Nuvole di scrittura

poesia e altro di penna

Creato da nefertiti704 il 02/07/2011

Area personale

 

green hill

 

 

Mi trovate anche  sul blog

di StregaM0rgause

"I racconti del cuscino"

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 54
 

Ultime visite al Blog

nefertiti704occhi_digattalorifuacida.acidogaza64lunadargent0psicologiaforenselascrivanapoeta.72adrianaflaviastrong_passionninokenya1cristinapontillosilvia1996e
 

Ultimi commenti

... sono caparbia... ti inseguo... e non mollo!........
Inviato da: acida.acido
il 17/10/2014 alle 23:27
 
... Mia Cara... sto' qui... inamovibile... aspetto......
Inviato da: acida.acido
il 07/10/2014 alle 00:22
 
... Sempre
Inviato da: adrianaflavia
il 05/10/2014 alle 23:10
 
Ti porto nel cuore.
Inviato da: acida.acido
il 05/10/2014 alle 01:57
 
... il mio pensiero pi grande, un abbaccio immenso, Map,...
Inviato da: acida.acido
il 04/09/2014 alle 23:13
 
 

Chi pu scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« LA FAVOLA INTERROTTABuon compleanno Nefertiti704 »

A Neno, un amico che ce lha fatta.

Post n°35 pubblicato il 02 Aprile 2012 da nefertiti704
 

aquila reale

 

Sei passato sul ponte del dolore.
In siderali spazi senza tempo
meteorite sperduta nella notte
non ti sei arreso all’invitante richiamo
della Sirena della Dimenticanza.
Lottavi d’amore.
Giovani spighe di grano
sussurravano preghiere
nel segreto di chiese ormai in disuso
e la Rosa tea della tua vita
accendeva nella casa della vicinanza
fiammelle di candele rosse.

tutto questo il tuo cuore ha sentito

Lavando i neri giorni dell’oblio
sei diventato uccello.
 Aquila reale.
Con ali forti dell’acciaio
hai planato là dove i fiori
s’accendono nel buio
per indicar la strada da seguire.
L’aratro del Tempo s’è bloccato
un frantume di respiro,
ma è stata solo una breve sosta
del tuo lunghissimo volo.
           

 
 
 
Vai alla Home Page del blog