franchi tiratori, anziché al M5S, appartengano ad altri partiti, probabilmente al Pd, non è certo fantapolitica.

Essendo Renzi entrato nella storia per aver pronunciato il famoso “Enrico stai sereno” - la frase il segretario del Pd la rivolse al premier Enrico Letta per rassicurarlo che mai sarebbe subentrato al suo posto senza prima passare per le elezioni e invece, poche ore dopo, ne fece miseramente cadere il governo prendendone il posto a Palazzo Chigi – da uno così ci possiamo aspettare di tutto.

Anche che induca alcuni suoi parlamentari, sfruttando il segreto dell'urna, a votare in maniera contraria all'accordo per poi scagliarsi contro gli avversari accusandoli di slelatà, mandare tutto all'aria, costringendo il governo a dimettersi e andare a elezioni anticipate nella speranza di vincerle e tornare a governare.

Di tutto, di più!

 
 
 

LEGGE ELETTORALE E IL MISTERO DEI FRANCHI TIRATORI

Post n°1819 pubblicato il 08 Giugno 2017 da kayfakayfa
Foto di kayfakayfa

Essendo la politica per definizione “sporca”, non si può escludere che i 66 e passa franchi tiratori che sia ieri che oggi hanno fatto mancare alla Camera il proprio voto per respingere le pregiudiziali di costituzionalità e altri emendamenti presentati dalle opposizioni sulla legge elettorale in fase di approvazione, contrariamente a quanto ipotizza il Pd, anziché appartenere al M5S, non fossero proprio del Pd, come invece sostengono i grillini.

Ragionando è evidente che a far saltare la trattativa converrebbe più al Pd. Infatti, se l'intesa a quattro - Pd/M5S/FI/Lega - evaporasse per mancanza di voti in aula, il Pd potrebbe, come già sta avvenendo, tacciare i grillini di essere gli unici responsabili dell'ostruzionismo in atto; avere il pretesto per bloccare i lavori e invocare la caduta del governo con conseguenti elezioni anticipate - come ipotizzato da Matteo Richetti questa mattina in televisione -; andando al voto con il rosatellum.

Viceversa, sempre in virtù di tale ragionamento, è evidente che ai grillini mai converrebbe, una volta deciso di sedersi al tavolo con i nemici giurati di sempre, di mandare all'aria la trattativa. Se lo facessero, dimostrerebbero di essere affetti da sindrome masochista in quanto farebbero il gioco di chi ha tutto l'interesse a screditarli, prendendo a pretesto il loro passo indietro sulla discussione in corso, per stigmatizzarne l'inaffidabilità istituzionale.

Non a caso per le prossime votazioni segrete in aula sulla legge elettorale da approvare i grillini non escludono di filmarsi mentre votano nel segreto della cabina per dimostrare la propria correttezza rispetto agli altri partiti.

Accusando i grillini di essere dei “traditori”, Renzi prenderebbe due piccioni con una fava: farebbe saltare l'accordo con l'odiato M5S e avrebbe il pretesto per far cadere il governo Gentiloni, andando “subito” alle elezioni, come sembra fosse intenzionato a fare già quando si dimise a febbraio, tanto che gli alfaniani, punti sul vivo dalla volontà del segretario del Pd di assestare al 5% la soglia di sbarramento nella nuova legge elettorale – se così fosse, il partito di Alfano difficilmente entrerebbe in Parlamento, così come Ala di Verdini e Mdp di Bersani e D'Alema - hanno rivelato che in più occasioni, subito dopo le dimissioni da Premier, Renzi avrebbe cercato di convincerli a far cadere Gentiloni, offrendogli in cambio la possibilità di scegliersi la legge elettorale.

In questo scenario dalle tinte fosche, supporre che i franchi tiratori, anziché al M5S, appartengano ad altri partiti, probabilmente al Pd, non è certo fantapolitica.

Essendo Renzi entrato nella storia per aver pronunciato il famoso “Enrico stai sereno” - la frase il segretario del Pd la rivolse al premier Enrico Letta per rassicurarlo che mai sarebbe subentrato al suo posto senza prima passare per le elezioni e invece, poche ore dopo, ne fece miseramente cadere il governo prendendone il posto a Palazzo Chigi – da uno così ci possiamo aspettare di tutto.

Anche che induca alcuni suoi parlamentari, sfruttando il segreto dell'urna, a votare in maniera contraria all'accordo per poi scagliarsi contro gli avversari accusandoli di slelatà, mandare tutto all'aria, costringendo il governo a dimettersi e andare a elezioni anticipate nella speranza di vincerle e tornare a governare.

Di tutto, di più!

 
 
 

TORINO, PIAZZA SAN CARLO: L'APPENDINO FA AUTOGOL

Post n°1818 pubblicato il 06 Giugno 2017 da kayfakayfa

Fino allo scoccare delle 22,25 di sabato 3 giugno 2017 - momento in cui in Piazza San Carlo a Torino, dove migliaia di tifosi juventini erano radunati per assistere sul maxi schermo allestito dal comune alla finale di Coppa Campioni Juventus- Real Madrid, per quella che molti eufemisticamente si ostinano a definire “una Bravata”, qualcuno avrebbe lanciato un falso allarme terroristico scatenando il panico e una ressa infernale con oltre 1500 feriti, di cui tre gravi – Chiara Appendino, sindaco del capoluogo piemontese, era tra i sindaci più amati d'Italia.

Per quanto non è ancora chiaro di chi siano le responsabilità relative alla gestione della sicurezza quella sera- come sempre accade, anche in questo caso è iniziato lo scaricabarile tra le autorità – la presenza di bottiglie in frantumi e pezzi di vetro sul selciato e negli interstizi dei sanpietrini dello slargo, causa di molti feriti, prefigura che qualcosa non ha funzionato a livello preventivo in quanto, malgrado i controlli rigorosi all'accesso del varco sui singoli individui e negli zaini per individuare e sequestrare eventuali oggetti pericolosi, bottiglie incluse, è incomprensibile la presenza nello spiazzo di venditori ambulanti di bevande in bottiglie di vetro che ha vanificato ogni controllo.

E seppure le responsabilità non fossero del comune o solo sue, ascoltare la sindaca Appendino riferire in consiglio comunale che per l'evento erano state adottate le stesse misure di sicurezza che vennero attuate nel 2015 dalla giunta Fassino per la finale Juventus Barcellona, si ha la sensazione che la sindaca non solo non si rende conto che così facendo offre una grossa arma di discussione politica all'opposizione – Fassino le ha subito replicato facendole notare che all'epoca non c'erano state ancora le stragi del Bataclan a Parigi, quelle Bruxelles, quelle di Londra e Manchester di pochi giorni fa – ma, così facendo, dà la sensazione di vivere fuori dal tempo.

Qualità che né un amministratore né un politico possono consentirsi, svolgendo un servizio finalizzato al bene della comunità da cui si è stati eletti.

Sensazione pessima che rischia di alimentare perplessità sull'inadeguatezza della sindaca e della sua giunta.

Fino a “ieri” Chiara Appendino era il fiore all'occhiello delle varie amministrazioni grilline sparse sul territorio.

Da sabato sera rischia di risolversi per Grillo & c. in un problema in più, dopo la Raggi a Roma!

 
 
 

RAGGIOLO, LO SCRIGNO DEI RICORDI

Post n°1817 pubblicato il 02 Giugno 2017 da kayfakayfa
 

Erano circa due anni che mancavo da Raggiolo. La scorsa estate, contrariamente alle nostre abitudini, fummo costretti a disertarvi, causa un’infezione post operatoria al ginocchio del nostro secondogenito che ci fece tribolare non poco. Fortunatamente, alla fine tutto si è risolto per il meglio: di quell’incubo resta solo il brutto ricordo.

A scoprirne l’esistenza fu casualmente mio  suocero più di venticinque anni fa. Non appena il suo animo d’artista si trovò al cospetto di quello che oggi è ritenuto tra i borghi più belli d’Italia - immerso nel verde del casentino toscano in provincia d’Arezzo, a circa 800 metri ai piedi del Pratomagno; prospiciente il panorama mistico de La Verna  dove San Francesco ricevette le stigmate -  si radicò in lui la decisione che qui avrebbe trascorso il resto dei suoi giorni. Fu così che prese corpo il progetto della casa d’arte museum petricciuoliana, oggi realtà consolidata, seppure misconosciuta, nel panorama museale del casentino toscano, in cui sono raccolte molte delle opere dell’artista Osvaldo Petricciuolo.

Al di là del valore artistico in esso racchiuso, per me Raggiolo rappresenta prima di tutto un luogo dell’anima: uno di quei posti in cui percepisci che il tuo io si coniuga integralmente con il paesaggio circostante; che si crea una tale simbiosi, ma forse dovrei dire sinergia, tra l’Io  e la natura che a un certo punto fatichi a scindere tra spirito e materia, sogno e realtà.

 Probabilmente se fossi credente non esiterei ad affermare che nell’atmosfera di Raggiolo si coglie la presenza di Dio.  Non essendolo, non lo dico. Ma la sensazione che in questo scenario naturale, il cui silenzio è rotto dall’eterno mormorio dei fiumi Teggina e Barbozzaia che dalla montagna precipitano a valle da opposti versanti, tra allegre rapide e lievi cascate, cingendo il paese a mo’ di monile, per poi fondersi ai piedi dell'abitato in un unico serpente d’acqua che fluisce verso Bibbiena ad alimentere l’Arno, si celi qualcosa di surreale, di mistico, è davvero forte.

Tuttavia a suscitarmi emozioni non è solo la magica atmosfera del luogo, tanto che anni fa scrissi addirittura un racconto, NOTTE MAGICA, che poi pubblicai nella mia seconda raccolta di racconti La Scelta. Come già ebbi modo di scrivere in altra occasione, a Raggiolo mi legano ricordi per lo più connessi all’infanzia dei miei figli. E questa mattina, mentre con mia moglie passeggiavamo sulla strada che si inerpica verso il punto più alto del paese, giunti all’incrocio con il sentiero che partendo dalla piazza, sale agli oltre 2 mila metri del Pratomagno, non ho potuto fare a meno di riandare con la mente a quando, circa 14/15 anni fa, con il mio secondogenito che all’epoca aveva 7/8 anni, insieme ad altri amici partimmo alle sette del mattino verso il Pratomagno. Una passeggiata tra i boschi di circa tre ore che non dimenticherò mai: vedere quella pulce al mio fianco zampettare allegramente con lo zainetto in spalla sul sentiero che portava in cima senza mai lamentarsi per la fatica; arrivare in vetta e ammirare il maestoso panorama che si perdeva nel mare all’orizzonte; sederci ai piedi dell’imponente croce in ferro che domina il Pratomagno per riposarci mentre un gruppo di vacche pascolava stancamente; accogliere presso il “rifugio” il gruppo festante delle mogli e dei figli che ci raggiunse in auto per mangiare tutti assieme al bivacco, lassù; ridiscendere nuovamente a piedi al paese fu un’emozione indescrivibile che per un attimo s’è riaccesa in me mentre mi inoltravo per qualche metro sul sentiero che scala il monte. Ma soprattutto rimarrà in me indelebile il ricordo di quella pulce che, per niente intimorita dal dover nuovamente camminare per almeno un altro paio di ore, preferì stare con me e con gli altri anziché accompagnarsi in auto alla mamma e al fratello.

Ricordo nitidamente quanto fossi orgoglioso di quel bambino, oggi uomo, che per nulla intimorito dalla fatica, volle completare a piedi tutto il percorso di andata e ritorno. Ma soprattutto ricordo la tenerezza che mi fece quando, giunti in paese, timidamente  mi chiese, “papà, posso avere un gelato?”.

Di quel bambino, oggi uomo, che era salito e sceso a piedi al Pratomagno parlò a lungo tutto il paese. Chiunque lo incrociava si fermava a salutarlo come un eroe. E quando succedeva, rientrando a casa non faceva che chiedere “perché la gente mi guarda come chissà cosa abbia fatto?”.

Difficile spiegargli che non tutti i bambini della sua età avrebbero sopportato in quel modo la fatica!

----------------

È a causa del ginocchio di quel bambino, oggi uomo, infettato da un artrite settica, contratta presumibilmente in sala operatoria, che la scorsa estate non siamo potuti salire a Raggiolo.

Pensando a quel bambino -  che attualmente insieme al fratello sta cercando di costruirsi un futuro dignitoso, mostrando di non temere la fatica così come non la temette quel giorno quando scalammo la montagna - ho faticato non poco a contenere l’emozione.

Raggiolo per me è uno scrigno di ricordi e emozioni piacevoli. Le pietre più preziose, i momenti legati all’infanzia dei miei figli.

 
 
 

ALFANO- RENZI, S'ERANO TANTO AMATI E ORA INVECE...

Post n°1816 pubblicato il 02 Giugno 2017 da kayfakayfa

I politici italiani non smettono mai di stupirci. Purtroppo, quasi sempre negativamente. Eppure, nonostante ciò, o forse proprio in virtù di ciò, non smettiamo mai di sperare che venga un giorno in cui anch’essi, come San Paolo, siano folgorati sulla strada di Damasco e, colti da un improvviso moto d’orgoglio, antepongano per davvero gli interessi del paese e dei cittadini a quelli subdoli e personali. Smentendo in un attimo quanto di peggio pensiamo di loro.

L’ennesima conferma che a pensare male della politica quasi mai si sbaglia giunge dalle fibrillazioni tra il Ministro degli Esteri Angelino Alfano, leader di AP, partito di maggioranza, accredito di poco più del 3% se si andasse alle urne, e il segretario del Pd Matteo Renzi. Oggetto dello scontro la soglia di sbarramento del 5% prevista nella nuova legge elettorale che Renzi sta disegnando con Berlusconi e il M5S, per cui partiti che non riuscissero a raggiungere o superare il 5% delle preferenze resterebbero fuori dal Parlamento.

L’innalzamento dal 3% al 5% è ufficialmente motivato da Renzi e Berlusconi - quest’ultimo addirittura possibilista a innalzarla all’8% - per evitare che chiunque vinca le elezioni sia poi succube dei piccoli partiti. Tuttavia in tanti, nemmeno troppo ipoteticamente, sostengono che l’innalzamento della soglia sia un’esplicita richiesta di Berlusconi per “vendicarsi” di Alfano il quale all’epoca in cui Berlusconi sciolse il PDL ridando vita a Forza Italia non aderì, pur non rinnegando i vent’anni di politica al fianco dell’ex cavaliere del quale si disse sempre amico.

Ora che è chiaro a tutti che il governo Gentiloni difficilmente arriverà alla scadenza naturale del 2018 e che Il partito di Alfano e ALA di Verdini, il quale a sua volta abbandonò Berlusconi per garantire il sostegno esterno al governo Renzi all’epoca delle riforme poi bocciate dal referendum del 4 dicembre scorso, se non si alleeranno con gli altri centristi, dando vita a una nuova formazione politica che molti accreditano di un buon 10% di preferenze, rischiano di restare fori dal Parlamento, ecco che, nemmeno tanto velatamente, tra Renzi e Alfano sono iniziate battute al vetriolo: Renzi ha definito Alfano “Ministro di tutto senza prendere nemmeno il 5%”; Alfano replica, dichiarando che la soglia del 5% non lo spaventa, ma chiede a Renzi cosa vuol fare con il governo Gentiloni. Questa domanda del leader centrista va a sovrapporsi alla dichiarazione del suo parlamentare Sergio Pizzolante il quale in televisione non si è fatto scrupoli di affermare che Renzi da febbraio avrebbe fatto pressioni sul partito di Alfano perché facesse cadere il governo Gentiloni, offrendogli in cambio la possibilità di decidere sulla legge elettorale.

Dichiarazioni pesanti che in qualunque altro paese democratico avrebbero scatenato un putiferio mediatico. E invece da noi, fatta qualche eccezione, la cosa sembra passare quasi in sordina sia sulla stampa che in televisione, come se non avesse alcun valore.

Mentre è in gioco il futuro del Paese e degli italiani.

Ma, si sa, nessuno è talmente stolto da volersi contrapporre al manovratore rischiando poi di fare la fine di Campo Dell’Orto, dimessosi dalla direzione generale della RAI perché non più sostenuto dagli stessi consiglieri: reo secondo molti di non aver supportato a doveresui vari canali le ragioni del Sì durante la campagna referendaria per le riforme costituzionali che tanto costò a Renzi e dunque per questo motivo inviso al Segretario del PD!

Nell’attesa di sapere chi subentrerà dal 6 giugno, data delle dimissioni di Campo Dell’Orto, alla direzione della RAI, non è difficile immaginare a quale bombardamento mediatico verremmo sottoposti dall’emittente pubblica durante l’estate, soprattutto se davvero si dovesse votare in autunno, a sostegno di Renzi e delle sue politiche per il rilancio del Paese.

Sperando che non siano come quelle che hanno rilanciato Alitalia, oggi svenduta al migliore offerente.

I presupposti che ciò avvenga, purtroppo, ci sono tutti: Bruxelles è dietro l’angolo che ci spia

 
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

- Abbandonare Tara
- pensieri nel vento
- Il diario di Nancy
- sciolta e naturale
- Per non dimenticare
- il posto di miluria
- Arte...e dintorni
- dagherrotipi
- C'era una volta...
- passaggi silenziosi
- le ali nella testa
- Grapewine
- FAVOLE E INCUBI
- critica distruttiva
- GallociCova
- estinzione
- Starbucks coffee
- L'angolo di Jane
- In Esistente
- Comunicare
- Writer
- Chiedo asilo.....
- antonia nella notte
- Quaderno a righe
- come le nuvole
- Contro corrente
- Scherzo o Follia?
- La dama della notte
- MARCO PICCOLO
- Fotoraccontare
- epochè...
- considerazioni
- ESSERE E APPARIRE
- Oniricamente
- prova ad afferrarmi
- Nessuno....come te
- confusione
- io...Anima Fragile.
- evalunaebasta
- La MiA gIoStRa
- ...spiragli
- CORREVA L' ANNO...
- LE PAROLE
- SPETTA CHE ARRIVO
- (RiGiTaN's)
- esco fuori
- ....bisogni
- La Mia Arte
- pEaCe!!!
- Ginevra...
- Like A Wave
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Amare...
- Sale del mondo....
- Praticamente Io
- Imperfezioni
- Mise en abyme
- Due Destini
- manidicartone
- acqua
- BRILLARE!!!!!
- Osservazioni
- XXI secolo?
- justificando.it gag comiche
- Di palo in frasca...
- montagneverdi...
- Verit&agrave;... Piero Calzona
- osservatorio politic
- Geopolitica-ndo
- Lanticonformista
- Riforme e Progresso
- LAVOROeSALUTEnews
- Ikaros
- ETICA &amp; MEDIA
- Canto lamore...
- Pino
- MY OWN TIME
- Tatuaggi dellanima
- cos&igrave;..semplicemente
- Acc&ograve;modati
- Il Doppio
- arthemisia_g
- senza.peli
- marquez
- Cittadino del mondo
- Quanta curiosit&agrave;...
- entronellantro
- iL MonDo @ MoDo Mio
- LOST PARADISE Venere
- Frammenti di...
- La vita come viene
- Mondo Alla Rovescia
- Pietro Sergi
- StellaDanzante
- Polimnia
- e un giorno
- Parole A Caso
- tuttiscrittori
- Dissacrante
- Artisti per passione
 
Citazioni nei Blog Amici: 61
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lunet1leotrader2kayfakayfacinziaschiavinato.66c.mazzella_1935jhonathan08les_mots_de_sablevolpinaOKloveboatcaptain1Atena.88vizzafrancescoenzogiarritellosongekkaderipan
 

ULTIMI COMMENTI

Caro Vincenzo, la questione è davvero complessa. Di certo,...
Inviato da: kayfakayfa
il 29/05/2017 alle 10:21
 
Il Papa ha ragione da vendere specie sulla questione...
Inviato da: Vince198
il 29/05/2017 alle 08:44
 
Più che dare le spiegazioni richieste dovrebbe spiegare...
Inviato da: Bushman
il 25/05/2017 alle 16:44
 
...
Inviato da: kayfakayfa
il 17/05/2017 alle 15:29
 
É possibilissimo. Però, più che una guerra (fra i...
Inviato da: Vince198
il 17/05/2017 alle 10:43
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom