Creato da magdalene57 il 25/05/2005

dagherrotipi

ciò che si vede, è, ciò che è?

 

 

« LA MORTEFORSE SI. »

LA SIRENETTA, NO. NON S'E VISTA

Post n°2763 pubblicato il 06 Dicembre 2015 da magdalene57
 

Io, invece, sono andata a Copenhagen. E mi son comprata pure un paio di scarpe pesanti: sai, la pioggia, io freddo... e se poi nevica??

Certo, quando compri scarpe pesanti di solito le indossi pèer qualche ora, in modo che il piede s'abitui. invece io le ho messe subito e son salita sull'aereo, e ho camminato e camminato ... che mia figlia, se il mondo l'han creato in sei giorni, lo vuol vedere in tre!

E io e i bambini, appresso, e chi si lamenta per il freddo, chia per la fame, chi perché ha bisogno del bagno, chi perché: ma è mai possibile girare a vuoto in sta maniera???

Mette a dura prova il viaggio quando anche lo fai con persone che ami, si battibecca, si molta tutto e si torna a casa prima (io), ci si guarda in giro straniti in terra straniera, ospitale, umana, ma straniera. 

il clima: va da se, che fa freddo. Ma è un freddo caldo, temperato dall'aria del mare che arriva, anche se ti sembra lontana (mica tanto), ma arriva. La tundra è qui in castello, con annessi dolori reumatici e scricchiolii. A Copenhagen, se ti vesti bene senti freddo, ma non umido. E poi c'è il vento. Tipo bora: compare all'improvviso e sbatte per terra biciclette e tenta anche con le nonne. Ma io sono come Susanna tutta panna...

trasporti: assolutamente bibiblette. che fanno anche un po' ridere, perché la gente sembra seduta a tavolino, drtitta impalata con un manubrio altissimo, a seconda della loro altezza. Bibiblette di tanti colori, quelle usate dagli studenti stranieri. nere o rosse, quelle immagino dei danesi. Ma per spostarsi basta prendere la metro o l'autobus: ne passa uno ogni due minuti.. un record !! E' la fonte maggiore di spesa mensile. per questo vanno tutti in bicicletta. Ma ci sono anche le macchine, si capisce, piccole, modello city car.. 

La lingua: loro parlano tutti l'inglese. Così se ti vedono per strada con una cartina in mano, o ti sentono parlare un altro idioma, si fermano e cercno di spiegarti tutto, t'aiutano. In inglese.  Ma io lo capisco poco e lo parlo meno. I gesti, quelli si, mì arrangio, egentilmente loro non ridono. Cos' ho scoperto che Toilette che mi pare una parola inglese, io la dico alla francese e quindi loro non capivano. Isa lo capisce bene, e s'arrangia benissimo. Jaky, ormai, ci sogna in inglese.. Diego e Rocco... eran tutto un Hai...! fankiu!..

Il cibo: ho scoperto che i danesi mangiano a tutte le lore ed ovunque: stai facendo la spesa? c'è senz'altro un tavolinetto a disposizione dove puoi mangiare qualcosa di fresco preparato nel negozio. Sei per strrada? Girati attorno e scegli quel che preferisci: dolce o salato, danese o palistano, vegetariano o carnivoro... basta mangiare per combattere il freddo pungente, ma secco, che ti si infila d'appertutto. E poi bevi.. grog speziato, vino puro caldo, birra, succhi di ogni tipo, e quell'orrenda brodaglia marroncina che loro chiamano caffè e che fa molto film americno..

I bambini: ce ne sono tantissimi. Sono una delle popolazioni più giovani d'europa. Mediamente tre/quattro bambini. in passeggini doppi/tripli, in bicicletta dentro uno scatolone tutto coperto che li ripara da qualsiasi intemperia. Coccolati, amati, viziati... Negozi di giocattoli meravigliosi dove i bambini non solo guardano, ma giocano, creano, disegnano. Persino in chiesa, protestante, c'è un posto riservato per i bambini, dove possono disegnare anscoltando la funzione. E per loro ci sono fogli e colori. E poi c'è Tivoli, pensata e voluta da un re per garantire svago al suo popolo: se il popolo è felice e si diverte, non protesterà mai. Tivoli è l'isola che non c'è per grandi e piccini. Negozietti, ristorantini, chioschi, giostre fiori, colori, luci.. pulizia, ordine, .. 

la moda: mi aspettavo di vedere donne in pelliccia, grandi colbacchi... invece le biondissime signore indossano grandi cappotti dall'aria molto costosa tutti annodati in vita, e sotto: nero. Neri gli abiti dei ragazzi, le magliette, i pantaloni, i cappotti, con qualche eccezione cammello. Solo i bambini danno colore, che in questa stagione vestono tute da sci coloratissime. Per il resto il colore imperante è il nero. E nei negozi il rosso. I negozi più brutti son quelli di scarpe. 

le candele: le candele le trovi ovunque. in casa, nei locali, nei negozi, lungo la via. Sempre bianche e sempre accese. Mentre cammini per strada vedi la loro fiammella sui davanzali delle case con enormi finestroni. Non amano molto le tende e quello che succede dentro è affar loro, e se proprio ti interessa, anche tuo. Ma la città ad una certa ora è tutto un luccichio di luci candele.. candele... candele

la popolazione: magri (ma ci sono anche grassi omoni su d'età), alti, biondi, con pelli che vanno da una gradazione super bianco al bianco che più bianco non si può! Barbe lunghe e ben curate, capelli corti, ma dato che c'è Christiania, ci sono anche i reduci degli hippie... tutti sono gentilissimi, sembrano assolutamente tranquilli. Dice mio figlio: qui vale la regola delle tre otto: otto ore di lavoro, otto ore di svago, otto ore di riposo. E mi pare che la regola funzioni benissimo. ottima l'integrazione, per quel che ho visto, tra popoli diversi, Ho conosciuti italiani sposati in loco, ho visto donne con velo bero dalla testa ai piedi, ma il viso scoperto, quasi tutti i tassisti sono di colore, insomma è vero che in Danimarc c'è posto per tutti.

le case: a parte le modernisimeche sono moderne dappertutto, a pate l'alloggio di mio figlio che si è scoperto essere non solo ancora in via di strutturazione, ma pure con un permesso abusivo, le case dicevo, anche quelle popolari di una volta sono belle fuori e credo anche dentro. In legno, tanto legno, tetti spioventissimi, grandi finestre, scarpe fuori dalla porta, e , ahimè.... bagni formato treno. Nel senso che in una toilette del treno ci stava il nostro bagno che era di una casa per due persone, dove ospitano anche quattro persone. Se facevi la doccia non potevi fare la cacca, nemmeno i bambini... e viceversa...  ma forse siamo noi abituati a qualcosa di esageratamente grande e costruito.. i mobili e il concetto dell'aredamento credo rispecchi il mondo IKEA, con aggiunte di qualche pezzo di famiglia. Ma il legno, tanto legno a farla da padrone, rende tutto caldo e accogleinte.

Christiania: è il quartiere "verde". Ha una storia. All'inizio era una base militare della marina. poi è stata occupata e trasformata in questo posto. Ogni villino ha un colore suo, edifici enormi su più piani contengono locali dove la gente va a passare le serate ascoltando musica dal vivo e non. All'ingresso, sopra una cancellata c'è una scritta bifrontale: di qua entri a Christiania- di qua torni nell'UE. Si perché questo quartiere, che come tutti i quartieri di Copenhagen è retto da un consiglio, con a capo un sindaco, ha delle regole tutte sue. tra le quali vietato fotografare, vietato correre , vietato urlare. E in quel quartiere non ci vivono solo gli spacciatori , ma anche famiglie, ci sono negozi, supermercato, falegnameria, scuola, silo. il tutto autogestito. Se vuoi andare a vivere li (per altro le villine sono bellissime e immerse nel verde) devi essere valutato da tutti gli abitanti ed accettato dagli stessi. Altrimenti niente da fare.. Passetggiando con i miei nipoti non ho trovato ne li, ne in giro per la città, ubriachi, drogati, gente molesta. C'è un rispetto reciproco ed una pulizia pure al Christiania, che danno dei punti a molte vie italiane. Comunque la roba si comprare a prezzi bassissimi, vista la concorrenza, in botteghini che sembrano vuoti dall'esterno. Tu non vedi nulla, uno si avvicina e vedi solo una mano che prende ed una che da.. E non pensate a mani di disperati... Ho visto uoni e donne molto eleganti e per bene, camminare e fare compere..  In tutta la città ho contato DUE bottiglie rotte per terra....

mio figlio: quando l'ho visto in aeroporto mi sono sentita male. Per una madre è già difficile stare lontana dal proprio figlio. Quando poi l'occhio di rimanda ad un po' di trascuratezza, ti sembra stanco, ti vengono le lacrime agli occhi perché pensi: ma come vivrà?!? Vive come tutti gli altri, maschi, ma forse anche le femmine, e studia, e si diverte, fa qualche cazzata, cucina per se e per gli amici, ma è pur sempre il tuo bambino .. Non son salita in camera sua, ero sicura che mi sarei sentita male, non hanno l'armadio e da sei mesi vive con la roba nelle valige, sottosopra... .. Spero che l prossima destinazione sia migliore. Certo che l'unico momento in cui l'abbiam visto sollevato e quasi ciarliero è quando, dopo il terso giorno, c'ha messe sulla metro per lì'aeroporto: praticamente RISORTO! gli ho rotto le balle all'infinito: e questo non va, quell'altro come mai? , e perché questo... ma come si fa a tacere? non lo so, ditemelo voi...

 

 

 

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/butterflay/trackback.php?msg=13321843

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
atapo
atapo il 06/12/15 alle 19:18 via WEB
Che bello questo resoconto "a caldo", così tutto d'un fiato, quasi una conversazione o una confessione. Insomma, un mondo nuovo che ti ha incuriosito parecchio. Chissà l'entusiasmo dei due pargoli! Io , a sentirti parlare di tutto quel freddo, penso che l'inverno lì non faccia per me... se mai ci andrò...
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 08/12/15 alle 20:32 via WEB
Insomma, non aver visto la sirenetta mi pare un motivo in più per tornarci, no?:)
 
odio_via_col_vento
odio_via_col_vento il 13/12/15 alle 21:16 via WEB
Aspettavo il tuo post di Santa Lucia....... Comunque: AUGURI
 
MARIONeDAMIEL
MARIONeDAMIEL il 13/12/15 alle 21:38 via WEB
Anch io sto facendo un corso accelerato per NON rompere ai figlima com e difficile :) la bora ? La prossima volta tornaci d estate .... auguri Mag!!
 
atapo
atapo il 13/12/15 alle 22:19 via WEB
AUGURI!
 
Casalingapercaso
Casalingapercaso il 14/12/15 alle 20:07 via WEB
E tanti auguri anche da qua. Bello il resoconto da Copenhagen. Non ci sono mai stata, ma è nei miei desideri. Anni fa mi sono innamorata di Stoccolma, e poi di Amsterdam. le capitali del nord danno questa immagine di calma, di buona educazione, di rispetto per tutti, che non sono solo apparenti. E adesso dopo averti letta ho ancora piu voglia di andarci. Ciao
 
la.cozza
la.cozza il 21/12/15 alle 19:39 via WEB
Si può girare il mondo senza muoversi da casa con resoconti così avvincenti come il tuo. L'ho letto tutto d'un fiato e mi ha affascinato. Per quello che riguarda tuo figlio, anche io sono così con il mio e sono solo due mesi che è lontano da casa, che poi lontano non si può nemmeno dire visto che è a neanche cento chilometri.
 
Casalingapercaso
Casalingapercaso il 24/12/15 alle 17:01 via WEB
Tanti auguri di Buon Natale Margi. A presto.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

EPISTOLARI AMOROSI

Si parlava con alcuni amici di aprire un blog  di lettere d'amore dall'altisonante nome:

EPISTOLARI AMOROSI

Non ho ben chiaro se intendessero lettere  nuove, o lettere scritte in passato, anche da altri. 
Forse, basta che siano lettere d'amore, nell'accezzione più ampia del termine, penso.

biancapellegrini

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

MENO MELASSA, PIU' CONCRETEZZA

 

per poter aiutare concretamente Chiara rivolgetevi al blog LA RETE X CHIARA.

 

CANZONI

 

 

 

TAG

 
 Ma, dopo tutto sono un uomo. E tutte
le considerazioni filosofiche
non bastano a impedirmi di
desiderarti, ogni giorno, ogni momento,
con la testa piena dello spietato gemito
del tempo, del tempo che non potrò
mai vivere con te.
Ti amo, di un amore profondo e totale.
E così sarà sempre.

(R.J.W)



DESIDERIO

VORREI PIEGARTI
AL MIO TANGO GIAGUARO
MIA SILFIDE AZZURRA
DELL'ORSA STELLATA,
E AL BRIVIDO CRESPO
DEI TUOI FIANCHI SGOMENTI
ALITARVI D'AGOSTO
IL RANTOLO CUPO
PRIMA CHE TU RITORNI GIUNCO
O IL VENTO CHE LO PIEGA
VORREI COLMARTI
L'INFINITO DEGLI OCCHI
COLL'AMARO DEL SALE
DEL MIO TEMPO PERDUTO,
GRAFFIARTI IL VISO
DI ROSSO VERMIGLIO
SCOPRIRTI IL SENO
AL BACIO INFUOCATO
PRIMA CHE TU RITORNI VENTO
O IL GIUNCO CHE SI PIEGA



Io sono certa che nulla più soffocherà
la mia rima,
il silenzio l’ho tenuto chiuso per anni
nella gola
come una trappola da sacrificio,
è quindi venuto il momento di cantare
una esequie al passato.


Alda Merini, da "La Terra Santa"

 

PARMAGHEDDON & FOGLIAZZA

ovvero...come ridere della giunta di Parma, senza essere sopraffatti dal pianto...

 

CHI VUOLE S'AGGREGHI

QUESTO BLOG E' COSI' REGOLATO:

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.

 

QUESTO BLOG APPARTIENE AD UNA
VECCHIA SMIDOLLATA SENTIMENTALONA
e me ne vanto!!


***

questo è il blog di una nonna al quadrato

nonna al quadrato

*****

L'ANATEMA DEL DAMA, DAMINA E
DAMIGIANA

'Per ora mando neve e tempesta
ma una salvezza soltanto vi resta:
organizzate un altro ritrovo
e il Cavaliero invitate di nuovo.
Voglio vederli pur'io stucchi e specchi,
basta carretti di robivecchi!
Se non farete per ciò buon ufficio
scaglio su voi orribile maleficio:
che non possiate mai più godere
del dolce strufolo o della pastiera!
Stretta la foglia, verrà ancor l'estate:
facit'ampressa, e organizzate!

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

MEMORANDA

 

dagherrotipiborder: 0pt none ;

 

 

 

MULTIETNICITÀ

 

 

 

 

 

 

 

You are The Lovers

Motive, power, and action, arising from Inspiration and Impulse.

The Lovers represents intuition and inspiration. Very often a choice needs to be made.

Originally, this card was called just LOVE. And that's actually more apt than "Lovers." Love follows in this sequence of growth and maturity. And, coming after the Emperor, who is about control, it is a radical change in perspective. LOVE is a force that makes you choose and decide for reasons you often can't understand; it makes you surrender control to a higher power. And that is what this card is all about. Finding something or someone who is so much a part of yourself, so perfectly attuned to you and you to them, that you cannot, dare not resist. This card indicates that the you have or will come across a person, career, challenge or thing that you will fall in love with. You will know instinctively that you must have this, even if it means diverging from your chosen path. No matter the difficulties, without it you will never be complete.

What Tarot Card are You?
Take the Test to Find Out.

 

NONTIDISTRARRE




 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ATTRIBUZIONI

SONO ANCHE QUI