Creato da: manu_80.m il 22/02/2007
Come perdere la concentrazione possa causare conseguenze irreparabili

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

mariomancino.mgokulivello3diletta.castellistrong_passionAnanke300cates79danielegreco.70cara.callaIngridGSXRkalenifiumechevag.baiguerameglio_ileniamanu_80.m
 

FELICITA' E'...

scoprire che in realtà un tipo freddo come il tuo frigorifero sia capace di regalarti emozioni caldissime. Mmmmh!!!

 

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 81
 

Io sono per...

 

Ultimi commenti

Parole sante


"Una donna che non sa essere brutta non è bella." Karl Kraus
 
 

The WeatherPixie

 

Un modo come un altro per farsi i fatti altrui

immagine

immagine

 


"Essere donna è terribilmente difficile, perchè consiste soprattutto nell'avere a che fare con gli uomini." Joseph Conrad

 

I miei Blog Amici

- Blog Magazine
- GallineDaCorsa
- Sex&theCity
- Bigbabol
- Vasca Rossa cover band
- Lui & Lei
- Foto Viva
- Cara ti amo
- Ivan
- On air
- Cerchio dei pensieri
- Satine Rouge
- Parole messe lì...
- Che favoloso mondo
- 40anni spesi male!
- Formidabili i 70
- La Toga Strappata
- Il Monolocale
- LaCapoccia
- MenteLocale II
- Addicted To Caos
- Un blog in rosa
- L'angolo del thè
- MondoManu
- 1 italiano a Budapest
- Blog Penna Calamaio
- Golb
- Comunicare
- Percezioni di me
- Studiareabologna
- Claudia's world
- Job and the city
- Mondo cinema
- Vita di un cartolaio
- Sgosh!
- Marmotta on da stage
- Grillo parlante
- Il mondo di chia
- Over the rainbow
- Re del consumismo
- La Pubelle
- ! Call Sazu !
- Chissà se va?
- Colazione da Scarlet
- Turbine Interno
- Sesso nella coppia
- Napoli romantica...
- Starbucks coffee
- Irony is life
- Bridget Jones diary
- Tracce di rossetto.
- Il Frullatore
- PiCcOlIsSiMa...MeNtE
- Fuori il rospo!
- Me&myself
- The Beatles
- Arabe Felici BeGinS
- Rinnegata
- Voodoo_DoLLy
- Clean moleskine
- Angel of mine
- Bonbon
- Il ritorno
- Scleri gaffe e corna
- Glup!
- Castello misterioso
- Single per scelta?
- Cicotita
- Il mondo di Virginia
- A different view
- Condominio Libero
- Stelle cadenti
- Sogni in vendita
- Pensieri a pois
- [ §tHe ]
- My posh life
- Esselandia
- Piccola peste
- Tequila&Sale
- Tranquilla passione
- Nuvole e lenzuola
- Il blog della Kate
- mAD 4 yOU
- TheDaysLoveOf Pucca
- Giù dalle nuvole
- TrecciolinaGirl
- Glamour details
- Il diario di Nancy
- Vita nuova
- PinkRapSody***
- ArancioVitamina
- Nueva vida loca
- Fioredilotho
- Colazione da Tiffany
- Piersilvio
- In my shoes
- Ally McBeal
 

 

 

INSAZIABILE

Post n°127 pubblicato il 29 Dicembre 2007 da manu_80.m
 

E io che per 10 minuti mi sono sentita una vera volpe, roba da far rabbrividire quei grandi ingegneri del crimine dei CSI Miami, Las Vegas e New York riuniti tutti insieme gioiosamente per un bel pic-nic a base di provette e microscopi. Mi sono detta: ma guarda un po’ che figa che sono, prendendomi solo, e dico solo, 2 giorni e mezzo di ferie, riesco a starmene a casa dal lavoro per ben 11 giorni e dico ben 11 giorni. Mi sono detta. Considerata la mia perdurante astinenza da ferie ormai da veramente trooooopppo tempo (se non ci credete e pensate che esageri chiedete al mio culo, alle mie arterie, alle mie varici, alle mie articolazioni e ai miei neurini ini ini), stanca di dover accantonare, per colpa di uno sconosciuto senso morale di incerta provenienza, la brillante idea di concedermi una mezza giornata di finta malattia a colpi di teatrali ed artefatti svenimenti a comando, prendermi ferie mi parve cosa saggia e buona.
Dopo avere passato le due settimane precedenti alla vacanza a vantarmi alacremente con tutti i colleghi che mi capitavano a tiro "scusa Manu, hai poi dato un occhio a quella pratica di cui discutevamo ieri?"; "ah sì, dice che con 2 giorni e mezzo netti di ferie mi posso permettere ben 11 giorni di meritato riposo. Sono astuta vero?".
Dopo essermi sentita quasi quasi autorizzata a reclamare una promozione al mio capo solo per essere stata in grado di trasformare come niente il 2 e ½ in 11 (facoltà nettamente superiore alla moltiplicazione dei pani e dei pesci, roba che scotta, un'opera simile neanche al miglior laureato in economia cattolico osservante riuscirebbe così bene.)
Dopo essermi sfregata le sante manine all'idea di poter svaccare le mie stanche carni in ogni dove e di non dover pensare a nient'altro che a mangiare, guardare le repliche di Beverly Hills 90210 e lamentarmi di mangiare e guardare alla tv troppe stronzate malsane…
ora, giunta ahimè a più della metà del mio percorso festivo mi volto indietro e vedo una landa desolata di tante piccole percentuali dei miei preziosi attimi liberi, sprecati a fare tutt’altro.
27% delle mie ferie: passate a letto con una bastarda influenza stagionale, se il prossimo dottore della mutua intervistato al tiggì mi dice, con la sua aria saccente e da orologio a cucù imbalsamato, che per ora trattasi solo di sintomi parainfluenzali, giuro che faccio un esposto in procura per sminuimento dell'altrui patimento.
28% delle mie ferie: passate a cambiare i pannolini infarciti della mia pestifera quanto amatissima nipotina di 2 anni e mezzo, evidentemente ancora non avvezza a utilizzare metodi più consoni di liberazione intestinale. Non so da dove le nasca questa fissazione, ma la nana pestifera ha deciso di eleggermi a sua pulisci-chiappe ufficiale, e badate bene sono stata assunta solo per lo sgombero dei rifiuti solidi... per quelli leggeri va bene chiunque, anche il primo venditore ambulante di passaggio. Chissà perchè invece al primo cenno di evacuazione rifiuti pesanti (d'altra parte anche i pupetti hanno ceduto ai bagordi natalizi) l’erede fratilineare si fionda dalla sottoscritta urlando a squarciagola: "sia mannu, sia mannu... tutto sia mannu, cacca, cacca, cacca, fa tutto sia mannu". Roba da far venire i peggio complessi. Anche a una persona emotivamente equilibrata come me, ah ah!
12% delle mie ferie: passate cercando vanamente di capire come montare i dannati giocattoli comprati con tanto amore e infinita devozione dalla me medesima alla suddetta caccainomane, maledicendomi nel frattempo per non aver ripiegato sui soliti capi di vestiario da brava bimbetta, tutta pizzi, lazzi e frùfrù.

Ma poi osservando con attenzione il pezzo forte dei doni da me acquistati per la bimbetta un dubbio mi assale, che c’avesse ragione ’a creatura a mandarmi in cacca le festività?

Ps: Il robot Martina vi augura un felicissimo anno nuovo!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il Sogno di ogni uomo!

Post n°126 pubblicato il 17 Dicembre 2007 da manu_80.m

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 125

Post n°125 pubblicato il 06 Dicembre 2007 da manu_80.m
 

VITE VISSUTE TROPPO INTENSAMENTE

Bollettino pseudomedico del 6 dicembre. Parametri vitali.
Età della paziente: 27 anni, portati meravigliosamente.
Peso: poco più di una piumetta d’oca.
Altezza: quanto l’Herzigova + i tacchi a spillo - il 60%.
Battiti cardiaci al minuto: 90, con picchi di 130 in concomitanza al manifestarsi di qualsivoglia squillo di natura telefonica.
Respirazione: sostenuta e affannata, quasi animalesca dalle 8 alle 17, lenta e cadenzata, quasi assente nei restanti orari.
Riflessi motori: inesistenti.
Pressione arteriosa: a fuoco e fiamme.
Muscolatura: inflaccidita e decisamente incongrua con l’età anagrafica.
Postura: si consiglia innesto spinale di bastone drizzapiante.

Stremata stremata ma la strega è tornata. Beccatevi sta rima e fatevi bastare questo tocco di poesia per i tempi di magra. Un saggio detto diceva: si lavora e si fatica, per il pane e per la f..a. Io quindi alla fin fine, per ovvie ragioni, lavoro per poco più di un tozzo di pane. Che tra l’altro non riesco neanche a mangiare visto che al primo cenno di masticazione svengo addormentata. Come potete notare dal preoccupante e confuso incipit del mio post, anche se un mese è passato continua a imperare sovrano e incontrastato il solito sintomo di degrado psicosomatico che caratterizza la mia personalità ormai gravemente deteriorata e border line. E so già che l’incedere inesorabile delle prossime festività non potrà che contribuire a tale degenerazione.
Un mese. Quante cose succedono. Vero.
Mi si è smagliata una calza. Ho deciso che la tortina Loacker è troppo dolce. E che i nani mi stanno sul cazzo. Mia mamma si è messa a dieta e per compensare la sua fame mi ingozza di cibo ipercalorico. Ho finalmente finito di acquistare i mobili per la mia nuova casa. E’ finito Lost e soffro già di pesantissimi sintomi di astinenza. Ho due nuovi amici del cuore, si chiamano Lillo e Fiammetto, sono gli stivali più adorabili che abbia mai conosciuto, siamo diventati inseparabili, unica pecca nel nostro rapporto: non stanno bene indossati col pigiama. Un cliente al lavoro mi ha detto che sono bellissima e mi ha invitata a cena, aveva 80 anni e gli occhiali a fondo di bottiglia, ma vuoi mettere la dolcezza. Ho visto Ratatouille e da allora desidero un ratto per amico,oltre a quelli che ho già. Ho scoperto di avere i baffetti, ma non me la sono presa, col freddo che fa. Ho perso una lente a contatto nei meandri del mio bulbo oculare, l’ho ritrovata a pezzetti 2 ore dopo, giusto prima di chiamare il 118. Mi sono tagliata le unghie dei piedi 3 volte. Ho comprato Brain Training per il Nintendo DS, dopo aver visto la pubblicità con la Kidman tutta gaia per la sua invidiabile età mentale di 24 anni (proprio quello le invidio), lo credevo un giochino molto glamour, mi sono ricreduta quando ha sentenziato la mia di età mentale: 73 anni, senza appello. Cazzo.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mitica Marmotta intervista Manu

Post n°124 pubblicato il 06 Novembre 2007 da manu_80.m
 

6 novembre 2007. Dal nostro inviato: L'incontro tra le due è avvenuto in gran segreto alle prime luci dell'alba in una grotta nei pressi del massiccio del Gran Sasso. Giunte sul luogo del ritrovo concordato per mezzo di due jet messi a disposizione dall'aeronautica militare intergalattica, pilotati da due sosia sputati di Colin Farrell,  le due donne si sono strette la mano e scambiate le impressioni sulle reciproche pettinature, schernendosi l'un l'altra per i troppi complimenti di rito ricevuti. Per ragioni di sicurezza pubblica e personale, le due famigerate donne sono state obbligate ad indossare un kimono di seta impreziosito da delicati ricami giapponesi e un paio di sandali-gioiello tacco 10, tutto disegnato in esclusiva per l'occasione dalla stilista Donna Karan, che, interpellata al riguardo, si è detta entusiasta e grata di aver potuto dare il suo umile contributo alla riuscita di tale evento.  L'unica foto pervenutaci ritrae le due grandi esponenti del genere femminile abbarbicate, per comprensibili ragioni di sicurezza,  ognuna sulla propria guardia del corpo personale, le quali, ricordiamo, sono state accuratamente selezionate per i loro spiccati tratti testosteronici e mediterranei.
Ecco il frutto di questa giornata epocale:

Marmotta: Allora cara, cominciamo con una domandina facile facile: qual è il tuo obiettivo primario in questo preciso istante?

Manu: Finire di sistemare e arredare la mia futura casa riuscendo a fare in modo che la guerra intestina tra i due futuri conviventi sulla scelta degli arredi non renda il tutto vano causa reciproca eliminazione fisica.
Marmotta: Dove diavolo li trovi i soldi per comprarti le Manolo Blahnik ? Lavori mica come trafficante d'organi?
Manu: Mi duole ammetterlo, ma io non ho Manolo Blahnik… ma adesso che mi hai suggerito come fare per ottenerle... lascia che stanotte la mia dolce metà si addormenti pensando di essere al sicuro…
Marmotta: Come è andata poi a finire la storia delle sigarette? Stai ancora cercando di smettere di fumare?
Manu: Scusa, non ho capito bene la domanda… Puoi ripetere?
Marmotta: Parliamo un po' della tua infanzia: quand'è che hai scoperto/capito che Babbo Natale non esiste?
Manu:
Mi fa ancora molto male parlarne, ma stringerò i denti e per te mi sforzerò di tradurre in parole questo mio trauma infantile. Anno 1987, avevo sette anni, mio padre, uomo di grande concretezza e di poca delicatezza, mi portò al supermercato e mi scaricò nel reparto giocattoli dicendomi: “vado a prendere i pomodori, tu intanto scegliti il regalo per Natale, che poi lo impacchettiamo a casa insieme e lo mettiamo a covare sotto l’albero”… io, per vendetta, scelsi la megavillona di Barbie… stesso prezzo di mercato di una villa per umani.
Marmotta: Secondo te grazie a quale becero trucchetto il tuo ammore giungerà a farti la proposta di matrimonio?
Manu: La tortura cinese può essere considerata un becero trucchetto?
Marmotta: Come intitolerai il tuo primo CD di musiche new age?
Manu:
Canta che ti passa. Sono un genio del marketing.
Marmotta: Quale parte di te saresti disposta a vendere su E-bay?
Manu: Una piccola parte di me… una tetta direi. Ho sempre pensato che le metonimie rendessero alla grande.
Marmotta:  A quante delle persone "reali" che conosci consenti di leggere il tuo blog?
Manu: Troppe e sinceramente la cosa inizia a infastidirmi. Soprattutto trovo insopportabile non poter più parlare di quello che mi succede senza sentirmi rispondere: “ah sì, lo so, lo so, l’ho letto sul tuo blog” e allora vaff… che gioia incontrarsi e parlare eh? Facevi prima a lasciarmi un commento al post!
Marmotta:  Hai mai avuto fantasie erotiche su qualcuno dei tuoi lettori?
Manu: Beh, visto che me lo chiedi, tu versione stagista mi fai un certo effetto. Ah sì!
Marmotta: Quando chiuderai il blog?
Manu: Quando tutti i miei sogni si avvereranno e non avrò più nulla di cui lagnarmi. Quindi, credo mai! Ammorbare la gente mi gusta parecchio.
Marmotta:  Cosa c'è nella tua borsetta in questo momento?
Manu: Il contenuto di altrettante 5 “borsette“.
Marmotta: Solitamente quanto tempo passi a depilarti?
Manu: Ci mette meno tempo mia madre a fare le melanzane ripiene. Mettiamola così.
Marmotta: Cosa vuoi che scrivino sulla tua lapide?
Manu: Anche niente, l’importante è che almeno in quell’occasione possa vantare una foto che non urli “questa donna è l’antifotogenia fatta persona!“ Se così sarà vuol dire che non avrò vissuto invano.
Marmotta: Quali sono i cibi che hanno su di te un effetto afrodisiaco?
Manu: Nessuno, ma dammi una bottiglia di Bonarda e non te ne pentirai.
Marmotta:  Hai mai disegnato cose sconce sulle schede elettorali invece di votare?
Manu: Già fare una crocetta implica per me uno sforzo artistico non indifferente… linguetta fuori compresa. Quindi fa’ un po’ te!
Marmotta: Quando frequentavi le superiori, c'è mai stato un professore al quale hai palpato il sedere?
Manu: Non so perché ma a me il culo dei maschi ha sempre fatto un po’ impressione… figuriamoci quello di un maschio prof… brrrrrr!
Marmotta: Quand'è stata l'ultima volta che sei stata in una palestra? E soprattutto che ci eri entrata a fare?
Manu: Penso di aver messo piede in un palestra per la prima e l’ultima volta circa tre anni fa. Ma l’acido lattico versato inutilmente per la causa deve essermi salito al cervello annacquando indelebilmente qualsiasi ricordo che abbia a che fare con questa infelice parentesi della mia breve vita.
Marmotta:  Dammi un buon consiglio: come faccio ad avvelenare una stagista rivale senza che i RIS di Parma mi incastrino?
Manu: Vai tranquilla, avvelenala pure in tutta serenità, prima che i RIS ti scoprano fai in tempo ad andare in menopausa, avvizzirti, ingobbirti e tornare cenere. Hai la mia benedizione.
Marmotta:  Elenca a quali concorsi hai vinto in tutta la tua vita.
Manu: Solo uno ed è la cosa di cui vado più fiera. Test d’ingresso alla facoltà di Scienze della Comunicazione: sono arrivata sesta su centinaia di candidati. Ogni volta che ci ripenso mi gaso ancora tutta. E faccio pure le bollicine.
Marmotta: Per concludere, manda un messaggio ai tuoi lettori!
Manu: Mi mancate tanto! Spero di tornare ad ammorbarvi il più presto possibile. Anche voi immagino né?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

STRAORDINERIO

Post n°123 pubblicato il 01 Novembre 2007 da manu_80.m
 


Mi stanno obbligando a fare gli straordinari
.
Ecco perchè latito da un pò.
Salvatemi.
Appendete la mia foto su tutti i pali delle vostre città (più in alto che potete, grazie, gradirei non essere pisciata dai cani altrui) e inneggiate tutti in coro alla mia liberazione!!! Riceverete in cambio l'affetto incondizionato di una povera impiegatuccia schiava ormai sempre di più di nicotina e caffeina!  Nessun mistero, nessun abbandono di amici blogger... solo degli stupidi, massacranti, inutili, ma strapagati e caldamente richiesti straordinari.
E straordinari sono anche la mia spossante stanchezza, il mio sonno perpetuo, la mia avversione a scrivanie e pc quando solco la porta di casa, la reazione di puro terrore della mia dolce metà in risposta alla mia affermazione di non ricordarmi nemmeno più quando ho avuto l'ultimo ciclo (e che sarà mai! che pignolame!), l'incapacità di stare calma quando mi ritrovo sepolta da una miriade di cose da fare, che sembrano avere tutte la medesima urgenza e priorità! Comunque, è un periodo, passerà, però in questi giorni vi ho lasciato in compagnia della piacevole immagine di un cadavere di pollo spennato, quindi non avete proprio nulla di cui lamentarvi.
Cari amici appena potrò, quando mi toglieranno le catene e mi consentiranno di poter tornare a piede libero, potendo così finalmente usufruire della mia dotazione di arti inferiori, io tornerò da voi, e vivremo tutti felici e contenti...
e, come dichiarò la dolce Pina Fantozzi al marito, ricordatevi amici cari che io  "vi stimo moltisssssimo".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso