Creato da: carloreomeo0 il 03/06/2014
pensieri in libertà
Citazioni nei Blog Amici: 33
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 33
 

Ultime visite al Blog

massimo_casanoalf.cosmosacopmoschettiere62scottiantonio82xavierwheelcarloreomeo0mauriziocamagnaardizzoia.nataliaUnacottailtuocollegaanna.perri59Lalla3672RomanticPearlangelina414ivri98
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« ASSUEFAZIONELE 3 MENZOGNE DI CONTE A... »

RACCONTEREMO...

Post n°303 pubblicato il 08 Aprile 2020 da carloreomeo0

Cosa ci ha insegnato il coronavirus | Non sprecare

 

Un giorno racconteremo di questi strani giorni, ai nostri figli, ai nostri nipoti a chi non  c’era o a chi era semplicemente troppo piccolo per ricordare. Ricorderemo questa Italia dei flash mob, degli slogan: “Andrà tutto bene” e “Restate a casa”, dei canti e dell’inno nazionale che riecheggiavano dai balconi, di quell’ondata di patriottismo che pervase tutta la nazione, facendoci sentire uniti, vicini seppur a debita distanza, mentre l’Europa ci lasciò soli.

 

Racconteremo, con un sorriso amaro disegnato sulla faccia, di tutto ciò che facemmo per esorcizzare l’ansia e la paura derivante da un nemico invisibile ma insidioso. Racconteremo di come molti la definirono una guerra, la terza guerra mondiale, ma fu una guerra anomala che noi  non fummo chiamati a combattere, che non vide coinvolti militari armati fino ai denti, ma medici ed infermieri, il cui campo di battaglia furono gli ospedali e la prima linea i reparti di terapia intensiva. Come in ogni guerra subimmo delle perdite e piangemmo i nostri caduti, mentre rintanati nelle nostre case il nostro unico compito fu quello di non offrire al nemico terreno fertile su cui mietere nuove vittime. Racconteremo di come non tutti  capirono subito la gravità di quanto stesse accadendo e che anche dopo averlo capito molti non lo accettarono. Ricorderemo come la stupidità, l’individualismo, l’egoismo, la saccenza di pochi rischiarono di compromettere la salute, la sopravvivenza di molti. 

 

Racconteremo di come quel piccolo virus ci insegnò che non esistevano confini che delimitavano regioni o nazioni, che non esistevano razze ariane superiori o razze inferiori, che tutte quelle convinzioni rappresentavano solo occlusioni mentali, muri da abbattere per comprendere che eravamo tutti sulla stessa barca e che insieme dovevamo remare nella stessa direzione, adottare la stessa strategia, se volevamo davvero vincere quella guerra.

 

Abbandonammo allora ogni forma di egoismo ed iniziammo a pensare anche agli altri, e che l’altro poteva essere chiunque e non solo il familiare, l’amico o il conoscente, e allora l’altro divenne estensione di noi stessi e il mondo divenne un'unica nazione, con un unico e immenso popolo, unito, solidale, altruista e furono queste le armi con cui sconfiggemmo il virus, perché in presenza di esse esso non poteva più esistere.

Questa è la storia che un giorno mi piacerebbe poter raccontare.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Virtualizzato/trackback.php?msg=14856341

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 09/04/20 alle 01:47 via WEB
Una bella storia. Appunto, solo una storia
(Rispondi)
 
 
carloreomeo0
carloreomeo0 il 09/04/20 alle 21:59 via WEB
Penso anch'io che resterà solo una bella storia, una storia fantascientifica che non poco o nulla avrà a che fare con la realtà.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.