Creato da kayfakayfa il 10/01/2006

LA VOCE DI KAYFA

IL BLOG DI ENZO GIARRITIELLO

 

Messaggi di Dicembre 2017

QUEL SOGNO INFRANTO DI NOME MATTEO RENZI

Post n°1864 pubblicato il 21 Dicembre 2017 da kayfakayfa
 

 

Eppure all'inizio ci avevamo creduto alla storia del giovane rampante "sceso in politica" per rotta­mare i vecchi politici, sostituendoli con una squadra di trentenni agguerriti e preparati come lui o poco meno, esenti da qualsiasi ambizione personale o male caratterizzante la vecchia politica - tipo una propensa attitudine alla corruzione o a emanare leggi a tutela dei propri interessi e di quelli di pochi amici in barba ali interessi reali dei cittadini - per riformare il paese, risollevandolo dalla mel­ma in cui lo aveva affogato per l'appunto la vecchia politica, per rilanciarlo verso rosei orizzonti.

Poi, man mano che quel giovane e la sua troupe fecero irruzione nelle stanze del potere, prima del proprio partito e poi del paese, in quest'ultimo caso a scapito di un Enrico Letta trattato da grullo con il famoso tweet #enricostaisereno a significare che mai il capo di quella troupe sarebbe assurto alla guida del paese senza passare prima per le elezioni, qualche dubbio, forse più di uno sulla effet­tiva capacità politica e onestà intellettuale di quel giovane iniziammo ad averla.

E i dubbi aumentarono man mano che il suo governa studiava e approvava leggi che ledevano gli interessi dei lavoratori, (abolizione dell'articolo 18 che tutelava i lavoratori dal licenziamento per in­giusta causa; riforma del lavoro, ribattezzata jobs act, che accresceva il precariato; riforma della scuola, ribattezzata enfaticamente buona scuola che tanti danni ha prodotto a maestri e professori costretti a spostarsi centinaia di chilometri per esercitare la propria professione mettendone a rischio gli equilibri familiari; il varo di una legge elettorale che, a suo dire, tutti ci avrebbero copiato, e che invece la consulta bocciò per palese incostituzionalità; una riforma della pubblica amministrazione anch'essa in parte bocciata per molti aspetti incostituzionali. Per finire, una riforma costituzionale portata avanti a colpi di voti di fiducia e poi bocciata dagli elettori al referendum approvativo).

E quando il giovane rampante, contrariamente a quanto aveva ripetutamente affermato, perso il re­ferendum costituzionale, non lasciò la politica, pur dimettendosi da premier, facendosi rieleggere Segretario del partito, diversi dubbi sorsero sulla sua onestà intellettuale.

Ora che la vicenda Banca Etruria, grazie alle audizione in commissione di inchiesta parlamentare, per il, non più tanto, giovane rampante e la sua troupe sta assumendo i connotati di una zappata suoi piedi in quanto tutti i personaggi ascoltati avrebbero confermato che l'allora ministra per le riforme, attuale sottosegretaria alla presidenza del consiglio Maria Elena Boschi si interessò effettivamente del salvataggio dalla bancarotta di Banca Etruria, di cui suo padre era membro del cda e in seguito vicepresidente, malgrado lui e suoi esultano perché le audizioni, a loro dire, avrebbero dimostrato che la Boschi non effettuò alcuna pressione, dunque non commise alcun conflitto di interessi, sul­l'allora ad di Unicredit sollecitando l'acquisto dei Banca Etruria, agli occhi del cittadino provvisto di un minimo di cervello tutta questa faccenda dimostrerebbe come quel giovane e il suo gruppo di fe­delissimi non sarebbero diversi da coloro che volevano rottamare i quali, pur di restare attaccati alla poltrona, erano pronti ad affermare tutto e il contrario di tutto.

Le imminenti elezioni diranno se quel giovane e i suoi "seguaci" continueranno la carriera politica o se dovranno salutare e andare a lavorare, non più per il bene del paese ma per se stessi e le rispettive famiglie.

Alle urne l'ardua sentenza!

 
 
 

RENZI VS IL FATTO, IL CONFRONTO FA BENE ALLA DEMOCRAZIA!

Post n°1863 pubblicato il 19 Dicembre 2017 da kayfakayfa

 

Quando un politico improvvisamente decide di confrontarsi vis a vis con un giornale verso il quale ha sempre dichiarato di nutrire pochissima stima perché, a suo dire, racconterebbe una vagonata di falsità, (fake news), giungendo ad alterarne ironicamente il nome della testata da Il Fatto Quotidiano ne il falso quotidiano, vuol dire che quel giornale tanto inviso, forse, racconterebbe più verità di quante si vuol far credere.

Se infatti giovedì scorso, a seguito dell'audizione in commissione d'inchiesta parlamentare sulle banche del numero uno di Consob Vegas che, parlando della vicenda Banca Etruria, avrebbe rilasciato dichiarazioni che smentirebbero la linea difensiva di Maria Elena Boschi, la quale ha sempre dichiarato che, all'epoca in cui era Ministro delle Riforme, non s'era mai interessata della crisi della banca di cui il papà faceva parte del cda e poi in seguito era divenuto vicepresidente, non facendo pressioni su chicchessia perché intervenisse per salvare la banca dal crack, tanto che l'attuale sottosegretaria alla presidenza del consiglio aveva chiesto un faccia a faccia televisivo dalla Gruber con il direttore de Il Fatto Marco Travaglio, personificazione del diavolo per i renziani; e se poi ieri Renzi ieri ha scritto una lunga lettera a Il Fatto per rispondere a un articolo pubblicato un paio di giorni prima da Giorgio Meletti sempre sulla vicenda Boschi-Banca Etruria, ( ieri Meletti ha subito controreplicato alla lettera di Renzi) è evidente che il segretario del Pd e il suo entourage temono Il Fatto, unico quotidiano che non ha mai fatto sconti a nessuno, nemmeno al M5S svelando alcuni aspetti sconosciuti dell'allora candidata pentastellata al campidoglio Virginia Raggi, diversamente da quanto molti sostengono.

Un quotidiano deve raccontare i fatti senza alterarli né addomesticarli per consentire all'opinione pubblica di farsi un'idea del paese in cui vive e della classe dirigente che lo governa o si appresterebbe a governarlo.

Se fino e "ieri" Renzi e i renziani dicevano peste e corna de Il Fatto e poi, all'improvviso, sono stesso loro a chiedere un confronto con i suoi giornalisti e a scrivere al giornale per smentire quanto scrive, venendo a loro volta smentiti, può solo significare che Il Fatto racconta i fatti per quel che sono, senza edulcorarli o omettendo aspetti che potrebbero infastidire "il potere", o quanto meno "un certo potere".

Se Renzi e i suoi, dopo aver denigrato Il Fatto definendolo falso quotidiano, decidono di sottoporsi a uno scontro aperto con i suoi giornalisti, può solo significare che il quotidiano diretto da Travaglio pubblica articoli e inchieste che, svelando verità scomode, possono minare il già traballante trono su cui Renzi siede.

Se, dopo aver cercato di ridicolizzarlo,il nemico lo si chiama pubblicamente in campo per affrontarlo al fine di dimostrare chi ha torto e chi ha ragione può solo significare che lo si rispetta più di quanto si vorrebbe far credere. Tale rispetto deriverebbe dal fatto che svolgerebbe a pieno la funzione per cui fu ideato: i quotidiani devono fungere da cane da guardia del potere. Se ne diventano il cane da compagnia, il potere, libero da controlli, si sente in diritto e dovere di fare quel che vuole arrecando danni irreparabili alla società.

Lo scontro tra Renzi e Il Fatto non può che portare benefici in un paese dove sempre più spesso i giornali più che essere il cane da guardia del potere ne sono portavoce.

A volte il manovratore va disturbato, affinché non perda l'orientamento!

 
 
 

BANCA ETRURIA, IL POMO DELLA DISCORDIA TRA RENZI E LA BOSCHI?

Post n°1862 pubblicato il 15 Dicembre 2017 da kayfakayfa

 

Personalmente ho la convinzione che alla fine Maria Elena Boschi si dimetterà. Non per propria vo­lontà ma per via delle probabili pressioni che le verranno con sempre maggiore insistenza da una parte dei democratici, essendo or­mai evidente che, dopo l'audizione di ieri in commissione inchiesta parlamentare del nu­mero uno della Consob Vegas, sulla vicenda Banca Etruria la posizione dell'ex Ministro delle Rifor­me del governo Renzi è sempre più traballante. E molto probabilmente lo diventerà ancora di più dopo quella, presumibilmente prima di Natale, dell'ex ad di Unicredit Ghizzoni cui la Boschi, stando a quanto riferito da Ferruccio De Bortoli nel suo libro Poteri (quasi) Forti, al­l'epoca si sarebbe rivolta per sollecitare l'acquisto di Etruria da parte di Unicredit al fine di evitarne il fallimento. A riguardo la Boschi ha sempre smentito.

Tuttavia chi ieri sera ha visto Otto e Mezzo, dove la Boschi ha preteso un faccia a faccia televisivo con Marco Travaglio, direttore de Il Fatto Quotidiano, che, secondo lei, la odierebbe, la sottosegreta­ria ha dato l'impressione di essere nervosa, cosa del tutto comprensibile. Ma anche in palese con­traddizione, come più volte le ha fatto notare Travaglio, tra quanto asseriva in propria difesa e quanto invece, stando alle dichiarazione di Vegas, avrebbe realmente fatto: interessarsi di salvare Banca Etruria per tutelare gli interessi degli aurei opifici aretini.

La mia convinzione che alla fine la Boschi si dimetterà deriva dall'aver visto, sempre ieri sera su La Sette, dopo Otto e Mezzo, Renzi da Formigli a Piazza Pulita. Alle insistenti domande del conduttore sulla Boschi, il segretario cercava di deviare, facendo notare che la Boschi era stata in televi­sione pochi minuti prima di lui dalla Gruber; che lui era lì per parlare d'altro; che secondo lui la vicenda Banca Etruria era un elemento di distrazione di massa per distogliere l'attenzione degli italiani dai reali problemi del paese motivo per cui lui era lì.

Ma era evidente quanto il segretario fosse in imbarazzo. Probabilmente perché consapevole che, in vista delle elezioni, con i sondaggi che al momento danno un Pd in sensibile calo di preferenze - sembra al 20% - la vicenda Boschi/Banca Etruria potrebbe rivelarsi il colpo di grazia per retrocedere l'attuale partito di maggioranza relativa a terza forza politica del paese segnando la fine politica del Segretario.

Dando per scontato che a Renzi stanno più a cuore le sorti del partito che quelle della Boschi, è inevitabile che alla fine, se la posizione della ex Ministra diventasse sempre più scricchiolante, Renzi sarà costretto, suo malgrado, a chiederle di fare un passo indietro onde evitare al Pd una de­bacle elettorale di dimensioni bibliche.

L'ex Premier non può affatto permettersi di offrire alle opposizioni un valido argomento da "sventolare" in campagna elettorale per screditare il proprio partito agli occhi dell'elettorato affermando che il Pd difende le banche e i ban­chieri anziché i piccoli correntisti.

Non è improbabile che alla fine Renzi sarà costretto a piegarsi alla realpolitk chiedendo alla Boschi di farsi da parte per salvare il partito e la propria faccia.

Quella faccia che ha già in parte perso quando da Premier in più occasioni affermò che se gli italiani avessero bocciato la riforma costituzionale Boschi si sarebbe ritirato per sempre dalla politica - cosa che dichiarò anche la stessa Boschi - e poi invece...

 
 
 

BIOTESTAMENTO UN ATTO DI RISPETTO E D'AMORE VERSO SE STESSI E LA VITA

Post n°1861 pubblicato il 14 Dicembre 2017 da kayfakayfa
 

Oggi è una giornata storica per l'Italia. E, per una volta, non lo dico con sarcasmo ma con orgoglio: con il Sì di questa mattina del Senato al biotestamento, i cittadini potranno depositare le Dat, le disposizione anticipate di trattamento sanitario che stabiliranno, nel caso ci si ammalasse in maniera irreversibile e degenerativa, di poter sospendere le cure che li tengono in vita evitando a se stessi lo strazio di vivere una vita non vita, come fu per Welby, Emanuela Englaro, dj Fabo e chissà quanti altri connazionali relegati in un letto, a casa o in ospedale, in condizioni esistenziali mortificanti, che umiliano la dignità dell'individuo, tenuti in vita da una macchina che supplisce, forzando, ai processi naturali che regolamento l'esistenza di ogni essere umano.

In questo momento così importante per il paese mi è impossibile non volgere il pensiero a mio padre che fu affetto d'Alzaimer: ammalatosi agli inizi del del nuovo millennio e allettatosi il 16 dicembre 2006, spirò l'8 maggio 2010 dopo atroci sofferenze dovute soprattutto alle piaghe da decubito che ne scalfirono la schiena, in particolare il fondoschiena, aprendo poco al di sopra del coccige una voragine sanguinolenta di carne e nervi in cui vi infilavamo la mano per pulirla con le garze imbevute dai medicinali onde evitare si infettasse.

In quel lungo periodo di allettamento, papà subì quella che per lui sarebbe stata, se fosse stato cosciente, la più atroce delle umiliazioni: essere pulito e lavato intimamente da mia sorella e me.

Una condizione inaccettabile per chi come lui aveva un profondo senso del pudore, rispetto per sé e gli altri.

Conoscendolo non escludo che, se avesse immaginato ciò che gli sarebbe successo, e ne avesse avuto l'opportunità, papà avrebbe stilato il proprio biotestamento in cui chiedeva, se fosse stato affetto da un male degenerativo, di essere lasciato morire in pace; di non forzare né l'alimentazione né la respirazione con l'ausilio delle bombole d'ossigeno, perché mai avrebbe voluto con la sua malattia pesare sui familiari, obbligandoli a sacrificare la proprio esistenza per stargli vicino, minando pericolosamente gli equilibri familiari che simili situazioni mettono in discussione.

Senza trascurare che essendo uno sportivo e amante dell'arte, l'idea di dovere patire in un letto come un ebete, per giunta incontinente e incapace di nutrirsi da sé mai l'avrebbe sopportata .

So bene che la condizione di mio padre non era lontanamente assimilabile a quella di Welby, Emanuela Englaro, dj Fabo e altri. Ma so altrettanto bene che anche nel suo caso il processo degenerativo, seppure ritardato dai medicinali, alla fine lo condusse in una condizione esistenziale mortificante per qualunque individuo.

Con l'approvazione del biotestamento finalmente si dà la possibilità ai cittadini di poter predisporre a monte della propria esistenza nel caso un incidente o una malattia degenerativa li costringessero a una vita non vita.

Nel mio caso specifico, essendo l'Alzaimer una male ereditario - mia nonna paterna morì manifestando gli stessi sintomi dell'Alazimer ma all'epoca le fu diagnosticata l'aterosclerosi - non posso escludere che un domani esso non possa cogliere anche me.

Solo questo pensiero mi fa tremare, sia immaginando le sofferenze che patirei sia, soprattutto, quelle che arrecherei ai miei familiari, costringendoli a stravolgere le proprie esistenze per assitermi in quella che è, a tutti gli effetti una lunga agonia.

La vita deve essere vissuta dignitosamente. Nel momento ciò non fosse più possibile, penso sia un diritto dell'essere decidere di porvi fine.

A che serve allungare l'agonia?

In un alcuni scegliere di morire è un atto estremo di amore verso se stessi e chi ci ama.

Finalmente il Parlamento l'ha compreso!

 
 
 

3° EDIZIONE CORSA DEL CUORE: TRA STORIA, FANTASIA E REALTA'

Post n°1860 pubblicato il 11 Dicembre 2017 da kayfakayfa
 
Tag: RUNNER

Chissà cosa avrebbe pensato Scipione l'africano - le cui spoglie mortali riposerebbero nei pressi del Lago Patria, probabilmente sotto qualche casa o villa abusiva, laddove sorgeva l'antica Liternum, insediamento di coloni romani reduci dalle guerre puniche, dove il famoso condottiero si ritirò a vita privata deluso dalle politiche di Roma, pronunciando la famosa frase "ingrata patria non avrai le mie ossa" - nel vedere raggruppati sotto un arco di trionfo sintetico centinaia di uomini e donne in mutande e canottiere pronti a sfidarsi nella terza edizione de La Corsa del Cuore, gara po­distica di 10 chilometri (per la precisione 10,350 km), quest'anno arricchita dalla prima edizione della Straliternum di 21 km.

Molto probabilmente il prode condottiero, avendone viste chissà quante durante la sua epica esisten­za, si sarebbe fatto una grande risata continuando a coltivare il proprio appezzamento di terreno. O, magari, si sarebbe levato sulla schiena a guardare quell'esercito multicolore di matti che, al "via", ha iniziato a correre lungo la strade di Liternum, raggiungendo la sponda del lago sottostante e con­tinuare a correre intorno all'immane specchio d'acqua per raggiungere il lato opposto e ritornare da dove erano partiti.

Non si può escludere che, osservandoli dall'alto della sua splendida villa, il generale romano avreb­be invocato gli dei perché fulminasse quegli scellerati che con il loro agone sportivo profanavano la tranquillità del luogo, prescelto finanche da Seneca per coltivare le proprie riflessioni filosofiche grazie alla bellezza del luogo. Così come non è detto che, viceversa, il generale avrebbe chiesto agli dei di benedirli perché con la loro allegria e voglia di vita omaggiavano degnamente Madre Natura!

Al di là delle mere fantasie, una cosa possiamo affermarla con certezza: la gara di ieri è stata una grande festa di amicizia e di sport. Un grazie sincero va agli organizzatori che con l'appoggio logi­stico dell'esercito sono riusciti ad allestire una manifestazione molto piacevole sia per quanto con­cerne l'aspetto squisitamente sportivo grazie al percorso panoramico comprensivo dell'intero giro del Lago Patria che ha consentito a tanti di apprezzare una zona del litorale flegreo per molti versi ignota in quanto poco o male pubblicizzata; sia per quanto riguarda il pre e il dopo gara con la pre­senza, prima della partenza, di piccole majorette che a tempo di musica scandivano ballando i minu­ti rimanenti al via e di un gruppo di comparse in costume da pretoriani a cavallo in onore del gene­rale romano; sia la possibilità, una volta tagliato il traguardo, di gustare un'ottima pasta e fagioli bollente cucinata al momento su cucine da campo allestite a ridosso della consegna delle medaglie e dei pacchi gara che ritemprava dal freddo patito in gara.

Un grazie sincero va agli amici della ASD Liternum, capitanati dal Antonio Lamberti, che si sono fatti in quattro, sparsi lungo tutto il percorso, al fine di garantire la sicurezza degli atleti e la riuscita dell'evento.

Ci vediamo il prossimo anno! 

 
 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

- Abbandonare Tara
- pensieri nel vento
- Il diario di Nancy
- sciolta e naturale
- Per non dimenticare
- il posto di miluria
- Arte...e dintorni
- dagherrotipi
- C'era una volta...
- passaggi silenziosi
- le ali nella testa
- Grapewine
- FAVOLE E INCUBI
- critica distruttiva
- GallociCova
- estinzione
- Starbucks coffee
- L'angolo di Jane
- In Esistente
- Comunicare
- Writer
- Chiedo asilo.....
- antonia nella notte
- Quaderno a righe
- come le nuvole
- Contro corrente
- Scherzo o Follia?
- La dama della notte
- MARCO PICCOLO
- Fotoraccontare
- epochè...
- considerazioni
- ESSERE E APPARIRE
- Oniricamente
- prova ad afferrarmi
- Nessuno....come te
- confusione
- io...Anima Fragile.
- evalunaebasta
- La MiA gIoStRa
- ...spiragli
- CORREVA L' ANNO...
- LE PAROLE
- SPETTA CHE ARRIVO
- (RiGiTaN's)
- esco fuori
- ....bisogni
- La Mia Arte
- pEaCe!!!
- Ginevra...
- Like A Wave
- BLOG PENNA CALAMAIO
- Amare...
- Sale del mondo....
- Praticamente Io
- Imperfezioni
- Mise en abyme
- Due Destini
- manidicartone
- acqua
- BRILLARE!!!!!
- Osservazioni
- XXI secolo?
- justificando.it gag comiche
- Di palo in frasca...
- montagneverdi...
- Verit&agrave;... Piero Calzona
- osservatorio politic
- Geopolitica-ndo
- Lanticonformista
- Riforme e Progresso
- LAVOROeSALUTEnews
- Ikaros
- ETICA &amp; MEDIA
- Canto lamore...
- Pino
- MY OWN TIME
- Tatuaggi dellanima
- cos&igrave;..semplicemente
- Acc&ograve;modati
- Il Doppio
- arthemisia_g
- senza.peli
- marquez
- Cittadino del mondo
- Quanta curiosit&agrave;...
- entronellantro
- iL MonDo @ MoDo Mio
- LOST PARADISE Venere
- Frammenti di...
- La vita come viene
- Mondo Alla Rovescia
- Pietro Sergi
- StellaDanzante
- Polimnia
- e un giorno
- Parole A Caso
- tuttiscrittori
- Dissacrante
- Artisti per passione
 
Citazioni nei Blog Amici: 61
 

ULTIME VISITE AL BLOG

kayfakayfaCiliegiaiomarcoaurelio7320Dizzlyfotostudio95annaincantogiornalewolfcircoscrittodanilamancinifalco1941aledavanansa007surfinia60note.infinite
 

ULTIMI COMMENTI

Beh, anziché aspettare che siano gli altri a farlo, nessuno...
Inviato da: kayfakayfa
il 04/07/2018 alle 16:25
 
Buongiorno come dicevamo nel nostro articolo: il...
Inviato da: Dizzly
il 04/07/2018 alle 13:06
 
Speriamo...
Inviato da: kayfakayfa
il 20/06/2018 alle 17:56
 
D'accordissimo con te...non si possono improvvisare...
Inviato da: ansa007
il 19/06/2018 alle 12:42
 
Pienamente consapevole che "Chi di speranza...
Inviato da: kayfakayfa
il 09/06/2018 alle 12:48
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom