Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaracassetta2azzurro781Paul12dglNemesys4m12ps12misteropaganoArianna1921Chevalier54_ZArtalekneveleggiadra0vololowCavalieraErranteossimora
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 15/10/2023

Storici assedi.

Post n°2826 pubblicato il 15 Ottobre 2023 da fedechiara
 

(...) Comandato dal legato pontificio l'abate di Citeaux, Arnaud Amaury,[3] l'esercito crociato raggiunse la periferia di Béziers il 21 luglio. Mentre i soldati allestivano il campo, il vescovo di Béziers, Reginaldo di Montpeyroux, cercò di negoziare per evitare spargimenti di sangue. Tornò a Béziers con il messaggio che la città sarebbe stata risparmiata a condizione che avesse consegnato tutti i suoi cittadini eretici.[4] Il vescovo stilò quindi un elenco di 222 individui, per lo più catari, alcuni valdesi, verosimilmente tutti 'perfetti' o capi delle loro comunità. Ma in un'assemblea tenutasi nella cattedrale, si stabilì che non fosse possibile consegnare queste persone poiché godevano di un sostegno troppo ampio all'interno della città. Così il vescovo chiese ai cattolici di lasciare la città per salvarsi dai crociati. Questa proposta fu tuttavia respinta dagli abitanti della città, che si sentivano più al sicuro all'interno delle mura e che non avevano intenzione di abbandonare i loro concittadini.[5] Alla fine il vescovo lasciò la città con solo pochi cattolici al seguito.[1]

Non succederà come nel Duecento in Linguadoca -nell'assedio di Bèziers della crociata contro gli eretici Catari – che l'esercito di Israele chieda agli assediati di Gaza di consegnare i capi di Hamas. Perché ognuno di quei soldati assedianti sa che Hamas è Gaza e Gaza è Hamas, città di martiri da lunga fiata, vocati alla morte in nome di quello statuto che ogni abitante condivide (ma non lo dice davanti ai reporters e ai volontari occidentali che gli forniscono assistenza medica e viveri): di voler distruggere Israele e uccidere ogni ebreo occupante il loro territorio.
La giusta lotta degli oppressi, la giustifica qualche esaltato nelle manifestazioni qui da noi.
Fuori dalle ipocrisie che ci vengono dalle redazioni dei tiggi buonisti e dai visi compresi della gravità dell'evento in corso, la verità è che il patto di sangue stretto dagli abitanti di Gaza con i loro amministratori civili e capi militari è simile a quello degli abitanti di Bèziers. I capi di Hamas sono la città intera.
Allah conosce bene e ama i suoi fedeli ed ha avvolto gli assassini di infedeli 'u akbar' in una spirituale comunione di intenti con la città, un rispetto mistico, una religiosa ammirazione per il loro folle agire di 'combattenti' (terroristi per la comunità internazionale).
La città li ha votati al governo della città a larghissima maggioranza, sapendo perfettamente quali rischi correvano tutti in caso di provocazioni militari e di lancio dei razzi e la conseguente risposta di guerra di Israele.
La città perciò è condannata.
Non la salverà l'Onu e nessuno degli appelli tardivi che vengono dalle cancellerie dell'Occidente infigardo farà il miracolo di fermare la giusta risposta militare di Israele – gravemente ferita dal massacro di donne, bambini e vecchi da parte delle belve di Hamas.
La città verrà rasa al suolo e disarticolati i suoi bunker sotterranei dove trovano rifugio i diavoli armati e gli ostaggi, come accadeva nel corso degli assedi medievali, e si salvi chi può – e chissà se l'immensa massa dei profughi verrà raccolta via mare da qualche nazione mediterranea od europea buona, buonissima che vorrà farsi carico di questi portatori di un odio mortale contro Israele e l'Occidente che trasmetteranno ai figli e ai nipoti.
Il futuro di Europa, lo sappiamo, sono le spaventose enclaves islamiche da dove partono gli assalti all'arma bianca come quello di ieri ad Arras e i nostri figli e i nipoti vivranno una vita blindata, costretti ad una vigilanza quotidiana ed a guardarsi le spalle, ma in molti, a sinistra, la chiamano 'accoglienza' e i giudici di Catania la confermano sotto speciale tutela europea, facciamocene una ragione.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

 
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963