Blog
Un blog creato da Luxxil il 07/01/2011

angoloprivato

dei miei pensieri

 
 

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

diegonobile.dwoodenshipvincenzoschieppatiRosecestlavieannamatrigianoLuxxilvololowbach1962massimocoppailvecchioeilmare19vino.tintodaunfioreElemento.Scostantelennon927
 

ULTIMI COMMENTI

 

 

« .. »

piccole basi per possibili futuri racconti o forse son solo ricordi...chissÓ :)

Post n°914 pubblicato il 20 Luglio 2016 da Luxxil

Era un buchino tondo, che si era creato in un vecchio mobile, su cui appoggiando l'occhio si poteva vedere una piccola piazza, intorno alla piazza dei palazzi antichi, la gente vi passeggiava o transitava, avevano abiti lunghi le donne. La ragazza passava del tempo al balcone, parlando con una bambina che aveva richiamato la sua attenzione. La presentò anche a un signore, suo amico, con i capelli lunghi e la barba, un giorno che entrambe erano affacciate sulla piazza. Le sorrideva sempre ed era gentile. 

La notte era un continuo viavai di gente che scherzando e ridendo saliva e scendeva una scala, era un rumore che metteva allegria, perche da qualche parte c'era una festa.

Era impossibile dormire senza una luce accesa, anche piccola, ma una luce ci doveva essere sempre.

Improvvisamente era fatta di luce e si trovava in un prato verde, l erba era alta, nessun fiore faceva capolino , il cielo era azzurro senza nessuna nuvola all orizzonte. Sulla sinistra vi erano degli alberi di un verde scuro, e dalla sua destra arrivò un piccolo ma nutrito gruppo di persone. La portarono nel loro villaggio che non distava molto dal prato in cui era arrivata. La portarono in una casa, che lei ritenne un magazzino, con il pavimento di terra battuta. Un piccolo uomo le inveiva contro, dicendole che dovevano smettere di arrivare cosi all improvviso creando scompiglio. La donna che gli era di fianco , cercava di calmarlo , dicendole che la creatura che era apparsa era solo una bambina e la stava spaventando.

Era sempre sola, ma la vedevano in certi frangenti , accompagnata da una ragazza che le rassomigliava. Un giorno in una situazione di pericolo, insieme a lei videro la ragazza che l accompagnava , vestita tutta di bianco e con un abito con le frange. Lei non la vide mai, se non una notte in cui i capelli dell altra si trovarono di fianco i suoi.

Il locale era ampio, pieno di gente, l oste le sorrideva, al suo fianco un bambino che dormiva. Il pensiero dell oste le arrivò nella mente diretto, e non corrispondeva al sorriso fasullo che le stava riservando.

C'era la musica che copriva ogni dialogo, da un amico che alzo la voce per farsi sentire,  venne invitata ad un evento, ma il pensiero che le arrivò nella mente, non corrispondeva alle parole sentite, era un pensiero personale non diretto a lei, ma riprendeva la situazione. La voce che giunse nella mente, era quasi metallica, fredda, senza nessun timbro, come un venticello che attraversava la mente.

La notte si stendeva sull autostrada, si stava determinando una situazione di pericolo, cosi pregò come le era stato insegnato, improvvisamente una luce di una macchina prima inesistente, le porto in salvo, in poche ore una intera nazione venne lasciata alle spalle. Alle prime luci dell alba, il viaggiatore gentile le lascio proseguire il suo viaggio senza di lui.

Quando si allontanava dalla sua casa, sparivano degli oggetti metallici, che tornavano un paio di giorni prima di lei, per annunciare il suo ritorno.

Il tunnel era nero, vi era dentro a una velocità vertiginosa, al fondo del tunnel vi era una luce gialla intensa, si fermò prima.

Il corpo che le era appartenuto, lo stava guardando dall alto, stava bevendo come un animale ad una pozza di acqua , provò una grande pace, e affetto verso quel piccolo corpo , per un attimo ebbe il desiderio di non tornare, ma poi vinse la pietà e riprese il controllo del corpo che rimase il suo.

Si sentì chiamare, dietro di lei una creatura alta, senza una forma definita, pareva trasparente, invece non lo era. Di un colore grigio particolare, la creatura era più grande e alta di lei. Le si avvicinò e la parte superiore prese le sembianze di una giovane donna, che le era famigliare, si guardarono in viso, per pochi secondi e poi quella che sarebbe stata sua figlia prese il volo e sparì nel cielo estivo.

Di notte nei sogni la portava in giro, solo perchè era curiosa, ma non tutte le curiiosità potevano essere chiarite. Fra i tanti giri onirici, una notte la portò su di un treno, era pieno di gente di tutte le età, tutti serissimi. Lei chiese chi fossero e le venne risposto che erano persone che lasciavano questo mondo e iniziavano il loro viaggio, lei aveva voglia di fare domande ma le venne suggerito di non farne, molti erano arrabbiati e era meglio lasciarli tranquilli.

Per anni qualcuno bussò a una porta che non esisteva, picchiava con i pugni e la spaventava, si svegliava in preda al panico.

Si addormentava al suono di flauti, era piacevole e il sonno la prendeva con dolcezza.

 

 

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrÓ pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non pu˛ superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: