Blog
Un blog creato da svampy2 il 27/08/2006

A 4 ZAMPE

Parliamo un pò di tutto...

 
 

PREMIO

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

AMORI MIEI

immagine immagine

immagine immagine

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: svampy2
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 32
Prov: LO
 

ULTIMI COMMENTI

ULTIME VISITE AL BLOG

lunarossa5764antonio.liamoniDIAMANTE.ARCOBALENOpsicologiaforensema_assaggiamociWIDE_REDprospero.ferraramaribor01mariagiovanna_salviail_segnoGS230668arjentovyvosvampy2bal_zacLACOCCINELLALILLI
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

I MIEI BLOG AMICI

- be happy!
- Ippopotamo Pensante
- AnimaliXAmici
- Erpetofauna Marche
- Arrampicando
- quattro zampe
- PoLdO CoMbInA GuAi!
- petitfrancoise
- shaddayland
- il pendolo magico
- ¤ANIMAL¤ LIBERATION¤
- VETRINE AI MACELLI
- troppi spiccioli
- Adotta un amico...
- nani e ballerine
- GibbO
- SIAMO CANI ?
- Blog veterinario
- Amare gli animali
- UNA PARTE DI ME
- GRILLO PARLANTE
- °Desdemona.soleil°
- NOI UOMINI DURI
- Mondo Panda
- Another World
- vitaspericolata
- Quattrocaniperstrada
- pulce nel cuore
- SENSUALISSIMA VEG
- wolf72
- Odontotecnico oggi
- ME,MY SELF AND I
- Cliccando qua e là..
- di fido mi fido
- Semplicemente Io
- aiconfinidellarete
- Dedicato a Barry
- Blue Everywhere
- IL MONDO DI LAURA
- misunderstood
- ARM
- CaniGatti&co
- Pulicino
- PETIZIONI ONLINE
- GALLINE DA CORSA
- Siamo Rimbecilliti
- L'onda...e l'oceano
- firulì firulà
- MARCO PICCOLO
- NeverInMyName
- PER GIOVANNI
- studiareabologna
- CASOMAI
- Fabbriche_Infernali
- coniglia70
- Quale Dio
- L'urlo
- Mirina Diario
- Eternal Flames
- La Mia Felicia
- Pezzi di vetro
- Cucci's blog
- °O_SeMþ£ï©€Meñte_O°
- Bodybag Blog
- Villaggio Turistico
- *Qsta sono io*
- noi e mitch...
- Adotta un Cane ...
- OrCHiDEa
- I Racconti di Pluto
- Usa e getta
- BLOGPENSANTE
- barbapapa
- La cerca
- Animal supporter
- Cani &amp; Ga.
- GwenGrafica
- amici animali
- Le bestie siamo noi.
- *CLINAMEN*
- BASTA TORTURE
- LAV ROVIGO
- NOPELLICCE
- Inside My Head
- arte passione amore
- D&eacute;coupage
- NO ALLE GABBIE
- Strada Facendo
- INCROCIAMO LE ZAMPE
- La valle degli Elfi
- CANI E GATTI
- CACCIA? NO GRAZIE
- BOBO E ZARA
- SOS.BAU.MIAO
 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

 

PAMELA ANDERSON VS KFC

 

TAG

 

PETIZIONI URGENTI

CLICCA SUI LINK E POTRAI FIRMARE DIRETTAMENTE LA PETIZIONE

NO ALLA CARNE DI CANE IN COREA

http://www.oipa.org/public/dogmeat/petition.php


NO AGLI ESPERIMENTI ALLA COLUMBIA UNIVERSITY U.S.A.

INVIA LA LETTERA AL BLOCCO INDIRIZZI: dstern@nba.com;commerce@mail.house.gov

Dear sir,
I write to convey my shock over decades of animal abuse inside Columbia University laboratories.
Animal experiments deflect focus and funding from cost-effective research that fosters knowledge pertinent to humans.
We are calling on Columbia to end the following cruel experiments, which have no practical value:
- strokes artificially induced in baboons by removing their left eyeballs to reach and clamp a critical blood vessel to their brains and administer experimental drugs.
- monkeys with metal pipes surgically implanted in their skulls for the sole purpose of inducing stress in order to study the connection between stress and women’s menstrual cycles. One monkey, left alone to recover from the hideous implant surgery, was photographed with blood running down her face long after she had come out of anesthesia.
- twenty years of pumping nicotine and morphine into pregnant baboons who are strapped into backpacks full of instrumentation and tethered inside their metal cages. Their babies undergo surgery while still in utero.
Animal experiments deflect focus and funding from cost-effective research that fosters knowledge pertinent to humans. Each species is so diverse in terms of its anatomy, physiology, biochemistry, and genetics that animal models are unlikely to yield important results.
Over 80% of U.S. medical schools have already replaced animal experiments with human-applied teaching methods in undergraduate medical training. It is time for your university to join them.
Thank you very much for your valuable time and consideration.
Sincerely,

First name
Last name
City and Nation


 

SI PUO' FERMARE IL TRAFFICO DEI CANI DELL'EST?

UNIAMOCI PER LOTTARE CONTRO LA TRATTA DEI CUCCIOLI DELL'EST: CLICCA QUI

 

CONSUMO CONSAPEVOLE

COSA POSSIAMO FARE

COOP e Esselunga, che per altri versi si dicono zoofili, vendono i prodotti IAMS. Scriviamo loro dicendo di evitarli:

segreteria.direzione@coopitalia.coop.it
servizio-clienti@esselunga.it

Lettera-tipo:

Spett.le Direzione,
unisco la mia voce a quella degli altri vostri clienti animalisti/zoofili per chiedervi di boicottare il marchio di cibo per animali IAMS, sostituendo i loro prodotti con altri prodotti di qualità ma no-cruelty. IAMS è infatti coinvolto in attività di sperimenatzione su animali, crudele e inaccettabile.
Vi sono altre marche di cibo per animali che non effettuano questo
genere di test, vi prego di scegliere quelle.

Per approfondimenti sulle indagini condotte su IAMS e per sapere quali
marche sono cruelty-free, potete visitare la pagina:
http://www.consumoconsapevole.org/05iniziative-c.html

Cordiali saluti,
nome cognome



Scrivi e fa scrivere lettere di protesta alle aziende che finanziano la vivisezione. Sono sufficienti poche righe, quello che segue è un messaggio-tipo da personalizzare.

Ecco gli indirizzi:

_prodotti Friskies/Purina
consumatori.servizio@it.nestle.com, Alessandro.Magnoni@it.nestle.com

_prodotti iams/eukanuba
iams&you@iams.com, info@wonderfood.com

_prodotti Mars/Waltham
Masterfoods Italy - via Dante, 40 - Belgioioso (Pavia) - fax: 0382/970493

_prodotti Hill's Pet Nutrition
Hill's Pet Nutrition srl - via Giorgione, 59-63 - 00147 Roma


Spett.le ..............................................,

desidero comunicarvi che non comprerò più il vostro cibo per animali, sino a quando non rinuncerete all'autorizzazione ministeriale alla vivisezione attualmente in vostro possesso.

Distinti saluti,
nome e cognome

 

NAPOLI HELP

guardate questo blog tanti cuccioli cercano aiuto!!!!!!!!!!

http://blog.libero.it/UNAMOREA4ZAMPE/?nocache=1208382152

 

 

Hai capito il bambino ?dovrebbe provare il brivido di un cappio al collo!!!!

Post n°376 pubblicato il 18 Maggio 2009 da svampy2

ANSA)- AGRIGENTO, 18 MAG - Sono tre i ragazzini identificati per aver seviziato ed ucciso, impiccandolo alla maniglia di un portone, un cane yorkshire. Grazie alla registrazione delle telecamere sulla villa comunale di Canicatti' i Carabinieri hanno individuato i minorenni. Ad uccidere il cane e' stato un bambino di 9 anni che si e' fatto filmare con un telefono cellulare dai due complici di 13 e 15 anni. I tre sono stati segnalati alla procura dei minori di Palermo.

 
 
 

cena e liberazione

Post n°375 pubblicato il 28 Febbraio 2009 da svampy2

Gli animali sono oggetti, liberarli è una rapina...

 

Questa è la storia dell'incontro fra una cena e una persona.

L'11 ottobre 2007, sulla ghiacciaia del pam di via Olona di Milano, sotto gli occhi di tutti, qualcuno agonizzava. Agonizzava da giorni. Il corpo gelato, i sensi annebbiati dal freddo. Agonizzava senza sapere perchè. Agonizzava e aveva paura.

Sdraiata su una ghiacciaia, una cena conosceva il terrore, il dolore, la nostalgia... Quella cena, in silenzio, urlava... Quella cena che sognava il mare...

Un continuo rumore copriva quel grido silenzioso e disperato, rendendo quel qualcuno cena silenziosa.

Ma ascoltando per un attimo il silenzio, era impossibile sottrarsi alle urla inascoltate di una cena, che in silenzio piangeva.

Quel giorno, una cena e una persona si guardavano e si ascoltavano. E poi correvano, insieme, verso il sogno di chi era nato astice ed era stato trasformato in cena. Verso il sogno di chi, sognando, piangeva.

 

Ma una ragazza ora correva fuori da un supermercato con in mano una cena!

L'uomo saltava giù dal camion e bloccava quella ladra di cene costosissime. Chiamava la polizia, per fermare definitivamente quella criminale.

 

Quella sera, mentre una ladra veniva arrestata per rapina, una cena cuoceva...

 

In p.zza Cadorna, alle 13 di giovedì 5 marzo, in occasione dell'ultima udienza del processo per rapina, è stato organizzato un presidio, per urlare che un animale non è una cena e che una liberazione non è una rapina.

 

Intanto, nel tribunale dei minori di Milano, verrà letta la rivendicazione che incolliamo qui sotto.

Ognuno sarà il benvenuto, ma ci piacerebbe non avere sigle o bandiere, per dire ciò che profondamente sentiamo come persone.

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

LETTERA DI UN ASTICE AD UN GIUDICE

 

UNO DEI MILIONI... PROPRIO UNO... PROPRIO LUI...

 

Immaginate per un attimo di essere sdraiati in una scatola di vetro, a pancia in giù sul ghiaccio, con mani e piedi legati e un pezzo di nastro adesivo sulla bocca. E' ormai una giornata che siete in quella posizione, o forse cinque minuti, in effetti vi è difficile dirlo con precisione. siete legati in mezzo a centinaia di giganteschi pacchetti di tetrapack, sacchetti di plastica, bottiglie di lemonsoda, elastici e spazzole per capelli. centinaia di persone si muovono intorno a voi. vi guardano, ma sembrano non vedervi, prese a saltare da uno scaffale all'altro, come tutte spinte da uno stesso impulso perverso a voi sconosciuto. quante ore, o giorni, o minuti saranno passati? qualcuno si ferma, vi osserva, dice qualcosa in una lingua incomprensibile. un'altra voce risponde da dietro la vostra testa, che è ormai talmente infreddolita da non pensare nemmeno di poterla provare a girare. da quanti anni, o giorni, siete chiusi li dentro? ogni secondo dura un minuto, ogni minuto un'ora, mentre contate il tempo secondo dopo secondo, e ad ogni secondo vi chiedete quanti altri ne dovranno seguire. un guanto enorme si protende verso di voi, vi solleva. la prima voce parla un'altra volta e voi vi ritrovate di nuovo con la pancia sul ghiaccio. qualcuno di fianco a voi viene sollevato a sua volta e chiuso in un pacchetto di cellofan. due persone, mentre scelgono le patatine fritte nello scaffale vicino al vostro, guardano la scena come fosse la cosa più normale del mondo. tutti intorno a voi si comportano come se lo fosse.

voi li guardate senza capirli e vi chiedete perché siete chiusi li dentro... e forse è un bene che di questa domanda non possiate conoscere la risposta...

 

io vivevo nel buco di uno scoglio, levigato dalle onde del mare (forse questa frase avrei dovuto interromperla a "io vivevo"). conoscevo perfettamente il mio fondale e sapevo che ogni onda avrebbe portato qualcosa di diverso e di nuovo. me ne stavo li, per giornate intere sulla mia roccia, a sentire il risucchio delle onde sul mio corpo immobile.

non so come abbia fatto a ritrovarmi catapultato all'inferno, è stato un attimo, quello che mi ricordo è solo il fondo del mare, e poi decine, centinaia di pesci schiacciarsi e contorcersi sulla mia schiena e sotto la mia pancia. l'acqua che scendeva, sempre di più, trascinandoci verso il basso, lasciandoci soffocare sempre più schiacciati l'uno sopra l'altro in balia della forza di gravità, ammucchiati come una catasta di legna. avevo paura, non capivo. all'improvviso siamo precipitati su un piano duro e asciutto. vedevo tutti morire soffocati, in preda alle convulsioni.

poi mi sono sentito sollevare, qualcosa di stretto e doloroso mi costringeva le chele. io non capivo, non sapevo cosa stesse succedendo, tutt'ora non so cosa sia successo ne cosa succeda. non so come ne perchè mi sia ritrovato all'inferno. il mio corpo è atrofizzato dal ghiaccio. fatico a muovere le zampe. un dolore costante e logorante mi stringe la testa e non mi lascia un solo istante di tregua. mi chiedo perchè, mi chiedo cosa sia il posto in cui mi trovo. dove sono le onde del mare? mi chiedo da quanto tempo mi trovo qui e quanto ancora ne dovrà passare. mi chiedo se sarà questo il posto in cui dovrò morire o cosa ancora mi aspetti. e intanto aspetto, aspetto rassegnato, secondo dopo secondo. conto il tempo, senza lasciar passare un solo secondo senza chiedermi come e perchè sia stato strappato al mio mare e se mai potrò rivederlo.

e grido in silenzio, perchè voi non la potete sentire la mia voce straziata. e imploro chi di voi ha un cuore di riportarmi a casa.

 

Un astice dei milioni... proprio uno... proprio io..

 

In questo processo ci sono due parti in causa: una si deve difendere dall'accusa di rapina, l'altra è quella che accusa. Ogni anno miglia di astici muoiono bolliti vivi, miliardi di animali vengono torturati uccisi per soddisfare il nostro palato. Al mondo esistono milioni di lager, in cui gli animali non sono che numeri, fatti nascere al solo scopo di essere sfruttati e uccisi, considerati alla stregua di macchine che convertono i mangimi in carne, latte, uova, pellicce, risultati di esperimenti.

Trovo ai limiti dell'assurdo che in questo processo sia io a trovarmi al banco degli imputati, per questo motivo ho voluto con la presente lettera chiamare a testimoniare la vera vittima di tutta la vicenda, l'unico testimone che credo meriti veramente di essere ascoltato. Purtroppo ho dovuto usare sentimenti, parole, sensazioni e pensieri umani per provare a rendere vagamente l'idea della profonda angoscia e del dolore provati dall'animale, e dell'insensatezza della diffusa convinzione che chi ne è responsabile sia nel giusto. E' evidente che si tratti di un espediente letterario e sono consapevole del fatto che l'astice non possa aver provato tali sensazioni così come descritte, ma era l'unico modo per rendere l'idea avvicinandosene il più possibile. So comunque di non essere riuscita nel mio scopo, tuttavia non avrei potuto in alcun modo farlo. Si tratta di situazioni che chi ha vissuto non potrà mai raccontare e da chi non sono state vissute non potranno mai essere comprese... mai sul serio... mai fino in fondo... Tuttavia è sufficiente guardare un animale negli occhi per capire che dietro ad ognuno di loro, così come ad ognuno di noi, si trova un intero mondo, un mondo che nessuno ha il diritto di distruggere deliberatamente.

Considero questo processo un'occasione per provare a dare voce a tutti coloro le cui grida straziate non fanno che rimbalzare contro un muro di silenzio. Ritengo necessario non rinnegare quelle che sono state le vere ragioni del mio gesto per fermarci tutti un attimo a riflettere su cose erroneamente date per scontate, io con voi.

Il grattacielo in cui viviamo, la cui cantina è un mattatoio e il cui tetto è una cattedrale, dalle finestre dei piani superiori assicura effettivamente una bella vista sul cielo stellato. Ed il tutto si regge su un pregiudizio, simile a quello razzista o sessista, il pregiudizio antropocentrico, che giustifica la diversa considerazione degli interessi su base di specie. La scala dei valori è stata completamente ribaltata, conformemente alle esigenze umane, fino al punto di attribuire diverso valore alla sofferenza a seconda del grado di "razionalità" di chi la prova, senza minimamente considerare il fatto che sentimenti e sensazioni come dolore, paura, istinto ed interesse alla sopravvivenza, terrore, percezione della vita e della morte, non sono affatto connessi alla "ragione", ma semmai alla sensibilità, propria degli altri animali così come dell'animale umano. A dire la verità, comunque, non è neanche propriamente la razionalità ad essere portata come principio discriminante, ma la mera appartenenza di specie.

Prendiamo in analisi il caso di un uomo portatore di un handicap tale da renderlo privo di capacità razionali, ma non di sensibilità. Ragionando in modo laico, coerentemente con l'assunto che la razionalità sia il principio che stabilisce il valore della vita, della morte e della sofferenza, l'individuo in questione dovrebbe essere considerato (e di conseguenza trattato) alla stregua di un animale-non-umano, ovvero come un potenziale mezzo che consenta ai cosiddetti "esseri razionali" di conseguire i propri fini. Il fatto che ciò (fortunatamente) non avvenga, rivela un'evidente contraddizione. L'opposta valutazione che spinge in un caso ad infliggere e nell'altro a evitare la sofferenza, non è forse il sintomo di un atteggiamento schizofrenico? Perché non si ha il coraggio di mettere in discussione i principi che lo ispirano, invece di elevarli a verità assolute e indiscutibili? Se lo si facesse, forse un gesto come il mio risulterebbe non solo comprensibile, ma addirittura doveroso ed inevitabile.

Io ho visto la sofferenza negli occhi di quegli animali, questo è stato il motore del mio gesto. La pietas, uno dei più nobili fra tutti i sentimenti. Ho portato una serie di ragioni perfettamente in grado di essere capite. Voi avete la facoltà di stabilire se restituire la dignità ad un essere senziente sia o meno un gesto criminale, ma prima che possiate decidere se volervi prendere questa responsabilità, voglio appellarmi al vostro buon senso, vorrei che voi provaste a chiedervi: siete fino in fondo sicuri di avere il diritto di farlo? E siete certi di poter soprassedere su quanto sopra detto? ...E Siete disposti a prendervi la responsabilità di riconoscere la tortura e di condannare la compassione e l'empatia?

 

 
 
 

appello

Post n°374 pubblicato il 10 Febbraio 2009 da svampy2

TROVATE LE FOTO SUL MIO PROFILO

Questa è una vera emergenza!! Questi piccoli e la loro mamma si trovano PER STRADA vicino a napoli, sono stati portati via da quella brutta situazione dove ogni giorno rischiavano la vita ma la situazione è TRAGICA!I volontari sono allo stramo delle forze e i piccoli sono tantissimi...alcuni sono ancora li, sotto la pioggia e nel fango!!! VI PREGO FATE GIRARE, SERVONO ADOZIONI E STALLI URGENTISSIMI!!!!!


Ne abbiamo trovato solo 11 ...domenica erano 20.....adottati????? o ????? Solo 6 possono essere adottati per il momento, gli altri sono molto ma molto piccini...vivono in condizioni disperate e solo Dio sa come abbiamo fatto a prenderli e portarli via. Abbiamo bisogno di adozioni o di stalli, non possono essere vaccinati, hanno circa 40 giorni, verranno di taglia media , la mamma è circa 13/14 kg, di una dolcezza infinita...ci ha lasciato prendere i suoi cuccioli, li baciava, li leccava e devota ci ha seguita...ora ...che ne sarà di lei????

I cuccioli del Vesuvio....i cuccioli trovati nel diluvio di Napoli...i cuccioli che hanno solo avuto la sfortuna di non incontrarci prima ed evitare che nascessero...

Nella e mail successiva, vi mando le foto di quelli adottabili, vi prego, anche solo uno stallo per qualcuno di loro e magari....anche la mamma...non la dimentichiamo....




INFO:

Anna 3283890587
Emiliano 3392368303
Alessandra 3398346043
Gabriella 3470521990
Claudia 3312566851
Alessandra B.3473538275

www.aiutiamofido.org
www.oipafirenze.it

 
 
 

il cittadino

Post n°373 pubblicato il 24 Gennaio 2009 da svampy2
















Interrogazione dei verdi dopo una sollecitazione della Lav 
Arriva in Regione  la strage dei pesci  nella Notte bianca   
 

 


La strage di pesci rossi della Notte bianca di Codogno approda sul tavolo dell’assessorato alla sanità della Regione Lombardia. Chi pensava che quanto accaduto il 6 settembre scorso durante la seconda edizione della Notte bianca codognese fosse stato ormai archiviato come un semplice ricordo spiacevole, si sbagliava di grosso. Perché dopo la denuncia penale inoltrata a settembre alla procura della Repubblica di Lodi dalla sezione lodigiana dell’Ente nazionale protezione animali (Enpa), adesso arriva dalla Lega anti vivisezione (Lav) della Lombardia un’altra voce di forte critica sulla moria di pesciolini rossi avvenuta in pieno centro storico a Codogno. E stavolta quest’eco d’indignazione ha pure preso una piega di forte denuncia istituzionale: proprio su sprone della Lav, quanto accaduto il 6 settembre trova infatti esplicita menzione in una vera e propria interrogazione presentata due giorni fa dai consiglieri regionali dei Verdi, Carlo Monguzzi e Marcello Saponaro, direttamente all’attenzione dell’assessorato alla sanità della regione Lombardia. L’interrogazione ha ovviamente carattere più generale e chiede chiarimenti in merito alla mancata applicazione delle recenti disposizioni in materia di randagismo, canili e negozi di animali, le stesse che hanno modificato ed integrato la legge regionale 16 di tutela degli animali, redatta nel 2006. E pur vero però che, tra il riferimento di un articolo di legge e la specifica di un comma giuridico, il caso della Notte bianca di Codogno è l’unico fatto riportato dall’interrogazione come esempio concreto di violazione della legge. Perché proprio la norma regionale 16 di tre anni fa vieta anche l’utilizzo di animali come premio o regalo per giochi, feste e sagre, lotterie e sottoscrizioni. Quanto successo a Codogno viene citato dai consiglieri dei Verdi come «uno dei tanti casi segnalati». «Il programma della Notte bianca prevedeva anche la “Serata del pesce rosso” consistente nella offerta in regalo di centinaia di pesciolini rossi forniti in collaborazione con il negozio Tropical Fish di Codogno - si legge nell’interrogazione -. Oltre a violare le disposizioni della legge 16 del 2000, tale iniziativa è tuttora oggetto di procedimento penale presso la procura della Repubblica di Lodi in quanto, a seguito della distribuzione di oltre 700 pesci rossi, centinaia di animali sono stati abbandonati e lasciati morire nella strade della cittadina». Quei fatti, davvero spiacevoli, avevano provocato numerose proteste in città già all’indomani della Notte bianca, con segnalazioni di denuncia, alcune presentate direttamente al comando dei vigili codognese. Perché quei pesciolini indifesi lasciati morire a terra, se non addirittura lanciati da tanti “bulletti” contro il monumento ai caduti di piazza Cairoli o in testa alle ragazzine della propria compagnia non erano piaciuti per niente. Adesso arriva la denuncia della Lega antivivisezione e dei Verdi. Una nuova tegola che cade sulla testa di una vicenda controversa e dagli esiti imprevedibili. Luisa Luccini


 
 
 

Abbiamo raggiunto pochissime firme, aiutateci a divulgare ancora!!!

Post n°372 pubblicato il 22 Gennaio 2009 da svampy2


PER FIRMARE LA PETIZIONE: http://firmiamo.it/aiutiamoicavallidifirenze


A: Sindaco di Firenze
Con questa petizione chiediamo al Sindaco del Comune di Firenze di mettere al bando l'uso di cavalli per trainare le carrozze noleggiate dai turisti. Gli ricordiamo che Firenze è stata citata più volte come 'città degli animali': allora, come tante altre città turistiche nel mondo, diciamo NO al triste spettacolo dei cavalli sfruttati nel nostro centro storico.

I motivi principali sono cinque:
1. I cavalli, spesso anziani, sono obbligati a trascinare carrozze molto pesanti in mezzo al traffico cittadino, lungo viuzze strette, congestionate ed inquinate; ciò costituisce un pericolo sia per i pedoni, per i ciclisti, per altri veicoli nonché per i cavalli stessi;
2. I cavalli sono costretti a lavorare anche in condizioni climatiche estreme: dai 40°C ai 0°C, sotto il sole scottante o nel gelo, a discapito della loro salute;
3. I cavalli soffrono, essendo costretti a portare il morso, il paraocchi e a muoversi su pavimentazione inadatta ai loro zoccoli;
4. I cavalli possono essere frustati a discrezione del conducente (l'uso della frusta è consentito dal regolamento della Polizia Municipale);
5. Ai cavalli non è garantito servizio veterinario sul posto in caso di ferimento o incidente.
Nonostante ciò, i regolamenti attualmente in vigore a Firenze non tutelano questi splendidi animali.

I firmatari chiedono che il Comune di Firenze compia un atto di civiltà e vieti l'utilizzo dei cavalli, o di altri animali, per il traino delle carrozze nel proprio territorio di competenza e di convertire le licenze dei fiaccherai in modo che la loro attività non preveda lo sfruttamento di animali.

Campagna promossa da: CEDA Onlus, LIDA, OIPA, Progetto Vivere Vegan.

 
 
 
Successivi »