Creato da: carloreomeo0 il 03/06/2014
pensieri in libertà
Citazioni nei Blog Amici: 36
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 36
 

Ultime visite al Blog

amici.futuroieriQuartoProvvisorioalf.cosmosAnonimo.LocoCherryslorazromejigendaisukexavierwheelcarloreomeo0vitasenzatempofioremassimo2nodopurpureoMAGNETHIKAWlordcomunesenso11
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 27/09/2021

 

NON E' SCANDALOSO IL REDDITO DI CITTADINANZA...

Post n°546 pubblicato il 27 Settembre 2021 da carloreomeo0

Invece di scandalizzarvi perché c’è chi invece di lavorare preferisce stare a casa e intascarsi 600 euro al mese tramite il reddito di cittadinanza, dovreste incazzarvi perché ci sono lavoratori, con contratti regolari, che lavorano come minimo 40 ore a settimana, 160 ore al mese, lavorando magari anche durante i festivi per percepire uno stipendio inferiore ai 600 euro. Questo è scandaloso, mentre è vergognoso chiamare simili condizioni lavorative, contratti di lavoro, quando sarebbe più giusto definirle con il loro giusto nome: Schiavismo.  Oltraggioso che tutto questo accada con il tacito consenso di tutte le confederazioni sindacali, sancito e autorizzato dal CCNL. Dannoso per la dignità del lavoratore che pur percependo chiaramente il peso opprimente dello sfruttamento, si ritrova privo di strumenti per difendersi da esso, perché le riforme del lavoro che si sono succedute nel corso degli ultimi anni lo hanno via, via privato non solo della dignità ma lo hanno anche spogliato di diritti fondamentali per la sua tutela. Nonostante tutto questo, ci sono ancora politici che hanno la faccia tosta, per non dire di peggio, di dire che hanno a cuore la salute e il benessere dei lavoratori, spesso gli stessi che hanno scritto, sottoscritto e firmato le leggi che hanno reso possibile l’esistenza di simili condizioni lavorative, gli stessi che vedono la forza lavoro come un costo da abbattere e possibilmente azzerare per aumentare i profitti di imprenditori senza scrupoli, invece di vedere in essa una risorsa da valorizzare.    

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso