Torno a riprendermi dopo

Si dice che uno dei vantaggi dell’essere single sia che il proprio umore non può essere influenzato da quello del partner… Bella scoperta!!!

Bene. Allora, poiché è da quando mi sono alzata che mi influenzo negativamente e mi sto sulle scatole, oggi mi dissocio dal mio io più profondo e torno a riprendermi dopo.

Stasera (forse) vi racconto come è andata…

Pillole di riflessione… Perdermi

Perdermi

è diventata l’esperienza più facile da fare oggigiorno…

Ci siamo persi, tu ed io, quella volta in cui hai voluto seguire le indicazioni del tuo navigatore, piuttosto che quelle della mia cartina. Siamo finiti, così, in un vicolo chiuso. Noi stavamo cercando, però, la strada che ci portasse a destinazione.

Ora mi sto perdendo in quel ricordo tutto nostro, che ne richiama altri mille. In realtà sto ritrovando te tra i miei pensieri.

Perdo tempo dietro una connessione internet troppo lenta, che mi permette di navigare ovunque, tranne che nella concretezza di questo mio presente. Intanto trovo una pagina bianca, che stenta a caricarsi, dove ho già impresso le mie ricerche.

Perdo peso facendo lunghe passeggiate e camminando mi perdo tra la bellezza della natura e in quel paesaggio sconfinato che si apre alla mia vista. Però, ogni volta, sento di ritrovare non solo un po’ più la forma fisica, ma anche me stessa.

Lasciarti perdere è stata l’impresa più difficile fatta di recente; necessaria, ma sofferta. L’ho fatto perché voglio trovare qualcosa di migliore, che penso di meritare, in questa vita.

…così, ogni giorno,

perdendomi un po’ nei meandri di questa vita,

tento solo di trovare quello che più mi sta a cuore.

…quel bicchiere di vino di troppo…

Ieri sera ho bevuto quel bicchiere di vino di troppo. Era rosso, amabile e fresco.

L’ho mandato giù avidamente, a stomaco vuoto.

Poco dopo l’ho sentito sciogliere quel groviglio che avevo dentro.

Un breve momento di stordimento.

Poi, passato l’effetto, ho avvertito la vita, lucida e prepotente, scorrermi nelle vene.

Perché è vita che cerco ed è vita che trovo, se senza indugio non guardo indietro…

Pillole di riflessione… Hot passion

Non penso che l’esistenza di una persona debba scorrere necessariamente lungo un tracciato ben definito.

Anzi, spesso è quando ci si perde, quando si abbandona l’ordine prestabilito di uno schema, quando si esce dalla strada maestra, che si fanno scoperte sensazionali, anche su di sé.

…non possiamo davvero sapere di cosa abbiamo bisogno e cosa ci piace veramente se non ci lasciamo un po’ andare almeno una volta nella vita…

Così, se ora raccontassi di…

…una bocca, vogliosa, che con le labbra morbide si appoggia ad un’altra bocca, in attesa… la sfiora e la sfiora ancora… poi, piano piano, si sposta lentamente… giù verso il collo… e poi alla scoperta della pelle nuda, priva di segnali di direzione… solo campo da esplorare…  soffermandosi dove il panorama è più bello… dove il profumo è più intenso… nessun tracciato da seguire… nessuno schema da osservare… solo la passione di andare oltre quello che è stabilito, che è sicuro, che è consuetudine, che è abitudine… perdersi in percorsi prima inimmaginabili… e alla fine del viaggio, comprendere quante sensazioni sono state trascurate ed ignorate solo per la pigrizia di rimanere sui soliti binari o per la paura di abbandonarli…

…ciascuno interpreterebbe queste parole secondo quella che è la propria esperienza di vita, ma forse solo sulla pelle di chi ha saputo lasciarsi andare correrebbe un brivido inatteso… hot passion

Dolore e Forza

L’amore è l’invenzione che ha dato all’uomo dolore e forza; della forza ricorderò il giorno che mi ha fatto incontrare te, invece del dolore mi resterà, questo non “per sempre”.

Posso vivere solo, posso vivere bene, ci sarà nuova vita, ci saranno le estati, torneranno i colori, quelli che fai fatica a vedere d’inverno; benedetti colori che l’amore scompone.

Dolore e Forza – Biagio Antonacci