Creato da: carloreomeo0 il 03/06/2014
pensieri in libertà
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

Ultime visite al Blog

QuartoProvvisoriosurfinia60alf.cosmosvita.perezNoRiKo564amistad.siemprecuspides0Cherryslormaliberacuriosettinoprefazione09naar75chiedididario66Estelle_k
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 06/05/2021

 

L'ABBONATO RAI

Post n°518 pubblicato il 06 Maggio 2021 da carloreomeo0

 

Tanto per restare sul tema di come la rai, censuri senza in realtà censurare, dica senza in realtà affermare, tenti di modificare la realtà dei fatti, negando la concretezza della verità, senza che essa percepisca in tutto questo alcuna contraddizione, forse perché la contraddizione fa parte della sua normalità, ecco un altro esempio di questo suo modus operandi:

Per anni e di tanto in tanto ancora oggi, la rai ci ha chiamato e ci chiama abbonati, come se noi potessimo in qualunque momento disdire quel contratto mai stipulato, recedendovi perché non ci soddisfa il servizio offerto o per qualsiasi altro motivo. Anche perché se fossimo davvero abbonati, potremmo denunciare la rai per averci estorto per anni il pagamento di un abbonamento mai sottoscritto, mai espressamente richiesto. La realtà, che la rai cerca di cambiare, omettendo delle parole e usandone impropriamente altre è un’altra, la realtà è che la rai non ha abbonati, ha contribuenti, quelli che regolarmente pagano le tasse e nello specifico il canone rai, che se vogliamo essere precisi è una tassa di possesso sulle apparecchiature radio televisive o di qualunque apparecchio atto o adattabile alla loro ricezione, inserito nelle bollette del gestore dell’energia elettrica. Con il canone quindi non si pagano i contenuti televisivi “offerti” dalle reti rai, come tendenzialmente vogliono farci credere, ma semplicemente si paga per il semplice fatto di possedere un apparecchio radiotelevisivo o altro apparecchio ad esso affine, fosse anche un videocitofono. Quindi quando la rai vi parla di abbonati, è l’ennesimo tentativo di modificare, distorcere la vostra percezione della realtà, di giocare con le parole per tentare di cambiare i fatti, per addolcirne la loro concretezza, ed ecco che la parola canone, a sua volta un escamotage per non chiamare le cose con il loro nome e cioè tassa di possesso, si trasforma in abbonamento e di conseguenza i tassati diventano abbonati ed ecco che la falsa verità è servita. Avete capito qual'é il meccanismo attraverso cui si perpetra l'inganno? Lo chiedo a tutti voi abbonati dell'Agenzia delle Entrate. 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso