Creato da OsirideDioDeiMorti2 il 15/11/2010

ViaggiatoriNelTempo

ANTICO EGITTO

 

blog.libero.it/osiris2

 

 

 

 

 

 

 

centro assistenza

 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Et: 54
Prov: RM
 
Citazioni nei Blog Amici: 24
 

TAG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« IL DIO-FIUME DEL TEMPOIL DIO-FIUME DEL TEMPO -... »

IL DIO-FIUME DEL TEMPO - 2

Post n°95 pubblicato il 07 Dicembre 2011 da OsirideDioDeiMorti2
 

 

  La scansione del tempo regolata dal fiume

fu l'origine anche del calendario egizio. Era

diviso in tre stagioni: akhet (l'inondazione, cioè

l'annuale piena del Nilo) che andava da circa

metà luglio alla fine di ottobre; peret (il Fresco,

ossia la ricomparsa della terra dalle acque

del Nilo) che segnava il periodo della semina

sul fertile limo e andava da fine ottobre

a fine febbraio; shemu (il Calore, ossia

il raccolto), da marzo ai primi di luglio.

L'altezza della piena annuale veniva misurata

con i nilometri, strutture di pietre a

forma di pozzi con scale discendenti

e pareti sulle quali diverse tacche  indicavano

la superficie approssimativa di terreno

che poteva essere inondata e quindi

sottoposta al controllo fiscale.

 

NILOMETRO

 

In pratica, più il livello del Nilo diventava

alto, più l'inondazione era estesa e maggiore

era l'area che si poteva coltivare.

La misurazione del livello delle acque

del Nilo era, di conseguenza, una questione

di estrema importanza per l'amministrazione

statale, perchè permetteva ai funzionari

del faraone di calcolare le tasse che

avrebbero dovuto percepire.

Per approfittare al massimo delle piene

gli Egizi costruirono dighe che permettevano

di trattenere l'acqua necessaria per

irrigare i campi mediante un elaborato

sistema di canali e fossi di irrigazione. Il

compito dei lavoratori includeva anche la

pulizia e la sitemazione dei canali naturali per

assicurare sia la distribuzione graduale delle

acque ricevute durante la piena sia la sua

eccessiva evacuazione in ogni bacino.

Di pari passo le comunità contadine si

incaricavano di rinforzare i margini del fiume

per prevenire eventuali straripamenti.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIMI COMMENTI

Che meraviglia, sono felice di rivedere il tuo blog, ...
Inviato da: summer_11
il 03/03/2021 alle 22:12
 
Come sempre un piacere fare visita in questo mondo egizio...
Inviato da: matteo
il 19/08/2014 alle 22:16
 
Eccoci qui dopo un lungo periodo di assenza a fare un...
Inviato da: Matteo
il 09/06/2014 alle 20:15
 
Che effetto tornare qui dopo tanto tempo..che sogno, che...
Inviato da: animad.argento
il 15/09/2013 alle 13:57
 
buonasera a tutti i visitatori di questo mondo antico...
Inviato da: princemat
il 09/04/2013 alle 20:42