Creato da: carloreomeo0 il 03/06/2014
pensieri in libertà
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

Ultime visite al Blog

surfinia60alf.cosmosvita.perezNoRiKo564amistad.siempreQuartoProvvisoriocuspides0Cherryslormaliberacuriosettinoprefazione09naar75chiedididario66Estelle_k
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« IL MARE DENTROBEATA IGNORANZA »

EDUCARE O ASSECONDARE I FIGLI?

Post n°504 pubblicato il 22 Aprile 2021 da carloreomeo0

 

Ringrazio i miei genitori per avermi insegnato che amare un figlio non vuol dire difenderlo sempre, in ogni circostanza, ad oltranza al di là se egli abbia ragione o torto, anzi un bravo genitore è colui che guida il proprio figlio a riconoscere i suoi errori, affrontandoli, ponendovi rimedio se possibile, chiedendo scusa se necessario, in modo che da essi tragga insegnamento, che tramite essi faccia esperienza, per crescere e divenire adulto non solo anagraficamente.  

Il bravo genitore è colui che non tiene il proprio figlio sotto una campana di vetro, ma lo lascia libero di scegliere e di sbagliare, aiutandolo se necessario, senza però permettergli che si appoggi totalmente a lui divenendo apatico verso la vita, insegnandogli in questo modo a farsi carico di ogni sua decisione e delle conseguenze che da esse derivano, responsabilizzandolo.

Ringrazio i miei genitori per avermi fatto comprendere che c’è più amore nella sofferenza di dire un NO a certe richieste di un figlio, di quanto ce ne sia in un Sì liberatorio, in modo che egli sia pronto ad affrontare tutti i NO che la vita porrà lungo il suo cammino e imparando ad apprezzare, non dandolo mai per scontato, ogni singolo Sì.

Ringrazio i miei genitori per avermi fatto comprendere, che è più difficile e impegnativo insegnare ai propri figli quanto sia importante il rispetto di alcune regole piuttosto che cedere ad ogni loro capriccio, perchè educare non vuol dire assecondare e che le punizioni date per averle infrante quelle regole a volte sono fonte di sofferenza più per i genitori che per i figli, ma sono assolutamente necessarie.

I miei genitori mi dicevano sempre che la cosa più importante da insegnare ad un figlio è il rispetto, il rispetto per sé stesso, perché solo chi si rispetta può rispettare gli altri, solo così si trasforma un figlio in un Uomo di valore.

Ora, alla luce di tutto questo, mi chiedo e vi chiedo, quanti ragazzi di questa cosiddetta generazione X, di questa nuova generazione sono stati educati secondo questi principi?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Virtualizzato/trackback.php?msg=15515779

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 22/04/21 alle 23:42 via WEB
Sono ragazzi i cui genitori hanno la mia età, o qualcosa di meno. Dev'essere successo qualcosa per cui i genitori non sanno più fare il loro mestiere. O forse sono ancora così immaturi da non riuscire a fare il loro dovere.
(Rispondi)
 
 
carloreomeo0
carloreomeo0 il 23/04/21 alle 23:30 via WEB
Io credo che il problema di fondo di questa generazione di genitori e di quelle che succederanno ad essi, sia il fatto che credono che amare un figlio significhi proteggerlo dal mondo esterno, dalle delusioni e dai dolori della vita, invece di insegnargli ad affrontare sia il mondo che la vita, come ogni buon genitore dovrebbe fare.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.