Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaradr.emmeallen5031bisou_fatalg1b9Arianna1921Riamy55maremontycassetta2norise1mariasen1dronedjibaldolondrafrescaselvaamorino11
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 15/03/2024

Un voto per il cambiamento.

Post n°3068 pubblicato il 15 Marzo 2024 da fedechiara
 

Un voto per il cambiamento. A giugno l'apertura delle urne elettorali.

E' sempre una questione di maledette 'narrative'. Quelle pietose le conosciamo bene, ci vengono propinate ogni giorno che Dio manda in terra sui giornaloni e telegiornaloni embedded alle sinistre italiane ed europee che s-governano il parlamento di Strasburgo.
'Poveri migranti.', ci dicono, 'Fuggono da fame guerra siccità.' - e da tutto il resto delle umane disgrazie, incluso il clima.
Ma chi fugge non sono i più poveri e i diseredati bensì le famiglie che riescono a racimolare i 3/5000 euro richiesti dai maledetti mercanti di vite umane per organizzare il loro naufragio - una cifra enorme, se rapportata alle economie dei paesi di provenienza, e che potrebbe essere finalizzata ad una attività lucrativa e di discreta sopravvivenza economica nel paese africano, ma no, meglio la 'lotteria del mare' – che, se non muori annegato, vinci un soggiorno a tempo indeterminato nei centri di raccolta e smistamento italiani e/o trovi alloggio come clandestino nelle orrende enclaves islamiche delle metropoli europee dove i sociologi segnalano il permanente 'disagio sociale' diffuso e le conseguenti 'rivolte delle banlieues'.
E la narrativa in questione dei pietosissimi giornalisti embedded al verbo sinistro non si fa scrupolo di additare le colpe di noi cinici occidentali poco pietosi. Ed ecco i titoli in cronaca del naufragio di oggi: 'Noi abbandonati.' (Il Corriere della sera). 'Uccisi dalla fame e dalla sete.' (la Stampa).
Come se il mettersi in mare, colpevoli in partenza di avere organizzato scientemente il loro naufragio, dovesse avere un corollario di immediato intervento e sicuro 'salvataggio' a poche centinaia di metri dalla riva.
'Zero rischi.', assicurano gli scafisti e i mercanti di vite umane ai loro numerosissimi clienti, incassando i denari della probabile loro morte. 'Vi aspettano al largo.'
E i 'salvataggi' ci sono, eccome se ci sono, coprono oltre il novanta per cento dei casi, grazie ai 'taxi del mare' delle o.n.g. - munite dei telefoni satellitari su cui pervengono le notizie delle quotidiane partenze dei gommoni dalle rive africane e grazie agli avvistamenti aerei e satellitari.
Ma abbiamo un dieci per cento (forse meno) di possibilità che la lotteria del mare finisca con un naufragio vero e con la conta dei morti - e il conseguente, folle addebito dei pietosi ad oltranza al maledetto Occidente impietoso e insensibile (sic) alle richieste di milioni di aspiranti profughi e/o migranti economici.
E, a chiudere il cerchio di follia europea sulla annosa questione, ecco la notizia in cronaca di una Corte di giustizia – e del parlamento europeo a guida sinistra - che congela gli accordi con l'Egitto, patrocinati da Giorgia Meloni e dalla Von der Leyen, e quello con l'Albania, che consentiva di organizzare i Cpr delle infinite attese di rimpatrio in quel paese amico (e in lista per l'ingresso nella U.E.).
A giugno si vota per le europee, cittadini. Un voto per il cambiamento.
Immigrazione massiva e guerra in Ucraina sono i fallimenti più evidenti e tragici di questa Commissione e di questo parlamento a maledetto s-governo sinistro, teniamone conto.
Auspico un voto a destra, molto più a destra, per un cambiamento epocale.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 6 persone e il seguente testo "Clemente Clemente L'OLIO BUONO la Repubblica L'OLIO BUONO VERAMENTE VERAMENTE Fondatore Eugenio ilvenerdì Direttore Maurizio Molinari Venerdì 15 Oggi Venerdì Mappamondi "Richiestediaiuto ignorate Eintanto crollano Ue Russia, Macron MIGRANTI della morte "Prepariamoci alla guerra" verso Canarie allepagine2.3e4 llcaso Trappola egiziana per sbando Europei fuga elicottero Lega Processo Salvini: "Linea diLaura Lucchini L'anniversario rivedere" Quarant' anni Carroccio "La festa non Maroni Parla Emanuela apagina15 Cultura Calcio narcisismo coltivare sana autoironia" ISPI Next MILAN FORUM Empowering Future Leaders Una notte perfetta Quattro italiane aiquarti dellecoppe giovani leaderd p” domani con protagon ioggi 18-19 Marzo Così Gobetti celebrò Giacomo Matteotti diGiancarloDe Guerrera"
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 7 persone, edicola e testo

 
 
 

Come eravamo.

Post n°3067 pubblicato il 15 Marzo 2024 da fedechiara
 

Letteratura e vita quotidiana. - 14 marzo 2020

Viviamo tra le pagine di un romanzo - di molti romanzi e nelle scene dei films che ne sono stati tratti.
I morti in attesa negli obitori e in fila all'entrata dei cimiteri, le città vuote, gli accaparramenti delle merci e gli scaffali vuoti dei supermercati, il carnevale atroce di tutti in giro colle mascherine sanitarie e gli occhi persi nella follia quotidiana dei reclusi tra le mura domestiche, la fuga al sud o in campagna e/o nelle case di montagna sono scene e comportamenti già censiti e magistralmente descritti, mutatis mutandi, nella 'Peste' di Camus e nei films catastrofisti il cui soggetto sono i virus assassini creati nei laboratori dei malfattori delle opposte nazioni in guerra (fredda) o sparsi sui campi di grano o negli acquedotti urbani dagli untori alieni degli X-files.
E la Venezia onirica che potete vedere qui sotto è uno dei set cinematografici più drammatici ed eloquenti perché girato un sabato pomeriggio di un inverno mite e non alle quattro di mattina di una estate che ci impaura nel suo presentarsi all'appuntamento delle nostre vite sotto schiaffo del corona virus - e la nostra prigionia domestica che farà 'saltare i tappi' dei contatori per le troppe case raffreddate dagli impianti di aria condizionata.
E c'è chi, nella noia inevitabile della lunga reclusione, tiene un diario e scrive il nuovo romanzo avvilente di questo dramma a tinte fosche di cui siamo comparse – e protagonisti sono quei politici che appaiono sui video con espressioni lunari e/o compunte e ci dicono che 'tutto andrà bene' e 'restate a casa' – e i governatori improvvisano i 'flash mob' sanitari dei tamponi obbligatori all'entrata dei supermercati per scovare gli untori e schedarli e costringerli a una detenzione vigilata.
E manca poco che la cosa venga estesa 'casa per casa' e si resti tutti in attesa ansiosa dello squillo del campanello fatale che ci annuncia l'ingresso dei mutanti in tuta bianca e occhialoni di plastica e mascherina sanitaria e il tampone infilato nei nasi.
Il romanzo delle nostre vite presenti che ci rimanda indietro di un secolo: ai tempi dalla maledetta 'spagnola' che sterminò i nonni soldati a milioni.
Il seguito alle prossime puntate.

Per correttezza di informazione il video postato mi è stato passato da un amico, al quale ho chiesto la possibilità di postarlo, il video è stato girato da Ribon M.
La voce che si sente a fine video è occasionalmente dell'unico passante.
Salve mondo, questo video è stato girato oggi pomeriggio a Venezia, per i non veneziani il percorso del video che dura poco più di 2 minuti, va dalla calle delle Rasse attraversa il canale del palazzo ducale con il ponte dei sospiri, per …
Altro...
0:06 / 2:50
https://www.facebook.com/carlo.galiazzo.1/videos/10157045156051705

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963