Creato da RavvedutiIn2 il 20/05/2013

Ravvedimento morale

Alto pensiero ( ? )

 

 

Perché non mollare tutto ???

Post n°462 pubblicato il 04 Giugno 2017 da RavvedutiIn2

A volte possono mancare le parole,  a volte le parole non riescono a star dietro ai pensieri . A volte gli altri, nel loro insieme,  mi fanno schifo oltre a farmi male,  ma un dato peculiare che mi caratterizza da sempre, mi riporta poi alla realtà, ripetendomi fino allo sfinimento che ,  molto  probabilmente, ciò che mi fa schifo e mi fa star male è un  qualcosa che  ho dentro di me e che di me fa parte. Ergo , si odia (  o si detesta ),  o si  ama , quel qualcosa che fa  parte  di  noi  stessi.  Poche persone possono  vantarsi della  propria stessa imperturbabilita', la quale in un  ancor  minore numero di casi riesce a non sfociare nella più assoluta indifferenza,  che vorrebbe essere rivolta verso gli avvenimenti estranei,  che però, sempre in base al fatto che noi viviamo una realtà ' da formiche inconsapevoli', realtà vera e propria forse non è... Viviamo mica magari in una realtà bidimensionale, formiche che strisciano su di un foglio, inconsapevoli della possibilità che di fianco a questo foglio ve ne sia un altro, e  che dunque le dimensioni effettive siano almeno tre, o quattro tenendo conto che c ' è anche il Tempo tiranno a dir la sua, su di noi e sugli avvenimenti che riteniamo,  a torto, di vivere appieno e di poter in qualche modo controllare?

 

E se le suddette dimensioni fossero ancora di più? ,  allora si rischierebbe un gran bel mal di testa, simile a quello che mi ha preso circa un '  ora fa,  che sia esso il vero colpevole di ciò che scrivo in questo momento? 

Ma no,  non credo si possa parlare di colpevoli, al limite anzi qui, nel mio caso, si deve spaziare all'  interno di meriti indubbi ed assai consistenti,  pur se non sempre graditi agli altri,  che possono scambiare il tutto per un confuso e contorto discorso misto a totale mancanza di modestia ed autocontrollo. Modestia ed autocontrollo sono due belle cose, ma di solito non vanno d'accordo con sincerità e spontaneità,  almeno nei casi di scrittura '  di  getto ' , quella appunto in cui le dita fanno fatica a correre dietro ai pensieri sulla tastiera di questo smart abbastanza idiota e lento,  che mi costringe a controllare ogni due o tre righe cosa diamine io possa averci scritto, in quanto esso corregge da solo, e come tutti i casi in cui qualcosa o qualcuno ci vuol correggere... lo  fa  male, sbagliando tempi, modi e metodi...  e obiettivi. 

La dimostrazione di ciò è insita nel fatto che appena il sottoscritto ha cominciato a modificare una linea che riteneva fosse sua,  personale, accorgendosi che in realtà essa era si veritiera ma ormai datata, che essa era una linea un po' accomodante, una linea fatta per '  non tradire' , appena il sottoscritto ha cominciato ad esprimere cose ' non più tanto gradevoli e gradite', ecco apparire,  neanche tanto nascosto,  un ostracismo di rimando, una messa al bando :  non va bene dire cose che contrastano col buonismo imperante, espresso per la maggior parte da coloro che il degrado lo conoscono solo dai TG o  dai giornali... o dal web stesso, mi chiedo allora a cosa sia valsa la pena l ' aver parlato di me in prima persona, riferendomi apertamente a fatti, brutti, che mi hanno toccato, mi chiedo come (  e  se ) io possa tentare di far ragionare qualcuno riguardo al fatto che stiamo velocemente sprofondando verso un baratro sociale, economico,  culturale, ad esempio in quanto ormai ostaggi di fenomeni di massa imposti dall ' alto, l'  immigrazione incontrollata ne è solo un banale esempio, potrei invece, ma l '  ho anche fatto,  a suo tempo,  parlare della corruzione da terzo mondo, contrastata ormai solamente da ironia ed umorismo spiccio e scadente in stile Crozza,  mi si permetta lo spietato e scarno riferimento. 

Insomma ,  se scrivere non cambia le cose,   ed almeno ai miei occhi la gente è sempre più scema,  cattiva e timorosa... a  cosa serve farlo ,  cioè ...  scrivere? 

Perché non mollare tutto??? 

Intanto in questa notte di Verona,  '  quasi '  profondo nord , le  moto  e  le  auto  corrono  a  tutta  birra, io invece  sto  bene  qui in  casa ,  coi miei tre gatti e   la  cagnolina Sally,  dormono tutti,  loro ,  li invidio con tutto il  cuore ... 

Spero di non  aver  fatto  troppi  errori  con  sto   stupido ... smartphone  ... 

Ciao  ... 

 
 
 

Un normale bar da qualche parte .

Post n°461 pubblicato il 11 Maggio 2017 da RavvedutiIn2

Due  fila  di  mangiasoldi  di fronte  appena  si entra ,  significative espressioni  di  gioia  o di  rabbia   , la    

porta stride sul  pavimento quando la si urta  per  entrare  .   Sulla  sinistra la  visuale  di un  banco  tipo  quelli  di  venti   anni  fa ,  non che l '  ambiente sia  tanto  ampio , sedie e quattro tavolini e due tipi  seduti , altri  tre invece sono davanti alle  macchinette .

Solo  uno  è davanti  al  bancone ,  il  barista se  la  racconta con  quell '  altro ,  fuori ,  alcuni  seduti altri  in piedi , intanto i  bianchi  scorrono  in gola  , è un  bar  dove i  clienti  non  disdegnano  , crisi  o  non  crisi  si paga  -  alcuni , bisogna  dire  un po'  rari ,  offrono , ma  di  questi tempi sono  per lo  più  gesti  estemporanei , ma  succede  pure  a  volte  in  nome  della  compagnia . 

Un  cane  gironzola  fra  dentro  e  fuori  , fra  gambe e  tavolini ,  fuori  ,  fra alcuni di  quelli  seduti ,  pare  ci  sia  del movimento  ma  è  un  bar  ,  " anche "  questo ,  dove gli  occhi  sanno  dove  guardare .

Il tipo  al  bancone  gesticola  , si sbraccia  ,  i  due  se la  contano  e  se  la  ridono , i  due  ,   dico  due  gratta  e  vinci  gli  cadono  dalla tasca , troppa  enfasi  per una  modesta  vincita ,  ma lui  niente non se  ne  accorge . 

È  assai  lesto  il  ragazzetto  con  cappellino ,  finge  un  qualcosa  si  accuccia  per  un  istante e  se li  imbosca . 

Non  si  sa  quanti occhi  vedano il tutto  , ma per  certo fra questi  ci  sono  anche  quelli  del  cane ,  che  per  un  attimo  si  ferma come  se  il  tempo  fosse  in    sospensione  .  

Poi  ...  ricomincia  a  gironzolare 

...   come  niente  fosse . 

Pomeriggio  in  un  bar  come  tanti , 

almeno  dalle  mie  parti  .

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

MAGGIO PAZZERELLO

Post n°460 pubblicato il 06 Maggio 2017 da RavvedutiIn2

Mi pare che  questo mese di maggio sia pazzerello come si suol definire un altro mese , marzo , per la precisione . No , non sto affrontando una parte del tema inerente la meteorologia , questione che peraltro a sprazzi m ' interessa anche . Col termine " pazzerello " mi riferisco in particolare a tutti gli italiani , rispettabilissimi per carità , che pare proprio scelgano ancora , e nonostante tutto , sia di sottostare , sopravvivere direi , all ' Egida di un partito come il Pd , unitamente al fatto di scegliere come capo di questo carro di matti , tale Pd appunto , un incapace , folle , mentitore abituale , attorniato da una coorte di leccachiappe seriali , parlo di un  certo Matteo Fonzie . Adesso , che nonostante il fatto ampiamente dimostrato che nessuna regola di stampo comunista o quantomeno ad essa legata abbia mai funzionato in nessuna parte del mondo , ma vi siano ancora parecchi che vi credono tuttora , beh , ci può anche stare . Ma io resto sorpreso e costernato dal fatto che anche in seguito ai segnali evidenti di fallimento totale di una politica che di vera sinistra , non massimalista , vi siano dei pazzerelli , appunto , che intendono ancora soffrire delle conseguenze di una banda di ladri che , ad esempio , protegge propri parenti indagati per questioni di banche fallite o anche per problemi legati ad una " politica attiva " volta , a parole , al reinserimento lavorativo di coloro che lavoro non hanno , qui posso tranquillamente spaziare all ' interno di un campo che comprende ventenni come cinquantenni . Mese pazzerello e gente pazzerella , o almeno distratta , distratta anche da problemi caratteriali che comprendono anche la propria stessa incapacità di ammettere i propri stessi errori , incapacità di cercare nuove strade ed esperienze di vita che annoverino in sé stesse la ricerca di dire le cose come sono in realtà . Non è una " guerra fra poveri " , no , a questo non ci dovrebbe credere neanche il buon vecchio Bambi,  eppure ci si crede . Non che dall ' altra parte si vada meglio , questo è certo , però alcuni dei temi toccati dalla " becera destra populista " sono molto veritieri e toccano in maniera tangibile gli stessi che si ostinano ad esempio ad applaudire una immigrazione assolutamente ingiusta ed incontrollata , che chiaramente porta solo problemi e nessun beneficio . Non si può rispedirli indietro , ma non è nemmeno giusto che dobbiamo sorbirceli tutti noi qui in italia , previo " aiuto " di ONG che   " aiutano " solo per fregare soldi , tanti soldi , a tutti noi . Pazzerelli , troppi , da una parte , razzisti dall ' altra . Resto , io , in attesa di un miglioramento del clima , non solo del clima legato agli aspetti meteorologici . E non mi colloco né da una parte né dall ' altra , prendo solo atto che continuando ad essere fedeli a " linee di pensiero " il più delle volte evidentemente fallimentari , non si va da nessuna parte . 

 
 
 

Quattro tasti pigiati a caso ( o forse no ? )

Post n°459 pubblicato il 09 Aprile 2017 da RavvedutiIn2

Con totale franchezza posso dire di non essere sempre sicuro , almeno ultimamente , di sentire la mancanza degli eventi oppure di soffrire semplicemente di nostalgia nei confronti di eventi comunque già trascorsi ... e che non si ripresenteranno mai più , almeno nella stessa forma nella quale si sono evidenziati negli anni passati . 

Affermare che i problemi di un tempo sono gli stessi , amplificati , di oggi , è come scoprire l ' uovo di Colombo , eppure è bene rimarcare anche questo aspetto delle cose che caratterizzano una società come quella odierna . 

Al fatto che la Repubblica sia tale solo di nome e non nella realtà , ai perenni problemi di disparità fra nord e sud , alle croniche spese inutili da parte di uno Stato come il nostro si aggiunge da qualche anno anche il problema dell ' immigrazione senza alcun controllo , almeno io in prima persona la vivo come tale , si aggiunge anche il particolare per nulla trascurabile che tutti i settori politici , i mass media , che siano essi di destra o di sinistra ormai non ha alcuna importanza , tirino la coperta dove più ad essi conviene , e che purtroppo ancora molta gente ritenga che valga la pena di avere idee politiche . 

Ricordo chiaramente , ma è solo un banalissimo esempio , G8 al quale ho " partecipato " in veste di contestatore , oggi non credo lo rifarei . Marce e scioperi , fatto anche quelli , oggi , ma è inutile dirlo , non condivido più tutti i " grandi temi " per i quali m ' infervoravo moltissimo fino a tre o quattro anni addietro . Sono cambiato io , sono cambiati i tempi , è cambiata la società nel suo insieme , tanto per dirne una anche le varie agenzie interinali , spuntate purtroppo come funghi , valutano oggi i " possibili " lavoratori in un modo diverso rispetto a pochi anni fa , sono richieste oggi molte più competenze . 

Non so ancora , al momento , se interverrà una " santa mano " dall ' alto , se riuscirà , essa , a riportarmi sulla retta via della sinistra contestatrice che tiene sempre le parti dei più deboli , anche quando detti " deboli " poi deboli non sono , pare anzi che sia tutto un disegno ben orchestrato in modo da far legare molta gente a vecchi schemi del passato , alcuni risibili altri addirittura erronei in modo lapalissiano , ma pregni di un ERRORE non visibile a tutti , ancora al momento . Una lingua , la nostra , che lentamente ma inesorabilmente scompare , bivacchi di rom e senzatetto , anche italiani , che occupano piazze e strade , un aumento esponenziale di delitti , furti e stupri , ma si insiste ancora , da una certa parte , nel dire che tutto ciò è colpa dei più abbienti , nei confronti dei più poveri . Miopia pura che però ancora non si dissolve , dando spazio invece al fatto che in un Paese in forte crisi come ad esempio il nostro , la pretesa che certi crimini siano frutto solo di emarginazione , porta solo ad un accrescimento dei problemi in se' stessi e ad una cancellazione quasi totale di interi settori progressisti che potrebbero ancora invece frenare lo sfacelo in atto , ed io sarei il primo ad esserne felice . Invece , la caduta del Muro di anni fa , ancora non è stata per nulla digerita , i vecchi , logori , stantii , erronei schemi del passato non sono per niente stati sostituiti , dunque sotto con la difesa ad oltranza anche di quelli , e sono tanti , che uccidono gente magari indifesa , magari , ripeto magari , schiacciandola con un camion , tutto perché si ha paura , parlo di altri non certo di me , si ha paura di ammettere che una sinistra credibile e con qualche chance di governare in futuro deve reinventarsi e prendere come utili e giuste anche alcune idee , dico alcune , della tanto aborrita destra , capendo in primis che ormai destra e sinistra sono molto diverse , e per fortuna , da quelle di una volta , che sicurezza personale e giustizia e libertà e imprenditorialità individuali sono cose molto importanti e lo saranno ancor più in futuro , capendo che , ma per far questo basta leggere qualche libro , un certo Gramsci apprezzava , ricambiato , un Mussolini ai suoi esordi , capendo che un Marx e un Lenin odiavano , in realtà , i propri stessi simili , capendo che tutti gli assiomi ed i dogmi di coloro che affermano di non avere dogmi sono pericolosissimi e perennemente perniciosi e che contrastano fortemente con il mondo a colori che io OGGI vorrei , in quanto vogliono solo un mondo grigio , spento , statico , per nulla libero e giusto , nascondendosi dietro un qualcosa di orribile , definito da essi stessi come Dittatura , seppur del proletariato , proletariato che peraltro lo si vede sempre meno , si vede solo povertà diffusa a tutti i livelli . 

Dunque , so , dentro di me , di non provare più né attesa né nostalgia nei riguardi di un qualcosa che , so , essere crollato .... fortunatamente per sempre . 

Sono orientato verso un NUOVO ... che però ancora non scorgo , in nessun Nuovo Orizzonte . 

Quattro tasti pigiati a caso , oggi ... o forse no ??? 

 

 
 
 

Pensiero

Post n°458 pubblicato il 18 Marzo 2017 da RavvedutiIn2

Aumento della popolazione , aumento del consumo pro capite , inverso aumento delle persone intese come entità impiegate nell ' atto della suddetta produzione , diminuzione della stessa necessità di maestranze intese come tali , fossero dirette alla produzione come alla vendita o dirette a surrogare ed alimentare lo stesso ramo che , si dice ,  li sostenga , pare proprio che non se ne esca se non rifiutando , a priori , qualunque consumo non sia reperibile saltando a pie' pari qualsiasi forma di pagamento . Oppure rubare direttamente , amplificando il rumore di fondo , e anticipando ciò che deve essere . 

 
 
 
Successivi »
 

UMBERTO D

 

ULTRAVOX

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 43
 

ULTIME VISITE AL BLOG

oscardellestelleRavvedutiIn2slavkoradicElemento.Scostanteanima_on_linescrittoreoccasionaleBlog.di.SophiaSky_Eagleacer.250ali.555castello_nicemgf70lacky.procinopaperino61tofabriziobelardi
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom