Blog
Un blog creato da g1b9 il 10/01/2009

Sentimentalmente

Tutto ció che mi dá emozioni....

 
 

 

***

   Nel mio blog utilizzo  immagini trovate sul Web. Alcune siuramente hanno il copyright;  qui sono usate con scopo culturale , divulgativo  e critico, tuttavia toglierò immediatamente l'immagine, qualora questo uso dispiacesse agli autori.

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

Messaggi del 03/09/2021

...e calava la notte.

Post n°5061 pubblicato il 03 Settembre 2021 da g1b9
 

Io accetto la grande avventura di essere me.

 (Simone De Beauvoir )

 …e scendeva la notte dopo una giornata  di assoluta normalità nella baraonda della sua  vita.   Ora anche il terzo dei suoi frugoletti camminava da solo, qualche bernoccolo non mancava mai, qualche  ferita da medicare in più, tutto nella norma. Le sue notti iniziavano a regalarle qualche ora di sonno, finalmente ,dopo quattro anni aveva ripreso l’abitudine di spogliarsi la sera, di infilarsi sotto le lenzuola, aspettare quella telefonata che le teneva compagnia per ore. Suo marito ..Lui era lontano,il lavoro lo portava via spessissimo , e lei non sapeva quando sarebbe tornato, forse la sera stessa, forse domani, forse tra una settimana, un mese, forse l’avrebbe chiamata per dirle di raggiungerlo, sempre  una sorpresa, poteva essere  Parigi.  Londra, Milano,  Monaco oppure quell’albergo sul lago di Como, dove l’aveva coperta di rose la sera  della sua laurea. Una sera di  quelle speciali, una giornata da non dimenticare, una notte  magica, in cui tutto sembrava  essere stato creato per l’occasione.  La notte fredda di fine autunno, la luna e le stelle di ghiaccio, quella passeggiata  abbracciati, stretti nella pelliccia di lei, che lui le aveva appena regalato,  il calore dei baci e tirare tardi perchè sarebbe stato tutto perfetto… Lei  si accovacciò nel letto.  Aspettava e  non vedeva l’ora di sentire la sua voce, di raccontarle tutto di lei,  come fosse la sua lingerie, la sua pettinatura,  di ascoltare da lui le stesse cose,  stavano al telefono come se non ci fosse distanza tra loro, come se le loro mani potessero incrociarsi, le loro  bocche scambiare i baci più appassionati. Quante notti così nella loro vita, quanto desiderio rimbalzato  sui fili del telefono, quanta passione accantonata nell’angolo dei sogni, che realizzavano chiudendosi  in camera per un intero fine settimana.   Si rigirava nel letto,  abbracciata al cuscino sul quale lasciava ogni giorno due gocce del suo profumo,era abituata a queste lontananze, a queste mancanze, sapeva quale vita sarebbe stata la sua, nel momento stesso in cui aveva scelto di condividerla con quest’uomo che lei amava alla follia, ricambiata con lo stesso amore  grande, speciale con cui lui amava  la sua libertà,la sua indipendenza con la consapevolezza di avere una casa, una moglie, dei figli. Stranamente le ore passavano senza che il telefono squillasse, era la prima volta che non chiamava  e lei era molto inquieta. Camminava per la casa , cercando di calmare quell’ansia che diventava sempre più intollerabile, si sentiva soffocare, apri la porta del terrazzo alla ricerca di aria; un fitta nebbia autunnale gravava sulla città, poche luci appannate  rischiaravano gli angoli del giardino, lei si sentì mancare e cadde sul pavimento. Quasi nello stesso momento lui si schiantava contro un camion fermo nella nebbia, a pochi km da casa, mentre tornava da lei per sorprenderla come sempre.L’aria fredda della notte,  quel lampo improvviso  le avevano ridato vita. Si alzò con una  grande  spossatezza nel corpo ed una ferita nel cuore , che non sapeva spiegare. Andò a controllare i bambini, dormivano tranquilli, pensò a suo marito, mentre si rimetteva a letto preoccupata come non ricordava di esserlo stata.  Non prese sonno quella notte, lo sguardo fisso al telefono, muto.Squillò alle sei del mattino,suo marito le diceva di essere in ospedale,  nulla di che, stai calma e tranquilla, non venire, torno a casa.  Il nulla di che si rivelò essere un brutto trauma cranico, costole rotte, sterno rotto, che tuttavia non riuscirono a trattenerlo in ospedale.  E fu la prima volta che lei  ebbe   suo marito in casa per un periodo abbastanza lungo, le giornate da spartire tra lui ed i piccoli, il telefono che squillava  tutto il giorno, una segretaria rimediata provvisoriamente, un  via vai di amici,  una  baraonda a cui non era abituata, e non era una vacanza, ma quotidiano, giorno dopo giorno la convivenza  di due persone,  un marito,una moglie, tre bambini. Lei era contenta, ma frastornata, il buongiorno con un bacio e la colazione,viveva la sua realtà, non immaginava come aveva sempre fatto la sua giornata.  E quei giorni rimasero per tanti anni unici, ne parlavano come fosse stato qualcosa di anormale  nella loro  perenne anormalità… che però funzionava a meraviglia, eccome funzionava!!

 
 
 
 
 

RELATHIONSHIP

Don't let someone become a priority in your life , when you are an  optional in their life... Relationships work best when they are balanced.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

g1b9Arianna1921monellaccio19paperino61tolicsi35pedaniela.fashionvetreriaanconitanakaleualtagracia0rezza77bawawaliotti.antannawintour0nomismasmfedele.belcastro
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

motori ricerca

 


contatori internet

popoli e comunità