Creato da bubriska il 03/07/2014

Bubriska

@30giugno2014

 

 

« Una bugiaUna casa altrove »

Aspettative

Post n°38 pubblicato il 07 Marzo 2024 da bubriska

                                                                                       - Dipinto di Angela Simula


Era stata programmata ormai da molto
 
la nostra gita a Venezia, 
un sabato di marzo dovevamo essere lì alle 10 la mattina
in occasione  dell'open day all'università.

Avevamo deciso di andare in macchina fino a Mestre.

Nostra figlia ce lo aveva chiesto per tempo di  poterla accompagnare.
Le avevamo promesso che avremmo  fatto il possibile 
per fare in modo di essere tutti e tre insieme quel sabato.

Saremmo dovuti andare a visitare anche il museo Peggy Guggenheim,
 ci teneva a passare una giornata insieme a noi.

Ti è arrivata poi una telefonata inaspettata, era morto il padre di un tuo amico
ex collega di lavoro.

Quel giorno ci hai guardate e ci hai detto:
" Come faccio a non andarci?
Il funerale sarà proprio sabato mattina, mi dispiacerebbe mancare. "

Il mio dialogo interiore un pò risentito aveva commentato :
" Ma si dai,  
c'è sempre il treno per arrivare in tempo a Venezia,
quello poco prima dell'alba,
quello delle 4.48 "


In fondo dopo vent'anni che senso avrebbe crearsi ancora delle aspettative?!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ManiPollata/trackback.php?msg=16750690

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Umberto il 08/03/24 alle 17:12 via WEB
La definizione di aspettativa dice che “L’aspettativa nasce dalla combinazione di molti fattori: esperienze passate, situazione attuale e desideri personali”. Quindi secondo questa definizione, le tue esperienze passate, la tua situazione attuale e i tuoi desideri personali, suggerivano di programmare questo viaggio a Venezia. E bene hai fatto a programmare questo viaggio, perché in fondo, avere aspettative vuol dire prima di tutto credere nel futuro e tu, che sei anche mamma, è giusto che abbia sempre fiducia nel futuro. Può capitare a volte che un evento inaspettato, che sfugge dalla nostra sfera di controllo, possa cercare di fare naufragare un programma, a cui tempo e attenzioni erano state dedicate. E qui emerge il fascino dell’intelligenza. Brava e buon viaggio all’alba. Tua figlia sarà fiera di avere una mamma in gamba.
 
 
bubriska
bubriska il 08/03/24 alle 22:24 via WEB
Penso non si possano riassumere esperienze passate, situazione attuale e desideri personali in vent’anni di vita trascorsa. Fossero solo il tempo dedicato e l’attenzione a naufragare. In realtà sono i sentimenti ad andare a fondo. Cercherò un approdo a Venezia :) Grazie per il commento, con le tue parole Umberto hai scaldato un po’ il mio animo.
 
surfinia60
surfinia60 il 13/03/24 alle 19:30 via WEB
Non so se ho afferrato del tutto il senso del tuo post. Posso dirti che mi capita di temere le aspettative. Nel senso che temo di restare delusa. Ma in genere succede quando ho a che fare con persone di cui ho poca fiducia o scarsa conoscenza. Raramente con i cari. p.s. Magica Venezia! L'ho visitata qualche anno fa, ma mi spaventa un po' l'affollamento che per forza di cose si devi affrontare per visitarla. Indimenticabile vista dal battello. Un saluto
 
 
bubriska
bubriska il 13/03/24 alle 22:44 via WEB
Il senso del post forse ho fatto fatica anch’io ad afferrarlo. :) Ero triste per l’aspettativa delusa. Al contrario tuo, continuo a credere alle promesse che mi vengono fatte dai familiari e puntualmente resto delusa. Venezia è Magica, si ! Fortunatamente quel giorno la folla era contenuta, abbiamo preso il vaporetto per raggiungere l’università e finito l’evento abbiamo raggiunto piazza San Marco a piedi. Città colma di mistero e fascino senza tempo. Alla fine lei ed io abbiamo passato una bella giornata e molto divertente.
 
Maiepoimaiz
Maiepoimaiz il 13/04/24 alle 16:08 via WEB
E quello è un uomo!? Personalmente le esequie di un conoscente... non sono così importanti, da declinare un impegno con la"famiglia"! Almeno secondo me!! Io diserto i funerali... anche dei parenti stretti!!
 
 
bubriska
bubriska il 14/04/24 alle 10:12 via WEB
Esiste per caso uno stereotipo per essere uomo ?! Abbiamo nelle nostre vite emozioni e sentimenti degni di ogni rispetto. Una valutazione ed un ascolto del sentire altrui è in alcuni casi totalmente soggettivo e non oggettivo. Per rispondere alla domenda, si quello è un uomo, se poi siamo qui per fare dei paragoni, è sicuramente migliore di tanti altri uomini :) Grazie per il confronto.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

cassetta2rolex27bubriskamaresogno67surfinia60monellaccio19Flaneur69je_est_un_autreormaliberaalf.cosmoshesse_fArianna1921bisou_fatalClide71
 

 

  Dalla mia finestra... 
  
riesco a vedere l'infinito 

 


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 


Il viaggio...

Gli imprevisti non solo fanno parte del viaggio,
sono il viaggio stesso

 

 

Musica per l'Anima
Qui
 

 

 

" Essere capaci di lasciarsi andare e superare i propri limiti mentali porta a risultati fantastici."

 


 

     

aglio

Una Treccia
dalla forte simbologia talismanica

 


Connettersi

al proprio bambino interiore 

Qui 

 


 

 

AREA PERSONALE

 

 

L'Occhio di drago
 è considerato un'amuleto
che aiuta a respingere
le energie negative
e a potenziare
le energie positive


 

CONDIVISIONE PENSIERI

 

 

 

 

 

Armel

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963