Creato da sparus_rm il 14/08/2005
La mia personale giungla cambogiana

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Par condicio, me ce ficco

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Se vuoi contattarmi...

Ultime visite al Blog

mi.citoemilytorn82volpoca0diletta.castellimg.padovanoelena33310pantaleoefrancarossi.dancefoggianellamakavelikascellone73labirintodolce_pesoenzoattanasioMaddalena_e_oltre
 

Ultimi commenti

ri-apri sta minchiazza di blog?
Inviato da: liubiza
il 22/05/2009 alle 16:22
 
Ho provato a mandarti un messaggio ma a quanto pare non è...
Inviato da: kolline
il 09/04/2009 alle 07:54
 
Sono d'accordo.Un'altra "vittima" della...
Inviato da: CONTROILMONDO
il 01/04/2009 alle 17:22
 
emmm... vabè, io non centro :)
Inviato da: elbirah
il 25/03/2009 alle 21:13
 
Wow! "Ovemai" Era una vita che non sentivo questa...
Inviato da: antesignana
il 22/03/2009 alle 20:46
 
 

I miei Blog Amici

- Perturbazione
- Polystirene
- Le Arabe Felici
- Femme Normale
- La camera Lilla
- Esco fuori (TheMarryingMaiden)
- Skassa
- antonia nella notte
- ....bisogni (respiro liberamente)
- Sex&theCity
- cognitive displaysia
- STURM und DRANG - Pornoromantica
- Bagnacauda
- OBLÒG
- Claudia's world
- Frame by Frame
- Ambrosia e cicuta
- MiSsSrEfuSe
- Irony is life
- Satine Rouge
- Contro corrente
- Voodoo_DoLLy
- Sex and the City
- PensoQuelloCheDico
- Quei formidabili anni 70
- L ATTIMO FUGGENTE
- In Esistente
- *Serendipity*
- jazzando
- Dare/Avere...
- In trappola - Kolline
- In Dipendenza
- ! Call Sazu !
- LIGHTHOUSE KEEPER
- Sconfinando
- Specchi dellanima
- Turista per caso
- LE MELE GIALLE
- Tracce
- Job and the city
- Oniricamente
- Anima In.Pena
- Bagnacauda e capperi
- Albatros_1972
- certi momenti
- Autoestinguente
- She goes away.
- ...viaggiando...
- DESIDERATA
- oliviaspaghetti
- Calamity Jane
- Pensieri
- Trozzolerie varie - Rospia
- outing
- DILOGIE & OMBRE DevaLou
- ES - Lady Violet
- im lazy - Gericorosa
- lo sguardo altrove
- Gozerdammerung
- Divino Flagello
- MY OWN TIME - Lallamai
- LORIAPRO - Volpoca
- LAraba Infelice
- Negli angoli di casa
- vivazapatero
- petali perduti
- Extraterrestre
- LOLITA A 360°
- da Napoli a Milano
- QUARTO BLOG
- MareMatta
- Piazza delle Erbe
- voci dal sottosuolo
- Mocambo
- Cinesi Felici
- HocusPorcus
- Clotiride
- Fogliosporco
- Siamo fatti cosi globuli rossi
- Nodopurpureo
- La Cortigiana scrive
- middlemarch
- *
- le con diréne
- TURK 182
- Umbilicus Pop
- Gli Allegri Beduini
- Cinesi Felici 3
- La Capoccia
- ANARCHICO BLOWJOB
- Ghiaccio
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Pizza di scarolaMe, myself and I »

Un uomo da sposare

Post n°51 pubblicato il 23 Settembre 2005 da sparus_rm
Foto di sparus_rm

“Sei proprio un uomo da sposare!” Me la sono sentita dire tante volte questa frase, da fidanzate ed ex fidanzate, amiche, colleghe, semplici conoscenze. Più che altro perché in cucina me la cavicchio, perché faccio quel che posso per essere gentile e attento, perché so cavarmela benino anche nelle faccende domestiche e cerco sempre di darmi da fare per far stare bene le donne. Ma ho concluso che è una di quelle frasi che portano più sfiga della maledizione di Montezuma e di una bomboletta Voodoo di cera con gli spilloni messe insieme. E’ peggio di farsi spazzare le scarpe. Ed è anche una frasetta un po’ subdola e pericolosa, perché anche se può sembrare un complimento puoi star certo che chi te la dice ti sposerebbe solo se fossi l’unico uomo su un’isola deserta o cose così. Senza contare poi che l’idea di matrimonio implica che si trombi, e sinceramente non mi è mai sembrato che ci fosse la benché minima intenzione in chi mi ha detto stà cosa. Mai che qualcuna ti dicesse “vorrei prenderti, sbatterti contro un muro, spogliarti come un verme e trombarti focosamente fino a farti implorare pietà, aita, mercé”. Mai che capitasse una cosa del genere, mi accontenterei anche di un più discreto “perché non vieni a casa mia, stasera, ca t’fecc l’orecchiètt cu le cim’ de rep’…” Col cazzo, che capita. A parte il fatto che generalmente dovrei essere d’accordo anch’io sulla possibilità che io mi voglia sposare con chi la pronuncia, al giorno d’oggi il matrimonio è diventato una cosa fottutamente seria. Ho partecipato a tanti matrimoni di amici, parenti e colleghi; a qualcuno a cui ho fatto anche da testimone (e prima o poi farò un post anche su questo, perché i riti nuziali meritano), ma quelli che stanno riuscendo bene sono davvero davvero pochi. Per quanto riguarda la mia personale casistica sono due. Si, due soltanto, a fronte di decine di cerimonie generalmente pallose, dove il prete racconta sempre le stesse cazzate, l’ufficiale di stato civile ha sempre fretta, nel ristorante fa sempre troppo caldo o troppo freddo, il cibo - malgrado i nomi altisonanti[1] - fa sempre schifo, e le scarpe prima o poi iniziano sempre a fare male. Troppo pochi, questi matrimoni riusciti per capire perché certi funzionano e altri invece no. Quelli che invece non funzionano invece si vedono subito. E poi ci sono sempre le statistiche, che per definizione sono impietose, specie quando si parla di quest’argomento. Ma non è questo ciò di cui parlavamo. Sarò un uomo da sposare, ma non mi basta esserlo perché sono bravo come cuoco, come domestico o come amico galante. Vorrei semplicemente essere amato per ciò che sono, ed essere capace di amare una donna per ciò che è. Finora non ci sono riuscito, e il resto sono chiacchiere. Per ora mi accontento di dare quel che posso e quel che so, così come mi riesce di farlo. E se è per una sera, una settimana o un mese, poco importa. L’importante è aver voglia di mettere dentro le cose qualcosa di sé stessi, senza “astiparsi”[2]. Sincero e libero. Non sarà mai soltanto per mettere una tacca. La varietà mi interessa e m’incuriosisce, ma le collezioni mi annoiano un po’. E se proprio devo, preferisco collezionare altro. Esche da spinning, mulinelli, canne da pesca e altre fregnacce del genere. Ma le donne no. Le donne sono una cosa seria. Eccheccazzo.



[1] Leggete i menù dei ristoranti specializzati in cerimonie, non è raro trovare spernacchiamenti tipo questo “filetto di spigola in carpaccio royale con patate delice”

[2] Conservarsi, mettersi via, rinunciare a darsi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog