Creato da kayfakayfa il 10/01/2006

LA VOCE DI KAYFA

IL BLOG DI ENZO GIARRITIELLO

 

Messaggi di Marzo 2018

I SOCIAL SONO IL TERRORE DEL POTERE

Post n°1883 pubblicato il 27 Marzo 2018 da kayfakayfa
 

 

In questi giorni fa notizia, ma nemmeno tanto, lo scandalo facebook: milioni di utenti del social sarebbero stati "spiati" dalla società di analisi Cambridge Analytica legata all'ex consigliere di Trump, Steve Bannon, attraverso i dati personali forniti al momento dell'iscrizione e successivamente condizionati nelle proprie scelte politiche mediante una serie di notizie accuratamente manipolate e diffuse sullo stesso social per far breccia sulla loro personalità affinché votassero in un "certo" modo. Ciò sarebbe successo negli USA con l'elezione di Trump e in Gran Bretagna per la brexit.

Da qui le scuse ufficiali del fondatore di Facebook Mark Zucherberg, in lungo post apparso sulla propria pagina social. Ma anche l'indignazione di quanti, proprio in relazione a questa vicenda, vorrebbero che i social venissero chiusi o quanto meno limitati, perché ritenuti pericolosi per la tenuta democratica di una nazione.

Una scusa, quest'ultima, che definire puerile è un eufemismo visto che, prima dell'avvento di internet e dei social, i cittadini erano informati attraverso i giornali e telegiornali i quali, avendo il monopolio dell'informazione ed essendo nella maggioranza dei casi schierati con il potere, non si può escludere che a loro volta non informassero in maniera subdola l'opinione pubblica al fine di orientarla a favore o a sfavore di un tale partito, di un tale politico o perché votasse una specifica scelta referendaria; comportandosi allo stesso modo dei social verso cui oggi si indignano.

Una famosa locuzione latina recita divide et impera. Essa sta ad indicare che solo tenendo disunita la massa si può affermare una tirannide o un qualsiasi forma di governo.

Essendo la funzione dei socia network quella di unire, seppure virtualmente, le persone, consentendogli di scambiarsi in rete in tempo reale idee, informazioni, opinioni, o semplicemente di chiacchierare chattando, restando "comodamente" sedute dietro al computer di casa, è ovvio che tutto ciò crea problemi al potere in quanto non gli consente più di mettere in pratica quanto suggerito dal motto latino sopraccitato, ossia dividere la massa per poi condizionarla a proprio uso e consumo.

Pertanto ecco probabilmente spiegato il motivo per cui in ogni modo, perfino nel democratico occidente, si starebbero cercando validi pretesti per chiudere o limitare internet e i social network: l'unione, seppure virtuale, fa la forza e ciò fa paura al potere!

 
 
 

UN GOVERNO CDX/PD E' LA LOGICA CONSEGUENZA DEL ROSATELLUM

Post n°1882 pubblicato il 11 Marzo 2018 da kayfakayfa
 

È paradossale quanto sta succedendo in Italia da lunedì 5 marzo, ossia da quando sono noti i risultati elettorali delle elezioni politiche 2018. In tanti auspicano nel senso di responsabilità delle forze politiche affinché vincitori e sconfitti riescano a mettersi d'accordo per  varare un governo che garantisca un minimo di stabilità politica al paese. Cosa niente affatto semplice, già ben nota molto prima che si andasse al voto, dato che la legge elettorale con cui abbiamo votato, rosatellum -  varata in tutta fretta dal Governo Gentiloni con ben otto voti di fiducia, con l'appoggio di PD, Forza Italia, Lega e Alternativa Popolare e osteggiato dal M5S e dalle sinistre,  dopo la bocciatura dell'Italicum, la legge elettorale che, a detta dell'allora segretario del Pd Matteo Renzi, tutta Europa ci avrebbe copiato, fu bocciata dalla Corte Costituzionale per incostituzionalità - per la caratteristica che favorisce le coalizioni rispetto ai singoli partiti, ha creato una fase di stallo. Se da un lato il M5S s'è affermato come partito di maggioranza relativa con oltre  il 32% di preferenze, la coalizione di centrodestra Lega/FI/FdI ha ottenuto complessivamente il 37% (Lega 17%, FI 14%, FdI 4%, 2% altri partiti) mentre il Pd poco più del 18%.

Poiché il rasatellum premia le coalizioni, la naturale vincitrice delle elezioni dunque  è la coalizione di centrodestra. La quale però, avendo ottenuto un risultato inferiore al 41%, non ha la maggioranza assoluta dei seggi per poter dar vita a un governo autonomo. Pertanto se Salvini e soci volessero governare, avrebbero bisogno dell'appoggio del M5S o del PD. Ma non avendo il M5S votato a favore del rosatellum, non si capisce per quale motivo dovrebbe allearsi con il centrodestra per dar vita a un governo. Sarebbe molto più logico che ad allearsi con Salvini e c. fosse il Pd. Non solo perché il rosatellum è frutto del pensiero di Ettore Rosato, capogruppo alla Camera del Pd nella legislatura uscente, ed il Pd l'ha sostenuto unitamente all'intero centrodestra. Ma anche perché non sarebbe questa la prima volta che il Pd si alleerebbe con il centrodestra per governare. L'ha già fatto con il Patto del Nazareno per varare insieme a Berlsuconi la riforma costituzionale e la legge elettorale, l'Italicum, e poi con ALA di verdini.

Che il M5S vada pure all'opposizione. Il caos che da lunedì sta agitando la politica italiana è frutto del rosatellum. È giusto che a farsi carico di risolverlo siano gli stessi partiti che, votando il rosatellum, posero le basi perché si manifestasse! 

 
 
 

I TERRONI FANNULLONI E CAMORRISTI LA CAUSA DEI GUAI DEL PD!

Post n°1881 pubblicato il 08 Marzo 2018 da kayfakayfa
 

 

Fino a quando ad attaccare il sud per aver votato compatto M5S, contribuendo in maniera determinante alla debacle del Pd alle elezioni, fosse Vittorio Sgarbi per non aver digerito il cappotto subito nel collegio di Pomigliano dove nell'uninominale è stato clamorosamente sconfitto da Di Maio con un 63,4% a 20,37%, ci sta. Sentir dire da uno, Sgarbi, che ha impostato la propria campagna elettorale facendosi ritrarre sul water nell'atto di defecare associando Di Maio a un lassativo, che al sud hanno votato per il M5S attratti dal reddito di cittadinanza perché non hanno voglia di "fare un cazzo", fa parte del personaggio. Ma non lo giustifica!

Ma che a farlo in maniera seria, ovviamente con linguaggio non colorito come quello di Sgarbi, siano rappresentanti del mondo culturale di centrosinistra, tipo l'architetto Massimiliano Fuksas questa mattina ad AGORA', francamente lascia l'amaro in bocca. Così come l'amaro in bocca ha lasciato il tweet con cui ieri Vittorio Zucconi "informava" che a Napoli il M5S aveva vinto i tutti quei collegi a rischio camorra. Dando l'impressione insinuasse che i voti dei grillini fossero voti della camorra. Senza domandarsi se invece quel voto non fosse un voto di protesta di quelle tante persone oneste che vivono in quelle aree depresse della periferia napoletana stanche della vecchia politica collusa con la camorra o incapace di fronteggiarla.

Cercare ad ogni costo di addebitare le responsabilità della disfatta elettorale del Pd alla dabbenaggine e svogliatezza degli elettori meridionali e non invece all'inconsistenza di una certa politica è l'ulteriore conferma di come chi dovrebbe rappresentarle disattende le istanze dei cittadini.

Attribuire la vittoria nel sud del paese del M5S alla naturale improduttività e al loro essere camorristi o mafiosi è un'offesa che ci aspetteremmo da un leghista tipo Salvini. Non certo da chi per cultura ideologica dovrebbe farsi carico delle esigenze delle regioni arretrate del paese e delle popolazioni meno abbienti che vi risiedono; difendendole anziché offenderle solo perché, sentitesi abbandonate da chi si fidavano, hanno avuto il coraggio di cambiare votando il nuovo.

Se poi il loro coraggio sarà ricambiato, lo sapremo solo se il M5S andrà al governo.

Cosa difficile visto che con l'obbrobriosa legge elettorale con cui abbiamo votato, opera del PD e non certo del M5S, l'ingovernabilità è garantita. A meno di inciuci!

 
 
 

SCALFARI INCORONA DI MAIO E IL M5S, PANICO NEL PD

Post n°1880 pubblicato il 07 Marzo 2018 da kayfakayfa
 

 

Sono certo che ieri sera molti attivisti e elettori del centrosinistra come minimo saranno caduti dalle sedie e dalle poltrone, se non addirittura qualcuno sarà stato colto da un coccolone, ascoltando Eugenio Scalfari - intellighenzia per eccellenza del centrosinistra, fondatore de L'Espresso e di La Repubblica -, intervistato a Di Martedì da Giovanni Floris, osannare Di Maio per il modo con cui ha modificato il proprio modo di fare politica, "dimostrando notevole intelligenza politica"; auspicando che sarà lui il leader della nuova sinistra italiana. Preferendolo di gran lunga a Salvini.

Lo stesso Scalfari solo poche settimane prima del voto, sempre da Floris, alla domanda chi preferisse tra Berlusconi e Di Maio, senza esitare aveva risposto "Berlusconi". Suscitando non poche perplessità e polemiche negli ambienti di centrosinistra, partendo da Repubblica.

Ora, come si possa cambiare in così poco tempo opinione su un leader politico e il suo partito, verso cui fino a poche ore prima del voto Scalfari ne diceva e scriveva peste e corna francamente lascia stupiti, costernati.

A meno che dall'alto della propria indiscussa autorità intellettuale e politica Scalfari non abbia voluto mandare un messaggio criptato a qualcuno del PD affinché tra un'ipotetica alleanza di governo, tra Lega e M5S, scegliesse di appoggiare un governo targato Di Maio. Non fosse altro perché, stando all'analisi dei flussi elettorali, molti dei voti persi dal Pd sarebbero confluiti al M5S a testimonianza che una buona fetta dell'elettorato di centrosinistra ormai si riconosce sempre più nel M5S. E sempre meno nel PDR, (partito di Renzi). Di conseguenza, così facendo, non si può escludere che appoggiando un governo Di Maio, nell'attesa il Parlamento vari l'ennesima legge elettorale, sperando non truffaldina come l'attuale da cui deriverebbe l'ingovernabilità in cui il paese rischia di cadere, il Pd abbia il tempo di rifarsi il look, incominciando dall'elezione di un segretario che sia davvero un uomo di sinistra e non un democristiano camuffato da democratico che con la sinistra non ha nulla da spartire.

Solo così potrebbe spiegarsi l'improvviso endorsement di Scalfari verso Di Maio. Nemmeno per un istante vogliamo pensare che le sue parole, che tanti nasi hanno fatto storcere a partire da quelli di Vittorio Zucconi e Massimo Giannini presenti in studio, siano conseguenza della veneranda età del decano dei giornalisti italiani.

 
 
 

POLITICHE 2018: M5S E LEGA FANNO BOOM, PD E FI FANNO CRACK

Post n°1879 pubblicato il 05 Marzo 2018 da kayfakayfa
 

 

Solo questa sera, se non addirittura domattina, conosceremo i risultati definitivi delle elezioni politiche. Tuttavia quelli parziali un risultato inequivocabile già lo hanno decretato: il Pd di Renzi con l'intero centrosinistra e Berlusconi sono i veri sconfitti di queste elezioni. M5S e Lega i vincitori. A dirlo sono i numeri, non i sondaggi o gli exit pool: M5S 32% alla Camera, poco meno al Senato; Lega circa il 18% sia alla Camera che al Senato; Pd introno al 19% in entrambi i rami del Parlamento; FI 14% alla Camera, poco più al Senato; Fratelli d'Italia della Meloni poco più del 4% sia alla Camera che al Senato; Liberi Uguali poco del 3% in entrambi le Camere; +Europa della Bonino poco più del 2% sia alla Camera che al Senato.

Se questi dati trovassero, come quasi certamente avverrà, conferma in quelli finali, il M5S è il primo partito di maggioranza relativa e sia alla Camera che al Senato sarà il primo gruppo parlamentare, realizzando quello che era, e tale è restato, il sogno di Renzi.

Tuttavia, pur essendo il M5S primo partito di maggioranza relativa è improbabile che vada al governo. Non tanto perché Mattarella, come gli impone la Costituzione, non darà a Di Maio l'incarico di formare il governo, ma perché, avendo il M5S preventivamente presentato pubblicamente la lista dei ministri, le poltrone che contano già sono assegnate, per cui è impensabile che gli altri partiti, fino a ieri abituati a spartirsi la torta "per il bene del paese", accettino di convergere sul programma del M5S sostenendolo senza riceverne nessuna poltrona in cambio, consentendo a Di Maio e c. di governare.

Molto più probabile che, una volta ricevuto l'incarico dal Presidente della Repubblica, Di Maio non riesca a trovare una maggioranza che lo sostenga per cui rimetterà il mandato a Mattarella. Aquesto punto lo scenario che dovrebbe seguire sarà quello di un governo di scopo a guida Gentiloni per consentire al Parlamento di varare una nuova legge elettorale che consenta finalmente a chi vince le elezioni di governare anziché andare all'opposizione come succede con l'attuale legge.

C'è da sperare che, se davvero dovesse realizzarsi la seconda ipotesi, ossia quella di un governo di scopo a guida Gentiloni, i partiti tutti, ad iniziare da quelli del Patto del Nazareno Pd e FI, abbiano il buon senso e, soprattutto, l'umiltà di fare le cose in assoluta sintonia con la Costituzione, riconsegnando ai cittadini la possibilità di votare non solo la lista ma anche di scegliersi il candidato. Anziché cercare di modificarla a proprio uso e consumo, la Carta va attuata.

Se all'indomani delle elezioni già si parla di un governo transitorio nell'attesa di varare una nuova legge elettorale per poi andare nuovamente alle urne, è evidente che chi ci ha governato nella legislatura appena conclusasi l'ha fatto in maniera pessima, arruffata, incapace!

Con i suoi ipotetici oltre 200 parlamentari alla Camera e poco più di 100 al Senato, percentuali che richiamano alla memoria quelle di quando il PCI era all'opposizione della DC, il M5S potrà fare un'opposizione forte e, se vorrà, costruttiva, costringendo i vecchi partiti nel momento delle scelte topiche per il Paese di tenere conto che nell'aula del Parlamento siede una forza politica che da sola rappresenta il 30% dei cittadini.

Per quanto riguarda il Pd è inutile che Renzi e suoi neghino quello che anche le pietre sapevano da tempo: la mazzata era nell'aria e anche i numeri con cui si è manifestata. La vicenda Banca Etruria e l'inchiesta Consip, nonché la sconfitta al referendum, il jobs act e tanti altri provvedimenti controversi varati dagli ultimi governi di centrosinistra che, più che tutelare i cittadini, hanno dato l'impressione di fare gli interessi dei "soliti noti", non possono non aver giocato un ruolo determinante nelle scelte dell'elettorato di centrosinistra. Ma soprattutto non può non aver condizionato l'esito negativo del voto per il PD il Patto del Nazareno e i ripetuti endorsement verso un'alleanza con Berlusocni da parte di politici del centrosinistra e uomini di cultura che lo sostengono i quali tutto avrebbero sostenuto e votato pur di evitare la vittoria del M5S.

Oggi il PD è un partito, se non morto, in coma profondo. Conseguenza naturale della mancanza di identità che lo caratterizza da quando è nato - un'accozzaglia tra ex comunisti e ex democristiani - la quale ha portato alla distruzione de L'Unità, quotidiano che per anni è stato il riferimento informativo degli operai e di quanti votavano a sinistra.

Con la sua ascesa alla Segreteria del Pd Renzi ha lentamente distrutto quei residui di riferimento che legavano il PD al PCI. Ciliegina sulla torta, candidare nelle liste del PD nel collegio di Bologna un democristiano doc come Casini.

Diverso il discorso per FI: per quanto Berlusconi, malgrado l'età avanzata e i suoi guai giudiziari, fosse sceso in campo per garantire al proprio partito di conquistare una percentuale di voti tale da consentirgli di porsi alla guida del centrodestra subito dopo le elezioni, le sue confuse apparizioni pubbliche con dichiarazioni che dal comico al surreale, hanno dimostrato che l'ex cavaliere non ha più quella lucidità mentale che lo contraddistingueva in passato. Per cui gli elettori gli hanno preferito Salvini, consegnando al leader della Lega la possibilità concreta di puntare a Palazzo Chigi.

In sintesi, se oggi non sappiamo chi ci governerà lo dobbiamo a Renzi e al Pd che, pur di chiudere al M5S ogni accesso alle stanze del potere, non si sono fatti scrupoli di fare alleanze prima con Berlusconi e poi con Verdini, varando una legge elettorale orrenda che, se da un lato doveva penalizzare il M5S, ha punito il PD e potrebbe consegnare il paese nelle mani della Lega Nord.

Per quanto riguarda Liberi Uguali, un partito fondato da chi in Parlamento prima faceva la voce grossa contro Renzi per la proposte di legge che, a suo dire, avrebbero penalizzato i cittadini ma poi le votava tutte perché "non si può andare contro la ditta", forse il 4% è pure tanto!

 
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

- Abbandonare Tara
- pensieri nel vento
- Il diario di Nancy
- sciolta e naturale
- Per non dimenticare
- il posto di miluria
- Arte...e dintorni
- dagherrotipi
- C'era una volta...
- passaggi silenziosi
- le ali nella testa
- Grapewine
- FAVOLE E INCUBI
- critica distruttiva
- GallociCova
- estinzione
- Starbucks coffee
- L'angolo di Jane
- In Esistente
- Comunicare
- Writer
- Chiedo asilo.....
- antonia nella notte
- Quaderno a righe
- come le nuvole
- Contro corrente
- Scherzo o Follia?
- La dama della notte
- MARCO PICCOLO
- Fotoraccontare
- epochè...
- considerazioni
- ESSERE E APPARIRE
- Oniricamente
- prova ad afferrarmi
- Nessuno....come te
- confusione
- io...Anima Fragile.
- evalunaebasta
- La MiA gIoStRa
- ...spiragli
- CORREVA L' ANNO...
- LE PAROLE
- SPETTA CHE ARRIVO
- (RiGiTaN's)
- esco fuori
- ....bisogni
- La Mia Arte
- pEaCe!!!
- Ginevra...
- Like A Wave
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Amare...
- Sale del mondo....
- Praticamente Io
- Imperfezioni
- Mise en abyme
- Due Destini
- manidicartone
- acqua
- BRILLARE!!!!!
- Osservazioni
- XXI secolo?
- justificando.it gag comiche
- Di palo in frasca...
- montagneverdi...
- Verit&agrave;... Piero Calzona
- osservatorio politic
- Geopolitica-ndo
- Lanticonformista
- Riforme e Progresso
- LAVOROeSALUTEnews
- Ikaros
- ETICA &amp; MEDIA
- Canto lamore...
- Pino
- MY OWN TIME
- Tatuaggi dellanima
- cos&igrave;..semplicemente
- Acc&ograve;modati
- Il Doppio
- arthemisia_g
- senza.peli
- marquez
- Cittadino del mondo
- Quanta curiosit&agrave;...
- entronellantro
- iL MonDo @ MoDo Mio
- LOST PARADISE Venere
- Frammenti di...
- La vita come viene
- Mondo Alla Rovescia
- Pietro Sergi
- StellaDanzante
- Polimnia
- e un giorno
- Parole A Caso
- tuttiscrittori
- Dissacrante
- Artisti per passione
 
Citazioni nei Blog Amici: 61
 

ULTIME VISITE AL BLOG

kayfakayfaadorabile.orchidea27lauruscostruzionisrlDizzlyCiliegiaiomarcoaurelio7320fotostudio95annaincantogiornalewolfcircoscrittodanilamancinifalco1941aledavanansa007
 

ULTIMI COMMENTI

(Non è escluso:) Il mio era solo un suggerimento,...
Inviato da: Dizzly
il 18/07/2018 alle 11:05
 
Beh, anziché aspettare che siano gli altri a farlo, nessuno...
Inviato da: kayfakayfa
il 04/07/2018 alle 16:25
 
Buongiorno come dicevamo nel nostro articolo: il...
Inviato da: Dizzly
il 04/07/2018 alle 13:06
 
Speriamo...
Inviato da: kayfakayfa
il 20/06/2018 alle 17:56
 
D'accordissimo con te...non si possono improvvisare...
Inviato da: ansa007
il 19/06/2018 alle 12:42
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom