Creato da OsirideDioDeiMorti2 il 15/11/2010

ViaggiatoriNelTempo

ANTICO EGITTO

 

blog.libero.it/osiris2

 

 

 

 

 

 

 

centro assistenza

 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 52
Prov: RM
 
Citazioni nei Blog Amici: 25
 

TAG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« IL PERCHE' DELL'ANNO B...IL PERCHE' DELL'ANNO B... »

IL PERCHE' DELL'ANNO BISESTILE - 2° parte

Post n°98 pubblicato il 14 Dicembre 2011 da OsirideDioDeiMorti2
 

Gli Egizi, tuttavia, non avevano l'anno

bisestile e lasciavano semplicemente che il

loro anno non fosse in armonia con le stagioni.

Come spiega l'eminente egittologo britannico

Flinders Petrie:

 

 

 

"Conosciamo tutti l'anno bisestile, in cui

aggiungiamo un giorno al calendario per

mantenere esatto il computo dei giorni. Tutto il

calcolo della cronologia si basa sul fatto indiscusso

che gli egizi ignorassero l'anno bisestile e

contassero solo 365 giorni [...] In effetti essi

perdevano ogni anno un quarto di giorno, dal

momento che non compensavano l'enumerazione

come facciamo noi con l'aggiunta del 29

febbraio. Dal momento che in tal modo i mesi

 scivolavano all'indietro, o le stagioni sembravano

 scivolare in avanti lungo il calendario, in 1460

anni i mesi (del calendario) scorrevano lungo tutte

le stagioni". Questo "fatto indiscusso" che gli antichi

egizi ignorassero l'anno bisestile implicava la

creazione di un ciclo di 1460 anni che può essere 

considerato come un Grande Anno. Il valore di 1460

anni si ottiene dividendo semplicemente 365 per

0,25. E benchè sia questo valore fornito da Petrie

a essere citato dai moderni egittologi per la

 sincronizzazione del calendario con le stagioni,

partono tutti dal presupposto che lo sfasamento

annuale del calendario sia di 0,25 giorni il che,

 ovviamente, non è del tutto corretto.

Il ritmo reale di sfasamento è 0,2422 giorni,

dal quale si ottiene la cifra di 1506 anni

(365 diviso per 0,2422), che possiamo

considerare un Grande Ciclo Solare. In

realtà il valore di 1460 anni citato da Petrie

non rappresenta la sincronizzazione del

calendario con le stagioni ma piuttosto

con la levata eliaca di Sirio, evento che gli

Egizi chiamavano wp rnpt, che significa

"iniziatore dell'anno".

 

 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIMI COMMENTI

Come sempre è un piacere fare visita in questo mondo egizio...
Inviato da: matteo
il 19/08/2014 alle 22:16
 
Eccoci qui dopo un lungo periodo di assenza a fare un...
Inviato da: Matteo
il 09/06/2014 alle 20:15
 
Che effetto tornare qui dopo tanto tempo..che sogno, che...
Inviato da: animad.argento
il 15/09/2013 alle 13:57
 
buonasera a tutti i visitatori di questo mondo antico...
Inviato da: princemat
il 09/04/2013 alle 20:42
 
sempre affascinante e fantastico entrare in questo mondo...
Inviato da: princema
il 04/03/2013 alle 20:55