Creato da OsirideDioDeiMorti2 il 15/11/2010

ViaggiatoriNelTempo

ANTICO EGITTO

 

blog.libero.it/osiris2

 

 

 

 

 

 

 

centro assistenza

 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
EtÓ: 52
Prov: RM
 
Citazioni nei Blog Amici: 25
 

TAG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« ASTRONOMIA - 1° parteL'ENNEADE »

ASTRONOMIA - 2░ parte

Post n°83 pubblicato il 23 Ottobre 2011 da OsirideDioDeiMorti2
 

 

Il merkhet era uno strumento di misurazione astronomica molto rudimentale, l'unico a nostra conoscenza di cui disponessero gli Egizi; era composto da un regolo (merkhet) dalla cui estremità pendeva un filo a piombo e da un'assicella (bay) con una fenditura verticale a forcella. Questo semplice apparecchio - ne esiste un esemplare quasi intatto al Museo di Berlino - era probabilmente completato, secondo I.E.S. Edwards, da un piano di riferimento fisso al suolo, forse un muretto circolare. Con tale strumento gli astronomi potevano calcolare soltanto, e in modo nn preciso, il Nord, determinando il punto centrale dell'ellisse fissato dallo scarto massimo della stella di riferimento. Secondo Somers Clarke e Reginald Engelbach (Ancient Egiptian Masonry e The Building Craft) l'orientamento sarebbe stato ottenuto invece da osservazioni sul sorgere e sul tramonto di una determinata stella per cui il Nord sarebbe stato fissato in direzione della bisettrice dell'angolo col vertice sul punto di osservazione e con estremi al punto di levata e di tramonto; si sarebbe trattato però di un metodo imperfetto a causa della irregolarità del contorno dell'orizzonte e per questo Edwards ritenne che fosse probabile l'esistenza del muretto circolare che costituisse una sorta di orizzonte artificiale netto e preciso. Vito Maragioglio e Celeste Rinaldi hanno espresso l'ipotesi che gli Egizi fossero in grado di determinare l'orientamento degli edifici sacri, e quindi anche delle piramidi, grazie alle ombre proiettate sul terreno da un alto palo conficcat al suolo nel punto prescelto per uno degli angoli della costruzione; al momento del sorgere e poi del calare del sole all'orizzonte, in uno stesso giorno, si tracciavano sul terreno gli allineamenti delle ombre date dal palo, e tali linee venivano prolungate fino a formare un angolo convertice alla base del alo stesso. Tali ombre, peraltro, avrebbero indicato esattamente la direzione est-ovest soltanto nei giorni dell'equinozio, quando l'ombra segnata al tramonto avrebbe coinciso col prolungamento dell'ombra segnata al mattino.

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/osiris2/trackback.php?msg=10736039

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
bahkty
bahkty il 23/10/11 alle 10:26 via WEB
Grazie, buona Domenica.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIMI COMMENTI

Come sempre Ŕ un piacere fare visita in questo mondo egizio...
Inviato da: matteo
il 19/08/2014 alle 22:16
 
Eccoci qui dopo un lungo periodo di assenza a fare un...
Inviato da: Matteo
il 09/06/2014 alle 20:15
 
Che effetto tornare qui dopo tanto tempo..che sogno, che...
Inviato da: animad.argento
il 15/09/2013 alle 13:57
 
buonasera a tutti i visitatori di questo mondo antico...
Inviato da: princemat
il 09/04/2013 alle 20:42
 
sempre affascinante e fantastico entrare in questo mondo...
Inviato da: princema
il 04/03/2013 alle 20:55