Creato da xteneraladyx il 16/07/2009

CUORE IN VIAGGIO

...per raccontare storie e raccontarsi...

 

« Strane alleanze...Se mi ami non piangere! »

Borgo Antico

Post n°500 pubblicato il 22 Febbraio 2015 da xteneraladyx

 

Le aveva percorse mille volte quelle stradine tortuose del suo piccolo paese.
Un borgo antico, arroccato su una collina aspra con poco verde e le sue pietre grigie che splendevano al sole.
Gente semplice che della vita aveva capito il senso.
Ci era nato per caso in quel posto.
I suoi genitori lo avevano visitato durante un viaggio; erano giovani e quel posto li aveva rapiti, erano solo amici a quel tempo, ma entrambi avevano manifestato il desiderio di tornarci e viverci, appena ci fossero state le condizioni per lasciare la fredda Inghilterra.

Il tempo era passato, le loro vite si erano divise, spaccate in mille pezzi.
Un giorno, alla ricerca di un senso al loro andare, per strade diverse erano tornati al piccolo borgo che immutabile li aveva accolti con il loro carico di insoddisfazioni.
Si erano ritrovati, pi
ù vecchi e meno saggi di quel che avrebbero voluto.Vuoti, disillusi...ma il piccolo borgo, con il suo respiro libero, riusci ad incantarli di nuovo, come molti anni prima...
Si rovesciarono addosso i rispettivi malesseri per ricominciare, giorno dopo giorno, a rivedere la vita con occhi nuovi, a vedersi come non si erano mai visti
.
Cercarono casa, la riempirono di loro stessi, di progetti e sogni che potevano ancora realizzarsi e poco tempo dopo io arrivai nella loro vita, per riempirla del senso che avevano sempre desiderato.

Sono stati anni spensierati, fatti di momenti speciali, vissuti con l'essenziale che arrivava da questa terra, da questa gente.
Diventato grande, decisi di lasciare questo posto anch'io.
Era necessario.

Mi allontanai per cercare qualcosa che sentivo assente nella mia vita.

Caddi nei facili tentacoli che la vita notturna offriva, paradossalmente ripetevo gli stessi errori dei miei genitori, le esperienze vacue di amori sterili.

Fino all"incontro con l'amore vero, quello che dava un senso a tutto...ma la citt
à non poteva essere il nido sicuro di questo rapporto.

Così sono tornato  al borgo antico con l"unica persona con cui desideravo invecchiare.
Chiss
à se i miei compaesani avrebbero saputo accoglierla con il genuino affetto che tanti anni prima avevano saputo dare a due altri giovani stranieri giunti dalla metropoli.

Entrai in paese stringendo la mano di Marco e mi sentii di nuovo a casa.


 

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

 

 

 

ULTIMI COMMENTI

 

 

AVVISO

Alcune immagini e/o testi inseriti
nel blog sono presi  dal web...
Chiunque ritenesse il loro uso
improprio, è pregato di contattarmi,
e provvederò all'immediata
cancellazione.

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 25