FOSCO

Perché tu mi dici "Poeta"...Io non sono un poeta, io amo la vita semplice delle cose...

 

 

« TI AMO

SE FOSSE TUO FIGLIO...

Post n°363 pubblicato il 28 Gennaio 2019 da fosco6

Riapro momentaneamente il Blog perché ho letto per caso nel Web una poesia di Sergio Guttilla, un ragazzo di cui peraltro non so altro, che mi ha particolarmente colpito, ed anche se so che ci possono essere opinioni diverse sulle vicende dell'immigrazione, credo che un minimo di buon senso e di umanità lo si debba usare, visto che non siamo di fronte a nessuna invasione (non lo eravamo neanche in passato quando i numeri erano molto più alti e non lo siamo oggi che arrivano poche migliaia di disperati all'anno, da quando quasi due anni fa uscì il decreto Minnini che tramite vari accordi ha ridotto del 75% il flusso migratorio verso il nostro Paese (Salvini ha addirittura chiuso i porti, anche se poi ne entrano incontrollati con piccoli mezzi veloci su spiaggette isolate molti di più, senza passare per le necessarie visite mediche e vaccinazioni).
Non sono del tutto daccordo con questo terrorismo politico sui migranti, con questa propaganda falsa che fomenta una paura inesistente,  perché oggi non è il vero problema dell'Italia, anzi mi sembra proprio un motivo per distrarre le masse dalle vere necessità di questo popolo, come ai tempi della peste di Manzoni, dando ingiustamente degli "untori" a quei pochi disgraziati che arrivano sulle nostre coste.
C'è una "poveretta" una piccola leader dichiaratamente fascista (ma non solo lei) che, senza rendersi conto del senso del ridicolo, dichiara solennemente che dobbiamo difendere i nostri confini, tutelare l'integrità del territorio nazionale, messi a rischio appunto da quattro gatti deboli e affamati che chiedono solo aiuto e protezione, e magari di essere in qualche modo sfamati, per poi andare verso altri Paesi dove hanno parenti o maggiori occasioni di lavoro (quelli che rimangono in Italia generalmente vengono sfruttati dai nostri delinquenti nazionali).
Come se fossimo in Guerra contro non si sa chi, quando invece forse la signora e quelli come lei, dovrebbero far la pace con il proprio cervello dove le truppe dell'imbecillità sembrano aver preso il sopravvento (spesso per squallidi tornaconti elettorali)..
Questo popolo, il nostro, in passato è stato sempre ammirato per la sua generosità e per la sua accoglienza, anche quando non se lo poteva forse permettere, mentre oggi le sirene demagogiche di pochi imbonitori lo stanno incattivendo e lo stanno trasformando in un Paese dove comincia a serpeggiare il virus del razzismo.
Spero che con il tempo i nostri cittadini capiscano quali sono i problemi reali del Paese e soprattutto ritrovino un minimo di umanità perché senza di essa il Mondo sarà sicuramente peggiore.


SE FOSSE TUO FIGLIO…

Se fosse tuo figlio
riempiresti il mare di navi
di qualsiasi bandiera.
Vorresti che tutte insieme
a milioni
facessero da ponte
per farlo passare.
Premuroso,
non lo lasceresti mai da solo
faresti ombra
per non far bruciare i suoi occhi,
lo copriresti
per non farlo bagnare
dagli schizzi d’acqua salata.
Se fosse tuo figlio ti getteresti in mare,
te la prenderesti con il pescatore che non presta la barca,
urleresti per chiedere aiuto,
busseresti alle porte dei governi
per rivendicare la vita.
Se fosse tuo figlio oggi saresti a lutto,
anche a rischio di odiare il mondo,
i porti pieni di navi attraccate
e chi le tiene ferme e lontane,
e  chi, nel frattempo
sostituisce le urla
con acqua di mare.
Se fosse tuo figlio li chiameresti
vigliacchi disumani, gli sputeresti addosso.
Dovrebbero fermarti, tenerti, bloccarti,
perché una rabbia incontrollata potrebbe portarti
a farli annegare tutti nello stesso mare.
Ma stai tranquillo nella tua tiepida casa,
non è tuo figlio, non è tuo figlio.
Puoi dormire tranquillo
E sopratutto sicuro.
Non è tuo figlio.
È solo un figlio dell’umanitá perduta,
dell’umanità sporca, che non fa rumore.
Non è tuo figlio, non è tuo figlio.
Dormi tranquillo, certamente
non è il tuo.

(Sergio Guttilla)
 Giugno 2018
Dedicata ai 100 morti in mare, morti affogati
in attesa di una nave che li salvasse
.

  PER ASCOLTARE LA MIA LETTURA CLICCA QUI

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/fosco/trackback.php?msg=14195971

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
lascrivana
lascrivana il 29/01/19 alle 05:49 via WEB
Ama il prossimo tuo come te stesso non lo applichiamo nemmeno con chi soffre vicino a noi, figurati con gli stranieri. Molto bella, ma l'uomo è questo da secoli. Il potere è sempre quello di sopprimere i deboli. Buongiorno.
 
surfinia60
surfinia60 il 29/01/19 alle 17:20 via WEB
Purtroppo il virus del razzismo è alimentato dallo stato di profondo malessere che serpeggia nel nostro paese da troppo tempo. E cose ci va di mezzo? la proverbiale generosità e accoglienza degli italiani. Ti lascio un caro saluto per quando ripasserai di qua
 
castello_nice
castello_nice il 29/01/19 alle 21:43 via WEB
Carlooooooooooo Testo molto profondo.....realta' assai cruda e la ns epoca è priva di buoni sentimenti e propositi in linea generale poi ognuno di noi fa quello che può, come far girare una poesia..... Un caro saluto. Nice
 
EMMEGRACE
EMMEGRACE il 29/01/19 alle 22:34 via WEB
Ho ascoltato, la tua lettura trasmette le sensazioni che descrive Guttilla. Testo vero e commovente che rispecchia quello che accade e che vediamo sui Media. Purtroppo è una realtà meschina ed egoista e la colpa è sempre di chi ha il Potere di decidere su questi sbarchi ma non entro in un discorso molto ampio. QUALSIASI individuo dovrebbe avere la salvezza ma (riferendomi al titolo della poesia) quando è una persona che non ci "appartiene" perdiamo la consapevolezza che é sempre un Essere Umano che vorrebbe vivere e non lasciarlo morire. Ciao.
 
woodenship
woodenship il 01/03/19 alle 01:10 via WEB
Lettura vibrante e molto apprezzata; come si conviene per un argomento cos^ scottante
 
EMMEGRACE
EMMEGRACE il 06/03/19 alle 22:05 via WEB
Toc toc c'è nessuno?!? Carlo che fine hai fatto? Hai abbandonato questo Spazio che era un piccolo salotto per ascoltare qualche poesia. Ritorna a leggere... Magari potresti leggere Shakespeare, non so se hai già letto quell'autore. Spero che tu stia bene. Ciao, Grace
 
nina.monamour
nina.monamour il 19/03/19 alle 13:54 via WEB
Non mi sono dimenticata di te, e speroche tu stia bene, un applauso per i tutti i Papà del mondo, per i sacrifici che fanno, per gli abbracci che danno, per i sorrisi che mai ci negheranno, auguri Carlo.
 
satanona
satanona il 07/04/19 alle 17:52 via WEB
Seratissima :-))
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: fosco6
Data di creazione: 30/04/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

tempestadamore_1967Desert.69simona_77rmcassetta2elisa.sannaStratocoversvita.perezprefazione09kiku0MAGNETICA_MENTE.2017brigantecalabro_2008costel93fwoodenshipMARI066wanted_2013
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom