Boycott ©®

Responsabilizziamoci:"Questo Mondo alla rovescia ci insegna a subire la realtà invece di cambiarla,a dimenticare il passato invece di ascoltarlo e ad accettare il futuro invece di immaginarlo.Vediamo di vivere e lavorare per un mondo 'altro' "

 

AMARCORD


 
 
Citazioni nei Blog Amici: 115
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

La vita nasce per essere vissuta e per godere mon trovi?...
Inviato da: chiarapertini82
il 05/02/2016 alle 19:05
 
Il chinotto recoaro il top!!! Peccato che questo prodotto...
Inviato da: Andrea
il 09/07/2014 alle 22:10
 
Grazzie!
Inviato da: L'île au trésor
il 07/08/2013 alle 11:32
 
La informazione da voi data non corrisponde alla verità dei...
Inviato da: Zingaro Carlo
il 07/05/2012 alle 00:40
 
Ma invece di perdere tempo con questo giocattolo senza...
Inviato da: Sergio
il 02/12/2010 alle 22:36
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

reggiana0lillicamiecol2rita.zaninielviprimobazarpavone2303riccardiannamariapig62claudioavioSindiegofantartistgloglo1995Armcochiarapertini82stefanovevey
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Boycott
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 37
Prov: VR
 

FACEBOOK

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« I nostri soldi ridotti in cenereIncredibile! Un partito ... »

I finti giornalisti: Bruno Vespa

Post n°272 pubblicato il 04 Ottobre 2006 da Boycott
 

immagine Bruno Vespa, nato a L'Aquila il 27 maggio 1944, è il maestro di quel falso giornalismo che si definisce equi-distante, ma come dice Gian Antonio Stella, in realtà è equi-vicino. Un giornalista dovrebbe tirar fuori gli altarini nascosti dei politici, invece Vespa addirittura ammette di essere amico di tutti, da Bertinotti a Bossi. Infatti il suo modo di far disinformazione va bene a tutti: ai tempi del pentapartito confessava spudoratamente che il suo "editore di riferimento" fosse la DC e non i telespettatori; con l'Ulivo venne promosso a condurre quattro serate invece di una; con Berlusconi diviene addirittura la terza camera per i politici.
Nel 1962 divenne cronista radiofonico alla RAI e nel 1968, conseguita la laurea in Giurisprudenza, conduttore del "Telegiornale" RAI (in seguito TG1).
Si può definire un giornalista "scomodo alla vera informazione". Infatti: nel 1969 annunciò alla Nazione: "il colpevole della strage di Piazza Fontana è Pietro Valpreda", poi scagionato totalmente; spaccia Andreotti come "assolto" quando la sentenza della Corte di appello di Palermo dice che il reato di associazione per delinquere con Cosa Nostra fino al 1980 è stato commesso ma l'imputato si salva per prescrizione.
La vera specialità di Vespa è l'escogitare"armi di distrazione di massa": cucina in diretta un risotto con D'Alema, scambi a tennis tra Panatta e Giuliano Amato, firma al posto nostro il contratto con gli italiani, fa cantare Bossi con Mino Reitano, oppure Berlusconi con Apicella, oppure esperto i seni come mostra il video.



Sui fatti sgraditi preferisce altro: quando Previti viene condannato, lui fa una puntata sul Viagra; quando viene condannato Dell'Utri per estorsione parla di calcio-scommesse; quando viene condannato l'ex ministro Mannino per mafia lui rispolvera il plastico di Cogne; dopo le elezioni supplettive dove vinse 7 a 0 il centro-sinistra parla dell'Isola dei famosi; di nuovo Dell'Utri condannato ma stavolta per mafia Vespa improvvisa un dibattito sul taglio delle tasse; bocciatura di Ciampi sulla riforma dell'ordinamento giudiziario ma si parla del film di Boldi e De Sica.
Forse questo si spiega perchè Vespa è un uomo pieno di conflitti d'interesse. Ogni anno pubblica un libro grazie alla Mondadori (Berlusconi), insieme alla Eri (RAI), e viene pubblicizzato a pagamento nelle trasmissioni televisive (nel 2004 comparve in 34 programmi). Collabora con Panorama (di proprietà di Berlusconi) dove lavora stranamente anche il fratello, Stefano Vespa, come caposervizio.
immagine È coniugato con il magistrato Augusta Iannini (foto a destra), capo Dipartimento Affari penali al Ministero della Giustizia (posto che fu di Giovanni Falcone), ingaggiata dall'ex ministro Roberto Castelli. Insomma, quando era premier Silvio, la moglie di Vespa era una dipendente di governo. Nel 1993 la Procura di Roma chiese alla Iannini di arrestare Gianni Letta (poi vice-presidente Fininvest), Adriano Galliani e Carlo De Benedetti, ma il primo fu caporedattore al "Tempo" quando ci lavorava il marito Bruno e quindi mandò in prigione solo l'ultimo.
Vespa non mette mai paura ai politici, anzi, loro ne mettono a lui. Parlando del processo di Milano in cui è imputato Berlusconi per aver corrotto dei giudici Vespa chiede: "Si sente di escludere che qualcuno della sua cerchia possa aver corrotto uno dei 15 magistrati che sono coinvolti nel processo Sme?" Silvio risponde: "Vuoi che ti metta le mani addosso adesso, o devo aspettarti fuori?".
Per tutto quello che combina Vespa in tv e che combinerà noi cittadini gli paghiamo uno stipendio di 2 miliardi e mezzo di lire attraverso il canone.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: Boycott
Data di creazione: 14/11/2005
 

IL VIDEO DELLA SETTIMANA

 

TELEFONA GRATIS

immagineimmagine
 

LA TV SUL TUO PC

immagine
immagine
immagine
 

GIORNALI SUL TUO PC

immagine


immagine


immagine


immagine


immagine


immagine


immagine


immagine