Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaracassetta2misteropaganoArianna1921Chevalier54_ZArtalekneveleggiadra0vololowCavalieraErranteossimoraloveforever90QuartoProvvisoriofranz609Princejoint6
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 04/10/2023

La mala ora.

Post n°2810 pubblicato il 04 Ottobre 2023 da fedechiara
 

La mala ora. Salvate il soldato Trump. 03 ottobre 2020

E' ufficiale. Una gran quantità di gente, forse una maggioranza, la pensa in modo opposto ai giornalisti e direttori di giornale della stampa 'mainstream'.
Incluso il nuovo quotidiano 'Domani' che si proclama indipendente, ma le sue titolazioni sono in perfetta linea di tiro ad alzo zero contro la destra dei suoi compagni di cordata politica vecchi e malandati.
Tutti senza apprezzabili differenze contro Trump, sano o malato che sia, contro Salvini, colpevole di efferatezze a prescindere (come si confidavano i magistrati delle chat di Palamara) e contro tutti coloro che ritengono l'immigrazione massiva e sregolata dei naufragi organizzati dai criminali scafisti una iattura e una tragedia epocale che va fermata sulle coste africane e asiatiche con un efficace blocco navale sul modello australiano.
E conseguente bando permanente alle o.n.g. taxi del mare.
E che siano minoranza politica e sociale, al pari della sinistra di s-governo che si affida alle proroghe dello stato di emergenza sanitaria per tirare a durare sembra non preoccuparli minimamente, i nostri impavidi giornalisti mainstream – e, forse, la loro sola preoccupazione sta nei numeri delle vendite nelle edicole a picco; e non sarebbe male, giusto per verificarne l'indipendenza pretesa, sapere la provenienza dei fondi che li tengono in vita pur se boccheggianti.
E se non ci fosse internet a lasciar scorrere un rivolo di pareri contrari di noi 'negazionisti' di opposti pareri (parola usata come una clava dai suddetti giornalisti dei giornaloni, al pari di 'sovranisti': feccia, a sentir loro, dell'umanità rigenerata dai sublimi pensieri solidali con tutto quanto avviene di storto e contorto nel vasto mondo rotto) avremmo la perfetta rappresentazione di un mondo a testa in giù.
Un mondo dove il male di vivere e le tragedie conseguenti di fame, guerre e dittature diventano il bene e il riscatto di un mondo infermierizzato che 'accoglie' a maglie larghe, larghissime, senza controlli e distinguo tra clandestini e aventi titolo di rifugiati, - e i mutamenti e il disordine sociale che conseguono a questa abdicazione politica sono il giusto prezzo da pagare a questa volontà di medicare l'immedicabile. E la presente pandemia delle maschere incollate sui visi e i saluti avviliti a distanza ce ne dà la raffigurazione più estrema e triste, in quest'anno di assoluta infamia e che vorremmo cancellare dal novero delle nostre vite.
E, se Trump, malgrado il virus che lo affanna, sarà rieletto, come prevede quel professore che già ne previde la vittoria prima contro la Clinton, sarà la giusta pena e castigo per tutta la canea di voci 'dem' e le sinistre europee che hanno fatto carte false e tentato perfino l'affondo di un fantasiosissimo impeachment per toglierselo di torno.
Ad malora, direbbe un tale di mia conoscenza.
Già, la mala ora di una umanità allo sbando dove il caos e l'entropia regnano sovrane e dove si combattono ferocemente, con pensieri e parole fuori luogo e misura, i pochi (o forse molti, ma che non hanno voce di stampa e una giusta rappresentanza politica ) che si misurano lancia in resta con la fragile idea di 'ordine'.
  • Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 

Le nebulose della Storia.

Post n°2809 pubblicato il 04 Ottobre 2023 da fedechiara
 

Le nebulose della Storia. - 03 ottobre 2014

La Storia, lo sappiamo, è un 'file' compresso. Tutti gli accadimenti al suo interno, perciò, ci appaiono incredibilmente veloci nel loro succedersi, come se non ci fossero pause e distensioni tra l'assassinio di un re e una battaglia decisiva per le sorti di quel regno. Così, nella lettura storica, la vita di Filippo II il Macedone, - poco più di cinquant'anni di vita, dei quali molti trascorsi 'all'estero' in qualità di ostaggio politico -, ci sembra una pazzesca sequenza di eventi rapidissimi, quasi tutti militari e pochissimo spazio concesso ai molti matrimoni, invece, e ai figli avuti e gli amori vari e diversi e pericolosi che gli valsero, pare, si mormora, la pugnalata finale dei congiurati.
E se ci stupisce la rapidissima ascesa nella cronache contemporanee dell'esercito dell'Is e del suo califfo Al Baghdadi e le conquiste militari che continuano ad onta dei bombardamenti dall'alto, ugualmente straordinaria fu, di contro, l'impresa di Filippo II che, sconfitto dai Focesi di Onomarco e orfano delle sue falangi decimate, arruolò ventimila uomini in Tessaglia e riprese a guerreggiare con maggior lena e vigore.
E la vita di quei Macedoni nostri avi sembra non conoscere momenti di noia, pur se privi dei nostri prodigiosi giocattoli i-pad e pc e f/b e chat varie, perché erano ispirati, fin dal primo risveglio, dalle visioni e rivelazioni divine che convinsero Olimpiade, ad esempio, che il figlio Alessandro fosse stato concepito in sogno copulando con Zeus e tale, figlio di Zeus, fu rappresentato nelle sculture e negli affreschi che lo dicono capace di uccidere un leone.
E la realtà della Storia, in verità, è nebulosa, a cagione degli storici che avvallano questa leggenda o quella in perenne disputa tra loro - ma non meno nebulosa è l'attualità degli eventi che ci sottopongono i radio e telegiornali, a voler ascoltare certi 'dietrologi' odierni, secondo i quali le Twin Towers sono state 'dinamitate' da oscuri agenti di chissà che 'servizi segreti' per chissà che fini e perfino l'impronta della scarpa dello scafandro spaziale di Amstrong sulla Luna fu costruita abilmente in certi 'studios' di Hollywood e filiali annesse.
E perfino le nostre stesse verità, quelle delle regioni oscure delle nostre vite che ci sono causa di segrete angosce e dolori, col correre degli anni producono le nebbie per le quali non sappiamo più veramente se siamo stati comprimari o protagonisti e cosa sarebbe potuto succedere se...
Questo è quanto avevo in animo di dirvi oggi, sabato autunnale di sole più caldo dell'estate appena scorsa, a presto rileggerci e grazie dell'attenzione.
  • Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963